Crea sito

Archives for Islametro

You are here: »
Gli Apocalittici e Integrati di Umberto Eco nell’epoca della democrazia rappresentata

Gli Apocalittici e Integrati di Umberto Eco nell’epoca della democrazia rappresentata

di Anatole Pierre Fuksas

La concatenazione di accadimenti, per molti versi intricati e casuali, che ha condotto alla vittoria di Macron su Le Pen alle Presidenziali francesi, determina nei fatti la transizione ad una nuova dimensione della politica. Parrebbe infatti compiuto il processo, suggerito da molta elaborazione post-moderna, che conduce alla fine del quadro politico marcato dalla distinzione tra una destra di matrice borghese e una sinistra di matrice proletaria, variamente evolute in termini sociali, economici e culturali attraverso i grandi sconvolgimenti prodottisi dalla caduta del Muro di Berlino fino ad oggi.…

Gli Apocalittici e Integrati di Umberto Eco nell’epoca della democrazia rappresentata è un articlo pubblicato su Nazione Indiana.

Di sommersi e di salvati (riflessioni siriane)

Di sommersi e di salvati (riflessioni siriane)

di Daud al-Ahmar*

Si sbaglia a credere che le nazioni vittime della storia (e sono la maggioranza) vivano col pensiero fisso della rivoluzione, vedendovi la soluzione più semplice. Una rivoluzione è sempre un dramma (…). La rivoluzione è l’ultima risorsa e se un popolo ha deciso di ricorrervi è perché ha imparato per lunga esperienza, che non gli resta altra via d’uscita.

Di sommersi e di salvati (riflessioni siriane) è un articlo pubblicato su Nazione Indiana.

Il Ban di Trump e la Guerra Santa del nerd canadese

Il Ban di Trump e la Guerra Santa del nerd canadese

di Lorenzo Declich e Anatole Pierre Fuksas

Anatole. L’ordine mondiale è scosso dal Ban di Trump, che impedisce l’ingresso negli Stati Uniti a i cittadini di Iran, Iraq, Libya, Somalia, Sudan, Syria and Yemen. Sulla prima pagina del New York Times tiene banco il conflitto istituzionale circa la nomina del nuovo Attorney General, in relazione alla legalità del Ban e dell’opportunità che i legali del Dipartimento della Giustizia lo dichiarino ammissibile.…

Il Ban di Trump e la Guerra Santa del nerd canadese è un articlo pubblicato su Nazione Indiana.

La lezione americana della post-verità “alternativa”

La lezione americana della post-verità “alternativa”

di Anatole Pierre Fuksas

Non si è fatto a tempo a inaugurarla questa presidenza Trump, che già il tema-chiave attorno al quale ruoterà tutto il dibattito sulla democrazia nei prossimi cinque anni ha già egemonizzato le prime pagine di tutti i giornali, soprattutto quelle dei paesi anglosassoni, che per cultura e tradizione vivono nel culto della verità fattuale.…

La lezione americana della post-verità “alternativa” è un articlo pubblicato su Nazione Indiana.

Dan Brown a Frosinone e il Qualcunismo Rambista

Dan Brown a Frosinone e il Qualcunismo Rambista

di Lorenzo Declich e Anatole Pierre Fuksas

Anatole. Non si sa bene più da che parte cominciare per controbattere con gli scarsi mezzi di cui si dispone alla grancassa guerrafondaia di religione che proprio in questi giorni, dopo l’attentato della notte di Capodanno a Istanbul, ha ricominciato a rullare poderosa, accompagnata dallo starnazzare dei soliti tromboni.…

Dan Brown a Frosinone e il Qualcunismo Rambista è un articlo pubblicato su Nazione Indiana.

La guerra santa da salotto dell’illuminista (inglese, mi raccomando)

La guerra santa da salotto dell’illuminista (inglese, mi raccomando)

di Anatole Pierre Fuksas (con l’assenso motivato e partecipato di Lorenzo Declich)

Da quando eravamo molto giovani abbiamo in comune un disprezzo sostanziale per le argomentazioni ideologiche basate sull’ignoranza unito ad una clamorosa inclinazione per il cazzeggio sfrenato. Nel corso del tempo abbiamo condiviso con molte altre amiche ed amici più o meno storici queste nostre due passioni.…

La guerra santa da salotto dell’illuminista (inglese, mi raccomando) è un articlo pubblicato su Nazione Indiana.

La Missione Impossibile dell’Ethan Hunt Tunisino, la Verità di Transito e la Bizona Minniti

La Missione Impossibile dell’Ethan Hunt Tunisino, la Verità di Transito e la Bizona Minniti

di Lorenzo Declich e Anatole Pierre Fuksas

 

Anatole. Giusto il tempo di far emergere i dettagli circa l’identità dell’attentatore e saltano naturalmente fuori i famosi amici del jihadista, secondo il copione che avevamo tracciato nella puntata precedente. Subito si dimostra che il Califfone è ramificato dappertutto (mi perdonerai l’omaggio al coattissimo cinquantino da motocross della nostra giovinezza) e tutti gli amici degli attentatori sono il brodo di coltura nel quale il radicalismo sguazza, eccetera (ma poi non vale se la stessa cosa accade in North Carolina, chissà perché, chissà percome).…

La Missione Impossibile dell’Ethan Hunt Tunisino, la Verità di Transito e la Bizona Minniti è un articlo pubblicato su Nazione Indiana.

Il qualcunismo omicida dei lupi solitari e la sindrome di Lee Oswald

Il qualcunismo omicida dei lupi solitari e la sindrome di Lee Oswald

di Lorenzo Declich e Anatole Pierre Fuksas

Una conversazione sul Pizzagate ed il pistolero del Comet, il Fantasma del Camion di Berlino e la performance del poliziotto turco 

Anatole. È molto difficile uscire dalla spirale del complottismo, nella quale ci siamo avvitati inevitabilmente da più di un mese, ma sapevamo che sarebbe stato così e proprio per questo abbiamo evitato di tuffarci in questo argomento sublime quanto inquietante finché ci è stato possibile.…

Il qualcunismo omicida dei lupi solitari e la sindrome di Lee Oswald è un articlo pubblicato su Nazione Indiana.

Appunti nomadici 2

Appunti nomadici 2

di Giuseppe Cossuto

Proseguiamo il nostro viaggio nel passato di coloro che venivano considerati nomadi, scrivendo qualche nota sulla situazione degli zingari nell’ex mondo del “Socialismo Realmente Esistente” (la prima puntata è qui).

Elevare il grado socio-culturale distruggendo la cultura tradizionale

Dopo la Seconda Guerra Mondiale, la fine del nazismo e del fascismo come sistemi di governo rappresentò per gli zingari sopravvissuti alle politiche di sterminio la fine di un tremendo incubo.…

Appunti nomadici 2 è un articlo pubblicato su Nazione Indiana.

Il mullà Omar e il principio di indeterminazione

Stavolta potrebbe essere morto, o meglio: stavolta potrebbe essere vero che sia morto due o tre anni fa. Ma di necrologi ne sono già usciti molti, ogni volta che moriva ne pubblicavano un buon numero, corredando il tutto con considerazioni finali collegate alla situazione del momento.

Quindi di letteratura sul mullà Omar ne abbiamo moltissima e ultimamente è disponibile anche una biografia scrit...

Non perdiamo la testa. Il doveroso e vano tentativo di difendervi da Allam e le firme de Il Giornale

di Lorenzo Declich

E’ venerdì 24 ottobre, ho fatto una ricerchina su “Non perdiamo la testa” partendo dalla copertina, su cui si trova scritto “Controcorrente.it”.

Trattasi di un editore che promuove in questi giorni “Eurasia, Vladimir Putin e la Grande Politica” di Alain de Benoist e Aleksandr Dugin.…

Questo è un articolo pubblicato su Nazione Indiana in:

Non perdiamo la testa. Il doveroso e vano tentativo di difendervi da Allam e le firme de Il Giornale

Un tuffo nel Mar Rosso

Ieri ho fatto un Bartezzaghi in cui il 19 orizzontale era "Tradizionale capo d'abbigliamento femminile nell'Islam", cinque lettere: BURQA! Complimenti…
Il buongiorno che si vede stamattina

Il buongiorno che si vede stamattina

di Lorenzo Declich

Scrivo all’indomani del primo attacco americano sulla Siria*.

1. l’U.S. Department of Defense ha diramato un dispaccio nel quale si afferma che:

The strikes destroyed or damaged multiple ISIL targets in the vicinity of Ar Raqqah, Dayr az Zawr, Al Hasakah, and Abu Kamal and included ISIL fighters, training compounds, headquarters and command and control facilities, storage facilities, a finance center, supply trucks and armed vehicles.

Questo è un articolo pubblicato su Nazione Indiana in:

Il buongiorno che si vede stamattina

Violenza, silenzio e barbarie: quello che ho visto io della Siria

di Lorenzo Declich

Le cose, sul campo, erano già molto chiare all’inizio.

La violenza del regime ha iniziato a manifestarsi subito, anzi, la rivolta nasce simbolicamente come risposta “civile” a un atto di violenza: un gruppo di ragazzini, picchiati e torturati per aver scritto su un muro quello che pensavano di Bashar al-Asad.…

Questo è un articolo pubblicato su Nazione Indiana in:

Violenza, silenzio e barbarie: quello che ho visto io della Siria

Wadi

Non succede spesso di vedere come funziona quello che in arabo si chiama wadi, un "fiume temporaneo" generato nel deserto da una intensa pioggia.Quello nel video è il fiume Zin, nel deserto del Negev che - pare - sia descritto anche nella Bibbia...

Wadi

Non succede spesso di vedere come funziona quello che in arabo si chiama wadi, un "fiume temporaneo" generato nel deserto da una intensa pioggia.Quello nel video è il fiume Zin, nel deserto del Negev che - pare - sia descritto anche nella Bibbia...

Divisioni ortodosse

Ecco la seconda "ospitata" in questo spazio . Questa volta trattiamo di chiese in Ucraina.Sotto il profilo religioso la situazione ucraina è complicata e difficile, con fratture evidenti tra comunità cristiane aventi la stessa origine, os...

Divisioni ortodosse

Ecco la seconda "ospitata" in questo spazio . Questa volta trattiamo di chiese in Ucraina.Sotto il profilo religioso la situazione ucraina è complicata e difficile, con fratture evidenti tra comunità cristiane aventi la stessa origine, os...

Holodomor

Oggi e la settimana prossima, ospito un amico in questo spazio. E turcologo, studioso di popoli nomadi dell'eurasia e di Europa orientale. Ha scritto due "note", ecco la prima, da me parzialmente editata:Maidan Nezalezhnosti, la piazza dell'indipendenz...

Holodomor

Oggi e la settimana prossima, ospito un amico in questo spazio. E turcologo, studioso di popoli nomadi dell'eurasia e di Europa orientale. Ha scritto due "note", ecco la prima, da me parzialmente editata:Maidan Nezalezhnosti, la piazza dell'indipendenz...

Di Babele in Babele

È luogo comune pensare che i musulmani non vollero la stampa a caratteri mobili per motivi di tipo religioso. La cosa è esatta e sbagliata allo stesso tempo. Se è storicamente documentata l’avversione di regnanti, dotti musul...

Di Babele in Babele

È luogo comune pensare che i musulmani non vollero la stampa a caratteri mobili per motivi di tipo religioso. La cosa è esatta e sbagliata allo stesso tempo. Se è storicamente documentata l’avversione di regnanti, dotti musul...

L’altra foto di Yarmuk

La fotografia di una folla infinita che si accalca per ricevere gli aiuti alimentari forniti dalla UNRWA nel campo dei profughi palestinesi di Yarmuk ha fatto il giro del mondo.Il campo è lì, a pochi chilometri dal centro di Damasco, dal ...

L’altra foto di Yarmuk

La fotografia di una folla infinita che si accalca per ricevere gli aiuti alimentari forniti dalla UNRWA nel campo dei profughi palestinesi di Yarmuk ha fatto il giro del mondo.Il campo è lì, a pochi chilometri dal centro di Damasco, dal ...

Orientalismo recursivo

Nella foto, scattata in Libia e reperita su Facebook, un "tuareg" mostra di "riconoscersi" in una Volkswagen Touareg.Siamo al centro di un incontro di immaginari di cui a molti sfuggirà il contorno.Una casa automobilistica tedesca intitola una s...

Orientalismo recursivo

Nella foto, scattata in Libia e reperita su Facebook, un "tuareg" mostra di "riconoscersi" in una Volkswagen Touareg.Siamo al centro di un incontro di immaginari di cui a molti sfuggirà il contorno.Una casa automobilistica tedesca intitola una s...

C’era una volta Homs (2)

Due giorni fa, 27 gennaio, vi ho parlato di Homs e del suo terribile destino.La notizia nuova, sul quel fronte, è che sul punto dell'evacuazione di donne e bambini dai quartieri assediati e/o su un corridoio umanitario la delegazione inviata dal...

C’era una volta Homs (2)

Due giorni fa, 27 gennaio, vi ho parlato di Homs e del suo terribile destino.La notizia nuova, sul quel fronte, è che sul punto dell'evacuazione di donne e bambini dai quartieri assediati e/o su un corridoio umanitario la delegazione inviata dal...

Quale rivoluzione

[Inchieste - La Repubblica 30 sett. 2013] - La rivoluzione tunisina è finita? O è solo all'inizio? Forse una rivoluzione…

Erdogan, il democratico

Invocare il complotto internazionale è uno dei must di un qualsiasi tiranno. Elenchino di tiranni che hanno evocato il complotto…

La paura di Boston

SITE Intelligence Group, sito americano di "intelligence" che fa il monitoraggio di tutti i "pericoli" di tipo terroristico del pianeta, specialmente quelli provenienti dal jihadismo internazionale, dall'altro ieri ha pubblicato questi lanci:1. I jihad...

La favola avvelenata della Siria

Mentre emerge la prima prova documentale delle bugie che il regime di al-Asad diffonde tramite le sue agenzie di stampa , un blogger italiano - purtoppo abbastanza "influente" in base alle classifiche di ebuzzing - definisce i quattro giornalisti seque...

A Grillo, ma vaffanculo va

Eravamo rimasti a Palazzo Corigliano, nel centro di Napoli, luogo dove il collettivo "International Tahrir"  aveva appeso un manifesto con…

Conversioni e retroversioni

Avevamo appena accettato l'idea del middlename confessionale di Magdi [Cristiano] Allam.In pompa magna, giusto 5 anni fa, si era fatto cattolico, ma oggi fa un passo indietro spiegando a "Il Giornale" che la chiesa cattolica è "debole con l'isla...

Birmania: buddisti vs musulmani

I buddisti sono pochi, buoni, e soprattutto nonviolenti.Questi sono gli assunti su cui si basa uno stereotipo che - a ben vedere - è stato costruito - e nessuno ne ha colpa - attorno ad alcuni incontrovertibili realtà: i buddisti vengono ...

Il medioriente tribale

In principio c'era Gulf/2000, un progetto sponsorizzato dalla Sipa - la School of International and Public Affairs della Columbia University -  che aveva l'obiettivo di fornire un servizio di informazione a "studiosi, funzionari governativi, uomin...

AFRICOM in due mosse

Giusto per tenerlo a mente, ecco le due cose che sono successe in contesto AFRICOM dall'offensiva francese in Mali: aperta…

Le frontiere del caos

Se digitate "caos" e "tunisia" su google troverete 996.000 occorrenze. Il fatto è che questo "caos" è nelle menti di…

False flag (2)

Non si capisce bene cosa stia succedendo nel sito in cui "Coloro che si firmano col sangue" hanno fatto i…

False flag

I francesi bombardano il Mali ma al-Qa'ida nel Maghreb Islamico (AQIM) colpisce in Algeria. I jihadisti non avevano neanche quasi…

Dal Mali alla Siria

Limes ha dedicato un intero numero alla guerra in preparazione in Mali. Fra gli interventi più interessanti c'è quello di…

Il terrorista quantico

Netanyahu per combattere "i terroristi" a Gaza bombarda Gaza. Al-Asad per combattere "i terroristi" in Siria bombarda la Siria. I…

L’incendio di Aleppo

Il testo che segue, pubblicato in arabo da un anonimo sul sito All4syria.info (all4syria.info/Archive/56755) e poi ripreso su vari siti…