Categoria: Marco Alloni

Dal Globe Theatre occupato l’urlo dei precari dello spettacolo: “Serve un reddito di continuità”

Da Roma parte la battaglia per riconoscere reddito e ammortizzatori sociali veri a chi ha un lavoro discontinuo. “Non vogliamo tornare alla vita di prima”, denunciano gli occupanti, “perché la vita di prima era il problema”.

L’articolo Dal Globe Theatre occupato l’urlo dei precari dello spettacolo: “Serve un reddito di continuità” proviene da Micromega.

Rottura e unità. Come costruire l’alternativa a Draghi

Mi è stato chiesto, a volte con sincera curiosità altre con un tono di rimprovero, perché nessun rappresentante di Potere al Popolo fosse presente all’assemblea on line organizzata domenica da Rifondazione Comunista; assemblea che verteva sul tema comune della costruzione dell’opposizione a Draghi. La ragione è semplicissima: NON ERAVAMO INVITATI. Con una sua cortesissima telefonata…

L’articolo Rottura e unità. Come costruire l’alternativa a Draghi proviene da Micromega.

L’ambiente è la vera sfida del nuovo governo e di quelli a venire

Nel primo discorso programmatico di fronte all’aula del Senato, il presidente del consiglio Mario Draghi si è impegnato esplicitamente, confermando un’iniziativa già avanzata dal precedente premier Giuseppe Conte, a inserire i principi di uno sviluppo sostenibile in Costituzione, includendo quello di giustizia tra generazioni. Sebbene i lavori per confezionare una legge costituzionale siano ancora in…

L’articolo L’ambiente è la vera sfida del nuovo governo e di quelli a venire proviene da Micromega.

Madonna Vagina

La Madonna Vagina accorpa due icone della lotta femminista e ci offre un nuovo argomento sacro: siamo devote non a una divinità, ma alla forza biologica, sociale e politica che si sprigiona dalla vita e dalla storia della donna.

L’articolo Madonna Vagina proviene da Micromega.

C’è una sola alternativa: quella al sistema Draghi

Il governo Draghi rappresenta un punto costituente, un discrimine del sistema politico, sociale e culturale del paese. Durante e dopo questo governo nulla sarà come prima, a maggior ragione perché la pandemia a sua volta ha determinato un punto di svolta. Siamo stati abituati a convivere con la strage come durante la guerra, a considerare…

L’articolo C’è una sola alternativa: quella al sistema Draghi proviene da Micromega.

Il governo Draghi, un mostro multicefalo

Il governo Draghi è apparso fin da subito un mostro multicefalo, con molte, moltissime teste. Quante? La scelta è a piacere. Si può dire indifferentemente, restando nella metafora mitologica, che sia infatti un governo bicefalo, a due teste, perché tecnico e politico. O tricefalo, perché di sinistra-centro-destra, o viceversa, non fa differenza. O quadricefalo, se…

L’articolo Il governo Draghi, un mostro multicefalo proviene da Micromega.

Pd, poltrone e divani

Da tempo era nell’aria ed è successo, Nicola Zingaretti si è dimesso. “Con Mattarella in stil Napolitano, con Mario Draghi in veste di marziano, con un governo detto dei migliori che par che sol per i padron lavori, con il covid ormai alla terza ondata, con la crisi ogni giorno più sfrenata, col Recovery plan…

L’articolo Pd, poltrone e divani proviene da Micromega.

Dell’utilità dell’inutile

«Di Dio si è sempre parlato senza saperne nulla né concludere nulla». Così sentenzia, in maniera ineccepibile, l’architetto, pittore e saggista Stefano Levi della Torre, nel suo ultimo, straordinario saggio, intitolato proprio Dio (Bollati Boringhieri, Torino, 2020). Eppure, come le sue sapienti righe dimostrano al di là di ogni dubbio, interrogarsi in maniera laica e…

L’articolo Dell’utilità dell’inutile proviene da Micromega.

8 marzo: l’insopportabile femminismo corporativo della Gruber

Posso dire che considero l’idea burocratica delle “quote rosa” un’offesa per le donne? Che festeggiare con tanto di mimose l’8 marzo “giornata delle donne” è soltanto una spudorata ipocrisia? Che trovo altamente irritante il modo corporativo con cui la donna in carriera Lilli Gruber pensa di promuovere il principio della parità di genere? Tutte ritualità…

L’articolo 8 marzo: l’insopportabile femminismo corporativo della Gruber proviene da Micromega.

Parlare non è mai neutro

Luce Irigaray scrisse il saggio Parlare non è mai neutro nel 1991, e ancora serve tirarlo in ballo, a partire dal titolo. Nonostante ci sia chi pensa, scrive e sostiene che c’è ben altro di cui discutere, il tenere a fuoco la questione del linguaggio è fondamentale in una democrazia. Solo per cenni: c’è voluto…

L’articolo Parlare non è mai neutro proviene da Micromega.

Gestione della pandemia: più Stato, meno Regioni?

Il governo Draghi non ha ancora portato discontinuità radicali con il modello di gestione della pandemia adottato dal Conte bis. Apparentemente, sono cambiate solo le persone. A presentare il nuovo DPCM non è stato il premier ma i ministri competenti, Speranza per la Sanità e Gelmini per gli affari regionali. Il commissario Arcuri, che aveva…

L’articolo Gestione della pandemia: più Stato, meno Regioni? proviene da Micromega.

MARCO ALLONI – Estetica della tragedia

Abbiamo tutti negli occhi l’immagine del bambinello in maglietta rossa e pantaloncini riverso senza vita sulla spiaggia. Un’immagine diventata virale che ha raccontato il cuore della tragedia della migrazione più di ogni trattato.
Eppure non tutti hanno razionalizzato questo sentimento di orrore. Non tutti si sono chiesti, tra tanta prevedibile retorica, perché proprio lui. E qualcuno […]

MARCO ALLONI – Estetica della tragedia

Abbiamo tutti negli occhi l’immagine del bambinello in maglietta rossa e pantaloncini riverso senza vita sulla spiaggia. Un’immagine diventata virale che ha raccontato il cuore della tragedia della migrazione più di ogni trattato.
Eppure non tutti hanno razionalizzato questo sentimento di orrore. Non tutti si sono chiesti, tra tanta prevedibile retorica, perché proprio lui. E qualcuno […]

MARCO ALLONI – Estetica della tragedia

Abbiamo tutti negli occhi l’immagine del bambinello in maglietta rossa e pantaloncini riverso senza vita sulla spiaggia. Un’immagine diventata virale che ha raccontato il cuore della tragedia della migrazione più di ogni trattato.
Eppure non tutti hanno razionalizzato questo sentimento di orrore. Non tutti si sono chiesti, tra tanta prevedibile retorica, perché proprio lui. E qualcuno […]

MARCO ALLONI – Estetica della tragedia

Abbiamo tutti negli occhi l’immagine del bambinello in maglietta rossa e pantaloncini riverso senza vita sulla spiaggia. Un’immagine diventata virale che ha raccontato il cuore della tragedia della migrazione più di ogni trattato.
Eppure non tutti hanno razionalizzato questo sentimento di orrore. Non tutti si sono chiesti, tra tanta prevedibile retorica, perché proprio lui. E qualcuno […]

MARCO ALLONI – Estetica della tragedia

Abbiamo tutti negli occhi l’immagine del bambinello in maglietta rossa e pantaloncini riverso senza vita sulla spiaggia. Un’immagine diventata virale che ha raccontato il cuore della tragedia della migrazione più di ogni trattato.
Eppure non tutti hanno razionalizzato questo sentimento di orrore. Non tutti si sono chiesti, tra tanta prevedibile retorica, perché proprio lui. E qualcuno […]

MARCO ALLONI – Estetica della tragedia

Abbiamo tutti negli occhi l’immagine del bambinello in maglietta rossa e pantaloncini riverso senza vita sulla spiaggia. Un’immagine diventata virale che ha raccontato il cuore della tragedia della migrazione più di ogni trattato.
Eppure non tutti hanno razionalizzato questo sentimento di orrore. Non tutti si sono chiesti, tra tanta prevedibile retorica, perché proprio lui. E qualcuno […]

MARCO ALLONI – Estetica della tragedia

Abbiamo tutti negli occhi l’immagine del bambinello in maglietta rossa e pantaloncini riverso senza vita sulla spiaggia. Un’immagine diventata virale che ha raccontato il cuore della tragedia della migrazione più di ogni trattato.
Eppure non tutti hanno razionalizzato questo sentimento di orrore. Non tutti si sono chiesti, tra tanta prevedibile retorica, perché proprio lui. E qualcuno […]

MARCO ALLONI – Estetica della tragedia

Abbiamo tutti negli occhi l’immagine del bambinello in maglietta rossa e pantaloncini riverso senza vita sulla spiaggia. Un’immagine diventata virale che ha raccontato il cuore della tragedia della migrazione più di ogni trattato.
Eppure non tutti hanno razionalizzato questo sentimento di orrore. Non tutti si sono chiesti, tra tanta prevedibile retorica, perché proprio lui. E qualcuno […]

MARCO ALLONI – Estetica della tragedia

Abbiamo tutti negli occhi l’immagine del bambinello in maglietta rossa e pantaloncini riverso senza vita sulla spiaggia. Un’immagine diventata virale che ha raccontato il cuore della tragedia della migrazione più di ogni trattato.
Eppure non tutti hanno razionalizzato questo sentimento di orrore. Non tutti si sono chiesti, tra tanta prevedibile retorica, perché proprio lui. E qualcuno […]

MARCO ALLONI – Estetica della tragedia

Abbiamo tutti negli occhi l’immagine del bambinello in maglietta rossa e pantaloncini riverso senza vita sulla spiaggia. Un’immagine diventata virale che ha raccontato il cuore della tragedia della migrazione più di ogni trattato.
Eppure non tutti hanno razionalizzato questo sentimento di orrore. Non tutti si sono chiesti, tra tanta prevedibile retorica, perché proprio lui. E qualcuno […]

MARCO ALLONI – Estetica della tragedia

Abbiamo tutti negli occhi l’immagine del bambinello in maglietta rossa e pantaloncini riverso senza vita sulla spiaggia. Un’immagine diventata virale che ha raccontato il cuore della tragedia della migrazione più di ogni trattato.
Eppure non tutti hanno razionalizzato questo sentimento di orrore. Non tutti si sono chiesti, tra tanta prevedibile retorica, perché proprio lui. E qualcuno […]

MARCO ALLONI – Nefertiti Frankenstein. La Germania colpisce ancora

Germania recidiva, si potrebbe dire. E non solo perché il Quarto Reich mette in ginocchio la Grecia, ma perché nella stessa logica di un profitto unidirezionale conserva, o per meglio dire tiene in ostaggio, anche la bellezza egiziana. Il tema è tornato d’attualità grazie a una singolare vicenda occorsa nella città nilotica di Minya, a […]

MARCO ALLONI – Nefertiti Frankenstein. La Germania colpisce ancora

Germania recidiva, si potrebbe dire. E non solo perché il Quarto Reich mette in ginocchio la Grecia, ma perché nella stessa logica di un profitto unidirezionale conserva, o per meglio dire tiene in ostaggio, anche la bellezza egiziana. Il tema è tornato d’attualità grazie a una singolare vicenda occorsa nella città nilotica di Minya, a […]

MARCO ALLONI – Nefertiti Frankenstein. La Germania colpisce ancora

Germania recidiva, si potrebbe dire. E non solo perché il Quarto Reich mette in ginocchio la Grecia, ma perché nella stessa logica di un profitto unidirezionale conserva, o per meglio dire tiene in ostaggio, anche la bellezza egiziana. Il tema è tornato d’attualità grazie a una singolare vicenda occorsa nella città nilotica di Minya, a […]

MARCO ALLONI – Nefertiti Frankenstein. La Germania colpisce ancora

Germania recidiva, si potrebbe dire. E non solo perché il Quarto Reich mette in ginocchio la Grecia, ma perché nella stessa logica di un profitto unidirezionale conserva, o per meglio dire tiene in ostaggio, anche la bellezza egiziana. Il tema è tornato d’attualità grazie a una singolare vicenda occorsa nella città nilotica di Minya, a […]

MARCO ALLONI – Nefertiti Frankenstein. La Germania colpisce ancora

Germania recidiva, si potrebbe dire. E non solo perché il Quarto Reich mette in ginocchio la Grecia, ma perché nella stessa logica di un profitto unidirezionale conserva, o per meglio dire tiene in ostaggio, anche la bellezza egiziana. Il tema è tornato d’attualità grazie a una singolare vicenda occorsa nella città nilotica di Minya, a […]

MARCO ALLONI – Nefertiti Frankenstein. La Germania colpisce ancora

Germania recidiva, si potrebbe dire. E non solo perché il Quarto Reich mette in ginocchio la Grecia, ma perché nella stessa logica di un profitto unidirezionale conserva, o per meglio dire tiene in ostaggio, anche la bellezza egiziana. Il tema è tornato d’attualità grazie a una singolare vicenda occorsa nella città nilotica di Minya, a […]

MARCO ALLONI – Nefertiti Frankenstein. La Germania colpisce ancora

Germania recidiva, si potrebbe dire. E non solo perché il Quarto Reich mette in ginocchio la Grecia, ma perché nella stessa logica di un profitto unidirezionale conserva, o per meglio dire tiene in ostaggio, anche la bellezza egiziana. Il tema è tornato d’attualità grazie a una singolare vicenda occorsa nella città nilotica di Minya, a […]

MARCO ALLONI – Nefertiti Frankenstein. La Germania colpisce ancora

Germania recidiva, si potrebbe dire. E non solo perché il Quarto Reich mette in ginocchio la Grecia, ma perché nella stessa logica di un profitto unidirezionale conserva, o per meglio dire tiene in ostaggio, anche la bellezza egiziana. Il tema è tornato d’attualità grazie a una singolare vicenda occorsa nella città nilotica di Minya, a […]

MARCO ALLONI – Nefertiti Frankenstein. La Germania colpisce ancora

Germania recidiva, si potrebbe dire. E non solo perché il Quarto Reich mette in ginocchio la Grecia, ma perché nella stessa logica di un profitto unidirezionale conserva, o per meglio dire tiene in ostaggio, anche la bellezza egiziana. Il tema è tornato d’attualità grazie a una singolare vicenda occorsa nella città nilotica di Minya, a […]

MARCO ALLONI – Nefertiti Frankenstein. La Germania colpisce ancora

Germania recidiva, si potrebbe dire. E non solo perché il Quarto Reich mette in ginocchio la Grecia, ma perché nella stessa logica di un profitto unidirezionale conserva, o per meglio dire tiene in ostaggio, anche la bellezza egiziana. Il tema è tornato d’attualità grazie a una singolare vicenda occorsa nella città nilotica di Minya, a […]

MARCO ALLONI – Nefertiti Frankenstein. La Germania colpisce ancora

Germania recidiva, si potrebbe dire. E non solo perché il Quarto Reich mette in ginocchio la Grecia, ma perché nella stessa logica di un profitto unidirezionale conserva, o per meglio dire tiene in ostaggio, anche la bellezza egiziana. Il tema è tornato d’attualità grazie a una singolare vicenda occorsa nella città nilotica di Minya, a […]

MARCO ALLONI – Nefertiti Frankenstein. La Germania colpisce ancora

Germania recidiva, si potrebbe dire. E non solo perché il Quarto Reich mette in ginocchio la Grecia, ma perché nella stessa logica di un profitto unidirezionale conserva, o per meglio dire tiene in ostaggio, anche la bellezza egiziana. Il tema è tornato d’attualità grazie a una singolare vicenda occorsa nella città nilotica di Minya, a […]

MARCO ALLONI – Nefertiti Frankenstein. La Germania colpisce ancora

Germania recidiva, si potrebbe dire. E non solo perché il Quarto Reich mette in ginocchio la Grecia, ma perché nella stessa logica di un profitto unidirezionale conserva, o per meglio dire tiene in ostaggio, anche la bellezza egiziana. Il tema è tornato d’attualità grazie a una singolare vicenda occorsa nella città nilotica di Minya, a […]

MARCO ALLONI – L’Egitto ricorda Omar Sharif

Lo sapevano in tanti, qui in Egitto: Omar Sharif non sarebbe sopravvissuto alla morte dell’adorata Faten Hamama, l’unica donna che aveva veramente amato nella sua lunga vita di seduttore. Lo si mormorava per le strade, lo paventava lui stesso, che d’altronde non disdegnava ripetere che era stanco di vivere. Sarebbe accaduto quello che era successo […]

MARCO ALLONI – L’Egitto ricorda Omar Sharif

Lo sapevano in tanti, qui in Egitto: Omar Sharif non sarebbe sopravvissuto alla morte dell’adorata Faten Hamama, l’unica donna che aveva veramente amato nella sua lunga vita di seduttore. Lo si mormorava per le strade, lo paventava lui stesso, che d’altronde non disdegnava ripetere che era stanco di vivere. Sarebbe accaduto quello che era successo […]

MARCO ALLONI – L’Egitto ricorda Omar Sharif

Lo sapevano in tanti, qui in Egitto: Omar Sharif non sarebbe sopravvissuto alla morte dell’adorata Faten Hamama, l’unica donna che aveva veramente amato nella sua lunga vita di seduttore. Lo si mormorava per le strade, lo paventava lui stesso, che d’altronde non disdegnava ripetere che era stanco di vivere. Sarebbe accaduto quello che era successo […]

MARCO ALLONI – L’Egitto ricorda Omar Sharif

Lo sapevano in tanti, qui in Egitto: Omar Sharif non sarebbe sopravvissuto alla morte dell’adorata Faten Hamama, l’unica donna che aveva veramente amato nella sua lunga vita di seduttore. Lo si mormorava per le strade, lo paventava lui stesso, che d’altronde non disdegnava ripetere che era stanco di vivere. Sarebbe accaduto quello che era successo […]

MARCO ALLONI – L’Egitto ricorda Omar Sharif

Lo sapevano in tanti, qui in Egitto: Omar Sharif non sarebbe sopravvissuto alla morte dell’adorata Faten Hamama, l’unica donna che aveva veramente amato nella sua lunga vita di seduttore. Lo si mormorava per le strade, lo paventava lui stesso, che d’altronde non disdegnava ripetere che era stanco di vivere. Sarebbe accaduto quello che era successo […]

MARCO ALLONI – L’Egitto ricorda Omar Sharif

Lo sapevano in tanti, qui in Egitto: Omar Sharif non sarebbe sopravvissuto alla morte dell’adorata Faten Hamama, l’unica donna che aveva veramente amato nella sua lunga vita di seduttore. Lo si mormorava per le strade, lo paventava lui stesso, che d’altronde non disdegnava ripetere che era stanco di vivere. Sarebbe accaduto quello che era successo […]

MARCO ALLONI – L’Egitto ricorda Omar Sharif

Lo sapevano in tanti, qui in Egitto: Omar Sharif non sarebbe sopravvissuto alla morte dell’adorata Faten Hamama, l’unica donna che aveva veramente amato nella sua lunga vita di seduttore. Lo si mormorava per le strade, lo paventava lui stesso, che d’altronde non disdegnava ripetere che era stanco di vivere. Sarebbe accaduto quello che era successo […]

MARCO ALLONI – L’Egitto ricorda Omar Sharif

Lo sapevano in tanti, qui in Egitto: Omar Sharif non sarebbe sopravvissuto alla morte dell’adorata Faten Hamama, l’unica donna che aveva veramente amato nella sua lunga vita di seduttore. Lo si mormorava per le strade, lo paventava lui stesso, che d’altronde non disdegnava ripetere che era stanco di vivere. Sarebbe accaduto quello che era successo […]

MARCO ALLONI – L’Egitto ricorda Omar Sharif

Lo sapevano in tanti, qui in Egitto: Omar Sharif non sarebbe sopravvissuto alla morte dell’adorata Faten Hamama, l’unica donna che aveva veramente amato nella sua lunga vita di seduttore. Lo si mormorava per le strade, lo paventava lui stesso, che d’altronde non disdegnava ripetere che era stanco di vivere. Sarebbe accaduto quello che era successo […]

MARCO ALLONI – L’Egitto ricorda Omar Sharif

Lo sapevano in tanti, qui in Egitto: Omar Sharif non sarebbe sopravvissuto alla morte dell’adorata Faten Hamama, l’unica donna che aveva veramente amato nella sua lunga vita di seduttore. Lo si mormorava per le strade, lo paventava lui stesso, che d’altronde non disdegnava ripetere che era stanco di vivere. Sarebbe accaduto quello che era successo […]

MARCO ALLONI – L’Egitto ricorda Omar Sharif

Lo sapevano in tanti, qui in Egitto: Omar Sharif non sarebbe sopravvissuto alla morte dell’adorata Faten Hamama, l’unica donna che aveva veramente amato nella sua lunga vita di seduttore. Lo si mormorava per le strade, lo paventava lui stesso, che d’altronde non disdegnava ripetere che era stanco di vivere. Sarebbe accaduto quello che era successo […]

MARCO ALLONI – L’Egitto ricorda Omar Sharif

Lo sapevano in tanti, qui in Egitto: Omar Sharif non sarebbe sopravvissuto alla morte dell’adorata Faten Hamama, l’unica donna che aveva veramente amato nella sua lunga vita di seduttore. Lo si mormorava per le strade, lo paventava lui stesso, che d’altronde non disdegnava ripetere che era stanco di vivere. Sarebbe accaduto quello che era successo […]

MARCO ALLONI – L’Egitto ricorda Omar Sharif

Lo sapevano in tanti, qui in Egitto: Omar Sharif non sarebbe sopravvissuto alla morte dell’adorata Faten Hamama, l’unica donna che aveva veramente amato nella sua lunga vita di seduttore. Lo si mormorava per le strade, lo paventava lui stesso, che d’altronde non disdegnava ripetere che era stanco di vivere. Sarebbe accaduto quello che era successo […]

MARCO ALLONI – La giustizia giustizialista egiziana

Se una pena dev’essere commisurata a un reato è persino pleonastico rilevare che la condanna a morte di circa 1100 membri della Fratellanza musulmana per l’uccisione di agenti di polizia ha i caratteri dell’esagerazione. Ma ancora una volta il metro di valutazione non può attestarsi sugli apriorismi categoriali. Non foss’altro perché, paradossalmente, un principio attualmente […]

MARCO ALLONI – La giustizia giustizialista egiziana

Se una pena dev’essere commisurata a un reato è persino pleonastico rilevare che la condanna a morte di circa 1100 membri della Fratellanza musulmana per l’uccisione di agenti di polizia ha i caratteri dell’esagerazione. Ma ancora una volta il metro di valutazione non può attestarsi sugli apriorismi categoriali. Non foss’altro perché, paradossalmente, un principio attualmente […]

MARCO ALLONI – La giustizia giustizialista egiziana

Se una pena dev’essere commisurata a un reato è persino pleonastico rilevare che la condanna a morte di circa 1100 membri della Fratellanza musulmana per l’uccisione di agenti di polizia ha i caratteri dell’esagerazione. Ma ancora una volta il metro di valutazione non può attestarsi sugli apriorismi categoriali. Non foss’altro perché, paradossalmente, un principio attualmente […]

MARCO ALLONI – La giustizia giustizialista egiziana

Se una pena dev’essere commisurata a un reato è persino pleonastico rilevare che la condanna a morte di circa 1100 membri della Fratellanza musulmana per l’uccisione di agenti di polizia ha i caratteri dell’esagerazione. Ma ancora una volta il metro di valutazione non può attestarsi sugli apriorismi categoriali. Non foss’altro perché, paradossalmente, un principio attualmente […]

MARCO ALLONI – La giustizia giustizialista egiziana

Se una pena dev’essere commisurata a un reato è persino pleonastico rilevare che la condanna a morte di circa 1100 membri della Fratellanza musulmana per l’uccisione di agenti di polizia ha i caratteri dell’esagerazione. Ma ancora una volta il metro di valutazione non può attestarsi sugli apriorismi categoriali. Non foss’altro perché, paradossalmente, un principio attualmente […]

MARCO ALLONI – La giustizia giustizialista egiziana

Se una pena dev’essere commisurata a un reato è persino pleonastico rilevare che la condanna a morte di circa 1100 membri della Fratellanza musulmana per l’uccisione di agenti di polizia ha i caratteri dell’esagerazione. Ma ancora una volta il metro di valutazione non può attestarsi sugli apriorismi categoriali. Non foss’altro perché, paradossalmente, un principio attualmente […]

MARCO ALLONI – La giustizia giustizialista egiziana

Se una pena dev’essere commisurata a un reato è persino pleonastico rilevare che la condanna a morte di circa 1100 membri della Fratellanza musulmana per l’uccisione di agenti di polizia ha i caratteri dell’esagerazione. Ma ancora una volta il metro di valutazione non può attestarsi sugli apriorismi categoriali. Non foss’altro perché, paradossalmente, un principio attualmente […]

MARCO ALLONI – La giustizia giustizialista egiziana

Se una pena dev’essere commisurata a un reato è persino pleonastico rilevare che la condanna a morte di circa 1100 membri della Fratellanza musulmana per l’uccisione di agenti di polizia ha i caratteri dell’esagerazione. Ma ancora una volta il metro di valutazione non può attestarsi sugli apriorismi categoriali. Non foss’altro perché, paradossalmente, un principio attualmente […]

MARCO ALLONI – La giustizia giustizialista egiziana

Se una pena dev’essere commisurata a un reato è persino pleonastico rilevare che la condanna a morte di circa 1100 membri della Fratellanza musulmana per l’uccisione di agenti di polizia ha i caratteri dell’esagerazione. Ma ancora una volta il metro di valutazione non può attestarsi sugli apriorismi categoriali. Non foss’altro perché, paradossalmente, un principio attualmente […]

MARCO ALLONI – La giustizia giustizialista egiziana

Se una pena dev’essere commisurata a un reato è persino pleonastico rilevare che la condanna a morte di circa 1100 membri della Fratellanza musulmana per l’uccisione di agenti di polizia ha i caratteri dell’esagerazione. Ma ancora una volta il metro di valutazione non può attestarsi sugli apriorismi categoriali. Non foss’altro perché, paradossalmente, un principio attualmente […]

MARCO ALLONI – La giustizia giustizialista egiziana

Se una pena dev’essere commisurata a un reato è persino pleonastico rilevare che la condanna a morte di circa 1100 membri della Fratellanza musulmana per l’uccisione di agenti di polizia ha i caratteri dell’esagerazione. Ma ancora una volta il metro di valutazione non può attestarsi sugli apriorismi categoriali. Non foss’altro perché, paradossalmente, un principio attualmente […]

MARCO ALLONI – La giustizia giustizialista egiziana

Se una pena dev’essere commisurata a un reato è persino pleonastico rilevare che la condanna a morte di circa 1100 membri della Fratellanza musulmana per l’uccisione di agenti di polizia ha i caratteri dell’esagerazione. Ma ancora una volta il metro di valutazione non può attestarsi sugli apriorismi categoriali. Non foss’altro perché, paradossalmente, un principio attualmente […]

MARCO ALLONI – La giustizia giustizialista egiziana

Se una pena dev’essere commisurata a un reato è persino pleonastico rilevare che la condanna a morte di circa 1100 membri della Fratellanza musulmana per l’uccisione di agenti di polizia ha i caratteri dell’esagerazione. Ma ancora una volta il metro di valutazione non può attestarsi sugli apriorismi categoriali. Non foss’altro perché, paradossalmente, un principio attualmente […]

MARCO ALLONI – La giustizia giustizialista egiziana

Se una pena dev’essere commisurata a un reato è persino pleonastico rilevare che la condanna a morte di circa 1100 membri della Fratellanza musulmana per l’uccisione di agenti di polizia ha i caratteri dell’esagerazione. Ma ancora una volta il metro di valutazione non può attestarsi sugli apriorismi categoriali. Non foss’altro perché, paradossalmente, un principio attualmente […]

MARCO ALLONI – La giustizia giustizialista egiziana

Se una pena dev’essere commisurata a un reato è persino pleonastico rilevare che la condanna a morte di circa 1100 membri della Fratellanza musulmana per l’uccisione di agenti di polizia ha i caratteri dell’esagerazione. Ma ancora una volta il metro di valutazione non può attestarsi sugli apriorismi categoriali. Non foss’altro perché, paradossalmente, un principio attualmente […]

MARCO ALLONI – La giustizia giustizialista egiziana

Se una pena dev’essere commisurata a un reato è persino pleonastico rilevare che la condanna a morte di circa 1100 membri della Fratellanza musulmana per l’uccisione di agenti di polizia ha i caratteri dell’esagerazione. Ma ancora una volta il metro di valutazione non può attestarsi sugli apriorismi categoriali. Non foss’altro perché, paradossalmente, un principio attualmente […]

MARCO ALLONI – L’odio egiziano come risposta allo “sconsiglio” occidentale

Il colonialismo non è scomparso. Esiste un colonialismo turistico, strisciante e camuffato. Ne sono soggetti molti paesi del Terzo Mondo a cui il privilegio della bellezza, storica e naturale, non sembra accompagnarsi ad altri privilegi. Il caso egiziano è emblematico.
Dopo l’inconsulto sostegno alla Fratellanza musulmana siamo ora di fronte a un’altrettanto aproblematica ansia da […]

MARCO ALLONI – L’odio egiziano come risposta allo “sconsiglio” occidentale

Il colonialismo non è scomparso. Esiste un colonialismo turistico, strisciante e camuffato. Ne sono soggetti molti paesi del Terzo Mondo a cui il privilegio della bellezza, storica e naturale, non sembra accompagnarsi ad altri privilegi. Il caso egiziano è emblematico.
Dopo l’inconsulto sostegno alla Fratellanza musulmana siamo ora di fronte a un’altrettanto aproblematica ansia da […]

MARCO ALLONI – L’odio egiziano come risposta allo “sconsiglio” occidentale

Il colonialismo non è scomparso. Esiste un colonialismo turistico, strisciante e camuffato. Ne sono soggetti molti paesi del Terzo Mondo a cui il privilegio della bellezza, storica e naturale, non sembra accompagnarsi ad altri privilegi. Il caso egiziano è emblematico.
Dopo l’inconsulto sostegno alla Fratellanza musulmana siamo ora di fronte a un’altrettanto aproblematica ansia da […]

MARCO ALLONI – L’odio egiziano come risposta allo “sconsiglio” occidentale

Il colonialismo non è scomparso. Esiste un colonialismo turistico, strisciante e camuffato. Ne sono soggetti molti paesi del Terzo Mondo a cui il privilegio della bellezza, storica e naturale, non sembra accompagnarsi ad altri privilegi. Il caso egiziano è emblematico.
Dopo l’inconsulto sostegno alla Fratellanza musulmana siamo ora di fronte a un’altrettanto aproblematica ansia da […]

MARCO ALLONI – L’odio egiziano come risposta allo “sconsiglio” occidentale

Il colonialismo non è scomparso. Esiste un colonialismo turistico, strisciante e camuffato. Ne sono soggetti molti paesi del Terzo Mondo a cui il privilegio della bellezza, storica e naturale, non sembra accompagnarsi ad altri privilegi. Il caso egiziano è emblematico.
Dopo l’inconsulto sostegno alla Fratellanza musulmana siamo ora di fronte a un’altrettanto aproblematica ansia da […]

MARCO ALLONI – L’odio egiziano come risposta allo “sconsiglio” occidentale

Il colonialismo non è scomparso. Esiste un colonialismo turistico, strisciante e camuffato. Ne sono soggetti molti paesi del Terzo Mondo a cui il privilegio della bellezza, storica e naturale, non sembra accompagnarsi ad altri privilegi. Il caso egiziano è emblematico.
Dopo l’inconsulto sostegno alla Fratellanza musulmana siamo ora di fronte a un’altrettanto aproblematica ansia da […]

MARCO ALLONI – L’odio egiziano come risposta allo “sconsiglio” occidentale

Il colonialismo non è scomparso. Esiste un colonialismo turistico, strisciante e camuffato. Ne sono soggetti molti paesi del Terzo Mondo a cui il privilegio della bellezza, storica e naturale, non sembra accompagnarsi ad altri privilegi. Il caso egiziano è emblematico.
Dopo l’inconsulto sostegno alla Fratellanza musulmana siamo ora di fronte a un’altrettanto aproblematica ansia da […]

MARCO ALLONI – L’odio egiziano come risposta allo “sconsiglio” occidentale

Il colonialismo non è scomparso. Esiste un colonialismo turistico, strisciante e camuffato. Ne sono soggetti molti paesi del Terzo Mondo a cui il privilegio della bellezza, storica e naturale, non sembra accompagnarsi ad altri privilegi. Il caso egiziano è emblematico.
Dopo l’inconsulto sostegno alla Fratellanza musulmana siamo ora di fronte a un’altrettanto aproblematica ansia da […]

MARCO ALLONI – L’odio egiziano come risposta allo “sconsiglio” occidentale

Il colonialismo non è scomparso. Esiste un colonialismo turistico, strisciante e camuffato. Ne sono soggetti molti paesi del Terzo Mondo a cui il privilegio della bellezza, storica e naturale, non sembra accompagnarsi ad altri privilegi. Il caso egiziano è emblematico.
Dopo l’inconsulto sostegno alla Fratellanza musulmana siamo ora di fronte a un’altrettanto aproblematica ansia da […]

MARCO ALLONI – L’odio egiziano come risposta allo “sconsiglio” occidentale

Il colonialismo non è scomparso. Esiste un colonialismo turistico, strisciante e camuffato. Ne sono soggetti molti paesi del Terzo Mondo a cui il privilegio della bellezza, storica e naturale, non sembra accompagnarsi ad altri privilegi. Il caso egiziano è emblematico.
Dopo l’inconsulto sostegno alla Fratellanza musulmana siamo ora di fronte a un’altrettanto aproblematica ansia da […]

MARCO ALLONI – L’odio egiziano come risposta allo “sconsiglio” occidentale

Il colonialismo non è scomparso. Esiste un colonialismo turistico, strisciante e camuffato. Ne sono soggetti molti paesi del Terzo Mondo a cui il privilegio della bellezza, storica e naturale, non sembra accompagnarsi ad altri privilegi. Il caso egiziano è emblematico.
Dopo l’inconsulto sostegno alla Fratellanza musulmana siamo ora di fronte a un’altrettanto aproblematica ansia da […]

MARCO ALLONI – L’odio egiziano come risposta allo “sconsiglio” occidentale

Il colonialismo non è scomparso. Esiste un colonialismo turistico, strisciante e camuffato. Ne sono soggetti molti paesi del Terzo Mondo a cui il privilegio della bellezza, storica e naturale, non sembra accompagnarsi ad altri privilegi. Il caso egiziano è emblematico.
Dopo l’inconsulto sostegno alla Fratellanza musulmana siamo ora di fronte a un’altrettanto aproblematica ansia da […]

MARCO ALLONI – L’odio egiziano come risposta allo “sconsiglio” occidentale

Il colonialismo non è scomparso. Esiste un colonialismo turistico, strisciante e camuffato. Ne sono soggetti molti paesi del Terzo Mondo a cui il privilegio della bellezza, storica e naturale, non sembra accompagnarsi ad altri privilegi. Il caso egiziano è emblematico.
Dopo l’inconsulto sostegno alla Fratellanza musulmana siamo ora di fronte a un’altrettanto aproblematica ansia da […]

MARCO ALLONI – L’odio egiziano come risposta allo “sconsiglio” occidentale

Il colonialismo non è scomparso. Esiste un colonialismo turistico, strisciante e camuffato. Ne sono soggetti molti paesi del Terzo Mondo a cui il privilegio della bellezza, storica e naturale, non sembra accompagnarsi ad altri privilegi. Il caso egiziano è emblematico.
Dopo l’inconsulto sostegno alla Fratellanza musulmana siamo ora di fronte a un’altrettanto aproblematica ansia da […]

MARCO ALLONI – L’odio egiziano come risposta allo “sconsiglio” occidentale

Il colonialismo non è scomparso. Esiste un colonialismo turistico, strisciante e camuffato. Ne sono soggetti molti paesi del Terzo Mondo a cui il privilegio della bellezza, storica e naturale, non sembra accompagnarsi ad altri privilegi. Il caso egiziano è emblematico.
Dopo l’inconsulto sostegno alla Fratellanza musulmana siamo ora di fronte a un’altrettanto aproblematica ansia da […]

MARCO ALLONI – L’odio egiziano come risposta allo “sconsiglio” occidentale

Il colonialismo non è scomparso. Esiste un colonialismo turistico, strisciante e camuffato. Ne sono soggetti molti paesi del Terzo Mondo a cui il privilegio della bellezza, storica e naturale, non sembra accompagnarsi ad altri privilegi. Il caso egiziano è emblematico.
Dopo l’inconsulto sostegno alla Fratellanza musulmana siamo ora di fronte a un’altrettanto aproblematica ansia da […]

MARCO ALLONI – Renzismo e matteologia

Tutto si può dire degli italiani tranne che non abbiano una chiara propensione alla teologia. Dopo un ineffabile “unto del Signore” siamo oggi alla “matteologia”. Non che le affinità attengano al solo aspetto teologale, ma questo la dice lunga su quanto l’attesa messianica sia ancora e sempre un passo avanti alla politica.
Come per ogni […]

MARCO ALLONI – Renzismo e matteologia

Tutto si può dire degli italiani tranne che non abbiano una chiara propensione alla teologia. Dopo un ineffabile “unto del Signore” siamo oggi alla “matteologia”. Non che le affinità attengano al solo aspetto teologale, ma questo la dice lunga su quanto l’attesa messianica sia ancora e sempre un passo avanti alla politica.
Come per ogni […]

MARCO ALLONI – Renzismo e matteologia

Tutto si può dire degli italiani tranne che non abbiano una chiara propensione alla teologia. Dopo un ineffabile “unto del Signore” siamo oggi alla “matteologia”. Non che le affinità attengano al solo aspetto teologale, ma questo la dice lunga su quanto l’attesa messianica sia ancora e sempre un passo avanti alla politica.
Come per ogni […]

MARCO ALLONI – Renzismo e matteologia

Tutto si può dire degli italiani tranne che non abbiano una chiara propensione alla teologia. Dopo un ineffabile “unto del Signore” siamo oggi alla “matteologia”. Non che le affinità attengano al solo aspetto teologale, ma questo la dice lunga su quanto l’attesa messianica sia ancora e sempre un passo avanti alla politica.
Come per ogni […]

MARCO ALLONI – Renzismo e matteologia

Tutto si può dire degli italiani tranne che non abbiano una chiara propensione alla teologia. Dopo un ineffabile “unto del Signore” siamo oggi alla “matteologia”. Non che le affinità attengano al solo aspetto teologale, ma questo la dice lunga su quanto l’attesa messianica sia ancora e sempre un passo avanti alla politica.
Come per ogni […]

MARCO ALLONI – Renzismo e matteologia

Tutto si può dire degli italiani tranne che non abbiano una chiara propensione alla teologia. Dopo un ineffabile “unto del Signore” siamo oggi alla “matteologia”. Non che le affinità attengano al solo aspetto teologale, ma questo la dice lunga su quanto l’attesa messianica sia ancora e sempre un passo avanti alla politica.
Come per ogni […]

MARCO ALLONI – Renzismo e matteologia

Tutto si può dire degli italiani tranne che non abbiano una chiara propensione alla teologia. Dopo un ineffabile “unto del Signore” siamo oggi alla “matteologia”. Non che le affinità attengano al solo aspetto teologale, ma questo la dice lunga su quanto l’attesa messianica sia ancora e sempre un passo avanti alla politica.
Come per ogni […]

MARCO ALLONI – Renzismo e matteologia

Tutto si può dire degli italiani tranne che non abbiano una chiara propensione alla teologia. Dopo un ineffabile “unto del Signore” siamo oggi alla “matteologia”. Non che le affinità attengano al solo aspetto teologale, ma questo la dice lunga su quanto l’attesa messianica sia ancora e sempre un passo avanti alla politica.
Come per ogni […]

MARCO ALLONI – Renzismo e matteologia

Tutto si può dire degli italiani tranne che non abbiano una chiara propensione alla teologia. Dopo un ineffabile “unto del Signore” siamo oggi alla “matteologia”. Non che le affinità attengano al solo aspetto teologale, ma questo la dice lunga su quanto l’attesa messianica sia ancora e sempre un passo avanti alla politica.
Come per ogni […]

MARCO ALLONI – Renzismo e matteologia

Tutto si può dire degli italiani tranne che non abbiano una chiara propensione alla teologia. Dopo un ineffabile “unto del Signore” siamo oggi alla “matteologia”. Non che le affinità attengano al solo aspetto teologale, ma questo la dice lunga su quanto l’attesa messianica sia ancora e sempre un passo avanti alla politica.
Come per ogni […]

MARCO ALLONI – Renzismo e matteologia

Tutto si può dire degli italiani tranne che non abbiano una chiara propensione alla teologia. Dopo un ineffabile “unto del Signore” siamo oggi alla “matteologia”. Non che le affinità attengano al solo aspetto teologale, ma questo la dice lunga su quanto l’attesa messianica sia ancora e sempre un passo avanti alla politica.
Come per ogni […]

MARCO ALLONI – Renzismo e matteologia

Tutto si può dire degli italiani tranne che non abbiano una chiara propensione alla teologia. Dopo un ineffabile “unto del Signore” siamo oggi alla “matteologia”. Non che le affinità attengano al solo aspetto teologale, ma questo la dice lunga su quanto l’attesa messianica sia ancora e sempre un passo avanti alla politica.
Come per ogni […]

MARCO ALLONI – Renzismo e matteologia

Tutto si può dire degli italiani tranne che non abbiano una chiara propensione alla teologia. Dopo un ineffabile “unto del Signore” siamo oggi alla “matteologia”. Non che le affinità attengano al solo aspetto teologale, ma questo la dice lunga su quanto l’attesa messianica sia ancora e sempre un passo avanti alla politica.
Come per ogni […]

MARCO ALLONI – Renzismo e matteologia

Tutto si può dire degli italiani tranne che non abbiano una chiara propensione alla teologia. Dopo un ineffabile “unto del Signore” siamo oggi alla “matteologia”. Non che le affinità attengano al solo aspetto teologale, ma questo la dice lunga su quanto l’attesa messianica sia ancora e sempre un passo avanti alla politica.
Come per ogni […]

MARCO ALLONI – Renzismo e matteologia

Tutto si può dire degli italiani tranne che non abbiano una chiara propensione alla teologia. Dopo un ineffabile “unto del Signore” siamo oggi alla “matteologia”. Non che le affinità attengano al solo aspetto teologale, ma questo la dice lunga su quanto l’attesa messianica sia ancora e sempre un passo avanti alla politica.
Come per ogni […]

MARCO ALLONI – Renzismo e matteologia

Tutto si può dire degli italiani tranne che non abbiano una chiara propensione alla teologia. Dopo un ineffabile “unto del Signore” siamo oggi alla “matteologia”. Non che le affinità attengano al solo aspetto teologale, ma questo la dice lunga su quanto l’attesa messianica sia ancora e sempre un passo avanti alla politica.
Come per ogni […]

MARCO ALLONI – La grande moschea di Milano e l’insidia del pensiero univoco

Permettere ai Fratelli musulmani di contribuire alla nascita di una grande moschea a Milano è pura scelleratezza. Ciò che la giunta Pisapia confonde con un atto libertario è infatti la negazione di quel principio di relativismo che contraddistingue la sinistra europea dal suo nascere. È sul crinale fra tolleranza e intransigenza che si fonda lo […]

MARCO ALLONI – La grande moschea di Milano e l’insidia del pensiero univoco

Permettere ai Fratelli musulmani di contribuire alla nascita di una grande moschea a Milano è pura scelleratezza. Ciò che la giunta Pisapia confonde con un atto libertario è infatti la negazione di quel principio di relativismo che contraddistingue la sinistra europea dal suo nascere. È sul crinale fra tolleranza e intransigenza che si fonda lo […]

MARCO ALLONI – La grande moschea di Milano e l’insidia del pensiero univoco

Permettere ai Fratelli musulmani di contribuire alla nascita di una grande moschea a Milano è pura scelleratezza. Ciò che la giunta Pisapia confonde con un atto libertario è infatti la negazione di quel principio di relativismo che contraddistingue la sinistra europea dal suo nascere. È sul crinale fra tolleranza e intransigenza che si fonda lo […]

MARCO ALLONI – La grande moschea di Milano e l’insidia del pensiero univoco

Permettere ai Fratelli musulmani di contribuire alla nascita di una grande moschea a Milano è pura scelleratezza. Ciò che la giunta Pisapia confonde con un atto libertario è infatti la negazione di quel principio di relativismo che contraddistingue la sinistra europea dal suo nascere. È sul crinale fra tolleranza e intransigenza che si fonda lo […]

MARCO ALLONI – La grande moschea di Milano e l’insidia del pensiero univoco

Permettere ai Fratelli musulmani di contribuire alla nascita di una grande moschea a Milano è pura scelleratezza. Ciò che la giunta Pisapia confonde con un atto libertario è infatti la negazione di quel principio di relativismo che contraddistingue la sinistra europea dal suo nascere. È sul crinale fra tolleranza e intransigenza che si fonda lo […]

MARCO ALLONI – La grande moschea di Milano e l’insidia del pensiero univoco

Permettere ai Fratelli musulmani di contribuire alla nascita di una grande moschea a Milano è pura scelleratezza. Ciò che la giunta Pisapia confonde con un atto libertario è infatti la negazione di quel principio di relativismo che contraddistingue la sinistra europea dal suo nascere. È sul crinale fra tolleranza e intransigenza che si fonda lo […]

MARCO ALLONI – La grande moschea di Milano e l’insidia del pensiero univoco

Permettere ai Fratelli musulmani di contribuire alla nascita di una grande moschea a Milano è pura scelleratezza. Ciò che la giunta Pisapia confonde con un atto libertario è infatti la negazione di quel principio di relativismo che contraddistingue la sinistra europea dal suo nascere. È sul crinale fra tolleranza e intransigenza che si fonda lo […]

MARCO ALLONI – La grande moschea di Milano e l’insidia del pensiero univoco

Permettere ai Fratelli musulmani di contribuire alla nascita di una grande moschea a Milano è pura scelleratezza. Ciò che la giunta Pisapia confonde con un atto libertario è infatti la negazione di quel principio di relativismo che contraddistingue la sinistra europea dal suo nascere. È sul crinale fra tolleranza e intransigenza che si fonda lo […]

MARCO ALLONI – La grande moschea di Milano e l’insidia del pensiero univoco

Permettere ai Fratelli musulmani di contribuire alla nascita di una grande moschea a Milano è pura scelleratezza. Ciò che la giunta Pisapia confonde con un atto libertario è infatti la negazione di quel principio di relativismo che contraddistingue la sinistra europea dal suo nascere. È sul crinale fra tolleranza e intransigenza che si fonda lo […]

MARCO ALLONI – La grande moschea di Milano e l’insidia del pensiero univoco

Permettere ai Fratelli musulmani di contribuire alla nascita di una grande moschea a Milano è pura scelleratezza. Ciò che la giunta Pisapia confonde con un atto libertario è infatti la negazione di quel principio di relativismo che contraddistingue la sinistra europea dal suo nascere. È sul crinale fra tolleranza e intransigenza che si fonda lo […]

MARCO ALLONI – La grande moschea di Milano e l’insidia del pensiero univoco

Permettere ai Fratelli musulmani di contribuire alla nascita di una grande moschea a Milano è pura scelleratezza. Ciò che la giunta Pisapia confonde con un atto libertario è infatti la negazione di quel principio di relativismo che contraddistingue la sinistra europea dal suo nascere. È sul crinale fra tolleranza e intransigenza che si fonda lo […]

MARCO ALLONI – La grande moschea di Milano e l’insidia del pensiero univoco

Permettere ai Fratelli musulmani di contribuire alla nascita di una grande moschea a Milano è pura scelleratezza. Ciò che la giunta Pisapia confonde con un atto libertario è infatti la negazione di quel principio di relativismo che contraddistingue la sinistra europea dal suo nascere. È sul crinale fra tolleranza e intransigenza che si fonda lo […]

MARCO ALLONI – La grande moschea di Milano e l’insidia del pensiero univoco

Permettere ai Fratelli musulmani di contribuire alla nascita di una grande moschea a Milano è pura scelleratezza. Ciò che la giunta Pisapia confonde con un atto libertario è infatti la negazione di quel principio di relativismo che contraddistingue la sinistra europea dal suo nascere. È sul crinale fra tolleranza e intransigenza che si fonda lo […]

MARCO ALLONI – La grande moschea di Milano e l’insidia del pensiero univoco

Permettere ai Fratelli musulmani di contribuire alla nascita di una grande moschea a Milano è pura scelleratezza. Ciò che la giunta Pisapia confonde con un atto libertario è infatti la negazione di quel principio di relativismo che contraddistingue la sinistra europea dal suo nascere. È sul crinale fra tolleranza e intransigenza che si fonda lo […]

MARCO ALLONI – La grande moschea di Milano e l’insidia del pensiero univoco

Permettere ai Fratelli musulmani di contribuire alla nascita di una grande moschea a Milano è pura scelleratezza. Ciò che la giunta Pisapia confonde con un atto libertario è infatti la negazione di quel principio di relativismo che contraddistingue la sinistra europea dal suo nascere. È sul crinale fra tolleranza e intransigenza che si fonda lo […]

MARCO ALLONI – La grande moschea di Milano e l’insidia del pensiero univoco

Permettere ai Fratelli musulmani di contribuire alla nascita di una grande moschea a Milano è pura scelleratezza. Ciò che la giunta Pisapia confonde con un atto libertario è infatti la negazione di quel principio di relativismo che contraddistingue la sinistra europea dal suo nascere. È sul crinale fra tolleranza e intransigenza che si fonda lo […]

MARCO ALLONI – Egitto, per la primavera c’è ancora speranza

Parrebbe che la forma più deteriore di bipolarismo si sia imposta in Egitto. Invece di un centrodestra e di un centrosinistra all’italiana siamo di fronte a due destre: quella militare e quella islamista. Tertium non datur. O per meglio dire: istanze della rivoluzione escluse.
La domanda che tutti si pongono è adesso: il popolo che […]

MARCO ALLONI – Egitto, per la primavera c’è ancora speranza

Parrebbe che la forma più deteriore di bipolarismo si sia imposta in Egitto. Invece di un centrodestra e di un centrosinistra all’italiana siamo di fronte a due destre: quella militare e quella islamista. Tertium non datur. O per meglio dire: istanze della rivoluzione escluse.
La domanda che tutti si pongono è adesso: il popolo che […]

MARCO ALLONI – Egitto, per la primavera c’è ancora speranza

Parrebbe che la forma più deteriore di bipolarismo si sia imposta in Egitto. Invece di un centrodestra e di un centrosinistra all’italiana siamo di fronte a due destre: quella militare e quella islamista. Tertium non datur. O per meglio dire: istanze della rivoluzione escluse.
La domanda che tutti si pongono è adesso: il popolo che […]

MARCO ALLONI – Egitto, per la primavera c’è ancora speranza

Parrebbe che la forma più deteriore di bipolarismo si sia imposta in Egitto. Invece di un centrodestra e di un centrosinistra all’italiana siamo di fronte a due destre: quella militare e quella islamista. Tertium non datur. O per meglio dire: istanze della rivoluzione escluse.
La domanda che tutti si pongono è adesso: il popolo che […]

MARCO ALLONI – Egitto, per la primavera c’è ancora speranza

Parrebbe che la forma più deteriore di bipolarismo si sia imposta in Egitto. Invece di un centrodestra e di un centrosinistra all’italiana siamo di fronte a due destre: quella militare e quella islamista. Tertium non datur. O per meglio dire: istanze della rivoluzione escluse.
La domanda che tutti si pongono è adesso: il popolo che […]

MARCO ALLONI – Egitto, per la primavera c’è ancora speranza

Parrebbe che la forma più deteriore di bipolarismo si sia imposta in Egitto. Invece di un centrodestra e di un centrosinistra all’italiana siamo di fronte a due destre: quella militare e quella islamista. Tertium non datur. O per meglio dire: istanze della rivoluzione escluse.
La domanda che tutti si pongono è adesso: il popolo che […]

MARCO ALLONI – Egitto, per la primavera c’è ancora speranza

Parrebbe che la forma più deteriore di bipolarismo si sia imposta in Egitto. Invece di un centrodestra e di un centrosinistra all’italiana siamo di fronte a due destre: quella militare e quella islamista. Tertium non datur. O per meglio dire: istanze della rivoluzione escluse.
La domanda che tutti si pongono è adesso: il popolo che […]

MARCO ALLONI – Egitto, per la primavera c’è ancora speranza

Parrebbe che la forma più deteriore di bipolarismo si sia imposta in Egitto. Invece di un centrodestra e di un centrosinistra all’italiana siamo di fronte a due destre: quella militare e quella islamista. Tertium non datur. O per meglio dire: istanze della rivoluzione escluse.
La domanda che tutti si pongono è adesso: il popolo che […]

MARCO ALLONI – Egitto, per la primavera c’è ancora speranza

Parrebbe che la forma più deteriore di bipolarismo si sia imposta in Egitto. Invece di un centrodestra e di un centrosinistra all’italiana siamo di fronte a due destre: quella militare e quella islamista. Tertium non datur. O per meglio dire: istanze della rivoluzione escluse.
La domanda che tutti si pongono è adesso: il popolo che […]

MARCO ALLONI – Egitto, per la primavera c’è ancora speranza

Parrebbe che la forma più deteriore di bipolarismo si sia imposta in Egitto. Invece di un centrodestra e di un centrosinistra all’italiana siamo di fronte a due destre: quella militare e quella islamista. Tertium non datur. O per meglio dire: istanze della rivoluzione escluse.
La domanda che tutti si pongono è adesso: il popolo che […]

MARCO ALLONI – Egitto, per la primavera c’è ancora speranza

Parrebbe che la forma più deteriore di bipolarismo si sia imposta in Egitto. Invece di un centrodestra e di un centrosinistra all’italiana siamo di fronte a due destre: quella militare e quella islamista. Tertium non datur. O per meglio dire: istanze della rivoluzione escluse.
La domanda che tutti si pongono è adesso: il popolo che […]

MARCO ALLONI – Egitto, per la primavera c’è ancora speranza

Parrebbe che la forma più deteriore di bipolarismo si sia imposta in Egitto. Invece di un centrodestra e di un centrosinistra all’italiana siamo di fronte a due destre: quella militare e quella islamista. Tertium non datur. O per meglio dire: istanze della rivoluzione escluse.
La domanda che tutti si pongono è adesso: il popolo che […]

MARCO ALLONI – Egitto, per la primavera c’è ancora speranza

Parrebbe che la forma più deteriore di bipolarismo si sia imposta in Egitto. Invece di un centrodestra e di un centrosinistra all’italiana siamo di fronte a due destre: quella militare e quella islamista. Tertium non datur. O per meglio dire: istanze della rivoluzione escluse.
La domanda che tutti si pongono è adesso: il popolo che […]

MARCO ALLONI – Egitto, per la primavera c’è ancora speranza

Parrebbe che la forma più deteriore di bipolarismo si sia imposta in Egitto. Invece di un centrodestra e di un centrosinistra all’italiana siamo di fronte a due destre: quella militare e quella islamista. Tertium non datur. O per meglio dire: istanze della rivoluzione escluse.
La domanda che tutti si pongono è adesso: il popolo che […]

MARCO ALLONI – Egitto, per la primavera c’è ancora speranza

Parrebbe che la forma più deteriore di bipolarismo si sia imposta in Egitto. Invece di un centrodestra e di un centrosinistra all’italiana siamo di fronte a due destre: quella militare e quella islamista. Tertium non datur. O per meglio dire: istanze della rivoluzione escluse.
La domanda che tutti si pongono è adesso: il popolo che […]

MARCO ALLONI – Egitto, per la primavera c’è ancora speranza

Parrebbe che la forma più deteriore di bipolarismo si sia imposta in Egitto. Invece di un centrodestra e di un centrosinistra all’italiana siamo di fronte a due destre: quella militare e quella islamista. Tertium non datur. O per meglio dire: istanze della rivoluzione escluse.
La domanda che tutti si pongono è adesso: il popolo che […]

MARCO ALLONI – Fratelli musulmani: gli attentati alla cultura

Recentemente è stato aggredito lo scrittore Alaa Al-Aswani all’Istituto del Mondo Arabo di Parigi. Qualcuno mi ha chiesto ragguagli su Facebook a proposito dell’accaduto. Ho risposto che si era trattato di un manipolo di Fratelli musulmani che avevano interrotto la conferenza con lanci di libri e dispense nonché pesanti insulti in arabo – per carità […]

MARCO ALLONI – Fratelli musulmani: gli attentati alla cultura

Recentemente è stato aggredito lo scrittore Alaa Al-Aswani all’Istituto del Mondo Arabo di Parigi. Qualcuno mi ha chiesto ragguagli su Facebook a proposito dell’accaduto. Ho risposto che si era trattato di un manipolo di Fratelli musulmani che avevano interrotto la conferenza con lanci di libri e dispense nonché pesanti insulti in arabo – per carità […]

MARCO ALLONI – Fratelli musulmani: gli attentati alla cultura

Recentemente è stato aggredito lo scrittore Alaa Al-Aswani all’Istituto del Mondo Arabo di Parigi. Qualcuno mi ha chiesto ragguagli su Facebook a proposito dell’accaduto. Ho risposto che si era trattato di un manipolo di Fratelli musulmani che avevano interrotto la conferenza con lanci di libri e dispense nonché pesanti insulti in arabo – per carità […]

MARCO ALLONI – Fratelli musulmani: gli attentati alla cultura

Recentemente è stato aggredito lo scrittore Alaa Al-Aswani all’Istituto del Mondo Arabo di Parigi. Qualcuno mi ha chiesto ragguagli su Facebook a proposito dell’accaduto. Ho risposto che si era trattato di un manipolo di Fratelli musulmani che avevano interrotto la conferenza con lanci di libri e dispense nonché pesanti insulti in arabo – per carità […]

MARCO ALLONI – Fratelli musulmani: gli attentati alla cultura

Recentemente è stato aggredito lo scrittore Alaa Al-Aswani all’Istituto del Mondo Arabo di Parigi. Qualcuno mi ha chiesto ragguagli su Facebook a proposito dell’accaduto. Ho risposto che si era trattato di un manipolo di Fratelli musulmani che avevano interrotto la conferenza con lanci di libri e dispense nonché pesanti insulti in arabo – per carità […]

MARCO ALLONI – Fratelli musulmani: gli attentati alla cultura

Recentemente è stato aggredito lo scrittore Alaa Al-Aswani all’Istituto del Mondo Arabo di Parigi. Qualcuno mi ha chiesto ragguagli su Facebook a proposito dell’accaduto. Ho risposto che si era trattato di un manipolo di Fratelli musulmani che avevano interrotto la conferenza con lanci di libri e dispense nonché pesanti insulti in arabo – per carità […]

MARCO ALLONI – Fratelli musulmani: gli attentati alla cultura

Recentemente è stato aggredito lo scrittore Alaa Al-Aswani all’Istituto del Mondo Arabo di Parigi. Qualcuno mi ha chiesto ragguagli su Facebook a proposito dell’accaduto. Ho risposto che si era trattato di un manipolo di Fratelli musulmani che avevano interrotto la conferenza con lanci di libri e dispense nonché pesanti insulti in arabo – per carità […]

MARCO ALLONI – Fratelli musulmani: gli attentati alla cultura

Recentemente è stato aggredito lo scrittore Alaa Al-Aswani all’Istituto del Mondo Arabo di Parigi. Qualcuno mi ha chiesto ragguagli su Facebook a proposito dell’accaduto. Ho risposto che si era trattato di un manipolo di Fratelli musulmani che avevano interrotto la conferenza con lanci di libri e dispense nonché pesanti insulti in arabo – per carità […]

MARCO ALLONI – Fratelli musulmani: gli attentati alla cultura

Recentemente è stato aggredito lo scrittore Alaa Al-Aswani all’Istituto del Mondo Arabo di Parigi. Qualcuno mi ha chiesto ragguagli su Facebook a proposito dell’accaduto. Ho risposto che si era trattato di un manipolo di Fratelli musulmani che avevano interrotto la conferenza con lanci di libri e dispense nonché pesanti insulti in arabo – per carità […]

MARCO ALLONI – Fratelli musulmani: gli attentati alla cultura

Recentemente è stato aggredito lo scrittore Alaa Al-Aswani all’Istituto del Mondo Arabo di Parigi. Qualcuno mi ha chiesto ragguagli su Facebook a proposito dell’accaduto. Ho risposto che si era trattato di un manipolo di Fratelli musulmani che avevano interrotto la conferenza con lanci di libri e dispense nonché pesanti insulti in arabo – per carità […]

MARCO ALLONI – Fratelli musulmani: gli attentati alla cultura

Recentemente è stato aggredito lo scrittore Alaa Al-Aswani all’Istituto del Mondo Arabo di Parigi. Qualcuno mi ha chiesto ragguagli su Facebook a proposito dell’accaduto. Ho risposto che si era trattato di un manipolo di Fratelli musulmani che avevano interrotto la conferenza con lanci di libri e dispense nonché pesanti insulti in arabo – per carità […]

MARCO ALLONI – Fratelli musulmani: gli attentati alla cultura

Recentemente è stato aggredito lo scrittore Alaa Al-Aswani all’Istituto del Mondo Arabo di Parigi. Qualcuno mi ha chiesto ragguagli su Facebook a proposito dell’accaduto. Ho risposto che si era trattato di un manipolo di Fratelli musulmani che avevano interrotto la conferenza con lanci di libri e dispense nonché pesanti insulti in arabo – per carità […]

MARCO ALLONI – Fratelli musulmani: gli attentati alla cultura

Recentemente è stato aggredito lo scrittore Alaa Al-Aswani all’Istituto del Mondo Arabo di Parigi. Qualcuno mi ha chiesto ragguagli su Facebook a proposito dell’accaduto. Ho risposto che si era trattato di un manipolo di Fratelli musulmani che avevano interrotto la conferenza con lanci di libri e dispense nonché pesanti insulti in arabo – per carità […]

MARCO ALLONI – Fratelli musulmani: gli attentati alla cultura

Recentemente è stato aggredito lo scrittore Alaa Al-Aswani all’Istituto del Mondo Arabo di Parigi. Qualcuno mi ha chiesto ragguagli su Facebook a proposito dell’accaduto. Ho risposto che si era trattato di un manipolo di Fratelli musulmani che avevano interrotto la conferenza con lanci di libri e dispense nonché pesanti insulti in arabo – per carità […]

MARCO ALLONI – Fratelli musulmani: gli attentati alla cultura

Recentemente è stato aggredito lo scrittore Alaa Al-Aswani all’Istituto del Mondo Arabo di Parigi. Qualcuno mi ha chiesto ragguagli su Facebook a proposito dell’accaduto. Ho risposto che si era trattato di un manipolo di Fratelli musulmani che avevano interrotto la conferenza con lanci di libri e dispense nonché pesanti insulti in arabo – per carità […]

MARCO ALLONI – Fratelli musulmani: gli attentati alla cultura

Recentemente è stato aggredito lo scrittore Alaa Al-Aswani all’Istituto del Mondo Arabo di Parigi. Qualcuno mi ha chiesto ragguagli su Facebook a proposito dell’accaduto. Ho risposto che si era trattato di un manipolo di Fratelli musulmani che avevano interrotto la conferenza con lanci di libri e dispense nonché pesanti insulti in arabo – per carità […]

MARCO ALLONI – Caro Quirico, l’Islam moderato esiste

I.
Domenico Quirico, il giornalista della Stampa sequestrato e poi liberato dai jihadisti del Free Syrian Army, merita un tributo di rispetto per una ragione che sta molto al qua della sua audacia – in definitiva pleonastica – di giornalista. Dico pleonastica perché un reporter audace è appunto – malgrado le varie Lucie Goracci sguinzagliate a […]

MARCO ALLONI – Caro Quirico, l’Islam moderato esiste

I.
Domenico Quirico, il giornalista della Stampa sequestrato e poi liberato dai jihadisti del Free Syrian Army, merita un tributo di rispetto per una ragione che sta molto al qua della sua audacia – in definitiva pleonastica – di giornalista. Dico pleonastica perché un reporter audace è appunto – malgrado le varie Lucie Goracci sguinzagliate a […]

MARCO ALLONI – Caro Quirico, l’Islam moderato esiste

I.
Domenico Quirico, il giornalista della Stampa sequestrato e poi liberato dai jihadisti del Free Syrian Army, merita un tributo di rispetto per una ragione che sta molto al qua della sua audacia – in definitiva pleonastica – di giornalista. Dico pleonastica perché un reporter audace è appunto – malgrado le varie Lucie Goracci sguinzagliate a […]

MARCO ALLONI – Caro Quirico, l’Islam moderato esiste

I.
Domenico Quirico, il giornalista della Stampa sequestrato e poi liberato dai jihadisti del Free Syrian Army, merita un tributo di rispetto per una ragione che sta molto al qua della sua audacia – in definitiva pleonastica – di giornalista. Dico pleonastica perché un reporter audace è appunto – malgrado le varie Lucie Goracci sguinzagliate a […]

MARCO ALLONI – Caro Quirico, l’Islam moderato esiste

I.
Domenico Quirico, il giornalista della Stampa sequestrato e poi liberato dai jihadisti del Free Syrian Army, merita un tributo di rispetto per una ragione che sta molto al qua della sua audacia – in definitiva pleonastica – di giornalista. Dico pleonastica perché un reporter audace è appunto – malgrado le varie Lucie Goracci sguinzagliate a […]

MARCO ALLONI – Caro Quirico, l’Islam moderato esiste

I.
Domenico Quirico, il giornalista della Stampa sequestrato e poi liberato dai jihadisti del Free Syrian Army, merita un tributo di rispetto per una ragione che sta molto al qua della sua audacia – in definitiva pleonastica – di giornalista. Dico pleonastica perché un reporter audace è appunto – malgrado le varie Lucie Goracci sguinzagliate a […]

MARCO ALLONI – Caro Quirico, l’Islam moderato esiste

I.
Domenico Quirico, il giornalista della Stampa sequestrato e poi liberato dai jihadisti del Free Syrian Army, merita un tributo di rispetto per una ragione che sta molto al qua della sua audacia – in definitiva pleonastica – di giornalista. Dico pleonastica perché un reporter audace è appunto – malgrado le varie Lucie Goracci sguinzagliate a […]

MARCO ALLONI – Caro Quirico, l’Islam moderato esiste

I.
Domenico Quirico, il giornalista della Stampa sequestrato e poi liberato dai jihadisti del Free Syrian Army, merita un tributo di rispetto per una ragione che sta molto al qua della sua audacia – in definitiva pleonastica – di giornalista. Dico pleonastica perché un reporter audace è appunto – malgrado le varie Lucie Goracci sguinzagliate a […]

MARCO ALLONI – Caro Quirico, l’Islam moderato esiste

I.
Domenico Quirico, il giornalista della Stampa sequestrato e poi liberato dai jihadisti del Free Syrian Army, merita un tributo di rispetto per una ragione che sta molto al qua della sua audacia – in definitiva pleonastica – di giornalista. Dico pleonastica perché un reporter audace è appunto – malgrado le varie Lucie Goracci sguinzagliate a […]

MARCO ALLONI – Caro Quirico, l’Islam moderato esiste

I.
Domenico Quirico, il giornalista della Stampa sequestrato e poi liberato dai jihadisti del Free Syrian Army, merita un tributo di rispetto per una ragione che sta molto al qua della sua audacia – in definitiva pleonastica – di giornalista. Dico pleonastica perché un reporter audace è appunto – malgrado le varie Lucie Goracci sguinzagliate a […]

MARCO ALLONI – Caro Quirico, l’Islam moderato esiste

I.
Domenico Quirico, il giornalista della Stampa sequestrato e poi liberato dai jihadisti del Free Syrian Army, merita un tributo di rispetto per una ragione che sta molto al qua della sua audacia – in definitiva pleonastica – di giornalista. Dico pleonastica perché un reporter audace è appunto – malgrado le varie Lucie Goracci sguinzagliate a […]

MARCO ALLONI – Caro Quirico, l’Islam moderato esiste

I.
Domenico Quirico, il giornalista della Stampa sequestrato e poi liberato dai jihadisti del Free Syrian Army, merita un tributo di rispetto per una ragione che sta molto al qua della sua audacia – in definitiva pleonastica – di giornalista. Dico pleonastica perché un reporter audace è appunto – malgrado le varie Lucie Goracci sguinzagliate a […]

MARCO ALLONI – Caro Quirico, l’Islam moderato esiste

I.
Domenico Quirico, il giornalista della Stampa sequestrato e poi liberato dai jihadisti del Free Syrian Army, merita un tributo di rispetto per una ragione che sta molto al qua della sua audacia – in definitiva pleonastica – di giornalista. Dico pleonastica perché un reporter audace è appunto – malgrado le varie Lucie Goracci sguinzagliate a […]

MARCO ALLONI – Caro Quirico, l’Islam moderato esiste

I.
Domenico Quirico, il giornalista della Stampa sequestrato e poi liberato dai jihadisti del Free Syrian Army, merita un tributo di rispetto per una ragione che sta molto al qua della sua audacia – in definitiva pleonastica – di giornalista. Dico pleonastica perché un reporter audace è appunto – malgrado le varie Lucie Goracci sguinzagliate a […]

MARCO ALLONI – Caro Quirico, l’Islam moderato esiste

I.
Domenico Quirico, il giornalista della Stampa sequestrato e poi liberato dai jihadisti del Free Syrian Army, merita un tributo di rispetto per una ragione che sta molto al qua della sua audacia – in definitiva pleonastica – di giornalista. Dico pleonastica perché un reporter audace è appunto – malgrado le varie Lucie Goracci sguinzagliate a […]

MARCO ALLONI – Caro Quirico, l’Islam moderato esiste

I.
Domenico Quirico, il giornalista della Stampa sequestrato e poi liberato dai jihadisti del Free Syrian Army, merita un tributo di rispetto per una ragione che sta molto al qua della sua audacia – in definitiva pleonastica – di giornalista. Dico pleonastica perché un reporter audace è appunto – malgrado le varie Lucie Goracci sguinzagliate a […]

MARCO ALLONI – Vecchioni e il Nobel

“Sono onorato, emozionato e sorpreso per questa nomination al Nobel per la Letteratura che va ben oltre qualsiasi aspettativa personale”.
A pronunciare tali parole è Roberto Vecchioni, a cui l’Accademia di Svezia pare voglia offrire la candidatura al Nobel per la Letteratura. Parole che sopravanzano per impudenza persino quelle dei selezionatori di Stoccolma, non tanto perché […]

MARCO ALLONI – Vecchioni e il Nobel

“Sono onorato, emozionato e sorpreso per questa nomination al Nobel per la Letteratura che va ben oltre qualsiasi aspettativa personale”.
A pronunciare tali parole è Roberto Vecchioni, a cui l’Accademia di Svezia pare voglia offrire la candidatura al Nobel per la Letteratura. Parole che sopravanzano per impudenza persino quelle dei selezionatori di Stoccolma, non tanto perché […]

MARCO ALLONI – Vecchioni e il Nobel

“Sono onorato, emozionato e sorpreso per questa nomination al Nobel per la Letteratura che va ben oltre qualsiasi aspettativa personale”.
A pronunciare tali parole è Roberto Vecchioni, a cui l’Accademia di Svezia pare voglia offrire la candidatura al Nobel per la Letteratura. Parole che sopravanzano per impudenza persino quelle dei selezionatori di Stoccolma, non tanto perché […]

MARCO ALLONI – Vecchioni e il Nobel

“Sono onorato, emozionato e sorpreso per questa nomination al Nobel per la Letteratura che va ben oltre qualsiasi aspettativa personale”.
A pronunciare tali parole è Roberto Vecchioni, a cui l’Accademia di Svezia pare voglia offrire la candidatura al Nobel per la Letteratura. Parole che sopravanzano per impudenza persino quelle dei selezionatori di Stoccolma, non tanto perché […]

MARCO ALLONI – Vecchioni e il Nobel

“Sono onorato, emozionato e sorpreso per questa nomination al Nobel per la Letteratura che va ben oltre qualsiasi aspettativa personale”.
A pronunciare tali parole è Roberto Vecchioni, a cui l’Accademia di Svezia pare voglia offrire la candidatura al Nobel per la Letteratura. Parole che sopravanzano per impudenza persino quelle dei selezionatori di Stoccolma, non tanto perché […]

MARCO ALLONI – Vecchioni e il Nobel

“Sono onorato, emozionato e sorpreso per questa nomination al Nobel per la Letteratura che va ben oltre qualsiasi aspettativa personale”.
A pronunciare tali parole è Roberto Vecchioni, a cui l’Accademia di Svezia pare voglia offrire la candidatura al Nobel per la Letteratura. Parole che sopravanzano per impudenza persino quelle dei selezionatori di Stoccolma, non tanto perché […]

MARCO ALLONI – Vecchioni e il Nobel

“Sono onorato, emozionato e sorpreso per questa nomination al Nobel per la Letteratura che va ben oltre qualsiasi aspettativa personale”.
A pronunciare tali parole è Roberto Vecchioni, a cui l’Accademia di Svezia pare voglia offrire la candidatura al Nobel per la Letteratura. Parole che sopravanzano per impudenza persino quelle dei selezionatori di Stoccolma, non tanto perché […]

MARCO ALLONI – Vecchioni e il Nobel

“Sono onorato, emozionato e sorpreso per questa nomination al Nobel per la Letteratura che va ben oltre qualsiasi aspettativa personale”.
A pronunciare tali parole è Roberto Vecchioni, a cui l’Accademia di Svezia pare voglia offrire la candidatura al Nobel per la Letteratura. Parole che sopravanzano per impudenza persino quelle dei selezionatori di Stoccolma, non tanto perché […]

MARCO ALLONI – Vecchioni e il Nobel

“Sono onorato, emozionato e sorpreso per questa nomination al Nobel per la Letteratura che va ben oltre qualsiasi aspettativa personale”.
A pronunciare tali parole è Roberto Vecchioni, a cui l’Accademia di Svezia pare voglia offrire la candidatura al Nobel per la Letteratura. Parole che sopravanzano per impudenza persino quelle dei selezionatori di Stoccolma, non tanto perché […]

MARCO ALLONI – Vecchioni e il Nobel

“Sono onorato, emozionato e sorpreso per questa nomination al Nobel per la Letteratura che va ben oltre qualsiasi aspettativa personale”.
A pronunciare tali parole è Roberto Vecchioni, a cui l’Accademia di Svezia pare voglia offrire la candidatura al Nobel per la Letteratura. Parole che sopravanzano per impudenza persino quelle dei selezionatori di Stoccolma, non tanto perché […]

MARCO ALLONI – Vecchioni e il Nobel

“Sono onorato, emozionato e sorpreso per questa nomination al Nobel per la Letteratura che va ben oltre qualsiasi aspettativa personale”.
A pronunciare tali parole è Roberto Vecchioni, a cui l’Accademia di Svezia pare voglia offrire la candidatura al Nobel per la Letteratura. Parole che sopravanzano per impudenza persino quelle dei selezionatori di Stoccolma, non tanto perché […]

MARCO ALLONI – Vecchioni e il Nobel

“Sono onorato, emozionato e sorpreso per questa nomination al Nobel per la Letteratura che va ben oltre qualsiasi aspettativa personale”.
A pronunciare tali parole è Roberto Vecchioni, a cui l’Accademia di Svezia pare voglia offrire la candidatura al Nobel per la Letteratura. Parole che sopravanzano per impudenza persino quelle dei selezionatori di Stoccolma, non tanto perché […]

MARCO ALLONI – Vecchioni e il Nobel

“Sono onorato, emozionato e sorpreso per questa nomination al Nobel per la Letteratura che va ben oltre qualsiasi aspettativa personale”.
A pronunciare tali parole è Roberto Vecchioni, a cui l’Accademia di Svezia pare voglia offrire la candidatura al Nobel per la Letteratura. Parole che sopravanzano per impudenza persino quelle dei selezionatori di Stoccolma, non tanto perché […]

MARCO ALLONI – Vecchioni e il Nobel

“Sono onorato, emozionato e sorpreso per questa nomination al Nobel per la Letteratura che va ben oltre qualsiasi aspettativa personale”.
A pronunciare tali parole è Roberto Vecchioni, a cui l’Accademia di Svezia pare voglia offrire la candidatura al Nobel per la Letteratura. Parole che sopravanzano per impudenza persino quelle dei selezionatori di Stoccolma, non tanto perché […]

MARCO ALLONI – Vecchioni e il Nobel

“Sono onorato, emozionato e sorpreso per questa nomination al Nobel per la Letteratura che va ben oltre qualsiasi aspettativa personale”.
A pronunciare tali parole è Roberto Vecchioni, a cui l’Accademia di Svezia pare voglia offrire la candidatura al Nobel per la Letteratura. Parole che sopravanzano per impudenza persino quelle dei selezionatori di Stoccolma, non tanto perché […]

MARCO ALLONI – Vecchioni e il Nobel

“Sono onorato, emozionato e sorpreso per questa nomination al Nobel per la Letteratura che va ben oltre qualsiasi aspettativa personale”.
A pronunciare tali parole è Roberto Vecchioni, a cui l’Accademia di Svezia pare voglia offrire la candidatura al Nobel per la Letteratura. Parole che sopravanzano per impudenza persino quelle dei selezionatori di Stoccolma, non tanto perché […]

MARCO ALLONI – L’Egitto e la fine della sudditanza

Che cosa stia accadendo in Egitto è presto detto. La ragion pratica, o la Realpolitik, sta acquistando i caratteri del darwinismo. Si pensava di poter ribadire la vulgata straniera secondo la quale l’elezione di Morsi rappresentava il passaggio dalla dittatura alla democrazia; si pensava di poter cantilenare il leit-motiv del golpe. Invece le formule rassicuranti […]

MARCO ALLONI – L’Egitto e la fine della sudditanza

Che cosa stia accadendo in Egitto è presto detto. La ragion pratica, o la Realpolitik, sta acquistando i caratteri del darwinismo. Si pensava di poter ribadire la vulgata straniera secondo la quale l’elezione di Morsi rappresentava il passaggio dalla dittatura alla democrazia; si pensava di poter cantilenare il leit-motiv del golpe. Invece le formule rassicuranti […]

MARCO ALLONI – L’Egitto e la fine della sudditanza

Che cosa stia accadendo in Egitto è presto detto. La ragion pratica, o la Realpolitik, sta acquistando i caratteri del darwinismo. Si pensava di poter ribadire la vulgata straniera secondo la quale l’elezione di Morsi rappresentava il passaggio dalla dittatura alla democrazia; si pensava di poter cantilenare il leit-motiv del golpe. Invece le formule rassicuranti […]

MARCO ALLONI – L’Egitto e la fine della sudditanza

Che cosa stia accadendo in Egitto è presto detto. La ragion pratica, o la Realpolitik, sta acquistando i caratteri del darwinismo. Si pensava di poter ribadire la vulgata straniera secondo la quale l’elezione di Morsi rappresentava il passaggio dalla dittatura alla democrazia; si pensava di poter cantilenare il leit-motiv del golpe. Invece le formule rassicuranti […]

MARCO ALLONI – L’Egitto e la fine della sudditanza

Che cosa stia accadendo in Egitto è presto detto. La ragion pratica, o la Realpolitik, sta acquistando i caratteri del darwinismo. Si pensava di poter ribadire la vulgata straniera secondo la quale l’elezione di Morsi rappresentava il passaggio dalla dittatura alla democrazia; si pensava di poter cantilenare il leit-motiv del golpe. Invece le formule rassicuranti […]

MARCO ALLONI – L’Egitto e la fine della sudditanza

Che cosa stia accadendo in Egitto è presto detto. La ragion pratica, o la Realpolitik, sta acquistando i caratteri del darwinismo. Si pensava di poter ribadire la vulgata straniera secondo la quale l’elezione di Morsi rappresentava il passaggio dalla dittatura alla democrazia; si pensava di poter cantilenare il leit-motiv del golpe. Invece le formule rassicuranti […]

MARCO ALLONI – L’Egitto e la fine della sudditanza

Che cosa stia accadendo in Egitto è presto detto. La ragion pratica, o la Realpolitik, sta acquistando i caratteri del darwinismo. Si pensava di poter ribadire la vulgata straniera secondo la quale l’elezione di Morsi rappresentava il passaggio dalla dittatura alla democrazia; si pensava di poter cantilenare il leit-motiv del golpe. Invece le formule rassicuranti […]

MARCO ALLONI – L’Egitto e la fine della sudditanza

Che cosa stia accadendo in Egitto è presto detto. La ragion pratica, o la Realpolitik, sta acquistando i caratteri del darwinismo. Si pensava di poter ribadire la vulgata straniera secondo la quale l’elezione di Morsi rappresentava il passaggio dalla dittatura alla democrazia; si pensava di poter cantilenare il leit-motiv del golpe. Invece le formule rassicuranti […]

MARCO ALLONI – L’Egitto e la fine della sudditanza

Che cosa stia accadendo in Egitto è presto detto. La ragion pratica, o la Realpolitik, sta acquistando i caratteri del darwinismo. Si pensava di poter ribadire la vulgata straniera secondo la quale l’elezione di Morsi rappresentava il passaggio dalla dittatura alla democrazia; si pensava di poter cantilenare il leit-motiv del golpe. Invece le formule rassicuranti […]

MARCO ALLONI – L’Egitto e la fine della sudditanza

Che cosa stia accadendo in Egitto è presto detto. La ragion pratica, o la Realpolitik, sta acquistando i caratteri del darwinismo. Si pensava di poter ribadire la vulgata straniera secondo la quale l’elezione di Morsi rappresentava il passaggio dalla dittatura alla democrazia; si pensava di poter cantilenare il leit-motiv del golpe. Invece le formule rassicuranti […]

MARCO ALLONI – L’Egitto e la fine della sudditanza

Che cosa stia accadendo in Egitto è presto detto. La ragion pratica, o la Realpolitik, sta acquistando i caratteri del darwinismo. Si pensava di poter ribadire la vulgata straniera secondo la quale l’elezione di Morsi rappresentava il passaggio dalla dittatura alla democrazia; si pensava di poter cantilenare il leit-motiv del golpe. Invece le formule rassicuranti […]

MARCO ALLONI – L’Egitto e la fine della sudditanza

Che cosa stia accadendo in Egitto è presto detto. La ragion pratica, o la Realpolitik, sta acquistando i caratteri del darwinismo. Si pensava di poter ribadire la vulgata straniera secondo la quale l’elezione di Morsi rappresentava il passaggio dalla dittatura alla democrazia; si pensava di poter cantilenare il leit-motiv del golpe. Invece le formule rassicuranti […]

MARCO ALLONI – L’Egitto e la fine della sudditanza

Che cosa stia accadendo in Egitto è presto detto. La ragion pratica, o la Realpolitik, sta acquistando i caratteri del darwinismo. Si pensava di poter ribadire la vulgata straniera secondo la quale l’elezione di Morsi rappresentava il passaggio dalla dittatura alla democrazia; si pensava di poter cantilenare il leit-motiv del golpe. Invece le formule rassicuranti […]

MARCO ALLONI – L’Egitto e la fine della sudditanza

Che cosa stia accadendo in Egitto è presto detto. La ragion pratica, o la Realpolitik, sta acquistando i caratteri del darwinismo. Si pensava di poter ribadire la vulgata straniera secondo la quale l’elezione di Morsi rappresentava il passaggio dalla dittatura alla democrazia; si pensava di poter cantilenare il leit-motiv del golpe. Invece le formule rassicuranti […]

MARCO ALLONI – L’Egitto e la fine della sudditanza

Che cosa stia accadendo in Egitto è presto detto. La ragion pratica, o la Realpolitik, sta acquistando i caratteri del darwinismo. Si pensava di poter ribadire la vulgata straniera secondo la quale l’elezione di Morsi rappresentava il passaggio dalla dittatura alla democrazia; si pensava di poter cantilenare il leit-motiv del golpe. Invece le formule rassicuranti […]

MARCO ALLONI – L’Egitto e la fine della sudditanza

Che cosa stia accadendo in Egitto è presto detto. La ragion pratica, o la Realpolitik, sta acquistando i caratteri del darwinismo. Si pensava di poter ribadire la vulgata straniera secondo la quale l’elezione di Morsi rappresentava il passaggio dalla dittatura alla democrazia; si pensava di poter cantilenare il leit-motiv del golpe. Invece le formule rassicuranti […]

MARCO ALLONI – Egitto, basta parlare di golpe!

Anche Mussolini e Hitler furono “democraticamente eletti”. Nessuno si è però mai sognato di qualificare come “golpisti” i partigiani che se ne liberarono dopo 20 anni di soprusi. Certo, gli americani che sbarcano in Sicilia per destituire Mussolini e i russi che bombardano Berlino per deporre Hitler sono legittimati all’uso della forza perché l’Occidente ha […]

MARCO ALLONI – Egitto, basta parlare di golpe!

Anche Mussolini e Hitler furono “democraticamente eletti”. Nessuno si è però mai sognato di qualificare come “golpisti” i partigiani che se ne liberarono dopo 20 anni di soprusi. Certo, gli americani che sbarcano in Sicilia per destituire Mussolini e i russi che bombardano Berlino per deporre Hitler sono legittimati all’uso della forza perché l’Occidente ha […]

MARCO ALLONI – Egitto, basta parlare di golpe!

Anche Mussolini e Hitler furono “democraticamente eletti”. Nessuno si è però mai sognato di qualificare come “golpisti” i partigiani che se ne liberarono dopo 20 anni di soprusi. Certo, gli americani che sbarcano in Sicilia per destituire Mussolini e i russi che bombardano Berlino per deporre Hitler sono legittimati all’uso della forza perché l’Occidente ha […]

MARCO ALLONI – Egitto, basta parlare di golpe!

Anche Mussolini e Hitler furono “democraticamente eletti”. Nessuno si è però mai sognato di qualificare come “golpisti” i partigiani che se ne liberarono dopo 20 anni di soprusi. Certo, gli americani che sbarcano in Sicilia per destituire Mussolini e i russi che bombardano Berlino per deporre Hitler sono legittimati all’uso della forza perché l’Occidente ha […]

MARCO ALLONI – Egitto, basta parlare di golpe!

Anche Mussolini e Hitler furono “democraticamente eletti”. Nessuno si è però mai sognato di qualificare come “golpisti” i partigiani che se ne liberarono dopo 20 anni di soprusi. Certo, gli americani che sbarcano in Sicilia per destituire Mussolini e i russi che bombardano Berlino per deporre Hitler sono legittimati all’uso della forza perché l’Occidente ha […]

MARCO ALLONI – Egitto, basta parlare di golpe!

Anche Mussolini e Hitler furono “democraticamente eletti”. Nessuno si è però mai sognato di qualificare come “golpisti” i partigiani che se ne liberarono dopo 20 anni di soprusi. Certo, gli americani che sbarcano in Sicilia per destituire Mussolini e i russi che bombardano Berlino per deporre Hitler sono legittimati all’uso della forza perché l’Occidente ha […]

MARCO ALLONI – Egitto, basta parlare di golpe!

Anche Mussolini e Hitler furono “democraticamente eletti”. Nessuno si è però mai sognato di qualificare come “golpisti” i partigiani che se ne liberarono dopo 20 anni di soprusi. Certo, gli americani che sbarcano in Sicilia per destituire Mussolini e i russi che bombardano Berlino per deporre Hitler sono legittimati all’uso della forza perché l’Occidente ha […]

MARCO ALLONI – Egitto, basta parlare di golpe!

Anche Mussolini e Hitler furono “democraticamente eletti”. Nessuno si è però mai sognato di qualificare come “golpisti” i partigiani che se ne liberarono dopo 20 anni di soprusi. Certo, gli americani che sbarcano in Sicilia per destituire Mussolini e i russi che bombardano Berlino per deporre Hitler sono legittimati all’uso della forza perché l’Occidente ha […]

MARCO ALLONI – Egitto, basta parlare di golpe!

Anche Mussolini e Hitler furono “democraticamente eletti”. Nessuno si è però mai sognato di qualificare come “golpisti” i partigiani che se ne liberarono dopo 20 anni di soprusi. Certo, gli americani che sbarcano in Sicilia per destituire Mussolini e i russi che bombardano Berlino per deporre Hitler sono legittimati all’uso della forza perché l’Occidente ha […]

MARCO ALLONI – Egitto, basta parlare di golpe!

Anche Mussolini e Hitler furono “democraticamente eletti”. Nessuno si è però mai sognato di qualificare come “golpisti” i partigiani che se ne liberarono dopo 20 anni di soprusi. Certo, gli americani che sbarcano in Sicilia per destituire Mussolini e i russi che bombardano Berlino per deporre Hitler sono legittimati all’uso della forza perché l’Occidente ha […]

MARCO ALLONI – Egitto, basta parlare di golpe!

Anche Mussolini e Hitler furono “democraticamente eletti”. Nessuno si è però mai sognato di qualificare come “golpisti” i partigiani che se ne liberarono dopo 20 anni di soprusi. Certo, gli americani che sbarcano in Sicilia per destituire Mussolini e i russi che bombardano Berlino per deporre Hitler sono legittimati all’uso della forza perché l’Occidente ha […]

MARCO ALLONI – Egitto, basta parlare di golpe!

Anche Mussolini e Hitler furono “democraticamente eletti”. Nessuno si è però mai sognato di qualificare come “golpisti” i partigiani che se ne liberarono dopo 20 anni di soprusi. Certo, gli americani che sbarcano in Sicilia per destituire Mussolini e i russi che bombardano Berlino per deporre Hitler sono legittimati all’uso della forza perché l’Occidente ha […]

MARCO ALLONI – Egitto, basta parlare di golpe!

Anche Mussolini e Hitler furono “democraticamente eletti”. Nessuno si è però mai sognato di qualificare come “golpisti” i partigiani che se ne liberarono dopo 20 anni di soprusi. Certo, gli americani che sbarcano in Sicilia per destituire Mussolini e i russi che bombardano Berlino per deporre Hitler sono legittimati all’uso della forza perché l’Occidente ha […]

MARCO ALLONI – Egitto, basta parlare di golpe!

Anche Mussolini e Hitler furono “democraticamente eletti”. Nessuno si è però mai sognato di qualificare come “golpisti” i partigiani che se ne liberarono dopo 20 anni di soprusi. Certo, gli americani che sbarcano in Sicilia per destituire Mussolini e i russi che bombardano Berlino per deporre Hitler sono legittimati all’uso della forza perché l’Occidente ha […]

MARCO ALLONI – Egitto, basta parlare di golpe!

Anche Mussolini e Hitler furono “democraticamente eletti”. Nessuno si è però mai sognato di qualificare come “golpisti” i partigiani che se ne liberarono dopo 20 anni di soprusi. Certo, gli americani che sbarcano in Sicilia per destituire Mussolini e i russi che bombardano Berlino per deporre Hitler sono legittimati all’uso della forza perché l’Occidente ha […]

MARCO ALLONI – Egitto, basta parlare di golpe!

Anche Mussolini e Hitler furono “democraticamente eletti”. Nessuno si è però mai sognato di qualificare come “golpisti” i partigiani che se ne liberarono dopo 20 anni di soprusi. Certo, gli americani che sbarcano in Sicilia per destituire Mussolini e i russi che bombardano Berlino per deporre Hitler sono legittimati all’uso della forza perché l’Occidente ha […]

MARCO ALLONI – Egitto, tra intransigenza militare e jihadismo

Abbastanza facile quantificare le vittime. Più difficile individuare le responsabilità. La giornata di ieri è stata infatti contraddistinta dalle prime ore dell’alba da scontri le cui conseguenze tracciano un bilancio piuttosto chiaro – 51 morti fra le falangi pro-Morsi, 2 militari uccisi e circa 450 feriti in totale – ma passibile di diverse interpretazioni.
Nel […]

MARCO ALLONI – Egitto, tra intransigenza militare e jihadismo

Abbastanza facile quantificare le vittime. Più difficile individuare le responsabilità. La giornata di ieri è stata infatti contraddistinta dalle prime ore dell’alba da scontri le cui conseguenze tracciano un bilancio piuttosto chiaro – 51 morti fra le falangi pro-Morsi, 2 militari uccisi e circa 450 feriti in totale – ma passibile di diverse interpretazioni.
Nel […]

MARCO ALLONI – Egitto, tra intransigenza militare e jihadismo

Abbastanza facile quantificare le vittime. Più difficile individuare le responsabilità. La giornata di ieri è stata infatti contraddistinta dalle prime ore dell’alba da scontri le cui conseguenze tracciano un bilancio piuttosto chiaro – 51 morti fra le falangi pro-Morsi, 2 militari uccisi e circa 450 feriti in totale – ma passibile di diverse interpretazioni.
Nel […]

MARCO ALLONI – Egitto, tra intransigenza militare e jihadismo

Abbastanza facile quantificare le vittime. Più difficile individuare le responsabilità. La giornata di ieri è stata infatti contraddistinta dalle prime ore dell’alba da scontri le cui conseguenze tracciano un bilancio piuttosto chiaro – 51 morti fra le falangi pro-Morsi, 2 militari uccisi e circa 450 feriti in totale – ma passibile di diverse interpretazioni.
Nel […]

MARCO ALLONI – Egitto, tra intransigenza militare e jihadismo

Abbastanza facile quantificare le vittime. Più difficile individuare le responsabilità. La giornata di ieri è stata infatti contraddistinta dalle prime ore dell’alba da scontri le cui conseguenze tracciano un bilancio piuttosto chiaro – 51 morti fra le falangi pro-Morsi, 2 militari uccisi e circa 450 feriti in totale – ma passibile di diverse interpretazioni.
Nel […]

MARCO ALLONI – Egitto, tra intransigenza militare e jihadismo

Abbastanza facile quantificare le vittime. Più difficile individuare le responsabilità. La giornata di ieri è stata infatti contraddistinta dalle prime ore dell’alba da scontri le cui conseguenze tracciano un bilancio piuttosto chiaro – 51 morti fra le falangi pro-Morsi, 2 militari uccisi e circa 450 feriti in totale – ma passibile di diverse interpretazioni.
Nel […]

MARCO ALLONI – Egitto, tra intransigenza militare e jihadismo

Abbastanza facile quantificare le vittime. Più difficile individuare le responsabilità. La giornata di ieri è stata infatti contraddistinta dalle prime ore dell’alba da scontri le cui conseguenze tracciano un bilancio piuttosto chiaro – 51 morti fra le falangi pro-Morsi, 2 militari uccisi e circa 450 feriti in totale – ma passibile di diverse interpretazioni.
Nel […]

MARCO ALLONI – Egitto, tra intransigenza militare e jihadismo

Abbastanza facile quantificare le vittime. Più difficile individuare le responsabilità. La giornata di ieri è stata infatti contraddistinta dalle prime ore dell’alba da scontri le cui conseguenze tracciano un bilancio piuttosto chiaro – 51 morti fra le falangi pro-Morsi, 2 militari uccisi e circa 450 feriti in totale – ma passibile di diverse interpretazioni.
Nel […]

MARCO ALLONI – Egitto, tra intransigenza militare e jihadismo

Abbastanza facile quantificare le vittime. Più difficile individuare le responsabilità. La giornata di ieri è stata infatti contraddistinta dalle prime ore dell’alba da scontri le cui conseguenze tracciano un bilancio piuttosto chiaro – 51 morti fra le falangi pro-Morsi, 2 militari uccisi e circa 450 feriti in totale – ma passibile di diverse interpretazioni.
Nel […]

MARCO ALLONI – Egitto, tra intransigenza militare e jihadismo

Abbastanza facile quantificare le vittime. Più difficile individuare le responsabilità. La giornata di ieri è stata infatti contraddistinta dalle prime ore dell’alba da scontri le cui conseguenze tracciano un bilancio piuttosto chiaro – 51 morti fra le falangi pro-Morsi, 2 militari uccisi e circa 450 feriti in totale – ma passibile di diverse interpretazioni.
Nel […]

MARCO ALLONI – Egitto, tra intransigenza militare e jihadismo

Abbastanza facile quantificare le vittime. Più difficile individuare le responsabilità. La giornata di ieri è stata infatti contraddistinta dalle prime ore dell’alba da scontri le cui conseguenze tracciano un bilancio piuttosto chiaro – 51 morti fra le falangi pro-Morsi, 2 militari uccisi e circa 450 feriti in totale – ma passibile di diverse interpretazioni.
Nel […]

MARCO ALLONI – Egitto, tra intransigenza militare e jihadismo

Abbastanza facile quantificare le vittime. Più difficile individuare le responsabilità. La giornata di ieri è stata infatti contraddistinta dalle prime ore dell’alba da scontri le cui conseguenze tracciano un bilancio piuttosto chiaro – 51 morti fra le falangi pro-Morsi, 2 militari uccisi e circa 450 feriti in totale – ma passibile di diverse interpretazioni.
Nel […]

MARCO ALLONI – Egitto, tra intransigenza militare e jihadismo

Abbastanza facile quantificare le vittime. Più difficile individuare le responsabilità. La giornata di ieri è stata infatti contraddistinta dalle prime ore dell’alba da scontri le cui conseguenze tracciano un bilancio piuttosto chiaro – 51 morti fra le falangi pro-Morsi, 2 militari uccisi e circa 450 feriti in totale – ma passibile di diverse interpretazioni.
Nel […]

MARCO ALLONI – Egitto, tra intransigenza militare e jihadismo

Abbastanza facile quantificare le vittime. Più difficile individuare le responsabilità. La giornata di ieri è stata infatti contraddistinta dalle prime ore dell’alba da scontri le cui conseguenze tracciano un bilancio piuttosto chiaro – 51 morti fra le falangi pro-Morsi, 2 militari uccisi e circa 450 feriti in totale – ma passibile di diverse interpretazioni.
Nel […]

MARCO ALLONI – Egitto, tra intransigenza militare e jihadismo

Abbastanza facile quantificare le vittime. Più difficile individuare le responsabilità. La giornata di ieri è stata infatti contraddistinta dalle prime ore dell’alba da scontri le cui conseguenze tracciano un bilancio piuttosto chiaro – 51 morti fra le falangi pro-Morsi, 2 militari uccisi e circa 450 feriti in totale – ma passibile di diverse interpretazioni.
Nel […]

MARCO ALLONI – Egitto, tra intransigenza militare e jihadismo

Abbastanza facile quantificare le vittime. Più difficile individuare le responsabilità. La giornata di ieri è stata infatti contraddistinta dalle prime ore dell’alba da scontri le cui conseguenze tracciano un bilancio piuttosto chiaro – 51 morti fra le falangi pro-Morsi, 2 militari uccisi e circa 450 feriti in totale – ma passibile di diverse interpretazioni.
Nel […]

MARCO ALLONI – Fuga da piazza Tahrir

Quando, come ogni venerdì sera, sto per raggiungere l’edificio Maspero, lo stabile della Televisione di Stato, lo scenario si rivela immediatamente minaccioso. Il traffico dalla fermata della metropolitana Gamal Abdel Nasser alla piazza adiacente a Tahrir, Midan Abdel Moneim Riad, cominciava a farsi caotico, scomposto. Non il solito imbottigliamento ma qualcosa di sinistro, di lugubre. […]

MARCO ALLONI – Fuga da piazza Tahrir

Quando, come ogni venerdì sera, sto per raggiungere l’edificio Maspero, lo stabile della Televisione di Stato, lo scenario si rivela immediatamente minaccioso. Il traffico dalla fermata della metropolitana Gamal Abdel Nasser alla piazza adiacente a Tahrir, Midan Abdel Moneim Riad, cominciava a farsi caotico, scomposto. Non il solito imbottigliamento ma qualcosa di sinistro, di lugubre. […]

MARCO ALLONI – Fuga da piazza Tahrir

Quando, come ogni venerdì sera, sto per raggiungere l’edificio Maspero, lo stabile della Televisione di Stato, lo scenario si rivela immediatamente minaccioso. Il traffico dalla fermata della metropolitana Gamal Abdel Nasser alla piazza adiacente a Tahrir, Midan Abdel Moneim Riad, cominciava a farsi caotico, scomposto. Non il solito imbottigliamento ma qualcosa di sinistro, di lugubre. […]

MARCO ALLONI – Fuga da piazza Tahrir

Quando, come ogni venerdì sera, sto per raggiungere l’edificio Maspero, lo stabile della Televisione di Stato, lo scenario si rivela immediatamente minaccioso. Il traffico dalla fermata della metropolitana Gamal Abdel Nasser alla piazza adiacente a Tahrir, Midan Abdel Moneim Riad, cominciava a farsi caotico, scomposto. Non il solito imbottigliamento ma qualcosa di sinistro, di lugubre. […]

MARCO ALLONI – Fuga da piazza Tahrir

Quando, come ogni venerdì sera, sto per raggiungere l’edificio Maspero, lo stabile della Televisione di Stato, lo scenario si rivela immediatamente minaccioso. Il traffico dalla fermata della metropolitana Gamal Abdel Nasser alla piazza adiacente a Tahrir, Midan Abdel Moneim Riad, cominciava a farsi caotico, scomposto. Non il solito imbottigliamento ma qualcosa di sinistro, di lugubre. […]

MARCO ALLONI – Fuga da piazza Tahrir

Quando, come ogni venerdì sera, sto per raggiungere l’edificio Maspero, lo stabile della Televisione di Stato, lo scenario si rivela immediatamente minaccioso. Il traffico dalla fermata della metropolitana Gamal Abdel Nasser alla piazza adiacente a Tahrir, Midan Abdel Moneim Riad, cominciava a farsi caotico, scomposto. Non il solito imbottigliamento ma qualcosa di sinistro, di lugubre. […]

MARCO ALLONI – Fuga da piazza Tahrir

Quando, come ogni venerdì sera, sto per raggiungere l’edificio Maspero, lo stabile della Televisione di Stato, lo scenario si rivela immediatamente minaccioso. Il traffico dalla fermata della metropolitana Gamal Abdel Nasser alla piazza adiacente a Tahrir, Midan Abdel Moneim Riad, cominciava a farsi caotico, scomposto. Non il solito imbottigliamento ma qualcosa di sinistro, di lugubre. […]

MARCO ALLONI – Fuga da piazza Tahrir

Quando, come ogni venerdì sera, sto per raggiungere l’edificio Maspero, lo stabile della Televisione di Stato, lo scenario si rivela immediatamente minaccioso. Il traffico dalla fermata della metropolitana Gamal Abdel Nasser alla piazza adiacente a Tahrir, Midan Abdel Moneim Riad, cominciava a farsi caotico, scomposto. Non il solito imbottigliamento ma qualcosa di sinistro, di lugubre. […]

MARCO ALLONI – Fuga da piazza Tahrir

Quando, come ogni venerdì sera, sto per raggiungere l’edificio Maspero, lo stabile della Televisione di Stato, lo scenario si rivela immediatamente minaccioso. Il traffico dalla fermata della metropolitana Gamal Abdel Nasser alla piazza adiacente a Tahrir, Midan Abdel Moneim Riad, cominciava a farsi caotico, scomposto. Non il solito imbottigliamento ma qualcosa di sinistro, di lugubre. […]

MARCO ALLONI – Fuga da piazza Tahrir

Quando, come ogni venerdì sera, sto per raggiungere l’edificio Maspero, lo stabile della Televisione di Stato, lo scenario si rivela immediatamente minaccioso. Il traffico dalla fermata della metropolitana Gamal Abdel Nasser alla piazza adiacente a Tahrir, Midan Abdel Moneim Riad, cominciava a farsi caotico, scomposto. Non il solito imbottigliamento ma qualcosa di sinistro, di lugubre. […]

MARCO ALLONI – Fuga da piazza Tahrir

Quando, come ogni venerdì sera, sto per raggiungere l’edificio Maspero, lo stabile della Televisione di Stato, lo scenario si rivela immediatamente minaccioso. Il traffico dalla fermata della metropolitana Gamal Abdel Nasser alla piazza adiacente a Tahrir, Midan Abdel Moneim Riad, cominciava a farsi caotico, scomposto. Non il solito imbottigliamento ma qualcosa di sinistro, di lugubre. […]

MARCO ALLONI – Fuga da piazza Tahrir

Quando, come ogni venerdì sera, sto per raggiungere l’edificio Maspero, lo stabile della Televisione di Stato, lo scenario si rivela immediatamente minaccioso. Il traffico dalla fermata della metropolitana Gamal Abdel Nasser alla piazza adiacente a Tahrir, Midan Abdel Moneim Riad, cominciava a farsi caotico, scomposto. Non il solito imbottigliamento ma qualcosa di sinistro, di lugubre. […]

MARCO ALLONI – Fuga da piazza Tahrir

Quando, come ogni venerdì sera, sto per raggiungere l’edificio Maspero, lo stabile della Televisione di Stato, lo scenario si rivela immediatamente minaccioso. Il traffico dalla fermata della metropolitana Gamal Abdel Nasser alla piazza adiacente a Tahrir, Midan Abdel Moneim Riad, cominciava a farsi caotico, scomposto. Non il solito imbottigliamento ma qualcosa di sinistro, di lugubre. […]

MARCO ALLONI – Fuga da piazza Tahrir

Quando, come ogni venerdì sera, sto per raggiungere l’edificio Maspero, lo stabile della Televisione di Stato, lo scenario si rivela immediatamente minaccioso. Il traffico dalla fermata della metropolitana Gamal Abdel Nasser alla piazza adiacente a Tahrir, Midan Abdel Moneim Riad, cominciava a farsi caotico, scomposto. Non il solito imbottigliamento ma qualcosa di sinistro, di lugubre. […]

MARCO ALLONI – Fuga da piazza Tahrir

Quando, come ogni venerdì sera, sto per raggiungere l’edificio Maspero, lo stabile della Televisione di Stato, lo scenario si rivela immediatamente minaccioso. Il traffico dalla fermata della metropolitana Gamal Abdel Nasser alla piazza adiacente a Tahrir, Midan Abdel Moneim Riad, cominciava a farsi caotico, scomposto. Non il solito imbottigliamento ma qualcosa di sinistro, di lugubre. […]

MARCO ALLONI – Fuga da piazza Tahrir

Quando, come ogni venerdì sera, sto per raggiungere l’edificio Maspero, lo stabile della Televisione di Stato, lo scenario si rivela immediatamente minaccioso. Il traffico dalla fermata della metropolitana Gamal Abdel Nasser alla piazza adiacente a Tahrir, Midan Abdel Moneim Riad, cominciava a farsi caotico, scomposto. Non il solito imbottigliamento ma qualcosa di sinistro, di lugubre. […]

MARCO ALLONI – Egitto, avvisaglie di una seconda rivoluzione

Le cifre parlano chiaro. Due milioni di manifestanti tra il Cairo e altri 26 governatorati. 22 milioni di firme per sfiduciare il presidente (9 in più rispetto ai voti ottenuti da Morsi alle ultime presidenziali). Ben 8 marce dispiegate nella capitale dal movimento Tamarrud (Ribelli) per chiedere la destituzione del raìs. E, fino alla tarda […]

MARCO ALLONI – Egitto, avvisaglie di una seconda rivoluzione

Le cifre parlano chiaro. Due milioni di manifestanti tra il Cairo e altri 26 governatorati. 22 milioni di firme per sfiduciare il presidente (9 in più rispetto ai voti ottenuti da Morsi alle ultime presidenziali). Ben 8 marce dispiegate nella capitale dal movimento Tamarrud (Ribelli) per chiedere la destituzione del raìs. E, fino alla tarda […]

MARCO ALLONI – Egitto, avvisaglie di una seconda rivoluzione

Le cifre parlano chiaro. Due milioni di manifestanti tra il Cairo e altri 26 governatorati. 22 milioni di firme per sfiduciare il presidente (9 in più rispetto ai voti ottenuti da Morsi alle ultime presidenziali). Ben 8 marce dispiegate nella capitale dal movimento Tamarrud (Ribelli) per chiedere la destituzione del raìs. E, fino alla tarda […]

MARCO ALLONI – Egitto, avvisaglie di una seconda rivoluzione

Le cifre parlano chiaro. Due milioni di manifestanti tra il Cairo e altri 26 governatorati. 22 milioni di firme per sfiduciare il presidente (9 in più rispetto ai voti ottenuti da Morsi alle ultime presidenziali). Ben 8 marce dispiegate nella capitale dal movimento Tamarrud (Ribelli) per chiedere la destituzione del raìs. E, fino alla tarda […]

MARCO ALLONI – Egitto, avvisaglie di una seconda rivoluzione

Le cifre parlano chiaro. Due milioni di manifestanti tra il Cairo e altri 26 governatorati. 22 milioni di firme per sfiduciare il presidente (9 in più rispetto ai voti ottenuti da Morsi alle ultime presidenziali). Ben 8 marce dispiegate nella capitale dal movimento Tamarrud (Ribelli) per chiedere la destituzione del raìs. E, fino alla tarda […]

MARCO ALLONI – Egitto, avvisaglie di una seconda rivoluzione

Le cifre parlano chiaro. Due milioni di manifestanti tra il Cairo e altri 26 governatorati. 22 milioni di firme per sfiduciare il presidente (9 in più rispetto ai voti ottenuti da Morsi alle ultime presidenziali). Ben 8 marce dispiegate nella capitale dal movimento Tamarrud (Ribelli) per chiedere la destituzione del raìs. E, fino alla tarda […]

MARCO ALLONI – Yemen, altri intellettuali minacciati di morte

È ormai trascorso un mese da quando lo scrittore egiziano Ibrahim Farghali e il professore Elham Manea dell’università di Zurigo hanno lanciato una petizione in difesa di Ali Al-Muqri e Ahmad Al-Aramy. Eppure sembra che la questione non abbia ancora trovato eco in Occidente. Val quindi ribadire che o la campagna in difesa della libertà […]

MARCO ALLONI – Yemen, altri intellettuali minacciati di morte

È ormai trascorso un mese da quando lo scrittore egiziano Ibrahim Farghali e il professore Elham Manea dell’università di Zurigo hanno lanciato una petizione in difesa di Ali Al-Muqri e Ahmad Al-Aramy. Eppure sembra che la questione non abbia ancora trovato eco in Occidente. Val quindi ribadire che o la campagna in difesa della libertà […]

MARCO ALLONI – Yemen, altri intellettuali minacciati di morte

È ormai trascorso un mese da quando lo scrittore egiziano Ibrahim Farghali e il professore Elham Manea dell’università di Zurigo hanno lanciato una petizione in difesa di Ali Al-Muqri e Ahmad Al-Aramy. Eppure sembra che la questione non abbia ancora trovato eco in Occidente. Val quindi ribadire che o la campagna in difesa della libertà […]

MARCO ALLONI – Yemen, altri intellettuali minacciati di morte

È ormai trascorso un mese da quando lo scrittore egiziano Ibrahim Farghali e il professore Elham Manea dell’università di Zurigo hanno lanciato una petizione in difesa di Ali Al-Muqri e Ahmad Al-Aramy. Eppure sembra che la questione non abbia ancora trovato eco in Occidente. Val quindi ribadire che o la campagna in difesa della libertà […]

MARCO ALLONI – Egitto, prove generali di un massacro

Poteva essere altrimenti? La gamaa islamiya, il gruppo radicale che negli anni novanta perpetrò alcuni fra i più efferati crimini in Egitto, ha minacciato di morte i cristiani che parteciperanno alla manifestazione anti-Morsi del 30 giugno. Il leader del gruppo Assem Abdel Maged, coordinatore del movimento “Tagarrud” in sostegno a Morsi, ha qualificato come “estremisti […]

MARCO ALLONI – Egitto, prove generali di un massacro

Poteva essere altrimenti? La gamaa islamiya, il gruppo radicale che negli anni novanta perpetrò alcuni fra i più efferati crimini in Egitto, ha minacciato di morte i cristiani che parteciperanno alla manifestazione anti-Morsi del 30 giugno. Il leader del gruppo Assem Abdel Maged, coordinatore del movimento “Tagarrud” in sostegno a Morsi, ha qualificato come “estremisti […]

MARCO ALLONI – Egitto, prove generali di un massacro

Poteva essere altrimenti? La gamaa islamiya, il gruppo radicale che negli anni novanta perpetrò alcuni fra i più efferati crimini in Egitto, ha minacciato di morte i cristiani che parteciperanno alla manifestazione anti-Morsi del 30 giugno. Il leader del gruppo Assem Abdel Maged, coordinatore del movimento “Tagarrud” in sostegno a Morsi, ha qualificato come “estremisti […]

MARCO ALLONI – Egitto, prove generali di un massacro

Poteva essere altrimenti? La gamaa islamiya, il gruppo radicale che negli anni novanta perpetrò alcuni fra i più efferati crimini in Egitto, ha minacciato di morte i cristiani che parteciperanno alla manifestazione anti-Morsi del 30 giugno. Il leader del gruppo Assem Abdel Maged, coordinatore del movimento “Tagarrud” in sostegno a Morsi, ha qualificato come “estremisti […]