Mese: febbraio 2017

La Tunisia, un paese sempre più “europeo”

  Santiago Alba Rico Lo scorso 15 febbraio il Primo Ministro tunisino Youssef Chahed, in visita in Germania, ha partecipato a un tesa riunione con la sua omologa Angela Merkel. Il motivo della discordia? La scarsa diligenza delle Autorità tunisine nel rimpatriare 1.500 immigrati clandestini che l’attentato di Berlino del dicembre 2016 -il cui autore veniva dalla Tunisia- ha reso […]

Appuntamenti jihadisti il 1 marzo (a Milano)


————— Milano ore 18 ——


Arcipelago jihad. Lo Stato islamico e il ritorno di al-Qaeda
domani a 1 marzo, [email protected]:00–19:30
un libro di i Giuliano Battiston
Quartiere Isola, in via Carmagnola 4 angolo via Pepe. 

con Andrea Carati, Università degli Studi di Milano
Giuliano Battiston, giornalista e ricercatore freelance
Emanuele Giordana, giornalista e saggista
ed Elisa Giunchi, Università degli Studi di Milano

Giuliano Battiston, giornalista e ricercatore freelance, scrive per quotidiani e periodici tra cui “l’Espresso”, “il manifesto”, “pagina99” e “Lo straniero”. Esperto di Afghanistan, si occupa di islamismo armato, politica internazionale e globalizzazione. Per le edizioni dell’Asino ha pubblicato i libri-intervista Zygmunt Bauman. Modernità e globalizzazione (2009) e Per un’altra globalizzazione (2010).



 —————–     …più tardi a Seregno ————-

Incontro “Dentro il Jihadistan”
Perchè l’islam, non è il nemico
1 marzo 2017
Sala Minoretti
Circolo Culturale San Giuseppe
Via Cavour 25, Seregno

L’incontro verrà introdotto da Alberto Rossi (Pres. Il Caffè Geopolitico), e moderato in maniera
attiva da Lorenzo Nannetti (Resp. Scientifico Il Caffè Geopolitico).
Relatori: Emanuele Giordana (Giornalista e scrittore) e Arturo Varvelli (Analista, ISPI)
Gli orari verranno gestiti in maniera flessibile dai relatori e dal moderatore
21.00 – 21.15 Presentazioni e introduzione ospiti (A. Rossi)
21.15 – 22.15 interventi (circa 25 minuti totali per relatore)

Moderatore della serata sarà Alberto Rossi
La sala dove si svolge l’incontro è all’interno di una zona chiusa al traffico, è possibile parcheggiare
comunque nei pressi di via Cavour, nei pressi dell’incrocio con Corso Matteotti.

Shukri al-Mabkhout e Hisham Matar al festival Libri Come di Roma

A Libri Come, festival di letteratura dell’Auditorium Parco della Musica di Roma, diretto da Marino Sinibaldi, ci saranno anche lo scrittore tunisino Shukri al-Mabkhout e lo scrittore anglo-libico Hisham Matar. Tema dell’edizione di quest’anno sono i “confini”, e sia il tema che il logo scelto dagli organizzatori trovano un particolare – quanto, immagino, casuale– parallelismo […]

Talebani confermano: ucciso il "liberatore" di Kunduz

Un lungo comunicato ufficiale dei talebani ha confermato oggi la morte di  Al-Haj Mullah Abdul Salam Akhund, ucciso da un drone il 26 febbraio scorso nel distretto di Dasht-e-Archi  (Kunduz). Otto guerriglieri sono stati uccisi con llui.

 Il sito della guerriglia dedica ampio spazio, numerosi elogi  e un’immagine (a destra) al martirio dell’uomo che i talebani chiamano il “liberatore di Kunduz”. Governatore ombra della provincia del Nord, si deve infatti  a lui la presa per due volte della città. Per il governo e i suoi alleati (la paternità dell’azione è americana) è un colpo importante che potrebbe riflettersi sul morale della truppa in turbante.

Oscar: la Siria e l’Iran premiati nell’America di Trump

(The New Arab). Hollywood ha lanciato un messaggio forte all’America di Donald Trump, premiando il documentario siriano “The White Helmets” e il film iraniano “Il Cliente”. Il primo, è un documentario sull’omonimo gruppo di Difesa Civile siriano, un team di soccorritori che cercano di salvare le vite dei cittadini colpiti dalla guerra in Siria. Molti dei […]

L’articolo Oscar: la Siria e l’Iran premiati nell’America di Trump sembra essere il primo su Arabpress.

CNI Firenze 2017: un resoconto

Si è tenuto a Firenze tra il 22 ed il 24 Febbraio 2017 il Coordinamento Nazionale Immigrazione, organizzato dalla Caritas Italiana. Obiettivo di questo momento di formazione e condivisione è stato quello di coinvolgere operatori Caritas impegnati sul territorio italiano in… Continue Reading →

A Response to Roy Gutman’s “Have the Syrian Kurds Committed War Crimes?”

By Aymenn Jawad Al-Tamimi

A recent article in The Nation by Roy Gutman has generated considerable controversy, as the article attempts to highlight what it portrays as the more unsavoury and neglected aspects of the Democratic Union Party (PYD)- the main Kurdish faction operating in Syria and linked to the Kurdistan Workers’ Party (PKK)- and its armed wing the People’s Protection Units (YPG), which constitute the majority of the Syrian Democratic Forces (SDF) coalition.

The article does raise some valid points for discussion. In general, there is a tendency to romanticise Kurdish forces in both Iraq and Syria- a trend exemplified in a piece by Michael Totten, in which he urges Trump to “back the Kurds to the hilt and give them the green light to declare independence.” Such a simplistic assertion overlooks complications like the sharp political division between the Kurdistan Regional Government (KRG) in Iraq led by Masoud Barzani’s Kurdistan Democratic Party and the PYD-administered areas in Syria, the financial crisis afflicting the KRG and its inability to become economically independent, and the lack of a vision for real independence in the PYD’s approach to governance that is heavily influenced by the thinking of PKK luminary Abdullah Ocalan. Besides, there are real problems concerning the behaviour of Kurdish forces towards Arab populations in both Iraq and Syria, with cases of destruction of homes and villages documented by human rights monitors (cf. here). Political authoritarianism in the Kurdish entities should also be a major concern: Masoud Barzani still clings to the KRG presidency despite the fact that his mandate expired long ago, and the PYD’s harsh behaviour towards its political opponents cannot be ignored.

However, acknowledging these issues should not blind the reader to the clear problem with Gutman’s work: namely, the author’s biases for the Syrian opposition and Turkey that have been evident for years. As such, he uncritically relays dubious testimony that a serious and fair-minded journalist would have subjected to appropriate scrutiny. This fault becomes most apparent in Gutman’s claim that the YPG and the Islamic State (IS) “have often worked in tandem against moderate rebel groups,” which I will focus on in particular here. Elaborating on this claim, Gutman asserts that “again and again, in towns where the YPG lacked the manpower or weapons to dislodge the rebels, IS forces arrived unexpectedly with their corps of suicide bombers, seized the territory and later handed it over to the YPG without a fight.”

Gutman attempts to support this narrative with cases such as Tel Hamis and Husseiniya in Hasakah province. What he completely omits is that on numerous occasions in 2013 and January 2014, rebel groups worked with what was then called the Islamic State in Iraq and al-Sham (ISIS) against the YPG. For example, Ahrar al-Sham, ISIS and other rebel militias worked together to expel the YPG from the important northern border town of Tel Abyad in August 2013, only for ISIS to take over the area in January 2014. It is rather strange that Gutman cites Tel Hamis and Husseiniya in a bid to support his narrative, since video evidence that explicitly mentions ISIS-Ahrar al-Sham coordination against the “PKK dogs” in Husseiniya can be found from early January 2014. The coordination eventually fell apart later that month as ISIS proceeded to subjugate all other rebel groups in Hasakah province amid wider infighting with rebel forces across northern and eastern Syria. As for the notion that Tel Hamis was yielded to the YPG without a fight, that claim can only be described as a travesty of the truth. The YPG lost numerous fighters in the extended campaigns to take Tel Hamis, with abundant ‘martyrdom’ commemorations to be found on social media.

The notion that the YPG and IS are in collusion with the latter supposedly yielding territory to the former without a fight is a recurring trope. For instance, it is repeated on multiple occasions in Anne Speckhard and Ahmet Yayla’s book that consists of interviews with IS defectors. The fact that this notion is repeated so many times does not make it any more true. The biases of the sources making these claims as well as the wider tendencies in the region towards conspiracy theories have not been sufficiently taken into account. On the wider level, even when we do suppose or note a withdrawal without a real fight, there are simpler and more logical explanations that need not entail a conspiracy, such as manpower issues, the assessment of a particular location’s strategic importance or lack thereof, and the like. For example, IS yielded the border town of Jarabulus to the Syrian rebels backed by Turkish forces in August 2016 without a real fight: the reason for this withdrawal is that IS probably determined that the town was not worth defending and that better defensive positions needed to be taken up further south within Aleppo province. As it so happens, the recent fight for the IS stronghold of al-Bab has proven to be protracted and difficult for the rebels participating in Turkey’s “Euphrates Shield” operation. In a similar vein, the YPG’s relatively swift capture of Tel Abyad in 2015 was not the result of a joint YPG-IS conspiracy against the rebels: rather IS’ fighting lines in the area had largely collapsed on account of devoting so much manpower and resources to the fight for Kobani in a wasteful attempt to show defiance in the face of so many coalition airstrikes.

The question of the U.S. relationship with the SDF going forward is an important one as the issue of who takes the key IS-held areas in Syria of Raqqa city and Deir az-Zor continues to be discussed. American attempts to deny SDF links with the PKK are not only absurd but also harmful in handling relations with Turkey. However, debates need to be held on serious grounds rooted in facts and credible evidence. Gutman’s work here has fallen far short of those standards. Unfortunately, similar problems in his reporting with regards to the PKK can be traced in his earlier work. In an October 2012 article for McClatchy purporting to offer an inside account of the PKK, Gutman relayed in an almost entirely uncritical manner the testimony of a supposed PKK defector to Turkish authorities, including claims that the PKK prohibits Islamic practices like daily prayers for its fighters and tells them that the Kurds’ religion is Zoroastrianism and that they should worship fire. The latter two claims are particularly absurd because the association of Zoroastrianism with fire worship is in fact a calumny against the Zoroastrian religion.

It is apparent that Gutman’s opinion biases have had and still have a problematic impact on his reporting. This matter needs to be highlighted rather than showing uncritical deference simply because Gutman once won a Pulitzer Prize, just as we should not show uncritical deference to Seymour Hersh’s claims of rebel responsibility for the Ghouta chemical weapons attacks in 2013 simply because he also once won a Pulitzer Prize.

The post A Response to Roy Gutman’s “Have the Syrian Kurds Committed War Crimes?” appeared first on Syria Comment.

Syriacomment?d=yIl2AUoC8zA

Di sommersi e di salvati (riflessioni siriane)

di Daud al-Ahmar*

Si sbaglia a credere che le nazioni vittime della storia (e sono la maggioranza) vivano col pensiero fisso della rivoluzione, vedendovi la soluzione più semplice. Una rivoluzione è sempre un dramma (…). La rivoluzione è l’ultima risorsa e se un popolo ha deciso di ricorrervi è perché ha imparato per lunga esperienza, che non gli resta altra via d’uscita.

Di sommersi e di salvati (riflessioni siriane) è un articlo pubblicato su Nazione Indiana.

Logiche di mercato: scatti con velo cercasi

Spesso si pensa che non ci sia nulla di più vero di una fotografia, lo scatto che immortala un momento e che fa della cronaca realtà. Più della parola scritta, che immagini tutt’al più  suggerisce, e meglio della televisione che ormai, lo sanno anche i bambini, è quanto di più artefatto esista. Ho fatto questa prima riflessione in Bangladesh sul confine birmano. Mi aveva colpito l’immenso numero di donne velate che affollano le campagna bangladese ma, arrivato ai campi profughi dei rohyngya, immaginavo di vederne senza velo perché tutte le foto che avevo guardato  le dipingevano così, come mostra l’immagine postata sopra a sinistra. Donne svelate però non ne vedo nemmeno nel centro sanitario di Msf. Chiedo lumi: come posso riconoscere una donna o un uomo  rohingya? In nessun modo, mi risponde uno del team. Nemmeno noi del Bangladesh, mi dice, le distinguiamo poiché sono del tutto simili a noialtri. Dal che discendono due cose: la prima è l’affinità strettissima tra le due comunità divise, solo per convenzione, da una frontiera. La seconda è che le donne son velate. Come le loro colleghe del Bangladesh.

Ed ecco (foto a destra) che vedo pubblicata un’immagine di rohingya col velo. La prima! E perché ? L‘articolo che la ospita è dedicato all’estremismo radicale islamico tra i rohingya del Myanmar e dunque il velo è di rigore. In poche parole, se serve svelata (commuove di più, appare più simile a noi) eccola senza velo. Se serve invece a farci paura (anche li, tra quei poveretti, c’è la terribile spada vendicatrice dell’islam) eccola velata. E con tanto di niqab (diffusissimo per latro nelle campagne del  Bangladesh che ho visto).

Dove sta la verità? Non lo so ma non certo negli scatti che ho visto. O meglio, è una verità parziale, tanto quanto quello che scrivo io. E segue la logica di mercato. Come per altro faccio anch’io cannando in pieno, visto che ho i miei pezzi nel cassetto: a gran parte della stampa del mio Paese non interessano. Forse però con una bella immagine di donna col niqab e un articolo un tantino allarmista… chissà. Scatti con velo cercasi.

Pakistan contabilità del terrore

Jinnah, il fondatore del Pakistan.
 Musulmano ma non integralista

Il bilancio dell’ultimo attacco terroristico in Pakistan è ancora incerto: cinque le vittime secondo alcune fonti, sette secondo altre. Quel che è certo è che i tre attentatori della Jamaat-ul-Ahraar (JuA) – una fazione che si è scissa nel 2014 dal fronte dei talebani pachistani del Tehreek-e-Taleban (Ttp) – volevano compiere una strage e ci sono riusciti solo in parte.

L’obiettivo, come già in passato, è un tribunale di Charsadda, una cittadina capoluogo di distretto a una trentina di chilometri da Peshawar, capitale della provincia del Khyber Pakhtunkhwa, e vicina al confine con l’Afghanistan. Secondo le prime ricostruzioni, i tre attentatori si sono avvicinati come normali cittadini al tribunale ma appena il primo militante è stato fermato dagli agenti, ha lanciato una granata. E’ stato ucciso subito dopo. Stressa fine per il secondo, freddato sull’ingresso mentre il terzo è riuscito a farsi esplodere. In totale i kamikaze hanno potuto comunque lanciare sei granate ma senza riuscire però a mettere a segno la strage che dovevano avere in animo se fossero entrati nella corte di giustizia, affollata di avvocati e civili.

Bacha Khan con Gandhi. Pacifisti
Sotto: arte del gandhara

Charsadda non è nuova ad attacchi terroristici: un’altra corte di giustizia era entrata nel mirino nel marzo scorso quando un suicida – sempre di Jamaat-ul-Ahraar – era riuscito a farsi esplodere dentro il tribunale. Nel gennaio 2016 invece, l’Università Bacha Khan di Charsadda era stata l’obiettivo dell’attacco di un commando che aveva gettato nel panico i duecento studenti dell’ateneo dedicato a una nobile figura del pacifismo pashtun (Bacha Khan, appunto, noto anche come “Il Gandhi della Frontiera”). Allora i morti furono 22 e l’attacco venne rivendicato dalla Tariq Geedar Afridi, una fazione del Ttp, il cui vertice aveva però poi smentito di aver dato luce verde alla strage.

Charsadda è uno dei tanti luoghi simbolo di un Paese con una storia complessa e antica alle spalle: non solo Charsadda ha dedicato una scuola a un pacifista che usava il Corano come strumento di pace ma è anche il luogo che ospita le rovine dell’antico sito di Pushkalavati – la Città del loto – capitale del regno del Gandhara dal sesto secolo Ac al secondo Dc. Secondo il Ramayana, testo sacro hindu, il nome deriva dal fondatore Pushkala, figlio di Bharat e nipote di Rama. Fu una città zoroastriana, animista e in seguito buddista. E’ una delle culle – con l’Afghanistan – della civiltà greco-buddista e cioè dell’antichissimo legame tra Oriente e Occidente. Ha dunque tutti i requisiti per essere in odio all’islamismo più radicale che, per non farsi mancare nulla, ha aggiunto la supposta apostasia di Bacha Khan, un uomo che forse solo i soldati britannici avevano odiato di più (era contrario tra l’altro alla spartizione del Raj tra India e Pakistan).

Tutto farebbe pensare a un’azione dello Stato islamico cui la JuA (Assemblea della fede) aveva inizialmente garantito il suo sostegno nell’agosto del 2014 salvo poi nel marzo 2015 – ma è difficile seguire le geometrie variabili della galassia jihadista – tornare sotto il cappello del Ttp. E’ invece da imputarsi allo Stato islamico – che l’ha rivendicata – la strage di giovedi scorso al tempio sufi di Lal Shahbaz Qalander, a Sehwan, nel Sindh, con un bilancio che potrebbe arrivare a contare 90 morti e che ha fatto reagire con veemenza gli alti comandi dell’esercito, ora sotto la guida del generale Qamar Javed Bajwa che, tanto per cambiare, ha accusato l’Afghanistan di essere il retrovia per le operazioni del Califfo. La reazione si è risolta anche nella chiusura della frontiera afgano pachistana con l’ordine di “sparare a vista” e in un momento di altissima tensione tra i due Paesi, dal momento che Islamabad sta espellendo un milione di afgani “indocumentati” (ma in molti casi con lo status di rifugiati) e ne ha già mandati in Afghanistan 600mila. Quanto al quadro interno, la cronaca racconta di oltre cento morti nel solo giro di dieci giorni: il 13 febbraio un kamikaze del Ttp uccide a Lahore 13 persone. Lo stesso giorno due sminatori vengono uccisi a Quetta. Il 15 JuA firma un attentato kamikaze nell’agenzia tribale di Mohmand uccidendo cinque persone mentre a Peshawar il Ttp cerca di uccidere un giudice ma fredda il suo autista. Il 16 febbraio, govedi, è la volta del tempio sufi di Lal Shahbaz Qalandar, nel Sud del Paese mentre un Ied (bomba sporca) uccide nel Belucistan tre agenti della sicurezza. Ieri Charsadda.

Vale la pena di notare, al di là dei numeri, che la violenza politica (non sempre e solo attribuibile ai talebani e ai loro sodali più o meno alleati) si è ormai espansa a macchia d’olio in tutto il Paese e che la promessa del pugno di ferro con i gruppi islamisti – a lungo coccolati da governi e servizi – è tardiva. Dopo una macabra luna di miele forse definitivamente tramontata.

Questo articolo è uscito oggi su il manifesto

La sestina del Booker arabo 2017

Qualche giorno fa la giuria del Premio internazionale del romanzo arabo (IPAF/Booker arabo) ha rivelato la sestina dei romanzi finalisti (shortlist): Mohammad Hasan Alwan (Arabia Saudita): Una morte piccola (Dar al-Saqi) Najwa Binshatwan (Libia): Le capanne degli schiavi (Dar al-Saqi) Ismail Fahd Ismail (Kuwait): Al-Sabiliat (Nova) Elias Khoury (Libano): I ragazzi del ghetto. Il mio […]

Frontiere e terrore: "sparate a vista"

Dopo la strage di venerdi scorso al tempio sufi di Lal Shahbaz nel Sindh (il bilancio attuale dice che
le vittime sono già 90 con 340 feriti) le autorità pachistane hanno chiuso la frontiera con l’Afghanistan sul passo Khyber: la “Porta dell’amicizia”, per dirla tutta. Una misura comprensibile anche se un terrorista può benissimo scegliere altra strade (l’attentato è stato rivendicato dallo Stato islamico).

 Ma quel che invece non si capisce è l’ordine di “sparare a vista” che le autorità di Islamabad hanno dato alle proprio forze dell’ordine di guardia al passo. Non si capisce se non come un’ulteriore escalation nelle incomprensioni (per usare un eufemismo) tra i due Paesi. Il Pakistan fa la faccia dura mentre da quella frontiera ha già espulso 600mila afgani. Se uno cercasse di tornare indietro? “Sparate a vista”-

Cucina egiziana: la basbousa

Questa settimana ci spostiamo in Egitto per un dessert speciale: la basbousa! Ingredienti: 180g di burro 150g di zucchero 1 tazza e 1/4 di latticello (buttermilk) 280g di semolino 1 cucchiaio e 1/2 di vaniglia 1 cucchiaio di lievito 1 cucchiaio e 1/2 di bicarbonato di sodio Per lo sciroppo di zucchero: 1 tazza di zucchero […]

L’articolo Cucina egiziana: la basbousa sembra essere il primo su Arabpress.

L’Algeria tra sogni energetici e incubi climatici

Di Kieran Cooke. Middle East Eye (08/02/2017). Traduzione e sintesi di Roberta Papaleo. In teoria, il progetto sembra la soluzione ideale a molti problemi dell’Algeria. Si stima che il Paese possieda vaste risorse di gas e olio di scisto, talmente vaste da classificarsi terzo dopo Cina e Argentina. Negli ultimi quattro anni si è sviluppata l’idea […]

L’articolo L’Algeria tra sogni energetici e incubi climatici sembra essere il primo su Arabpress.

Elezioni in Palestina: progetto o miraggio con il governo di Al-Sinwar in Gaza?

mcc43 Il 6 febbraio l’Autorità Palestinese ha annunciato di aver indetto per il 13 maggio le elezioni municipali per Cisgiordania, Gaza, Gerusalemme est. Già le elezioni di ottobre dovevano portare al voto la generalità dei Palestinesi, ma erano state “fermate” dalla Corte Suprema Palestinese a seguito delle eccezioni sollevate da Hamas contro i candidati di […]

Oltre l’ipocrisia

Finalmente il re è nudo. E quindi possiamo cominciare a ragionare di una soluzione possibile, per il conflitto Israeli-palestinese. Oltre l’ipocrisia della comunità internazionale che ha continuato a parlare di soluzione dei Due Stati, sapendo che la realtà sul terreno (le colonie israeliane, il Muro di separazione) l’aveva resa nei fatti irrealizzabile. Il mio libroContinua a leggere

A revealed old truth

So, president Donald Trump revealed to the world the truth we (the Jerusalemite inhabitants) knew since years. The old fashioned diplomatic ipochrisy left room to the rude untold truth. The Two-State-solution as envisioned by the Oslo process’ architects is not anymore a comatose patient: it is already dead and buried under the Israeli Colonies’ enterpriseContinua a leggere

Salim Halali: Il canto di un ebreo arabo

Non c’è niente da fare. Ho un vero debole per la musica arabo andalusa, quella molto vicina al flamenco. So che all’orecchio “occidentale” suona monotona e un po’ noiosa, ma per me rimane la musica dell’adolescenza, la sola a consolare le mie delusioni d’amore. Questione di gusti! In quell’epoca nasceva a Tangeri una Radio dedicata […]

L’articolo Salim Halali: Il canto di un ebreo arabo sembra essere il primo su Arabpress.

La “questione nera” in Tunisia

Sadri Khiari Il nostro Primo Ministro si è recato lunedì in Germania per una visita ufficiale. Al centro degli incontri che deve avere con Angela Merkel, la questione dell’immigrazione. Alcuni giorni fa il Presidente della Repubblica si trovava in Italia. Ha dichiarato al Senato: “Come per la lotta al terrorismo, il fenomeno dell’immigrazione clandestina non può essere arginato senza una […]

La primavera somala

Il presidente “Formaggio” sarà all’altezza di rispondere alle aspirazioni di tanta gente uscita per strada fiduciosa che sia l’uomo giusto per ripristinare la sicurezza in Somalia?

L’articolo La primavera somala sembra essere il primo su Arabpress.

Novità e ristampe in libreria da Tunisia, Libano, Palestina e Siria

In queste settimane in libreria sono usciti un po’ di titoli nuovi e qualche ristampa importante. Vediamo quali (librai e bibliotecari, mi raccomando prendete appunti): Le novità L’italiano, di Shukri al-Mabkhut (e/o, traduzione dall’arabo di Barbara Teresi): romanzo vincitore del prestigioso premio IPAF 2015, racconta la Tunisia dell’epoca Ben Ali (vi saprò dire meglio e […]

La guerra infinita. Espulsi dal Pakistan e sotto le bombe degli alleati

Espulsi dal Pakistan in 6oomila in un Paese – il loro, che in molti non vedono da quarant’anni o non hanno mai visto – dove l’ennesimo raid aereo della coalizione alleata al governo di Kabul ha ucciso almeno 18 persone. Civili. In maggioranza donne e bambini.
Tra le due notizie, che hanno un tragico nesso, è difficile stabilire qual è la più grave: da una parte il Pakistan continua il suo programma di rimpatrio forzato di un milione di afgani, dall’altro, in Afghanistan, si continua a morire mentre il comandante della Nato e delle truppe Usa nel Paese, il generale statunitense John Nicholson, invoca più truppe – Nato e americane – e accusa Russia e Iran di appoggiare i talebani. Il risultato è quello di un innalzamento dei toni in questa guerra silente che nel 2016 ha mietuto più vittime da quando la missione Onu a Kabul (Unama) ha iniziato nel 2009 a tenerne il bilancio.

Ed è proprio un rapporto preliminare di Unama ad esprimere «grave preoccupazione» per i raid aerei che, tra il 9 e il 10 febbraio, avrebbero ucciso almeno 18 persone nel distretto di Sangin (Helmand); Resolute Support, la missione Nato in Afghanistan, avrebbe aperto un’inchiesta. Altre sette civili sarebbero invece stati uccisi dai talebani l’11 febbraio durante un attacco a militari afgani a Lashkargah, capitale della provincia. Sangin è una delle aree più guerreggiate e nel solo 2016 l’Helmand ha visto morire 891 civili, una delle percentuali più elevate della guerra. In un Paese dove l’anno scorso le vittime civili sono state oltre 11mila: 3512 morti (tra cui 923 bambini) e 7.920 feriti (di cui 2.589 bambini) con un aumento del 24% rispetto al periodo precedente.


Secondo Unama il raid è stato condotto da forze internazionali ma un ufficiale Usa confida ad Al Jazeera che i raid aerei sono peculiarità americana. Un altro funzionario afgano dice invece che i morti sarebbero molto più di 18, dopo un attacco iniziato alle tre del mattino (la stessa ora del famoso raid di Kunduz sull’ospedale di Msf) con un bombardamento «indiscriminato» in un’area densamente abitata. I raid della scorsa settimana in Helmand sarebbero stati una trentina. Nel suo ultimo rapporto sulle vittime civili, Unama indicava che i bombardamenti aerei – afgani e internazionali – sono responsabili del 5% delle vittime nel 2016 ma, rispetto al 2015, la cifra è raddoppiata: 250 morti e 340 feriti, il bilancio più elevato dal 2009. Forse per difetto.

E’ questo dunque il Paese della guerra infinita dove stanno tornando i rifugiati afgani che, dalla guerra contro l’Urss negli anni Ottanta, avevano cercato asilo nel Paese vicino. Ieri Human Rights Watch – la campagna di monitoraggio internazionale – ha denunciato che la campagna di espulsioni, iniziata nel luglio scorso, è già arrivata a quota 600mila e ha diffuso un video – con testimonianze agghiaccianti e postato qui sotto – di quest’esodo di massa che Islamabad vorrebbe completato in pochi mesi sino a raggiungere un milione di espulsi.
 (a sinistra nell’immagine, un grafico che mostra  il flusso di profughi afgani espulsi dalle autorità pachistane dal 2009. Fonte Hrw).

Ma il fatto già grave di per sé, lo è ancora di più dal momento che tra questi 600mila – in teoria afgani senza documenti quindi “illegali” – ci sarebbero 365mila profughi con lo status di rifugiati: «La più ampia campagna di espulsione di rifugiati – dice Hrw – degli ultimi anni». In un rapporto di 76 pagine – Pakistan Coercion, UN Complicity: The Mass Forced Return of Afghan Refugees – si documentano gli abusi di Islamabad ma anche «il ruolo dell’Unhcr nel promuovere l’esodo … che ne fa un complice degli abusi pachistani». L’Unhcr avrebbe pattuito 400 dollari a testa per “ritorni volontari” ma, dice Hrw, in una situazione di completa insicurezza. La stessa che si trovano ad affrontare gli afgani espulsi dall’Europa.

Intanto è stata resa nota la terza iniziativa russa sull’Afghanistan, che si tiene a Mosca il 15 febbraio: è un incontro tra India, Russia, Iran, Pakistan, Cina e Afghanistan. E’ il secondo incontro ma al primo Kabul non era stata invitata. Sebbene i rapporti tra Trump e Putin sembrino ottimi, la notizia ha sollevato le ire americane, in particolare del generale Nicholson che, qualche giorno fa, ha detto al Congresso che Iran e Russia sostengono i talebani e che Mosca sta lavorando a «legittimarli». Il generale ha anche detto, riportava la stampa afgana, che occorrono più truppe perché la guerra in Afghanistan è a un punto morto e, per rompere il cerchio, dovrebbero essere dispiegati in Afghanistan migliaia di nuovi soldati americani e della Nato. Trump, che ha appena avuto una seconda telefonata col presidente afgano Ghani – e che in campagna elettorale era per il ritiro – potrebbe ascoltarlo.

Great Game a Teatro. Da non perdere

Otima regia e bravi attori

Se per caso abitate a Modena e avete perso a Milano
l’appuntamento
(che si ripeterà pèerò a Napoli), non fatevi sfuggire “Afghanistan: il grande gioco” in scena alle Passioni Eventi nella città emiliana. Lo spettacolo, tratto in gran parte ma non solo dal classico di Hopkirk, vale quel che promette. Bravi attori, ottima regia, ricostruzione rigorosa e prima puntata di due, la seconda delle quali si aspetta con desiderio. Ho visto lo spettacolo a Milano e, a parte qualche piccolo segmento che non mi ha convinto, ne sono uscito entusiasta.  E’ diviso in cinque episodi: il primo (e il meno convincente) riguarda la prima guerra anglo afgana. Il secondo (eccellente) il negoziato per la frontiera (bravissimi i due attori), il terzo le vicende intime di re Amanullah e la moglie Soraya al momento dell’esilio (con un’ottimo equilibrio tra fantasia e storia), il quarto la Cia, i pachistani e i mujahedin e l’ultimo, la fine di Najibullah (ottimi entrambi). Davvero un bel lavoro con un’unica minore sbavatura: i costumi. Marocchini e non afgani. E quando in Pakistan i due protagonisti bevono il te…è il classico te alla menta di Tangeri con tanto di bicchiere e teiera marocchine anziché, obviously, te al latte in tazza. Sciocchezze. Compensate dal cappello dell’emiro Abdur Rahman, un “karakuli” molto particolare svasato in alto e  normalmente introvabile. Spettacolo da non perdere per gli amanti del genere e non solo. Il te si può fare a casa.

“Afghanistan: il grande gioco” in scena alle Passioni (Modena)
Dal 07/02/2017 al 18/02/2017
di Stephen Jeffreys, Ron Hutchinson, Joy Wilkinson, Lee Blessing, David Greig
regia FERDINANDO BRUNI e ELIO DE CAPITANI
traduzione Lucio De Capitani
con Claudia Coli, Michele Costabile, Enzo Curcurù, Leonardo Lidi, Michele Radice, Emilia Scarpati Fanetti, Massimo Somaglino, Hossein Taheri
scene e costumi Carlo Sala
video Francesco Frongia
luci Nando Frigerio
suono Giuseppe Marzoli
TEATRO DELL’ELFO ED EMILIA ROMAGNA TEATRO FONDAZIONE
in collaborazione con NAPOLI TEATRO FESTIVAL“

Bambini di Palestina processati dal tribunale militare di Israele

mcc43 Sarah Champion è deputato laburista alla Camera dei Comuni e Ministro-ombra per le pari opportunità. Si è recata in Cisgiordania per assistere a una delle più gravi e continuate violazioni dei diritti umani: il processo di bambini palestinesi presso il Tribunale militare di Israele. Quello che ha visto lo ha raccontato nell’articolo, qui di […]

Giuristi libici contro accordo con l’Italia sui migranti

Un accordo frutto di una «usurpazione del potere che danneggia la Libia e i suoi interessi». È su questa base che un gruppo di sei cittadini libici, tra cui Salah Marghani, ex ministro della Giustizia dal 2012 al 2014, e la nota avvocatessa Ezza al-Maqhour, hanno presentato un ricorso contro…

L’articolo Giuristi libici contro accordo con l’Italia sui migranti sembra essere il primo su MaroccOggi.

Perché è storica la decisione del Marocco su Islam e apostasia

Nella storia dell’Islam c’è una strada che, nel tempo, si è fatta sempre più stretta pur se custodisce una luce così immensa che potrebbe illuminare diverse società musulmane travolte e schiacciate dal più bieco oscurantismo interpretativo. Un male che tiene milioni di fedeli in ostaggio del passato e impotenti davanti…

L’articolo Perché è storica la decisione del Marocco su Islam e apostasia sembra essere il primo su MaroccOggi.

Le luci di Casablanca. Storia della donna che seppe stupire

Per le edizioni Infinito è uscito pochi mesi fa “Le Luci di Casablanca, la storia della donna che seppe stupire due mondi”. Il libro è un diario di Valeria degl’innocenti (Firenze 1914- Casablanca 2004) donna straordinaria, di cui il destino l’ha portata verso tante peregrinazioni, fra Europa, America ed Africa,…

L’articolo Le luci di Casablanca. Storia della donna che seppe stupire sembra essere il primo su MaroccOggi.

Introduzione gratuita alla lingua e alla cultura araba a Roma

Arabpress.eu e il servizio Intercultura delle Biblioteche di Roma organizzano presso la Biblioteca Guglielmo Marconi un Corso di avvicinamento alla lingua e alla cultura araba e islamica. I parte – incontri aperti a tutti Mercoledì 22 febbraio, 1, 8, 15 marzo ore 17.30 – 19.30 Il panorama culturale, politico, narrativo, religioso e sociale del mondo arabo […]

L’articolo Introduzione gratuita alla lingua e alla cultura araba a Roma sembra essere il primo su Arabpress.

Ma quali negoziati! Più uomini e più bombe

John Nicholson: muscolare

Il 15 febbraio si tiene a Mosca, su iniziativa russa, un incontro tra sei nazioni: India, Russia, Iran,  Pakistan, Cina e Afghanistan. E’ il terzo incontro sull’Afghanistan ma con una differenza sostanziale: al primo Kabul non era stata invitata. Sebbene i rapporti tra Trump e Putin sembrino ottimi, la notizia ha sollevato le ire americane, in particolare del generale  John Nicholson, che comanda le truppe Usa in Afghanistan (10mila) e quelle della missione Nato Resolute Support (4mila).

Nicholson ha  detto a un comitato del Congresso che Iran e Russia sostengono i talebani e che Mosca sta lavorando a “legittimarli”. Il che sarebbe una buona notizia che però al generale – responsabile dell’aumento dei raid aerei e delle vittime connesse da che ha preso il comando di Resolute Support (febbraio 2016) – non piace. Ha anzi detto, riporta sempre la stampa afgana, che occorrono più truppe. Nicholson ha detto nella notte di giovedi scorso,  che la guerra in Afghanistan è a un punto morto e che, per rompere il cerchio, migliaia di nuovi soldati americani e della Nato dovrebbero essere dispiegati in Afghanistan. Il vice portavoce del presidente Ashraf Ghani, Shahhussain Murtazawi ha aggiunto che venerdi  Ghani e  Trump si sono parlati al telefono pèer la seconda volta e hanno discusso  i modi per combattere i terroristi. Dopo che Trump si era dichiarato contrario a impiegare uomini e mezzi nel Paese, ora la musica potrebbe cambiare. La scarsa lungimiranza politica di Trump potrebbe prestare orecchie a Nicholson i cui risultati nella guerra al terrore si possono leggere nell’ultimo rapporto Onu sulle vittime civili.

Libano, Palestinesi e … blogger

mcc43 Sebbene travolti dall’invadenza dei social media, i blog continuano a svolgere un’efficace funzione, differente dall’informazione ufficiale e dalla superficialità dei social media. In questo blog PALESTINA spicca nella nuvola delle Tag rivelando la priorità data alle vicende di quella parte del mondo, e la collaborazione fra blogger può diventare intensa solidarietà virtuale per coloro che […]

Mare spinato

Francesco Piobbichi Quando parlo di frontiere oggi non posso che utilizzare il concetto di “frontiera mobile”, ovvero di una forma particolare di azione degli stati nazionali e dei confini continentali che si è determinata dentro il processo della globalizzazione come lo abbiamo conosciuto fino ad ora. Un processo non lineare, all’interno del quale la vicenda complessiva dei  rapporti di forza […]

Dondero tra Milano e Parigi

Mario negli studi di Radio3. Foto di Mario Boccia

Grazie agli archivi di Mario Dondero custoditi e selezionati al Centro di Altidona, una nuova mostra rene omaggio al grande fotografo e amico scomparso nel dicembre del 2015. A Parigi, con un’esposizione aperta al pubblico fino a lunedì 27 febbraio all’Istituto Italiano di Cultura, in collaborazione con Castaldi Partners.

A ospitare gli scatti di Dondero i saloni dell’Hôtel de Galliffet: situati tra Rue de Varenne 50 e rue de Grenelle 73, nel VII arrondissement, sono la sede dell’Istituto Italiano di Cultura di Parigi. “Dondero – Milano/Parigi” raccoglie una selezione di un centinaio di foto di Mario  in bianco e nero, scattate nel 2010 nelle due città in cui l’autore ha abitato e lavorato: Milano e Parigi.

Cucina afghana: sheer pira, dolce fatto in casa al profumo di rose

Con la ricetta di oggi ci spingiamo fino in Afghanistan, alla scoperta di un piatto molto semplice, ma davvero gustoso: lo sheer pira, dolce fatto in casa al profumo di rose! Ingredienti: 440g di zucchero 500ml d’acqua 440g di latte intero in polvere ½ cucchiaino di cardamomo in polvere 1 cucchiaino di acqua di rose 125g di granella di noci 125g di […]

L’articolo Cucina afghana: sheer pira, dolce fatto in casa al profumo di rose sembra essere il primo su Arabpress.

L’Afghanistan ai tempi di Trump (L’INDRO)

di Claudio Bertolotti

@cbertolotti1

Il Presidente Donald Trump manterrà
gli Stati Uniti in Afghanistan e cercherà il compromesso con i talebani.
Ruolo di primo piano per Russia, Cina e Pakistan… Vai all’articolo su L’INDRO

IL DOSSIER AFGHANISTAN. Intervista a Claudio Bertolotti

Il dossier #Afghanistan: intervista di Federica Fanuli dell’Institute for Global Studies per @AfricaMediOriente 

"Una possibile via di uscita per il paese è il coinvolgimento dei
Talebani nella governance, l’accesso alle risorse del paese e un
sostanziale riconoscimento sul piano del diritto di ciò che i Talebani
hanno di fatto conquistato".

"Il Presidente degli Stati Uniti Donald Trump

Giulietta Capuleti da Verona: la confidente degli innamorati

mcc43 Scrivere a chi non esiste e ricevere risposta… Giulietta, simbolo dell’amore contrastato o impossibile, richiama folle di turisti a commuoversi sotto il suo balcone. Alcuni lasciano lì una missiva, ancor di più sono quelli che, da ogni parte del mondo, prendono carta e penna per raccontare del loro amore, delle speranze o dell’infelicità che […]

Consiglio di lettura: “Dunyazad” di May Telmissany

Il piccolo libricino che vi voglio presentare tratta un tema che per alcuni versi è ancora un tabù nella società moderna. “Dunyazad” racconta la storia autobiografica della perdita di una figlia durante il parto e di come la vita viene sconvolta da questo avvenimento, ma anche di come viene superato. May Telmissany ci parla di […]

L’articolo Consiglio di lettura: “Dunyazad” di May Telmissany sembra essere il primo su Arabpress.

Una rosa e una spina a Kabul per il presidente

Ci sono anche una rosa e una spina afgani nella nuova amministrazione americana di Donald Trump. La rosa è Ashraf Ghani che Trump ha avuto come professore quando il presidente era esule negli States. L’Afghanistan non figura nella lista dei sette Paesi maledetti e la rituale telefonata tra Trump e Ghani è stata amichevole. Anche perché, benché in campagna elettorale Trump fosse per il disimpegno, adesso le cose sono cambiate. L’Afghanistan e soprattutto il controllo delle sue basi aeree restano un baluardo formidabile in caso di guerra con l’Iran e, comunque, un fortino verso le mire russe, che Putin sia amico o no. Le spine sono invece quelle della guerra infinita e portano il nome “taleban”. L’emirato, che ne dà notizia sul suo sito,  ha scritto a Trump una lettera invitandolo a fare le valigie. Dopo 15 anni, scrive la guerriglia in turbante, la lezione è chiara e, conclude il messaggio non senza ironia: «Forse alcuni contenuti di questa lettera si riveleranno amari per il vostro gusto. Ma dal momento che sono realtà e fatti tangibili, devono essere accettati e trattati come una amara medicina che viene assunta dai pazienti per evitare che la loro condizione peggiori».

La guerra continua, non risparmia nessuno e non si ferma nemmeno durante l’inverno: ieri sei membri dello staff dell’Icrc (il Comitato della Croce rossa, per antonomasia l’organo più neutrale che esista) sono stati uccisi da un uomo armato nella provincia di Jawzian mentre andavano a consegnare aiuti umanitari. Due i dispersi. I talebani hanno smentito un loro coinvolgimento. L’Icrc ha sospeso le attività nel Paese dopo il grave attentato che potrebbe ascriversi a un’impresa dello Stato islamico. Stato islamico che ha rivendicato intanto oggi l’attentato dell’altro ieri quando un kamikaze si è fatto esplodere nel parcheggio della Corte suprema e ha ucciso 21 persone tra cui 17 funzionari del tribunale. I feriti sono una quarantina. Quattro sono cittadini di passaggio. Tutte vittime civili.


Sulle vittime civili Unama, la missione Onu a Kabul, ha pubblicato il suo ultimo rapporto. Il peggiore da che monitora l’andamento della guerra (dal 2009) e un refrain ormai abituale visto che ogni anno sembra peggio del precedente. Il rapporto documenta 11.418 incidenti con vittime civili: 3.498 i morti e 7.920 feriti. Di questi, rispettivamente, i bambini sono 923 e 2.589, con un aumento del 24% rispetto al bilancio precedente più alto. In sostanza, dice il rapporto, i dati del 2016 sono i peggiori in assoluto dal 2009, quando gli incidenti registrati furono “solo” 5.969 (di questi 2.412 i morti e 3.557 i feriti). Da allora il bilancio si è praticamente raddoppiato.

Vittime civili: raddoppiate dal 2009 (Fonte Unama)

Unama accusa i talebani di essere responsabili di un terzo degli incidenti contro un quarto imputabile alle forze filogovernative. Il rapporto nota che le battaglie di terra, che spesso avvengono in aree densamente popolate, sono la prima causa di morte e che la seconda sono gli Ied (bombe “sporche”) piazzate dalla guerriglia in luoghi pubblici. I bombardamenti aerei – sia afgani sia internazionali – sono invece responsabili del 5% delle vittime ma, rispetto al 2015, la cifra è raddoppiata: 250 morti e 340 feriti, il bilancio più elevato dal 2009. Va infine notato che, come già ammesso dai funzionari dell’Onu, non è possibile dare conto delle missioni segrete dei droni, gli aerei senza pilota che “selezionano” obiettivi mirati ma molto spesso colpiscono civili. Il bilancio, nemmeno quello ufficiale, non è mai stato messo in chiaro dagli americani (dei droni – anche se ufficialmente solo a scopo ricognitivo – fanno comunque uso tutte le truppe straniere, Italia compresa che ne ha appena comprati da Finmeccanica) nonostante le promesse di Obama (si veda il caso del nostro connazionale Giovanni Lo Porto, il cooperante ucciso da un drone americano in Pakistan nel gennaio del 2015).

I talebani contestano il rapporto: la loro campana dice che il 77,1% degli incidenti si deve alle forze filogovernative e il 12,42% a loro. Un altro 17,48% si deve allo Stato islamico. Un bilancio che secondo Unama è stato di 209 morti e 690 feriti soprattutto tra gli sciiti, gli obiettivi preferiti dal Califfato.

Libera-mente: cosa ho imparato

Sin da bambino i miei genitori e le persone che hanno contribuito alla mia formazione mi hanno fatto capire che bisogna sempre trarre insegnamento dalle esperienze della vita. Sì, lo so, suona alquanto banale e retorico. Però non posso trattenermi dal cercare… Continue Reading →

Libera-mente: cosa ho imparato

Sin da bambino i miei genitori e le persone che hanno contribuito alla mia formazione mi hanno fatto capire che bisogna sempre trarre insegnamento dalle esperienze della vita. Sì, lo so, suona alquanto banale e retorico. Però non posso trattenermi dal cercare… Continue Reading →

L’IMPORTANZA  DEL VIAGGIO DI CAESAR

Nei prossimi giorni, la mostra delle fotografie scattate da Caesar, ex fotografo della polizia militare del regime di Damasco, sarà esposta in diverse città italiane, a partire da Udine. In Italia, le immagini atroci dei corpi dei prigionieri assassinati, sfigurati dalle torture, sono già state esposte nell’ottobre ed a dicembre dello scorso anno, rispettivamente al […]

Mediterraneo: fotografie tra terra e mare. Ecco i nuovi bandi per l’edizione 2017

Tre i bandi GRATUITI che “Mediterraneo: fotografie tra terre e mare”, la rassegna che racconta il Mediterraneo come “sperimentale” luogo di relazioni dove le culture e le arti coesistono, dialogano, si contaminano, propone per l’edizione 2017. Gli appelli sono rivolti a tutti i fotografi che vivono o lavorano sull’area del Mediterraneo. Gli ambiti di interesse della rassegna, restano l’attualità, […]

L’articolo Mediterraneo: fotografie tra terra e mare. Ecco i nuovi bandi per l’edizione 2017 sembra essere il primo su Arabpress.

Che fine hanno fatto gli archivi della polizia politica?

Sadri Khiari All’indomani della caduta del muro di Berlino – altra rivoluzione finita male (forse perché cominciata male) – una mostruosa quantità di documenti provenienti dalla sicurezza di Stato della ex repubblica democratica tedesca venne recuperata, trattata e poi resa pubblica. Non meno di 111 chilometri di dossier, afferma Roland Jahn, il commissario federale degli archivi della Stasi, di passaggio […]

Il “Muslim ban” colpisce anche il mondo della cultura

Questo articolo è uscito su Internazionale prima che il giudice federale di Seattle emettesse la sentenza che ha bloccato l’applicazione dell’ordine esecutivo del presidente statunitense Donald Trump, che ha decretato il divieto d’ingresso per tre mesi ai cittadini di Siria, Iraq, Iran, Yemen, Somalia, Sudan e Libia. Nel Lower west side di Manhattan c’è un […]

Ecco Marvel, il primo supereroe musulmano, americano e donna

Di Nour Sheety. Stepfeed (5/02/2017) Traduzione e sintesi di Giusy Regina Si sa che quando un cattivo arriva al potere, un eroe interviene per salvarci tutti. Il nostro eroe oggi si chiama Kamala Khan, alias Ms. Marvel. Si tratta della prima eroina musulmana e americana, che dà anche il nome al suo fumetto e che rappresenta la bambina del famoso manifesto sulle proteste contro […]

L’articolo Ecco Marvel, il primo supereroe musulmano, americano e donna sembra essere il primo su Arabpress.

Il ritorno del Marocco all’UA

Se il calcio non premia il Marocco a livello continentale, la politica invece gli dà grande soddisfazioni. Uscito ai quarti di finali dalla Coppa d’Africa, il paese si consola con la sua riammissione nell’Organizzazione di Unità Africana (UA) dopo 33 anni di assenza. In un discorso storico, il Re Mohammed…

L’articolo Il ritorno del Marocco all’UA sembra essere il primo su MaroccOggi.

La guerra è finita. Andate in pace

L’ultimo rapporto di Unama sembra la copia del precedente. Ogni anno che passa vede aumentare le vittime civili. Ma la guerra non era finita?

Nel 2016 ci sono stati 11.418 casi di incidenti che includono, tra i civili, 3512 morti (tra cui 923 bambini) e 7.920 feriti (di cui 2.589 bambini) con un aumento del 24% rispetto al 2015. E’ il bilancio più grave da che nel 2009 Unama ha iniziato a monitorare quanto costa la guerra ai civili afgani. Oltre al conflitto di terra si segnala una potente ripresa di quello dall’aria, imputabile alla Nato o agli Stati Uniti: 250 morti e 340 feriti (come si vede gli aerei uccidono di più) con un aumento del doppio rispetto agli anni precedenti. E manca ovviamente il bilancio dei droni, operazioni coperte su cui gli americani non rilasciano cifre.

Io e la Fortezza Europa. O meglio : ”Operazione Sophia ”

L’operazione Sophia, meglio conosciuta con l’acronimo ” Eunavformed ” European Union Naval Force Mediterranean (in italiano: Forza navale mediterranea dell’Unione europea) è un’operazione militare lanciata dall’Unione europea in conseguenza dei naufragi avvenuti nell’aprile 2015 che hanno coinvolto diverse imbarcazioni che trasportavano migranti e richiedenti asilo dalla Libia. Lo scopo dell’operazione era quella di neutralizzare le consolidate rotte della tratta dei migranti nel Mediterraneo. La sede operativa è situata a Roma.
Dal 24 Agosto 2016,in seguito all’accordo siglato nel quartiere generale di Centocelle,a Roma,tra l’ammiraglio italiano Credendino e l’ammiraglio libico Al Touhami per conto del governo di Tripoli di El Sarraj,l’operazione ”Sophia” si prefissò l’obbiettivo di addestrare la marina e la guardia costiera della Libia occidentale. La missione iniziò ufficialmente il 26 Ottobre,quando 80 militari libici furono prelevati da Misurata dalla Nave militare italiana ” San Giorgio ” e la nave militare Olandese ” ”Rotterdam”. Diviso il gruppo dei libici in due squadre (40 libici su nave ” San Giorgio ” e altri 40 sull’olandese ” Rotterdam”) il 28 Ottobre 2016 iniziava cosi la campagna di addestramento della guardia costiera libica.
Per facilitare il lavoro degli addestratori europei furono assunti 9 interpreti civili provenienti da tutta Italia che avevano il compito di tradurre le lezioni dalla lingua inglese all’arabo. Due interpreti per l’addestramento su nave ” Rotterdam ” (io e un amico ) e i restanti sette su ” San Giorgio ”.
In questa foto,scattata molto probabilmente agli inizi di Novembre,avevo accompagnato gli addestratori britannici della ” Royal Marine ” di sua maestà e addestratori della Marina militare Greca a bordo di un mezzo da sbarco olandese (io sono quello a destra della lavagna, concentrato a decifrare l’inglese dell’addestratore scozzese). Faceva freddo e il mare a largo di Malta era mosso. Durante la lezione pratica a bordo del mezzo da sbarco olandese su nave ” Rotterdam” era in corso una visita dell’ammiraglio Credendino accompagnato dall’ammiraglio libico Touhami.
La lezione di quel giorno doveva insegnare ai giovani militari libici le varie tecniche di abbordaggio di un mezzo sospetto. L’addestratore britannico con il suo terribile accento scozzese rendeva il mio lavoro di traduzione impossibile. Fortuna che quel giorno erano previste pratiche in mare. Quindi non dovevo starmene per cinque ore chiuso in una classe a tradurre.  Infatti subito dopo la breve lezione orale partì quella pratica che consisteva nell’imbarcare i libici sui dei barchini d’assalto per simulare l’abbordaggio di un imbarcazione sospetta. Incuriosito, chiesi agli addestratori l’autorizzazione e m’imbarcai anche io su uno di quei mezzi, e ” assaltai ” anche io il mezzo sospetto tra le risate degli addestratori e quella dei giovani libici. Infatti,in seguito a questo episodio i libici mi soprannominarono ” El mutarjem el muqtahim ” (l’interprete d’assalto).
Una volta a bordo scattò la seconda fase : la perquisizione dell’equipaggio. L’atmosfera non fu tesa e l’addestramento prese la piega di un gioco di ruoli. Infatti una volta abbordata l’imbarcazione sospetta gli addestratori mi chiesero di recitare la parte del capitano di un peschereccio tunisino che oltre a trasportare ” qualche chilo di cocaina ” nascondeva 5 migranti cui ruoli vennero recitati da altri 5 militari britannici. Una volta scovato il ” carico illegale ” l’atmosfera si scaldò : il più anziano tra i libici cominciò a urlare ordini contro tutti i membri dell’equipaggio. Un libico, un certo Mu’waaya, prese sul serio la parte e mi ordinò in tono minaccioso ,di mettermi in ginocchio con le mani dietro la testa e la faccia rivolta verso la paratia. E fu qui scattò la terza fase,la più importante,almeno per gli autori della fortezza europa : i libici,una volta conquistato il controllo del mezzo sospetto,dovevano condurlo al porto libico per consegnare i ” criminali ” agli ingranaggi della ”giustizia” libica.
Continua…..

Sulla morte del sociologo Zygmunt Bauman e sulla vita nel nostro mondo

Mario Sei Lo scorso 9 gennaio si è spento nella città inglese di Leeds, all’età di 92 anni, il sociologo e filosofo di origini polacche Zygmunt Bauman. La notizia vera è però forse un’altra: il fatto cioè che della sua morte ne abbiano parlato i media del mondo intero, e che sui vari social network siano circolati per giorni video […]

Cucina siriana: muhammara, crema di peperoni e noci

Con la ricetta di oggi andiamo alla scoperta di un altro antipasto della cucina levantina, più precisamente della cucina siriana: la muhammara, crema di peperoni e noci! Ingredienti: 2 fette di pane (anche raffermo) tostate 4 peperoni 65g di noci tritate 2 spicchi d’aglio 1 cucchiaio di succo di limone 1 cucchiaio di sciroppo di melograno 1 […]

L’articolo Cucina siriana: muhammara, crema di peperoni e noci sembra essere il primo su Arabpress.

Il 25° Emendamento della Costituzione e l’inquilino della Casa Bianca

mcc43 La Costituzione degli Stati Uniti si adegua via via con l’aggiunta di Emendamenti. Inizialmente per la Vicepresidenza non era fissata una funzione esecutiva, né codificata – in caso di morte o di impossibilità ad operare del Presidente – la successione del Vicepresidente. Questo passaggio si verificò per la prima volta nel 1841, quando John […]

Lezioni dall’Africa

Una parziale revisione dello “scontro delle civiltà” alla luce dei recenti avvenimenti che consolidano le pratiche democratiche nel continente africano, contrariamente a quanto succede nel mondo arabo

L’articolo Lezioni dall’Africa sembra essere il primo su Arabpress.

Tra emblema e stigma: vivere a Dhiba e Ben Guerdane

  Olfa Lamloum Estratto dall’ultimo rapporto pubblicato da International Alert : « Marginalisation, insecurity and uncertainty on the Tunisian–Libyan border. Ben Guerdane and Dhehiba from the perspective of their inhabitants ». Quando si interrogano gli abitanti di  Dhiba e di  Ben Guerdane sulla percezione che hanno del Sud della Tunisia, regione alla quale rivendicano di appartenere,essi evocano in primo luogo la “ marginalizzazione” […]

Intervista con Rana Idriss: Elena Ferrante in arabo, Dar al-Adab e la letteratura in traduzione araba

Quella che segue è l’intervista di Giacomo Longhi, arabista e iranista nonchè storico collaboratore di editoriaraba, con Rana Idriss, editrice di Dar al-Adab, la casa editrice libanese che si è assicurata i diritti di traduzione dei romanzi di Elena Ferrante in arabo. L’intervista si è svolta a dicembre a Beirut, in occasione della Fiera internazionale […]

International Conference: Urs-e Bidel-e Dehlavi, Tehran- January 2017

Il 18 e 19 gennaio 2017, la recentemente costituitasi Bonyad-e Bidel-e Dehlavi (Fondazione Bidel-e Dehlavi) ha ospitato a Tehran una convegno intitolato alla figura e all’opera del grande poeta indiano vissuto tra il 1644 e il 1720, il quale ha lasciato circa 150mila versi composti in lingua persiana. Esponente di spicco dello “stile indiano” (sabk-e […]

Donald Trump a vele spiegate verso l’impeachment?

mcc43 Allan Lichtman non sbaglia il pronostico delle elezioni presidenziali fin dal 1984. Segue un suo metodo, forse arricchito dall’esperienza di una candidatura al Senato nel 2005 andata male. Durante la campagna elettorale aveva previsto, in controtendenza alle aspettative e ai sondaggi, il successo di Donald Trump. Aveva aggiunto, però, un secondo pronostico: l’impeachment.   […]

Intervista con Muauia Abdelmagid, traduttore di Elena Ferrante in arabo

I libri della ormai famosissima serie L’amica geniale, dell’autrice italiana Elena Ferrante (e/o edizioni), sono in corso di traduzione in arabo per l’editore libanese Dar al-Adab, come vi avevo raccontato qui. Ho fatto qualche domanda al suo traduttore arabo, Muauia Abdelmagid, che qui ringrazio per la cortesia e la disponibilità. Come sei diventato traduttore dall’italiano […]