Crea sito

Archives for dicembre, 2015

You are here: » »

Cucina palestinese: rummaneyye

La ricetta di oggi, molto diffusa a Gaza ma probabilmente originaria di altre zone della Palestina, propone un insolito accostamento tra melograno, lenticchie e melanzane: la rummaneyye! (dall’arabo rumman, melograno) Ingredienti: 150g di lenticchie secche 1 melanzana media 2 cucchiai di olio d’oliva 5 spicchi d’aglio 1 cucchiaio di farina 1 bicchiere di succo di melograno oppure 1 […]

L'articolo Cucina palestinese: rummaneyye sembra essere il primo su Arabpress.

Marocco 2015: la follia dei propositi

Di Youssef Lahrichi. Al Huffington Post Maghreb (28/12/2015). Traduzione e sintesi di Roberta Papaleo. Un altro anno volge al termine ed è giunto il momento per i buoni propositi. Quindi elencherò i propositi e le decisioni che sono state prese nel 2015, chiedendomi cosa viene in mente alla gente. In Marocco come altrove. Comincerei innanzitutto da […]

L'articolo Marocco 2015: la follia dei propositi sembra essere il primo su Arabpress.

Corsica: finto imam invitato da France 3 (video)

(Le Parisien). Approfittando del momento di tensione ad Ajaccio, in Corsica, dopo l’attacco contro una moschea avvenuto lo scorso 25 dicembre, tale Rachid Birbach si è fatto invitare dalla rete France 3 facendosi passare per imam e presidente dell’Assemblea dei Musulmani della Corsica, assemblea che in realtà non esiste. Il giovane imam ha detto all’emittente corsa, […]

L'articolo Corsica: finto imam invitato da France 3 (video) sembra essere il primo su Arabpress.

Diga etiope sul Nilo: Sudan, Egitto ed Etiopia d’accordo su arbitrato francese

(Agenzie). Ministri di Sudan, Egitto ed Etiopia hanno deciso ieri di ricorrere all’arbitrato di due gruppi di ingegneria francesi per superare le loro divergenze su una diga costruita dall’Etiopia sul Nilo. Il ministro degli Esteri sudanese Ibrahim Ghandour ha detto dopo un incontro a Khartoum che i Ministri di affari Esteri, Acqua e Irrigazione di […]

L'articolo Diga etiope sul Nilo: Sudan, Egitto ed Etiopia d’accordo su arbitrato francese sembra essere il primo su Arabpress.

I libici e la scelta dell’accordo politico

Di Mahmud Mohammed Nacua. Asharq al-Awsat (29/12/2015). Traduzione e sintesi di Mariacarmela Minniti. Dopo circa quattordici mesi di colloqui, discussioni e conferenze, da Ghadames in Libia a Ginevra in Svizzera fino a Skhirat in Marocco, è stato raggiunto un accordo sotto l’egida internazionale per la formazione di un governo di unità nazionale in Libia. L’accordo, […]

L'articolo I libici e la scelta dell’accordo politico sembra essere il primo su Arabpress.

Algeria: la crisi petrolifera pesa sulla bilancia

(Agenzie). Con l’esportazione di idrocarburi che rappresenta oltre la metà del PIL e il 60% delle entrate fiscali dello Stato, l’Algeria è la seconda vittima principale, dopo il Venezuela e ad esclusione dei Paesi del golfo Golfo, a essere danneggiata dal crollo di petrolio iniziato nel giugno 2014. La bilancia commerciale algerina è in deficit […]

L'articolo Algeria: la crisi petrolifera pesa sulla bilancia sembra essere il primo su Arabpress.

Marocco: CR7 e altre star del calcio festeggiano a Marrakesh

(Agenzie). L’attaccante del Real Madrid Cristiano Ronaldo dovrebbe passare le sue vacanze di fine anno in Marocco dove si prevede l’arrivo anche di Guardiola, Karim Benzema e Neymar. L’informazione è stata data dalla agenzia di stampa spagnola EFE. Il capitano della nazionale portoghese avrebbe viaggiato a Marrakech con la stella dell’FC Barcelona, Neymar da Silva, […]

L'articolo Marocco: CR7 e altre star del calcio festeggiano a Marrakesh sembra essere il primo su Arabpress.

Afghanistan, il bilancio del Pentagono

Afghanistan, il bilancio del Pentagono

Nel rapporto che il Pentagono ha presentato al Congresso degli Stati Uniti per la fine dell'anno
(Enhancing Security and Stability in Afghanistan), i militari americani sono costretti ad ammettere che le cose non vanno bene. “Costretti” sembra un termine appropriato perché lo stile del rapporto mira sia ad assicurare che le forze di sicurezza afgane sono in grado di maneggiare la guerra infinita sia a dare un senso alla scelta di lasciare in Afghanistan quasi diecimila soldati (9.800) anziché i 5.500 che a fine 2016 avrebbero dovuto restare. Una scelta che Obama aveva fatto dopo l'eclatante presa di Kunduz da parte dei talebani tre mesi fa (nota soprattutto per il bombardamento dell'ospedale di Msf). Seppur obtorto collo, il rapporto dà conto di un peggioramento della guerra infinita: tra gennaio e novembre gli attacchi mortali sono aumentati del 4% e sono aumentati quelli con fuoco diretto (rispetto a mine e Ied); i talebani godono, nonostante tutto, di buona salute, Daesh continua a crescere e Al Qaeda non è affatto scomparsa. Solo il 28% degli afgani si sente nel 2015 “al sicuro”, rispetto al 35% nel 2014 e al 45% del 2013. «Collettivamente – conclude il rapporto – terroristi e gruppi insurrezionalisti continuano a presentare una sfida formidabile per gli afgani, gli Usa e la forze della coalizione» (a novembre circa 11.385 uomini).

Le poche righe destinate ai seguaci di bin Laden e Al Zawahiri hanno però attirato l'attenzione della stampa americana e soprattutto del New York Times: che il Paese non sia pacificato ci può stare, ma che Al Qaeda sia in forma è un altro discorso visto che, morto Osama, la missione nell'area doveva ritenersi tecnicamente conclusa. Il rapporto invece rende nota la “resilienza” della rete anche se vi dedica poche righe e tende a derubricarla come l'effetto di un'emigrazione verso l'Afghanistan dovuta all'operativo pachistano Zarb e Azb, che da diciotto mesi martella le postazioni degli stranieri (ceceni, uiguri, uzbeki) con domicilio in Waziristan (area tribale del Pakistan) e che sono i maggiori sostenitori del progetto qaedista. Non solo loro però: il rapporto ammette la preoccupazione per la scelta di mullah Mansur (il nuovo leader dei talebani o, almeno, della fazione più forte) di chiamare come suo vice Siraj Haqqani – l'erede della famosa famiglia afgana jihado-qaedista con residenza in Pakistan e forti legami coi servizi locali. Paradossalmente invece, nota ancora la stampa americana, il rapporto non fa menzione dei rapporti tra Zawahiri (nemmeno citato) e Mansur. Il primo, dopo la proclamazione a luglio del nuovo leader dei talebani aveva registrato un audio messaggio in cui giurava fedeltà al nuovo capo. E qualche giorno dopo, sul sito dei talebani campeggiava l'accettazione del giuramento da parte di Mansur (è anche vero che la pagina è poi scomparsa).

Il rapporto non menziona nemmeno quella che deve invece dev'essere considerata un'altra preoccupazione e non di natura insurrezionalistica: i movimenti al confine tra Afghanistan e repubbliche ex sovietiche, dove il dispositivo di sicurezza congiunto è stato potentemente rafforzato da Mosca dopo la presa di Kunduz tra settembre e ottobre da parte dei talebani che ha molto preoccupato i russi. Non è una novità che stiano guardando nuovamente con attenzione all'area da cui se ne sono andati nel 1989 con ignominia. Ed è di ieri la notizia che Mosca fornirà agli afgani 10mila Kalashnikov, l'arma da combattimento per eccellenza e nota in gergo come Ak47. Il Grande Gioco torna in tutta la sua potenza mentre per ora il processo di pace langue. Al netto di una riunione con americani, cinesi e pachistani che Kabul ospiterà a giorni ma a cui i talebani non parteciperanno.
Afghanistan, il bilancio del Pentagono

Afghanistan, il bilancio del Pentagono

Nel rapporto che il Pentagono ha presentato al Congresso degli Stati Uniti per la fine dell'anno
(Enhancing Security and Stability in Afghanistan), i militari americani sono costretti ad ammettere che le cose non vanno bene. “Costretti” sembra un termine appropriato perché lo stile del rapporto mira sia ad assicurare che le forze di sicurezza afgane sono in grado di maneggiare la guerra infinita sia a dare un senso alla scelta di lasciare in Afghanistan quasi diecimila soldati (9.800) anziché i 5.500 che a fine 2016 avrebbero dovuto restare. Una scelta che Obama aveva fatto dopo l'eclatante presa di Kunduz da parte dei talebani tre mesi fa (nota soprattutto per il bombardamento dell'ospedale di Msf). Seppur obtorto collo, il rapporto dà conto di un peggioramento della guerra infinita: tra gennaio e novembre gli attacchi mortali sono aumentati del 4% e sono aumentati quelli con fuoco diretto (rispetto a mine e Ied); i talebani godono, nonostante tutto, di buona salute, Daesh continua a crescere e Al Qaeda non è affatto scomparsa. Solo il 28% degli afgani si sente nel 2015 “al sicuro”, rispetto al 35% nel 2014 e al 45% del 2013. «Collettivamente – conclude il rapporto – terroristi e gruppi insurrezionalisti continuano a presentare una sfida formidabile per gli afgani, gli Usa e la forze della coalizione» (a novembre circa 11.385 uomini).

Le poche righe destinate ai seguaci di bin Laden e Al Zawahiri hanno però attirato l'attenzione della stampa americana e soprattutto del New York Times: che il Paese non sia pacificato ci può stare, ma che Al Qaeda sia in forma è un altro discorso visto che, morto Osama, la missione nell'area doveva ritenersi tecnicamente conclusa. Il rapporto invece rende nota la “resilienza” della rete anche se vi dedica poche righe e tende a derubricarla come l'effetto di un'emigrazione verso l'Afghanistan dovuta all'operativo pachistano Zarb e Azb, che da diciotto mesi martella le postazioni degli stranieri (ceceni, uiguri, uzbeki) con domicilio in Waziristan (area tribale del Pakistan) e che sono i maggiori sostenitori del progetto qaedista. Non solo loro però: il rapporto ammette la preoccupazione per la scelta di mullah Mansur (il nuovo leader dei talebani o, almeno, della fazione più forte) di chiamare come suo vice Siraj Haqqani – l'erede della famosa famiglia afgana jihado-qaedista con residenza in Pakistan e forti legami coi servizi locali. Paradossalmente invece, nota ancora la stampa americana, il rapporto non fa menzione dei rapporti tra Zawahiri (nemmeno citato) e Mansur. Il primo, dopo la proclamazione a luglio del nuovo leader dei talebani aveva registrato un audio messaggio in cui giurava fedeltà al nuovo capo. E qualche giorno dopo, sul sito dei talebani campeggiava l'accettazione del giuramento da parte di Mansur (è anche vero che la pagina è poi scomparsa).

Il rapporto non menziona nemmeno quella che deve invece dev'essere considerata un'altra preoccupazione e non di natura insurrezionalistica: i movimenti al confine tra Afghanistan e repubbliche ex sovietiche, dove il dispositivo di sicurezza congiunto è stato potentemente rafforzato da Mosca dopo la presa di Kunduz tra settembre e ottobre da parte dei talebani che ha molto preoccupato i russi. Non è una novità che stiano guardando nuovamente con attenzione all'area da cui se ne sono andati nel 1989 con ignominia. Ed è di ieri la notizia che Mosca fornirà agli afgani 10mila Kalashnikov, l'arma da combattimento per eccellenza e nota in gergo come Ak47. Il Grande Gioco torna in tutta la sua potenza mentre per ora il processo di pace langue. Al netto di una riunione con americani, cinesi e pachistani che Kabul ospiterà a giorni ma a cui i talebani non parteciperanno.
Afghanistan, il bilancio del Pentagono

Afghanistan, il bilancio del Pentagono

Nel rapporto che il Pentagono ha presentato al Congresso degli Stati Uniti per la fine dell'anno
(Enhancing Security and Stability in Afghanistan), i militari americani sono costretti ad ammettere che le cose non vanno bene. “Costretti” sembra un termine appropriato perché lo stile del rapporto mira sia ad assicurare che le forze di sicurezza afgane sono in grado di maneggiare la guerra infinita sia a dare un senso alla scelta di lasciare in Afghanistan quasi diecimila soldati (9.800) anziché i 5.500 che a fine 2016 avrebbero dovuto restare. Una scelta che Obama aveva fatto dopo l'eclatante presa di Kunduz da parte dei talebani tre mesi fa (nota soprattutto per il bombardamento dell'ospedale di Msf). Seppur obtorto collo, il rapporto dà conto di un peggioramento della guerra infinita: tra gennaio e novembre gli attacchi mortali sono aumentati del 4% e sono aumentati quelli con fuoco diretto (rispetto a mine e Ied); i talebani godono, nonostante tutto, di buona salute, Daesh continua a crescere e Al Qaeda non è affatto scomparsa. Solo il 28% degli afgani si sente nel 2015 “al sicuro”, rispetto al 35% nel 2014 e al 45% del 2013. «Collettivamente – conclude il rapporto – terroristi e gruppi insurrezionalisti continuano a presentare una sfida formidabile per gli afgani, gli Usa e la forze della coalizione» (a novembre circa 11.385 uomini).

Le poche righe destinate ai seguaci di bin Laden e Al Zawahiri hanno però attirato l'attenzione della stampa americana e soprattutto del New York Times: che il Paese non sia pacificato ci può stare, ma che Al Qaeda sia in forma è un altro discorso visto che, morto Osama, la missione nell'area doveva ritenersi tecnicamente conclusa. Il rapporto invece rende nota la “resilienza” della rete anche se vi dedica poche righe e tende a derubricarla come l'effetto di un'emigrazione verso l'Afghanistan dovuta all'operativo pachistano Zarb e Azb, che da diciotto mesi martella le postazioni degli stranieri (ceceni, uiguri, uzbeki) con domicilio in Waziristan (area tribale del Pakistan) e che sono i maggiori sostenitori del progetto qaedista. Non solo loro però: il rapporto ammette la preoccupazione per la scelta di mullah Mansur (il nuovo leader dei talebani o, almeno, della fazione più forte) di chiamare come suo vice Siraj Haqqani – l'erede della famosa famiglia afgana jihado-qaedista con residenza in Pakistan e forti legami coi servizi locali. Paradossalmente invece, nota ancora la stampa americana, il rapporto non fa menzione dei rapporti tra Zawahiri (nemmeno citato) e Mansur. Il primo, dopo la proclamazione a luglio del nuovo leader dei talebani aveva registrato un audio messaggio in cui giurava fedeltà al nuovo capo. E qualche giorno dopo, sul sito dei talebani campeggiava l'accettazione del giuramento da parte di Mansur (è anche vero che la pagina è poi scomparsa).

Il rapporto non menziona nemmeno quella che deve invece dev'essere considerata un'altra preoccupazione e non di natura insurrezionalistica: i movimenti al confine tra Afghanistan e repubbliche ex sovietiche, dove il dispositivo di sicurezza congiunto è stato potentemente rafforzato da Mosca dopo la presa di Kunduz tra settembre e ottobre da parte dei talebani che ha molto preoccupato i russi. Non è una novità che stiano guardando nuovamente con attenzione all'area da cui se ne sono andati nel 1989 con ignominia. Ed è di ieri la notizia che Mosca fornirà agli afgani 10mila Kalashnikov, l'arma da combattimento per eccellenza e nota in gergo come Ak47. Il Grande Gioco torna in tutta la sua potenza mentre per ora il processo di pace langue. Al netto di una riunione con americani, cinesi e pachistani che Kabul ospiterà a giorni ma a cui i talebani non parteciperanno.

Fede e fiducia, thiqah ثقة

Una parola per l’anno che viene ثقة thiqah (n.f.), ثقات  thiqaat (pl.): fede, fiducia ✏ (en.) faith, confidence, trust; (de.) Vertrauen; (es.) confianza ∗ ∗ ∗ Lettere  ثاء  thāʼ/ṯāʼ è la quarta lettera dell’alfabeto arabo   تاء مربوطة  tāʼ marbūta (“ta legata”) è una lettera aggiuntiva – variante di tāʼ (ﺕ) – usata solo a fine […]
Maktub blog, analisi del 2015

Maktub blog, analisi del 2015

I Folletti delle statistiche di WordPress.com hanno preparato un rapporto annuale 2015 per questo blog. Ricevo sempre con piacere il rapportino dei Folletti perché non espone solamente quantità, permette d’individuare quali miei interessi sono condivisi  dal pubblico. Avanti con i numeri: 58 articoli pubblicati, 33.000 visite. Comparando col 2014, 107 articoli e 44.000 visite, risulta un […]
Maktub blog, analisi del 2015

Maktub blog, analisi del 2015

I Folletti delle statistiche di WordPress.com hanno preparato un rapporto annuale 2015 per questo blog. Ricevo sempre con piacere il rapportino dei Folletti perché non espone solamente quantità, permette d’individuare quali miei interessi sono condivisi  dal pubblico. Avanti con i numeri: 58 articoli pubblicati, 33.000 visite. Comparando col 2014, 107 articoli e 44.000 visite, risulta un […]
Maktub blog, analisi del 2015

Maktub blog, analisi del 2015

I Folletti delle statistiche di WordPress.com hanno preparato un rapporto annuale 2015 per questo blog. Ricevo sempre con piacere il rapportino dei Folletti perché non espone solamente quantità, permette d’individuare quali miei interessi sono condivisi  dal pubblico. Avanti con i numeri: 58 articoli pubblicati, 33.000 visite. Comparando col 2014, 107 articoli e 44.000 visite, risulta un […]
Maktub blog, analisi del 2015

Maktub blog, analisi del 2015

I Folletti delle statistiche di WordPress.com hanno preparato un rapporto annuale 2015 per questo blog. Ricevo sempre con piacere il rapportino dei Folletti perché non espone solamente quantità, permette d’individuare quali miei interessi sono condivisi  dal pubblico. Avanti con i numeri: 58 articoli pubblicati, 33.000 visite. Comparando col 2014, 107 articoli e 44.000 visite, risulta un […]

Dopo 40 anni, Natale insieme in Giordania per cattolici e ortodossi

Di Charlotte D’Ornellas. Aleteia (25/12/2015). Traduzione e sintesi di Giusy Regina Nel 1975 i leader di tutte le chiese cristiane della Giordania hanno adottato un sistema semplice per unificare le loro diverse comunità: il Natale viene celebrato il 25 dicembre secondo il calendario gregoriano cattolico, mentre la Pasqua si celebra ogni anno per tutti la data […]

L'articolo Dopo 40 anni, Natale insieme in Giordania per cattolici e ortodossi sembra essere il primo su Arabpress.

Siria: Iran nomina nuovo comandante

Il Corpo delle Guardie Rivoluzionarie islamiche (IRGC) sta nominando un nuovo comandante per le sue operazioni in Siria, in sostituzione al generale morto nel mese di ottobre, secondo un rapporto interno dell’Iran da parte di un gruppo di opposizione. A causa del “gran numero di vittime dell’IRGC in Siria, in particolare la morte del generale Hossein Hamedani, comandante delle […]

L'articolo Siria: Iran nomina nuovo comandante sembra essere il primo su Arabpress.

Iraq: serve aiuto curdo per riprendere Mosul

(Agenzie). L’esercito iracheno avrà bisogno dell’aiuto dei curdi per riprendere Mosul, la città più grande sotto il controllo di Daesh. Secondo il curdo Hoshyar Zebari, ex ministro degli Esteri iracheno e attuale vice, oltre che ministro delle Finanze, l’offensiva si prevede molto impegnativa, data la permanenza nella regione di gruppi etnici e religiosi rivali che si trovano tra la Turchia, […]

L'articolo Iraq: serve aiuto curdo per riprendere Mosul sembra essere il primo su Arabpress.

Egitto: un anno di cospirazioni

Di Mai Shams El-Din. Mada Masr (27/12/2015). Traduzione e sintesi di Viviana Schiavo. Dalla Rivoluzione del 25 gennaio, i discorsi sulle cospirazioni mirate al collasso dello Stato egiziano sono diventati comuni. La rivoluzione o rivolta stessa è stata vista come una cospirazione dall’inizio – i manifestanti sarebbero stati corrotti da potenze diverse come Israele e […]

L'articolo Egitto: un anno di cospirazioni sembra essere il primo su Arabpress.

Bibi e Obama, così i due alleati si spiavano a vicenda

Bibi e Obama, così i due alleati si spiavano a vicenda

In pubblico le strette di mano, qualche sorriso e più di uno screzio. In privato si spiavano a vicenda con un’intensità inaudita. Il primo registrando le conversazioni tra il premier con i suoi alti ufficiali, con i deputati del Congresso Usa e i leader dei più influenti gruppi ebraici americani nel tentativo di bloccare qualsiasi […]
Bibi e Obama, così i due alleati si spiavano a vicenda

Bibi e Obama, così i due alleati si spiavano a vicenda

In pubblico le strette di mano, qualche sorriso e più di uno screzio. In privato si spiavano a vicenda con un’intensità inaudita. Il primo registrando le conversazioni tra il premier con i suoi alti ufficiali, con i deputati del Congresso Usa e i leader dei più influenti gruppi ebraici americani nel tentativo di bloccare qualsiasi […]
Bibi e Obama, così i due alleati si spiavano a vicenda

Bibi e Obama, così i due alleati si spiavano a vicenda

In pubblico le strette di mano, qualche sorriso e più di uno screzio. In privato si spiavano a vicenda con un’intensità inaudita. Il primo registrando le conversazioni tra il premier con i suoi alti ufficiali, con i deputati del Congresso Usa e i leader dei più influenti gruppi ebraici americani nel tentativo di bloccare qualsiasi […]
Bibi e Obama, così i due alleati si spiavano a vicenda

Bibi e Obama, così i due alleati si spiavano a vicenda

In pubblico le strette di mano, qualche sorriso e più di uno screzio. In privato si spiavano a vicenda con un’intensità inaudita. Il primo registrando le conversazioni tra il premier con i suoi alti ufficiali, con i deputati del Congresso Usa e i leader dei più influenti gruppi ebraici americani nel tentativo di bloccare qualsiasi […]
Bibi e Obama, così i due alleati si spiavano a vicenda

Bibi e Obama, così i due alleati si spiavano a vicenda

In pubblico le strette di mano, qualche sorriso e più di uno screzio. In privato si spiavano a vicenda con un’intensità inaudita. Il primo registrando le conversazioni tra il premier con i suoi alti ufficiali, con i deputati del Congresso Usa e i leader dei più influenti gruppi ebraici americani nel tentativo di bloccare qualsiasi […]
Bibi e Obama, così i due alleati si spiavano a vicenda

Bibi e Obama, così i due alleati si spiavano a vicenda

In pubblico le strette di mano, qualche sorriso e più di uno screzio. In privato si spiavano a vicenda con un’intensità inaudita. Il primo registrando le conversazioni tra il premier con i suoi alti ufficiali, con i deputati del Congresso Usa e i leader dei più influenti gruppi ebraici americani nel tentativo di bloccare qualsiasi […]
Bibi e Obama, così i due alleati si spiavano a vicenda

Bibi e Obama, così i due alleati si spiavano a vicenda

In pubblico le strette di mano, qualche sorriso e più di uno screzio. In privato si spiavano a vicenda con un’intensità inaudita. Il primo registrando le conversazioni tra il premier con i suoi alti ufficiali, con i deputati del Congresso Usa e i leader dei più influenti gruppi ebraici americani nel tentativo di bloccare qualsiasi […]
Bibi e Obama, così i due alleati si spiavano a vicenda

Bibi e Obama, così i due alleati si spiavano a vicenda

In pubblico le strette di mano, qualche sorriso e più di uno screzio. In privato si spiavano a vicenda con un’intensità inaudita. Il primo registrando le conversazioni tra il premier con i suoi alti ufficiali, con i deputati del Congresso Usa e i leader dei più influenti gruppi ebraici americani nel tentativo di bloccare qualsiasi […]
Bibi e Obama, così i due alleati si spiavano a vicenda

Bibi e Obama, così i due alleati si spiavano a vicenda

In pubblico le strette di mano, qualche sorriso e più di uno screzio. In privato si spiavano a vicenda con un’intensità inaudita. Il primo registrando le conversazioni tra il premier con i suoi alti ufficiali, con i deputati del Congresso Usa e i leader dei più influenti gruppi ebraici americani nel tentativo di bloccare qualsiasi […]
Bibi e Obama, così i due alleati si spiavano a vicenda

Bibi e Obama, così i due alleati si spiavano a vicenda

In pubblico le strette di mano, qualche sorriso e più di uno screzio. In privato si spiavano a vicenda con un’intensità inaudita. Il primo registrando le conversazioni tra il premier con i suoi alti ufficiali, con i deputati del Congresso Usa e i leader dei più influenti gruppi ebraici americani nel tentativo di bloccare qualsiasi […]
Bibi e Obama, così i due alleati si spiavano a vicenda

Bibi e Obama, così i due alleati si spiavano a vicenda

In pubblico le strette di mano, qualche sorriso e più di uno screzio. In privato si spiavano a vicenda con un’intensità inaudita. Il primo registrando le conversazioni tra il premier con i suoi alti ufficiali, con i deputati del Congresso Usa e i leader dei più influenti gruppi ebraici americani nel tentativo di bloccare qualsiasi […]
Bibi e Obama, così i due alleati si spiavano a vicenda

Bibi e Obama, così i due alleati si spiavano a vicenda

In pubblico le strette di mano, qualche sorriso e più di uno screzio. In privato si spiavano a vicenda con un’intensità inaudita. Il primo registrando le conversazioni tra il premier con i suoi alti ufficiali, con i deputati del Congresso Usa e i leader dei più influenti gruppi ebraici americani nel tentativo di bloccare qualsiasi […]
Bibi e Obama, così i due alleati si spiavano a vicenda

Bibi e Obama, così i due alleati si spiavano a vicenda

In pubblico le strette di mano, qualche sorriso e più di uno screzio. In privato si spiavano a vicenda con un’intensità inaudita. Il primo registrando le conversazioni tra il premier con i suoi alti ufficiali, con i deputati del Congresso Usa e i leader dei più influenti gruppi ebraici americani nel tentativo di bloccare qualsiasi […]
Bibi e Obama, così i due alleati si spiavano a vicenda

Bibi e Obama, così i due alleati si spiavano a vicenda

In pubblico le strette di mano, qualche sorriso e più di uno screzio. In privato si spiavano a vicenda con un’intensità inaudita. Il primo registrando le conversazioni tra il premier con i suoi alti ufficiali, con i deputati del Congresso Usa e i leader dei più influenti gruppi ebraici americani nel tentativo di bloccare qualsiasi […]

Algeria: uccisi 109 terroristi e arrestati 36 nel 2015

(Agenzie). L’esercito algerino ha ucciso nel 2015 un totale di 109 terroristi, termine usato dal governo per indicare i combattenti islamisti armati, e arrestatone 36. Le truppe hanno anche sequestrato esplosivi, fucili d’assalto, lanciarazzi e “una grande quantità di munizioni d’ogni genere, tra cui 182 bombe improvvisate, 132 mine e 5 razzi”, questo è quanto dichiarato dal […]

L'articolo Algeria: uccisi 109 terroristi e arrestati 36 nel 2015 sembra essere il primo su Arabpress.

The People VS Samandal Comics: la rivincita dei fumetti

The People VS Samandal Comics: la rivincita dei fumetti

“Incitamento alla lotta settaria, denigrazione della religione, pubblicazione di notizie false e calunnia contro ‘personalità cristiane’”, queste le accuse rivolte dal tribunale libanese a Omar Khouri, Hatem Imam and Fadi Baki. Questi tre nomi appartengono agli editori del giornale di fumetti più famoso del Libano, Samandal. Fondata nel 2007, la rivista Samandal è stata l’apripista per […]

L'articolo The People VS Samandal Comics: la rivincita dei fumetti sembra essere il primo su Arabpress.

Il movimento islamico all’interno di Israele

Di Muhanad Mustafa Halluq. Middle East Monitor (28/12/2015). Traduzione e sintesi di Angela Ilaria Antoniello. Il Movimento islamico in Israele è stata fondato nel 1970 per accrescere i valori islamici nella comunità araba. Le prime attività del movimento riguardavano le pratiche religiose e la diffusione dei valori dell’Islam. Nel 1980 il Movimento islamico ha intrapreso […]

L'articolo Il movimento islamico all’interno di Israele sembra essere il primo su Arabpress.

Domani è un altro giorno. Una recensione

Per caso, ho letto che Silvia Lutzoni ha scritto una recensione del romanzo di Abdelhamid Benhaduga Domani è un altro giorno. Naturalmente incuriosita le ho chiesto se poteva farmene avere copia e genitlmente me l’ha inviata. Ve la propongo qui … Continua a leggere

Domani è un altro giorno. Una recensione
letturearabe di Jolanda Guardi
letturearabe di Jolanda Guardi - Ho sempre immaginato che il paradiso fosse una sorta di biblioteca (J. L. Borges)

Iraq: continuano i combattimenti a Ramadi

(Agenzie). Le forze armate irachene hanno riconquistato nelle ultime ore Ramadi, ma i miliziani di Daesh rimangono serrati in vaste aree della città dove non cessano i combattimenti. Ramadi, capoluogo della provincia occidentale di Al Anbar dal maggio scorso sotto l’occupazione di Daesh, è stata “liberata e le truppe hanno issato la bandiera irachena sul compound governativo” nel centro della […]

L'articolo Iraq: continuano i combattimenti a Ramadi sembra essere il primo su Arabpress.

Egitto: riscoperta Naucrati, antica città sul delta del Nilo

(Agenzie). Naucrati in greco significa “Maestra delle navi”. Questo è il nome dell’antica città commerciale ellenica, situata in Egitto nel delta del Nilo, risorta dal terreno grazie al lavoro di un’equipe archeologica del British Museum. Se una piccola parte del porto di questo antico insediamento era già stata scoperta nel 1884 da un egittologo inglese, quella ritrovata in questi giorni […]

L'articolo Egitto: riscoperta Naucrati, antica città sul delta del Nilo sembra essere il primo su Arabpress.

L’Europa e la Primavera Araba: cinque anni dopo

Di Hossam Shaker. Middle East Eye (28/12/2015). Traduzione e sintesi di Roberta Papaleo. Il 17 dicembre 2010, l’immolazione del giovane Mohamed Bouazizi in Tunisia portò la popolazione a ribellarsi e a rovesciare, in meno di un mese, la tirannia del presidente Zine El Abidine Ben Ali, rimasto al potere per 23 anni con l’aiuto di una […]

L'articolo L’Europa e la Primavera Araba: cinque anni dopo sembra essere il primo su Arabpress.

Bilancio di un 2015 molto particolare

Di Sameh Rashed, Al-Araby Al-Jadeed (28/12/2015). Traduzione e sintesi di Marianna Barberio. Il 2015 è stato un anno diverso, testimone di sviluppi importanti tanto a livello regionale che internazionale. Iniziamo dal Medio Oriente dove si è ripresentato il fenomeno della “soluzione militare” per affrontare questioni e problemi regionali e interni. Abbiamo quindi assistito alla penetrazione saudita […]

L'articolo Bilancio di un 2015 molto particolare sembra essere il primo su Arabpress.

Tunisia: una mostra originale al museo del Bardo

Tunisia: una mostra originale al museo del Bardo

Nove mesi dopo l’attentato che ha ucciso 21 persone, il museo Bardo ospita cinque giovani artisti tunisini che rivisitano la relazione tra la loro società e la religione, il terrorismo, l’arte culinaria… il tutto con una visita guidata. “L’indice d’une suite” (“L’indice di una sequenza”) è il titolo intrigante di questa mostra collettiva itinerante che fa tappa nel Museo del […]

L'articolo Tunisia: una mostra originale al museo del Bardo sembra essere il primo su Arabpress.

Mons. Haddad, il vescovo rivoluzionario di Beirut, è morto

Di Giusy Regina “Ama il prossimo tuo come te stesso” è il comandamento dei comandamenti per i cristiani, il numero zero su cui si basano gli altri dieci, il significato più intimo del messaggio che Gesù Cristo è venuto a portare al mondo. Ed è anche il modo più diretto per riassumere la vita e […]

L'articolo Mons. Haddad, il vescovo rivoluzionario di Beirut, è morto sembra essere il primo su Arabpress.

Turchia: Primo ministro estromette HDP da colloqui costituzionali

(Agenzie). Il primo ministro turco Ahmet Davutoglu ha respinto l’ipotesi di colloqui con il principale partito filo-curdo della Turchia su una nuova costituzione, a causa dell’atteggiamento “irrispettoso” della sua leadership. L’esclusione del premier del Partito Democratico del Popolo (HDP) dalle discussioni entra nell’onda dell’implacabile campagna militare  turca contro i curdi nel sud-est del Paese. “Non è opportuno accettarli […]

L'articolo Turchia: Primo ministro estromette HDP da colloqui costituzionali sembra essere il primo su Arabpress.

Arabia Saudita: sequestrati cinque milioni di compresse di anfetamina

(Agenzie). La polizia saudita ha   sequestrato più di cinque milioni di compresse di anfetamine e arrestato 11 persone in una delle più grandi azioni antidroga del regno. I sospettati – nove sauditi e due cittadini sudanesi – sono stati arrestati a Riyadh per un affare illegale in fase di completamento, ha riferito l’agenzia di […]

L'articolo Arabia Saudita: sequestrati cinque milioni di compresse di anfetamina sembra essere il primo su Arabpress.

Afghanistan: attentato vicino scuola di studi coranici

(Agenzie). Un attentatore suicida talebano ha ucciso almeno una persona e ne ha ferite 13 in un attacco nei pressi di una scuola e dell’aeroporto di Kabul, hanno dichiarato i funzionari di polizia della capitale afghana. La polizia ha affermato che l’obiettivo del bomber sembra essere stato un camioncino bianco simile al tipo spesso usato dai contractor, membri […]

L'articolo Afghanistan: attentato vicino scuola di studi coranici sembra essere il primo su Arabpress.

Marocco: rinviata l’inaugurazione del parco solare più grande del mondo

(Agenzie). Il Marocco ha rinviato all’ultimo minuto e senza nessuna spiegazione l’inaugurazione programmata per domenica del parco solare Noor 1, situato a Ouarzazate. Con una capacità produttiva di 160 megawatt di elettricità, Noor-1 dovrebbe consentire al Marocco di ridurre significativamente le emissioni di gas serra. Noor 1 è la prima fase di un mega-progetto che porterà […]

L'articolo Marocco: rinviata l’inaugurazione del parco solare più grande del mondo sembra essere il primo su Arabpress.

Turchia: Erdogan critica l’Iran per il suo appoggio ad Assad

(Agenzie). Il presidente turco Recep Tayyip Erdogan ha denunciato il supporto per “motivi confessionali” che l’Iran dà al regime siriano di Bashar al-Assad. Erdogan ha confermato in un’intervista televisiva che questo appoggio incondizionato non ha fatto altro che peggiorare il conflitto in Siria. “Se l’Iran non appoggiasse Assad per ragioni settarie, oggi non saremmo qui […]

L'articolo Turchia: Erdogan critica l’Iran per il suo appoggio ad Assad sembra essere il primo su Arabpress.

Sconfiggere il terrorismo è un dovere degli arabi e dei musulmani

Di Jihad el-Khazen. Al-Hayat (27/12/2015). Traduzione e sintesi di Federico Seibusi. Sembra che Daesh (ISIS) abbia superato la mafia nel derubare le persone; oltre a vendere il petrolio siriano, l’organizzazione stabilisce, nelle regioni che controlla in Iraq e Siria, la zakat calcolata in base al reddito dei cittadini e impone che ci siano imposte sui salari, […]

L'articolo Sconfiggere il terrorismo è un dovere degli arabi e dei musulmani sembra essere il primo su Arabpress.

Promemoria per Mario Dondero. La bella idea di Loretta Veri

Promemoria per Mario Dondero. La bella idea di Loretta Veri

Mario Dondero "chez soi" a Fermo. Foto di Luigi Burroni
L'Associazione di volontariato Promemoria - e mi scuso del colpevole ritardo con cui scrivo questa notizia - ha deciso di aiutare gli amici dell'Associazione Altidona Belvedere che stanno lavorando da tempo (e non senza fatica) all'Archivio fotografico Mario Dondero.

L'iniziativa è stata lanciata da Loretta Veri che ha aperto con altri un  gruppo su Facebook: "Mario Dondero e i suoi compagni - et ses camarades". Attraverso questa pagina si trovano un mucchio di notizie su Mario, i suoi amici, le mostre, le iniziative, l'archivio. Avete un'idea? Un ricordo? Una cosa da condividere? Iscrivetevi al gruppo (azione consigliata...come si dice).

Dalle pagine di Promemoria è possibile effettuare direttamente una donazione destinata all'Archivio fotografico Mario Dondero. Si può aderire tramite PayPal, carta di credito o bonifico bancario. Promemoria è una onlus di diritto e quindi le donazioni sono detraibili a norma di legge ed è sufficiente portare in dichiarazione dei redditi la ricevuta del versamento. Le donazioni si possono fare nelle varie forme da questa pagina.  "Bel colpo", avrebbe detto Dondi. "Formidabile idea" aggiungo io.

Promemoria per Mario Dondero. La bella idea di Loretta Veri

Promemoria per Mario Dondero. La bella idea di Loretta Veri

Mario Dondero "chez soi" a Fermo. Foto di Luigi Burroni
L'Associazione di volontariato Promemoria - e mi scuso del colpevole ritardo con cui scrivo questa notizia - ha deciso di aiutare gli amici dell'Associazione Altidona Belvedere che stanno lavorando da tempo (e non senza fatica) all'Archivio fotografico Mario Dondero.

L'iniziativa è stata lanciata da Loretta Veri che ha aperto con altri un  gruppo su Facebook: "Mario Dondero e i suoi compagni - et ses camarades". Attraverso questa pagina si trovano un mucchio di notizie su Mario, i suoi amici, le mostre, le iniziative, l'archivio. Avete un'idea? Un ricordo? Una cosa da condividere? Iscrivetevi al gruppo (azione consigliata...come si dice).

Dalle pagine di Promemoria è possibile effettuare direttamente una donazione destinata all'Archivio fotografico Mario Dondero. Si può aderire tramite PayPal, carta di credito o bonifico bancario. Promemoria è una onlus di diritto e quindi le donazioni sono detraibili a norma di legge ed è sufficiente portare in dichiarazione dei redditi la ricevuta del versamento. Le donazioni si possono fare nelle varie forme da questa pagina.  "Bel colpo", avrebbe detto Dondi. "Formidabile idea" aggiungo io.

Promemoria per Mario Dondero. La bella idea di Loretta Veri

Promemoria per Mario Dondero. La bella idea di Loretta Veri

Mario Dondero "chez soi" a Fermo. Foto di Luigi Burroni
L'Associazione di volontariato Promemoria - e mi scuso del colpevole ritardo con cui scrivo questa notizia - ha deciso di aiutare gli amici dell'Associazione Altidona Belvedere che stanno lavorando da tempo (e non senza fatica) all'Archivio fotografico Mario Dondero.

L'iniziativa è stata lanciata da Loretta Veri che ha aperto con altri un  gruppo su Facebook: "Mario Dondero e i suoi compagni - et ses camarades". Attraverso questa pagina si trovano un mucchio di notizie su Mario, i suoi amici, le mostre, le iniziative, l'archivio. Avete un'idea? Un ricordo? Una cosa da condividere? Iscrivetevi al gruppo (azione consigliata...come si dice).

Dalle pagine di Promemoria è possibile effettuare direttamente una donazione destinata all'Archivio fotografico Mario Dondero. Si può aderire tramite PayPal, carta di credito o bonifico bancario. Promemoria è una onlus di diritto e quindi le donazioni sono detraibili a norma di legge ed è sufficiente portare in dichiarazione dei redditi la ricevuta del versamento. Le donazioni si possono fare nelle varie forme da questa pagina.  "Bel colpo", avrebbe detto Dondi. "Formidabile idea" aggiungo io.

Libano: attesa forte nevicata il 31 dicembre

(Agenzie). Forti venti, pioggia e neve a 1.400 metri sul livello del mare sono attesi nei cieli libanesi a partire dalla mattina del 31 dicembre. Secondo l’Agricultural Research Institute, il temporale provocherà forti nevicate nei due giorni successivi. Il 1 gennaio 2016, sono previste nevicate a 1000 metri sul livello del mare nel corso della giornata […]

L'articolo Libano: attesa forte nevicata il 31 dicembre sembra essere il primo su Arabpress.

Il ruolo dei curdi all’interno della nuova coalizione islamica

Di Mohammad Wani. Elaph (25/12/2015). Traduzione e sintesi di Alessandro Mannara. Dopo il crollo del partito Ba’th e la totale perdita di potere in Iraq dei partiti sciiti filo-iraniani, si presupponeva un miglioramento delle relazioni tra Kurdistan e Paesi del Golfo, in particolare con l’Arabia Saudita. Tuttavia, la dipendenza di tali Paesi dai partiti sunniti […]

L'articolo Il ruolo dei curdi all’interno della nuova coalizione islamica sembra essere il primo su Arabpress.

Iraq: il leader di Daesh minaccia Israele e Arabia Saudita

(Agenzie). Abu Bakr al-Baghdadi torna a farsi sentire. In un messaggio audio il leader di Daesh afferma: “i raid non ci hanno indebolito”. Ad ottobre si era parlato di un possibile ferimento di al-Baghdadi in un bombardamento dell’aviazione irachena contro il convoglio in cui viaggiava, ma la notizia non ha mai trovato conferma. Nel messaggio audio, lungo 24 minuti, […]

L'articolo Iraq: il leader di Daesh minaccia Israele e Arabia Saudita sembra essere il primo su Arabpress.

Tunisia: la mèta dei fan di Star Wars

Tunisia: la mèta dei fan di Star Wars

Quando, nel 1976, la troupe cinematografica del primo Star Wars arrivò nella valle Sidi Bouhel, nel sud della Tunisia, probabilmente non immaginava che ne sarebbe nata una leggenda. Oggi, 40 anni dopo, all’uscita internazionale del settimo episodio di Star Wars, i tunisini non sono immuni dal fenomeno de Il risveglio della forza. Il 18 dicembre, i […]

L'articolo Tunisia: la mèta dei fan di Star Wars sembra essere il primo su Arabpress.

Egitto: la British cancella suoi voli per Sharm el-Sheikh

(Agenzie). Diverse compagnie aeree britanniche hanno annunciato l’estensione fino alla fine di febbraio della cancellazione dei voli per la località egiziana di Sharm el-Sheikh. La decisione è stata presa dopo lo schianto di un aereo russo nel Sinai a fine ottobre. “In seguito alle raccomandazioni del governo di non trasportare passeggeri a Sharm el-Sheikh, tutti […]

L'articolo Egitto: la British cancella suoi voli per Sharm el-Sheikh sembra essere il primo su Arabpress.

Tunisia: si continuano ad applicare le leggi ereditate dalla dittatura

In un lungo articolo del suo corrispondente in Tunisia, la rivista M di “Le Monde”, ha confermato che il Paese non ha voltato totalmente le spalle alle leggi che lo governavano durante la dittatura di Ben Ali. Tre artisti, Ala Eddine Slim, Fakhri e Atef El-Ghezal Maatallah sono stati condannati a un anno di reclusione […]

L'articolo Tunisia: si continuano ad applicare le leggi ereditate dalla dittatura sembra essere il primo su Arabpress.

Marocco: tre progetti su 10 infrastrutture top in Africa

(Agenzie). Tra le 10 infrastrutture più rilevanti del 2015 in Africa, sono tre i progetti realizzati in Marocco, secondo una classifica della rivista Jeune Afrique. Si tratta di due grandi progetti per l’energia verde, il parco eolico di Tarfaya e il complesso solare Noor a Ouarzazate, oltre al “Wessal Port Casablanca”. Il parco eolico di Tarfaya, […]

L'articolo Marocco: tre progetti su 10 infrastrutture top in Africa sembra essere il primo su Arabpress.

La Libia e i giochi di prestigio dell’Onu

La Libia e i giochi di prestigio dell’Onu

mcc43 “Il primo connotato della democrazia è un’assemblea parlamentare eletta a suffragio universale. Quando di assemblee ve ne sono due non è più democrazia ma caos.” Dalle contestate elezioni di giugno 2014 in Libia legiferavano due Parlamenti: il nuovo, eletto in giugno, migrato a Tobruk “per ragioni di sicurezza” e dichiarato illegale dalla Corte Costituzionale, quello vecchio riconvocato a Tripoli. Più di […]
La Libia e i giochi di prestigio dell’Onu

La Libia e i giochi di prestigio dell’Onu

mcc43 “Il primo connotato della democrazia è un’assemblea parlamentare eletta a suffragio universale. Quando di assemblee ve ne sono due non è più democrazia ma caos.” Dalle contestate elezioni di giugno 2014 in Libia legiferavano due Parlamenti: il nuovo, eletto in giugno, migrato a Tobruk “per ragioni di sicurezza” e dichiarato illegale dalla Corte Costituzionale, quello vecchio riconvocato a Tripoli. Più di […]
La Libia e i giochi di prestigio dell’Onu

La Libia e i giochi di prestigio dell’Onu

mcc43 “Il primo connotato della democrazia è un’assemblea parlamentare eletta a suffragio universale. Quando di assemblee ve ne sono due non è più democrazia ma caos.” Dalle contestate elezioni di giugno 2014 in Libia legiferavano due Parlamenti: il nuovo, eletto in giugno, migrato a Tobruk “per ragioni di sicurezza” e dichiarato illegale dalla Corte Costituzionale, quello vecchio riconvocato a Tripoli. Più di […]

Siria: messa in attesa l’evacuazione da Yarmouk

(Agenzie). In attesa l’evacuazione prevista di migliaia di ribelli dal campo profughi di Yarmouk, nel sud di Damasco. La causa del ritardo sembrano essere problemi di sicurezza a seguito dell‘uccisione di Alloush. Il convoglio infatti sarebe dovuto passare attraverso la zona controllata dal gruppo ribelle Jaish al Islam, di cui Alloush era il leader. L’Osservatorio […]

L'articolo Siria: messa in attesa l’evacuazione da Yarmouk sembra essere il primo su Arabpress.

Turchia: continua coprifuoco nel Kurdistan, morta una bambina di 6 mesi

(Agenzie).  Continua il coprifuoco nelle principali città del Kurdistan turco. Nella città di Cizre  si sono intensificati gli attacchi delle forze turche, ma continua la resistenza per le strade. Gli attacchi dell’esercito di Ankara hanno portato alla morte di una bambina di 6 mesi e del padre in seguito ai bombardamenti turchi nel suo quartiere. […]

L'articolo Turchia: continua coprifuoco nel Kurdistan, morta una bambina di 6 mesi sembra essere il primo su Arabpress.

Corsica: saccheggiata sala di preghiera islamica

(Agenzie). I manifestanti hanno saccheggiato una sala di preghiera musulmana e hanno tentato di bruciare copie del Corano, sull’isola francese della Corsica, ha dichiarato la polizia locale, dopo una notte di violenza che ha lasciato due vigili del fuoco feriti. Le tensioni erano montate ad Ajaccio il giorno di Natale, dopo che due vigili del fuoco […]

L'articolo Corsica: saccheggiata sala di preghiera islamica sembra essere il primo su Arabpress.

Arabpress 2015-12-26 10:29:07

È stato ucciso un palestinese che  ha cercato di accoltellare un poliziotto israeliano vicino alla città vecchia di Gerusalemme , ha dichiarato un portavoce della polizia. “Gli agenti di polizia hanno individuato un uomo sospetto e si sono avvicinati per controllare”, ha dichiarato il funzionario. “Il terrorista ha tirato fuori un coltello e ha cercato di […]

L'articolo sembra essere il primo su Arabpress.

Il Natale a Gaza

Di Adel Zaanoun. Your Middle East (24/12/2015). Traduzione e sintesi di Maddalena Goi. “In un primo momento se ne sono andati per studiare altrove”, dice Manna, di 62 anni, mentre sta in piedi davanti alla grande croce di legno di una chiesa cattolica latina della città di Gaza spiegando che i suoi figli si sono trasferiti in […]

L'articolo Il Natale a Gaza sembra essere il primo su Arabpress.

Siria: ucciso Alloush, leader dei ribelli

(Agenzie). Zahran Alloush, leader di una delle principali fazioni ribelli siriane, è stato ucciso durante un raid russo a est di Damasco. Lo rende noto l’Osservatorio per i diritti umani. Il raid ha colpito un edificio dove Alloush teneva una riunione e con lui sono morti anche diversi dirigenti. Alloush era uno dei capi più potenti della ribellione […]

L'articolo Siria: ucciso Alloush, leader dei ribelli sembra essere il primo su Arabpress.

Risorse online per la lingua araba

Risorse online per la lingua araba

Strumenti e risorse online per imparare l’arabo     🔊  Ascolto, pronuncia e fonetica Per ascoltare termini ed espressioni letti da parlanti madrelingua di diversi paesi arabi e per conoscere trascrizione fonetica e traslitterazione delle lettere dell’alfabeto (in inglese): Guida alla pronuncia in Arabo – Forvo    Arabic alphabet, pronunciation and language – Omniglot, © […]

Siria: governo pronto per accordi di pace

(Agenzie). La Siria è pronta a prendere parte ai colloqui di pace di Ginevra e si augura che il dialogo sarà d’aiuto per formare un governo di unità nazionale “a condizione che non ci siano interferenze straniere”, ha dichiarato il ministro degli esteri siriano Walid al-Moualem giovedì 24 dicembre nel corso di una visita a Pechino. […]

L'articolo Siria: governo pronto per accordi di pace sembra essere il primo su Arabpress.

Gesù e Muhammad “festeggiano il natale” insieme

Di Nader Allouche. Al Huffington Post Maghreb (23/12/2015). Traduzione e sintesi di Roberta Papaleo. Il Natale e la nascita del profeta Muhammad quest’anno cadono nello stesso giorno. Mentre in Algeria il sincretismo locale ha fatto sì che si festeggi il Natale – chiamato al-Mawoud Ayssa – molti si sentono smarriti e si chiedono come poter festeggiare questi […]

L'articolo Gesù e Muhammad “festeggiano il natale” insieme sembra essere il primo su Arabpress.

Somalia e Brunei: niente festeggiamenti natalizi

(Agenzie). La Somalia, Paese a maggioranza musulmana, ha vietato i festeggiamenti natalizi, seguendo l’esempio del sultanato del Brunei, dove all’inizio del mese è stato emanato un divieto simile la cui violazione è punibile con fino a cinque anni di carcere. Lo Sheikh Mohamed Khayrow, direttore generale del ministero somalo degli Affari Religiosi, ha dichiarato che […]

L'articolo Somalia e Brunei: niente festeggiamenti natalizi sembra essere il primo su Arabpress.

EAU: non solo i cristiani vivono lo spirito del Natale

(The National.ae). Si sa, il Natale è una festa cristiana. Tuttavia, decorare le case con luci e candele e passare il tempo con la famiglia mangiando del buon cibo è diventato così attraente che anche alcuni musulmani si immergono nello spirito natalizio. Basma El Lakkis, ingegnere chimica libanese 24enne che vive negli Emirati Arabi Uniti da […]

L'articolo EAU: non solo i cristiani vivono lo spirito del Natale sembra essere il primo su Arabpress.

Natale di fratellanza per i cristiani d’Iraq

Di Saif Hameed. Al-Arabiya (24/12/2015). Traduzione e sintesi di Giusy Regina Con il Natale che cade quest’anno un giorno dopo il compleanno del Profeta Mohammed, la città di Baghdad è in festa, con celebrazioni natalizie in segno di fratellanza con la comunità cristiana dell’Iraq, fortemente sotto pressione. Fuochi d’artificio illumineranno il fiume Tigri tutte le sere della […]

L'articolo Natale di fratellanza per i cristiani d’Iraq sembra essere il primo su Arabpress.

Marocco: premio a Mohammed V per aver protetto gli ebrei

(Agenzie). L’ex re del Marocco Mohammed V è stato premiato postumo per la protezione data a 250 mila ebrei residenti nel Paese durante la Seconda Guerra Mondiale. A premiare è l’istituto KIVUNIM, un programma di studio internazionale con sede negli Stati Uniti che invia ogni anno studenti ebrei in 12 Paesi nel mondo, tra cui lo stesso Marocco. Il premio per […]

L'articolo Marocco: premio a Mohammed V per aver protetto gli ebrei sembra essere il primo su Arabpress.

Una Tunisia ribelle e gioiosa nel nuovo film di Leyla Bouzid

Farah (Baya Medhaffar) ha meno di 18 anni. Ha appena superato la maturità con il massimo dei voti ed è la gioia di sua madre Hayet (Ghalia Benali) che sogna per lei una carriera da medico. Farah ha però altri piani: la sua band è molto più importante dello studio. Interpreta i brani di Borhène (Montasser Ayari) e sta per […]

L'articolo Una Tunisia ribelle e gioiosa nel nuovo film di Leyla Bouzid sembra essere il primo su Arabpress.

Turchia e Israele: tra il blocco su Gaza e il gas naturale

Di Kadri Gursel. Al-Monitor (23/12/2015). Traduzione e sintesi di Roberta Papaleo. Giorni prima della notizia sulla normalizzazione delle relazioni tra Turchia e Israele, il presidente turco Recep Tayyip Erdogan aveva dato a intendere di voler presto sistemare la crisi della Mavi Marmara tra i due Paesi. Lo scorso 13 dicembre, durante un’intervista, Erdogan ha rotto con […]

L'articolo Turchia e Israele: tra il blocco su Gaza e il gas naturale sembra essere il primo su Arabpress.

Arabia Saudita: re Salman accusa Assad di aver favorito Daesh

(Agenzie). Il re saudita Salman ha accusato il presidente siriano Bashar al Assad di aver avvantaggiato l’ascesa di Daesh in Siria. “I gruppi terroristici non avrebbero potuto trovare terreno fertile senza la politica del regime siriano, che ha portato allo sterminio di centinaia di migliaia di siriani”, ha dichiarato il monarca saudita in un testo indirizzato al […]

L'articolo Arabia Saudita: re Salman accusa Assad di aver favorito Daesh sembra essere il primo su Arabpress.

Buone feste, A’yād Sa’īdah أعياد سعيدة

Buone feste, A’yād Sa’īdah أعياد سعيدة

      A’yād Sa’īdah è il corrispettivo in arabo delle tradizionali frasi augurali per il periodo natalizio (it. Buone feste, ted. Frohe Festtage/Feiertage, ingl. Happy Holidays, spa. Felices fiestas…). عيد ʿīd (n.m.), ‎أَعْيَاد ‎ʾaʿyād (pl.): festa, festività سعيد saʿīd (agg.), سَعِيدَة ‎  saʿīda (fem.), أَسْعَد ‎  ʾasʿad (elativo): felice, lieto ∗ ∗ ∗ Lettere […]

Arabia Saudita: “risparmiata” la vita a donna dello Sri Lanka

(Agenzie). La vita di una cameriera dello Sri Lanka, condannata a essere lapidata a morte in Arabia Saudita per adulterio nell’agosto 2015, è stata risparmiata. La donna sarà imprigionata, l’Arabia Saudita ha ritirato l’ordine di esecuzione in seguito all’appello dello Sri Lanka, secondo quanto annunciato dal vice-Ministro degli Esteri srilankese Dr Harsha de Silva. La […]

L'articolo Arabia Saudita: “risparmiata” la vita a donna dello Sri Lanka sembra essere il primo su Arabpress.

مجلس الوحدة الاقتصادية العربية

بدأ مجلس الوحدة الاقتصادية العربية مباشرة مهامه في دفع مسيرة الوحدة الاقتصادية العربية إلي الأمام بعقد دورته الأولى في القاهرة في يونيو/حزيران 1964، بوصفه الجهاز المسؤول عن إدارة اتفاقية الوحدة الاقتصادية العربية وإخراجها إلى أرض الواقع. Continue reading
Palestina. Oslo, andata e ritorno

Palestina. Oslo, andata e ritorno

Analizzare il processo innescato dagli Accordi di Oslo è un punto di partenza fondamentale per comprendere quanto sta accadendo, in queste ore, in Palestina. L'analisi di Mjriam Abu Samra tradotta da Osservatorio Iraq. 

 

 

“Se falliamo nel difendere la nostra causa dovremmo cambiare i difensori non la causa” (Ghassan Kanafani).

23 Dicembre 2015
di: 
Mjriam Abu Samra*

“Gerusalemme senza Dio. Ritratto di una città crudele” di Paola Caridi

“Linee, confini, muri, un di qua e un di là”. In questa piccola frase è sintetizzata la rappresentazione della città di Gerusalemme, uno dei luoghi – o forse il luogo – più complessi del pianeta per le stratificazioni storiche, religiose, urbanistiche e sociali che la caratterizzano. Il luogo che più di ogni altro lega la […]

L'articolo “Gerusalemme senza Dio. Ritratto di una città crudele” di Paola Caridi sembra essere il primo su Arabpress.

Algeria: la migliore nel nord Africa in termini di sviluppo umano

(El-Watan). L’Algeria occupa il miglior posto tra i Paesi del nord Africa in termini di sviluppo umano, secondo un rapporto sulla sostenibilità globale pubblicato recentemente. Il documento rileva che l’Algeria ha scalato la classifica, dal 93 ° posto dell’anno scorso al 83° di quest’anno, permettendo così di mantenere e rafforzare la sua posizione in particolare rispetto ai Paesi riconosciuti […]

L'articolo Algeria: la migliore nel nord Africa in termini di sviluppo umano sembra essere il primo su Arabpress.

Egitto: condannato a 10 anni di prigione il leader dei Fratelli Musulmani

(Agenzie). Un tribunale militare ha condannato Mohammed Badie, il leader dei Fratelli Musulmani, a dieci anni di prigione e decine di altri islamisti all’ergastolo per il loro coinvolgimento in scontri mortali nel 2013. Mohammed Badie e gli altri imputati sono stati condannati per aver partecipato, secondo il tribunale, a scontri che hanno causato 31 morti a […]

L'articolo Egitto: condannato a 10 anni di prigione il leader dei Fratelli Musulmani sembra essere il primo su Arabpress.

Egitto: il governo rinforza la sicurezza negli aeroporti

(Agenzie). L’Egitto ha annunciato di aver ingaggiato una società britannica di rivedere le misure di sicurezza nei suoi aeroporti. La decisione arriva un mese e mezzo dopo lo schianto di un aereo russo con 224 morti nel Sinai. La società “Global Risks” inizierà con una verifica delle misure di sicurezza all’aeroporto di Sharm el-Sheikh, da […]

L'articolo Egitto: il governo rinforza la sicurezza negli aeroporti sembra essere il primo su Arabpress.

Siria: Amnesty accusa la Russia di crimini di guerra

(Financial Times). Amnesty International afferma che gli attacchi aerei russi in Siria possono costituire crimini di guerra dopo aver raccolto segnalazioni su centinaia di civili uccisi nelle loro case, strutture sanitarie e altri spazi pubblici. L’organizzazione per i diritti umani con sede nel Regno Unito ha detto che ha condotto una ricerca a distanza di […]

L'articolo Siria: Amnesty accusa la Russia di crimini di guerra sembra essere il primo su Arabpress.

Il Natale, la nascita del Profeta e le rivolte arabe

Di H.A. Hellyer. Al-Arabiya (22/12/2015). Traduzione e sintesi di Chiara Cartia. A giorni, i cristiani che seguono il calendario gregoriano festeggeranno la Vigilia di Natale, il 24 dicembre. Quest’anno, però, secondo diversi storici, la data della Vigilia coinciderà con il mawlid al -Nabi, il giorno della nascita del profeta Muhammad. Inoltre, il 24 dicembre 2015 coinciderà quest’anno nel […]

L'articolo Il Natale, la nascita del Profeta e le rivolte arabe sembra essere il primo su Arabpress.

Regali di Natale, al Cafè Jerusalem

C’è una proposta dei Radiodervish, che faccio mia. E’ possibile fare un regalo di Natale di quelli diversi. Per esempio, acquistare un biglietto per Cafè Jerusalem, che sbarca in Puglia nei prossimi giorni. Il 29 dicembre siamo a Bari, allo Showville, con il patrocinio del Comune di Bari e in collaborazione con i Teatri diRead more

Belgio: Nadia Sminate, primo sindaco di origine marocchina

(Agenzie). Nadia Sminate, sindaco di Londerzeel da venedì scorso, è la prima donna di origine marocchina a invesire questo ruolo in una città fiamminga. Prima di diventare sindaco, la giovane donna ha una lunga carriera politica alle spalle. Dal 2006,  è stata consigliere comunale, in cima alla lista del partito nazionalista N-VA (l’Alleanza Neo-Fiamminga). Nel […]

L'articolo Belgio: Nadia Sminate, primo sindaco di origine marocchina sembra essere il primo su Arabpress.

Media arabi: allineatevi o spegnete tutto

Di Rana Sabbagh. Mada Masr (06/12/2015). Traduzione e sintesi di Roberta Papaleo. Dopo essersi fatti cullare dolcemente dalle rivolte della Primavera Araba, i giornalisti e i presentatori arabi hanno deciso di appoggiare i loro governi e i loro leader, diventando i loro portavoce. Se non lo avessero fatto, avrebbero rischiato licenziamenti, molestie, minacce e carcere – […]

L'articolo Media arabi: allineatevi o spegnete tutto sembra essere il primo su Arabpress.

Putin e l’altra guerra santa

Putin e l’altra guerra santa

Nel libro Bergoglio, sfida globale da poco in libreria (Castelvecchi), Riccardo Cristiano afferma che molte rappresentazioni del conflitto siriano hanno teso a mettere in crisi il dialogo interreligioso per motivi politici e ideologici e […]
Putin e l’altra guerra santa

Putin e l’altra guerra santa

Nel libro Bergoglio, sfida globale da poco in libreria (Castelvecchi), Riccardo Cristiano afferma che molte rappresentazioni del conflitto siriano hanno teso a mettere in crisi il dialogo interreligioso per motivi politici e ideologici e […]
Putin e l’altra guerra santa

Putin e l’altra guerra santa

Nel libro Bergoglio, sfida globale da poco in libreria (Castelvecchi), Riccardo Cristiano afferma che molte rappresentazioni del conflitto siriano hanno teso a mettere in crisi il dialogo interreligioso per motivi politici e ideologici e […]

Marocco: arrestati 11 presunti terroristi

Arrestati lunedì 21 dicembre a Rabat 11 presunti terroristi che si preparavano a compiere attacchi terroristici sul suolo marocchino la notte di San Silvestro. I membri della presunta cellula terroristica sono stati arrestati nella regione di Fez, secondo il quotidiano Assabah. L’operazione è stata effettuata grazie al “perfetto coordinamento tra i diversi servizi di sicurezza”, secondo la stessa […]

L'articolo Marocco: arrestati 11 presunti terroristi sembra essere il primo su Arabpress.

Tunisia: smantellata cellula jihadista specializzata in reclutare donne

(Agenzie). Quattro persone sono state arrestate a Biserta, nel nord della Tunisia, ha annunciato lunedì 21 dicembre il Ministero degli Interni tunisino. Le operazioni delle forze di sicurezza sono aumentate dopo l’attacco contro la guardia presidenziale il 24 novembre, rivendicato da Daesh. Questa volta si tratta di una cellula specializzata nel reclutamento di donne. I quattro arrestati “stavano reclutando giovani, specialmente ragazze, per inviarle in zone di conflitto al fine di sposare una volta lì i terroristi” ha […]

L'articolo Tunisia: smantellata cellula jihadista specializzata in reclutare donne sembra essere il primo su Arabpress.

La Libia canta il Natale nella Chiesa di San Francesco

Al-Arabiya (21/12/2015). Traduzione e sintesi di Giusy Regina Nella capitale della Libia devastata dalla guerra, una comunità cristiana di lavoratori stranieri decide di lasciare a casa la paura e si riunisce davanti alla Chiesa per canti di Natale e risate in compagnia. Lisa, un’infermiera filippina di 47 anni, ha detto di aver appena celebrato la festa delle luci “per […]

L'articolo La Libia canta il Natale nella Chiesa di San Francesco sembra essere il primo su Arabpress.

Siria-Iraq: Daesh ha perso il 14% del territorio rispetto al 2014

Il gruppo jihadista Daesh ha perso in questi ultimi mesi il controllo del territorio che controllava in Siria e in Iraq,  con il 14% in meno rispetto al 2014, ha detto lunedì 21 dicembre l’istituto di Intelligence IHS Jane con sede a Londra. Sulla base di informazioni provenienti da fonti di social media presenti in Siria […]

L'articolo Siria-Iraq: Daesh ha perso il 14% del territorio rispetto al 2014 sembra essere il primo su Arabpress.

Libia: Daesh lancia “forza di polizia islamica” in video propaganda

Daesh ha rilasciato un video in cui mostra la propria forza di polizia intenta a mantenere l’ordine in Libia. Apparentemente girato a Sirte, il video mostra il gruppo nel tentativo di colmare l’attuale vuoto di potere nel Paese nordafricano.   Nel nuovo video di propaganda del gruppo jihadista vediamo circa 12 poliziotti a volto coperto sull’attenti con fucili e furgoni bianchi […]

L'articolo Libia: Daesh lancia “forza di polizia islamica” in video propaganda sembra essere il primo su Arabpress.

Un’analisi sulla coalizione islamica

Di Muhammad Abu Rumman. Al-Aaraby al-Jadeed (22/12/2015). Traduzione e sintesi di Annamaria Bertani. Vi sono tre letture possibili per spiegare le cause e gli obiettivi che stanno dietro all’annuncio, avvenuto nei giorni scorsi a Riyad, della formazione di una coalizione antiterroristica che comprende 35 paesi islamici. La prima lettura afferma come la coalizione non comporterà […]

L'articolo Un’analisi sulla coalizione islamica sembra essere il primo su Arabpress.

Mario, il bosco e il risotto (alla miladonderiese)

Mario, il bosco e il risotto (alla miladonderiese)

Furbetti del quartierino (nel bosco):
 Mario Dondero e Monika Bulaj
Complice l'autunno ancora mite del 2013 eravamo andati nel bosco. Monika Bulaj, Mario Dondero ed io: a Crema, bassa padana, nebbie (sempre meno presenti) e odore di funghi, profumi di risotti con lo zafferano e, ovviamente, col midollo. Mario aveva una teoria speciale per il risotto alla milanese sul quale si riteneva, non a torto, un maître indiscusso. Prima di tutto il midollo, acquisito nella macelleria di Erminio dove era avvenuto da poco un scambio in natura: midollo e salsiccia contro la foto di un esemplare stupefacente di razza chianina nella quale il bestione sopravanza l'uomo che lo tiene legato. Una foto che tutti i macellai d'Europa hanno visto sulle riviste dedicate e che è uno dei tanti capolavori “minori” di Mario. Dopo il midollo, la cipolla bianca tagliata un po' grossa va rosolata in... olio di semi. Si, di semi, perché il risotto va avvolto in quel condimento proletario snobbato dagli chef. Infine lo zafferano (due bustine), a fine cottura, amalgamato nel burro e parmigiano.

Riesco a ricordare Mario Dondero solo così. Anche perché il ricordo dell'uomo non è mai distinto dal fotografo. E il ricordo del maestro dello scatto non è mai disgiunto dalla sua curiosa e golosa umanità. Nelle piccole e grandi foto. Grandi come quella sul Nouveau roman, che gli diede fama internazionale, piccole come quella dell'enorme toro toscano. L'una coccolata dalle élite. L'altra adorata dai macellai. Entrambe scoperta di un'epoca, letteraria o culinaria. Sempre umana. Come l'uomo nel bosco che, prima del risotto, calzando stivaloni e impermeabile, libera dall'edera una pianta approfittando della linfa che, d'autunno, si ritira modesta in vista dell'inverno.

A Crema stavamo lavorando a “Lo scatto umano”, un libro che Laterza ci aveva chiesto dopo una fortunata produzione di chiacchierate radiofoniche sul fotogiornalismo in cui Mario, frugando tra i ricordi e ricomponendo un puzzle che si andava costruendo tra le due guerre mondiali, aveva messo insieme una breve storia dell'inizio di un lavoro mitico – quello del fotoreporter – cominciato a Budapest (lo avreste detto?) e poi diventato grande in Germania e da lì, inseguito dagli strali del nazismo (quei fotoreporter erano per lo più ebrei, ungheresi e comunisti), a Londra, Parigi, New York. Nel mettere assieme il libro, che era una storia del fotogiornalismo ma anche la summa dell'interpretazione di “Dondi”, io non ero altro che il dattilografo di un fiume in piena che andava, al più, contenuto. Era un lavoro poco impegnativo in realtà, sia per il fascino dei racconti, sia perché Mario aveva le idee chiarissime, sia perché intervallavamo la scrittura al risotto, al bosco, ad amene letture scovate nella biblioteca di casa. Come quel romanzo sulla vita di Casanova che aveva appassionato il Mario letterato e il Dondero dongiovanni. E viaggi, naturalmente. E “trattoriole”, come Mario le definiva. Penso così, che sulla strada per l'ignoto Mario si sia fermato in quella “formidabile trattoriola” che sta tra l'Inferno e il Paradiso. Dove fanno quel risotto... Mannaggia a San Pietro, senza l'olio di semi.


Questo articolo è uscito su Pagina99 in edicola per due settimane. Per gustarvi le foto di Monika Bulaj (il valore aggiunto di questo breve ricordo) dovete prendere il giornale
Mario, il bosco e il risotto (alla miladonderiese)

Mario, il bosco e il risotto (alla miladonderiese)

Furbetti del quartierino (nel bosco):
 Mario Dondero e Monika Bulaj
Complice l'autunno ancora mite del 2013 eravamo andati nel bosco. Monika Bulaj, Mario Dondero ed io: a Crema, bassa padana, nebbie (sempre meno presenti) e odore di funghi, profumi di risotti con lo zafferano e, ovviamente, col midollo. Mario aveva una teoria speciale per il risotto alla milanese sul quale si riteneva, non a torto, un maître indiscusso. Prima di tutto il midollo, acquisito nella macelleria di Erminio dove era avvenuto da poco un scambio in natura: midollo e salsiccia contro la foto di un esemplare stupefacente di razza chianina nella quale il bestione sopravanza l'uomo che lo tiene legato. Una foto che tutti i macellai d'Europa hanno visto sulle riviste dedicate e che è uno dei tanti capolavori “minori” di Mario. Dopo il midollo, la cipolla bianca tagliata un po' grossa va rosolata in... olio di semi. Si, di semi, perché il risotto va avvolto in quel condimento proletario snobbato dagli chef. Infine lo zafferano (due bustine), a fine cottura, amalgamato nel burro e parmigiano.

Riesco a ricordare Mario Dondero solo così. Anche perché il ricordo dell'uomo non è mai distinto dal fotografo. E il ricordo del maestro dello scatto non è mai disgiunto dalla sua curiosa e golosa umanità. Nelle piccole e grandi foto. Grandi come quella sul Nouveau roman, che gli diede fama internazionale, piccole come quella dell'enorme toro toscano. L'una coccolata dalle élite. L'altra adorata dai macellai. Entrambe scoperta di un'epoca, letteraria o culinaria. Sempre umana. Come l'uomo nel bosco che, prima del risotto, calzando stivaloni e impermeabile, libera dall'edera una pianta approfittando della linfa che, d'autunno, si ritira modesta in vista dell'inverno.

A Crema stavamo lavorando a “Lo scatto umano”, un libro che Laterza ci aveva chiesto dopo una fortunata produzione di chiacchierate radiofoniche sul fotogiornalismo in cui Mario, frugando tra i ricordi e ricomponendo un puzzle che si andava costruendo tra le due guerre mondiali, aveva messo insieme una breve storia dell'inizio di un lavoro mitico – quello del fotoreporter – cominciato a Budapest (lo avreste detto?) e poi diventato grande in Germania e da lì, inseguito dagli strali del nazismo (quei fotoreporter erano per lo più ebrei, ungheresi e comunisti), a Londra, Parigi, New York. Nel mettere assieme il libro, che era una storia del fotogiornalismo ma anche la summa dell'interpretazione di “Dondi”, io non ero altro che il dattilografo di un fiume in piena che andava, al più, contenuto. Era un lavoro poco impegnativo in realtà, sia per il fascino dei racconti, sia perché Mario aveva le idee chiarissime, sia perché intervallavamo la scrittura al risotto, al bosco, ad amene letture scovate nella biblioteca di casa. Come quel romanzo sulla vita di Casanova che aveva appassionato il Mario letterato e il Dondero dongiovanni. E viaggi, naturalmente. E “trattoriole”, come Mario le definiva. Penso così, che sulla strada per l'ignoto Mario si sia fermato in quella “formidabile trattoriola” che sta tra l'Inferno e il Paradiso. Dove fanno quel risotto... Mannaggia a San Pietro, senza l'olio di semi.


Questo articolo è uscito su Pagina99 in edicola per due settimane. Per gustarvi le foto di Monika Bulaj (il valore aggiunto di questo breve ricordo) dovete prendere il giornale
Mario, il bosco e il risotto (alla miladonderiese)

Mario, il bosco e il risotto (alla miladonderiese)

Furbetti del quartierino (nel bosco):
 Mario Dondero e Monika Bulaj
Complice l'autunno ancora mite del 2013 eravamo andati nel bosco. Monika Bulaj, Mario Dondero ed io: a Crema, bassa padana, nebbie (sempre meno presenti) e odore di funghi, profumi di risotti con lo zafferano e, ovviamente, col midollo. Mario aveva una teoria speciale per il risotto alla milanese sul quale si riteneva, non a torto, un maître indiscusso. Prima di tutto il midollo, acquisito nella macelleria di Erminio dove era avvenuto da poco un scambio in natura: midollo e salsiccia contro la foto di un esemplare stupefacente di razza chianina nella quale il bestione sopravanza l'uomo che lo tiene legato. Una foto che tutti i macellai d'Europa hanno visto sulle riviste dedicate e che è uno dei tanti capolavori “minori” di Mario. Dopo il midollo, la cipolla bianca tagliata un po' grossa va rosolata in... olio di semi. Si, di semi, perché il risotto va avvolto in quel condimento proletario snobbato dagli chef. Infine lo zafferano (due bustine), a fine cottura, amalgamato nel burro e parmigiano.

Riesco a ricordare Mario Dondero solo così. Anche perché il ricordo dell'uomo non è mai distinto dal fotografo. E il ricordo del maestro dello scatto non è mai disgiunto dalla sua curiosa e golosa umanità. Nelle piccole e grandi foto. Grandi come quella sul Nouveau roman, che gli diede fama internazionale, piccole come quella dell'enorme toro toscano. L'una coccolata dalle élite. L'altra adorata dai macellai. Entrambe scoperta di un'epoca, letteraria o culinaria. Sempre umana. Come l'uomo nel bosco che, prima del risotto, calzando stivaloni e impermeabile, libera dall'edera una pianta approfittando della linfa che, d'autunno, si ritira modesta in vista dell'inverno.

A Crema stavamo lavorando a “Lo scatto umano”, un libro che Laterza ci aveva chiesto dopo una fortunata produzione di chiacchierate radiofoniche sul fotogiornalismo in cui Mario, frugando tra i ricordi e ricomponendo un puzzle che si andava costruendo tra le due guerre mondiali, aveva messo insieme una breve storia dell'inizio di un lavoro mitico – quello del fotoreporter – cominciato a Budapest (lo avreste detto?) e poi diventato grande in Germania e da lì, inseguito dagli strali del nazismo (quei fotoreporter erano per lo più ebrei, ungheresi e comunisti), a Londra, Parigi, New York. Nel mettere assieme il libro, che era una storia del fotogiornalismo ma anche la summa dell'interpretazione di “Dondi”, io non ero altro che il dattilografo di un fiume in piena che andava, al più, contenuto. Era un lavoro poco impegnativo in realtà, sia per il fascino dei racconti, sia perché Mario aveva le idee chiarissime, sia perché intervallavamo la scrittura al risotto, al bosco, ad amene letture scovate nella biblioteca di casa. Come quel romanzo sulla vita di Casanova che aveva appassionato il Mario letterato e il Dondero dongiovanni. E viaggi, naturalmente. E “trattoriole”, come Mario le definiva. Penso così, che sulla strada per l'ignoto Mario si sia fermato in quella “formidabile trattoriola” che sta tra l'Inferno e il Paradiso. Dove fanno quel risotto... Mannaggia a San Pietro, senza l'olio di semi.


Questo articolo è uscito su Pagina99 in edicola per due settimane. Per gustarvi le foto di Monika Bulaj (il valore aggiunto di questo breve ricordo) dovete prendere il giornale

Arabia Saudita: niente sala cinematografica

(Agenzie). Le autorità saudite hanno confermato che non hanno nessuna intenzione di permettere la costruzione di sale cinematografiche nel Paese. Questa conferma arriva dopo che il Comitato incaricato del cinema in Arabia Saudita aveva annunciato la firma di un accordo preliminare con diversi uomini d’affari per la costruzione della prima sala cinematografica del Paese, secondo […]

L'articolo Arabia Saudita: niente sala cinematografica sembra essere il primo su Arabpress.

Turchia: esercito continua avanzata contro i curdi

Turchia: esercito continua avanzata contro i curdi

(Agenzie). Migliaia di persone stanno marciando verso la città di Cizre e Silopi per rompere l’assedio dell’esercito turco, che da 6 giorni hanno imposto il coprifuoco alle due città curde del sud-est della Turchia. La vasta operazione portata avanti da 10.000 truppe guidate da sei generali, è una delle più grandi lanciate dalla Turchia nei centri urbani […]

L'articolo Turchia: esercito continua avanzata contro i curdi sembra essere il primo su Arabpress.

Marocco: 4 anni di carcere per un finanziatore di Daesh

Condannato a quattro anni di carcere un uomo che ha utilizzato le entrate provenienti dalla vendita di prodotti commerciali per il finanziamento delle attività di Daesh. Bladi.net, il sito cha ha pubblicato la notizia, ha confermato che l’uomo è stato condannato anche a pagare una multa di 500.000 dirhams (circa 50 mila euro). Sono stati […]

L'articolo Marocco: 4 anni di carcere per un finanziatore di Daesh sembra essere il primo su Arabpress.

Tunisia: nuove minacce terroristiche

(Agenzie). L’ambasciata americana a Tunisi ha consigliato ai suoi cittadini di evitare un centro commerciale aperto di recente vicino alla capitale, a causa di un “possibile attacco terroristico” nella giornata di domenica. In un altro comunicato diffuso il 17 dicembre, l’ambasciata aveva già raccomandato “maggiore vigilanza” durante le feste natalizie negli spazi pubblici come alberghi, centri commerciali, […]

L'articolo Tunisia: nuove minacce terroristiche sembra essere il primo su Arabpress.

Egitto: tre anni di carcere per aver “offeso” il capo dello stato

Egitto: tre anni di carcere per aver “offeso” il capo dello stato

Uno studente egiziano è stato condannato a tre anni di carcere per aver postato sulla sua pagina Facebook una foto del presidente Abdel Fattah al-Sisi ritoccata con orecchie di Topolino. Secondo il quotidiano britannico The Daily Mail, cha ha pubblicato la notizia, Amr Nohan, così si chiama lo studente, è accusato di pubblicare sui social network […]

L'articolo Egitto: tre anni di carcere per aver “offeso” il capo dello stato sembra essere il primo su Arabpress.

Qatar: 7mila persone morte sul lavoro, Doha respinge accuse

(Agenzie). Il Qatar ha respinto come “infondate” l’accusa secondo la quale almeno 7mila persone sarebbero morte lavorando sui progetti per la Coppa del Mondo 2022. Doha ha detto che l’accusa – fatta dalla Confederazione internazionale dei sindacati la scorsa settimana – è un “menzogna” e rappresenta “una deliberata distorsione dei fatti”. “L’affermazione internazionale dei sindacati della Confederazione […]

L'articolo Qatar: 7mila persone morte sul lavoro, Doha respinge accuse sembra essere il primo su Arabpress.

Egitto: sostegno economico dall’Arabia Saudita

(Agenzie). L’Arabia Saudita concederà un aiuto economico all’Egitto per un totale di oltre 8 miliardi di dollari per i prossimi cinque anni. Il Paese del Golfo con questo aiuto contribuirà a coprire le esigenze di idrocarburi in Egitto nel corso dei prossimi cinque anni. Da ricordare che Arabia Saudita, Kuwait ed Emirati Arabi Uniti hanno annunciato lo scorso aprile […]

L'articolo Egitto: sostegno economico dall’Arabia Saudita sembra essere il primo su Arabpress.

La vendetta di Erdoğan

Di Mustafa Zein. Al-Hayat (19/12/2015). Traduzione e sintesi di Federico Seibusi. Le politiche del Partito Giustizia e Sviluppo (AKP) turco sono ispirate da numerosi fattori, il più importante di questi è il determinismo geografico e storico a cui si aggiunge una componente religiosa. Come nel caso dell’Iran, questo partito oscilla fra il secolarismo imposto dal […]

L'articolo La vendetta di Erdoğan sembra essere il primo su Arabpress.

Iniziative italiane per il poeta Ashraf Fayadh

Iniziative italiane per il poeta Ashraf Fayadh

Il Festival Internazionale di Letteratura di Berlino ha lanciato un appello internazionale a persone, organizzazioni, scuole e media, affinchè si mobilitino per supportare il caso di Ashraf Fayadh, il poeta e artista palestinese detenuto in Arabia Saudita con l’accusa di apostasia e che, dopo aver passato due anni in carcere (senza aver mai potuto consultare … Continua a leggere Iniziative italiane per il poeta Ashraf Fayadh
Ttp vs Al Bagdadi: non sei  il califfo. I talebani pachistani si smarcano da Daesh

Ttp vs Al Bagdadi: non sei il califfo. I talebani pachistani si smarcano da Daesh

Baghdadi is not Khalifa (caliph) because in Islam, Khalifa means that he has command over all the Muslim world, while Baghdadi has no such command; he has command over a specific people and territory. 

Dice così senza trope perifrasi il comunicato del Tehreek-e-Taleban Pakistan (talebani pachistani) che ieri ha preso ufficialmente le distanza da Daesh e dal suo "califfo" Al Bagdadi. Il comunicato del gruppo, che appare oggi sulla stampa pachistana, cerca così di porre tardivamente rimedio alle secessioni verso il califfato di cui la più nota è quella di Shahidullah Shahid, il  portavoce del gruppo espulso con altri secessionisti nell'ottobre del 2014 proprio per l'adesione al cosiddetto Stato islamico. I talebani afgani hanno preso le distanze da tempo. Entrambi condannano la "barbarie" dei mezzi usati dall'Is. I talebani afgani avevano chiarito ad Al Bagdad, con una lettera indirizzata al capo di Daesh, che nel Paese c'è posto "per una sola bandiera". Bagdadi si tenesse la sua.
Ttp vs Al Bagdadi: non sei  il califfo. I talebani pachistani si smarcano da Daesh

Ttp vs Al Bagdadi: non sei il califfo. I talebani pachistani si smarcano da Daesh

Baghdadi is not Khalifa (caliph) because in Islam, Khalifa means that he has command over all the Muslim world, while Baghdadi has no such command; he has command over a specific people and territory. 

Dice così senza trope perifrasi il comunicato del Tehreek-e-Taleban Pakistan (talebani pachistani) che ieri ha preso ufficialmente le distanza da Daesh e dal suo "califfo" Al Bagdadi. Il comunicato del gruppo, che appare oggi sulla stampa pachistana, cerca così di porre tardivamente rimedio alle secessioni verso il califfato di cui la più nota è quella di Shahidullah Shahid, il  portavoce del gruppo espulso con altri secessionisti nell'ottobre del 2014 proprio per l'adesione al cosiddetto Stato islamico. I talebani afgani hanno preso le distanze da tempo. Entrambi condannano la "barbarie" dei mezzi usati dall'Is. I talebani afgani avevano chiarito ad Al Bagdad, con una lettera indirizzata al capo di Daesh, che nel Paese c'è posto "per una sola bandiera". Bagdadi si tenesse la sua.
Ttp vs Al Bagdadi: non sei  il califfo. I talebani pachistani si smarcano da Daesh

Ttp vs Al Bagdadi: non sei il califfo. I talebani pachistani si smarcano da Daesh

Baghdadi is not Khalifa (caliph) because in Islam, Khalifa means that he has command over all the Muslim world, while Baghdadi has no such command; he has command over a specific people and territory. 

Dice così senza trope perifrasi il comunicato del Tehreek-e-Taleban Pakistan (talebani pachistani) che ieri ha preso ufficialmente le distanza da Daesh e dal suo "califfo" Al Bagdadi. Il comunicato del gruppo, che appare oggi sulla stampa pachistana, cerca così di porre tardivamente rimedio alle secessioni verso il califfato di cui la più nota è quella di Shahidullah Shahid, il  portavoce del gruppo espulso con altri secessionisti nell'ottobre del 2014 proprio per l'adesione al cosiddetto Stato islamico. I talebani afgani hanno preso le distanze da tempo. Entrambi condannano la "barbarie" dei mezzi usati dall'Is. I talebani afgani avevano chiarito ad Al Bagdad, con una lettera indirizzata al capo di Daesh, che nel Paese c'è posto "per una sola bandiera". Bagdadi si tenesse la sua.
Novità editoriali: “Il giocatore d’azzardo” di Mahmud Darwish

Novità editoriali: “Il giocatore d’azzardo” di Mahmud Darwish

È uscito in libreria “Il giocatore d’azzardo”, una raccolta di poesie postume del grande poeta della Palestina, Mahmud Darwish. La raccolta è stata pubblicata dalla casa editrice Mesogea, con testo a fronte in arabo. L’opera prende il titolo dal poema più lungo de sei che si trovano al suo interno. Questi sono stati ritrovati in un […]

L'articolo Novità editoriali: “Il giocatore d’azzardo” di Mahmud Darwish sembra essere il primo su Arabpress.

La roadmap dell’ONU per la Siria: una tregua e negoziati all’inizio dell’anno

Di Mohammad Ali Salih. Asharq Al-Awsat (19/12/2015). Traduzione e sintesi di Ismahan Hassen. Venerdì 18 dicembre, il Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite ha adottato all’unanimità una risoluzione che approva una tabella di marcia internazionale per il raggiungimento della pace in Siria. Questa risoluzione, che comprende il cessate il fuoco e l’avvio dei negoziati tra […]

L'articolo La roadmap dell’ONU per la Siria: una tregua e negoziati all’inizio dell’anno sembra essere il primo su Arabpress.

Musulmani d’America e musulmani di Francia: quale differenza?

Di Hisham Melhem. Al-Nahar (17/12/2015). Traduzione e sintesi di Alessandro Mannara. I recenti attacchi di Parigi e di San Bernardino sono stati perpetrati da terroristi, la maggior parte dei quali nati in quelle stesse città. Ciò ha nuovamente sollevato la problematica sulla natura delle comunità musulmane e il loro rapporto con i Paesi in cui […]

L'articolo Musulmani d’America e musulmani di Francia: quale differenza? sembra essere il primo su Arabpress.

Saluto, salām سلام

Saluto, salām سلام

Formule di cortesia (ادب  adab) / 1 Salutare, سلم  sallama   salām (n.m.), ‎ سَلَامَات ‎  salāmāt (pl.): (inter.) ‘ciao’; saluto; pace سلم sallama (v.): salutare; proteggere ● Il saluto rituale musulmano, oggi utilizzato per salutare persone conosciute e sconosciute: السلام عليكم  as-salāmu ʿalaykum (inter.): “la pace sia con te/voi” وعليكم السلام wa-ʿalaykumu s-salāmu (inter.): […]

Marocco: IKEA pronta ad aprire le sue porte al pubblico entro la fine di dicembre

Al-Youm 24 (15/12/2015). Traduzione e sintesi di Maddalena Goi. Dopo che le autorità marocchine hanno impedito l’apertura del negozio Ikea a settembre scorso, a causa della mancanza del certificato di conformità, una fonte di Al-Youm 24  ha confermato che la società ora risponde a tutti i prerequisiti e le condizioni tecniche che le sono state richieste dal […]

L'articolo Marocco: IKEA pronta ad aprire le sue porte al pubblico entro la fine di dicembre sembra essere il primo su Arabpress.

Siria: risoluzione ONU avvia negoziati di pace

(Agenzie). Votata all’unanimità la risoluzione del Consiglio di Sicurezza Onu che avvia negoziati di pace a Damasco. Il testo, che si propone di porre fine al conflitto in Siria con trattative da gennaio, è stato finalizzato a New York, dopo un’intera giornata di lavoro tra rappresentanti dei 17  Paesi membri del Gruppo Internazionale di sostegno sulla Siria. La tregua sarà avviata non appena […]

L'articolo Siria: risoluzione ONU avvia negoziati di pace sembra essere il primo su Arabpress.

Speciale Natale: atayef, pancake ripieni di ricotta e pistacchi

Il Natale si avvicina, anche nel mondo arabo. Originario della Palestina, oggi scopriamo un dolce assai diffuso in diversi altri Paesi arabi – quali Marocco, Egitto, Siria e Libano – e preparato soprattutto nel mese di Ramadan, ma anche in occasione delle feste natalizie: atayef (o qatayef), pancake ripieni di ricotta e pistacchi! Ingredienti: Per […]

L'articolo Speciale Natale: atayef, pancake ripieni di ricotta e pistacchi sembra essere il primo su Arabpress.

Mario Dondero, il mio ricordo e la fotografia

Mario Dondero, il mio ricordo e la fotografia

No, non era la fotografia e la capacità di scatto, la qualità più grande di Mario Dondero. Non so se sia il più grande fotografo italiano del secolo, se sia un maestro dell'arte fotografica europea. Non lo so perché di fotografia (questo l'ho imparato stando vicino a Mario e a Monika Bulaj) non capisco nulla: è un 'arte complessa e piena di sfaccettature. E dunque non era per le sue foto che ho amato Mario. La qualità principale era la sua umanità che, come tutti han detto, si rifletteva nelle sue immagini. Ma cos'è l'umanità al di là della simpatia, del fascino, del saper stare in mezzo alla gente? Mario era certo un gran corteggiatore, un uomo raffinato ed educato nei rapporti con le persone. Uno capace di attaccar bottone con tutti perché di tutti era curioso. Ma la sua altra grande qualità era avere la schiena dritta. Esser simpatico e affabile non basta se non c'è dietro anche un'elaborazione intellettuale della tua umanità che, per Mario, era impegno sociale e politico. Al contempo quest'uomo di saldi, saldissimi principi, era molto libertario. Perdonava ad altri ciò che a lui non si sarebbe mai perdonato. Non faceva compromessi. Capperi, questo coniugare umanità e schiena dritta mi pare la sua qualità essenziale, quella per cui lo ricordo. E poi, certo, anche quella capacità di viaggiare, di perdersi via nel vento delle cose e delle passioni che fanno deviare dalla strada maestra. Infine era fotografo, storico della fotografia, interprete curioso dei cambiamenti («sono un partigiano dell'analogico ma sono affascinato dalle nuove possibilità del video...»). Ma non mi mancheranno le sue foto. Mancherà lui, una persona la cui cifra umana mi sembra irraggiungibile e un modello cui attenersi.

Mario d'Oltralpe

Qui da Franceinter  un articolo dedicato a lui e a una piece teatrale in Francia costruita a partire da una sua famosissima fotografia. Ci sono anche diverse sue immagini

Questo video anche: Mario Dondero, tentative d'interview par Michel Puech



Qui un'intervista a Mario registrata il 23 settembre 2014, a Bologna a presentare Lo scatto umano.  Mario fa un riassunto perfetto del libro. Un bel regalo di Radio Città del Capo e di  Piero Santi (il conduttore).  C'è tutto: gli esordi, gli ungheresi e, naturalmente, Robert Capa. Era il suo  mito. Il mio, ca va sans dire, è Mario Dondero

Domani su Pagina99 il ricordo  di Monika e mio di Mario
Mario Dondero, il mio ricordo e la fotografia

Mario Dondero, il mio ricordo e la fotografia

No, non era la fotografia e la capacità di scatto, la qualità più grande di Mario Dondero. Non so se sia il più grande fotografo italiano del secolo, se sia un maestro dell'arte fotografica europea. Non lo so perché di fotografia (questo l'ho imparato stando vicino a Mario e a Monika Bulaj) non capisco nulla: è un 'arte complessa e piena di sfaccettature. E dunque non era per le sue foto che ho amato Mario. La qualità principale era la sua umanità che, come tutti han detto, si rifletteva nelle sue immagini. Ma cos'è l'umanità al di là della simpatia, del fascino, del saper stare in mezzo alla gente? Mario era certo un gran corteggiatore, un uomo raffinato ed educato nei rapporti con le persone. Uno capace di attaccar bottone con tutti perché di tutti era curioso. Ma la sua altra grande qualità era avere la schiena dritta. Esser simpatico e affabile non basta se non c'è dietro anche un'elaborazione intellettuale della tua umanità che, per Mario, era impegno sociale e politico. Al contempo quest'uomo di saldi, saldissimi principi, era molto libertario. Perdonava ad altri ciò che a lui non si sarebbe mai perdonato. Non faceva compromessi. Capperi, questo coniugare umanità e schiena dritta mi pare la sua qualità essenziale, quella per cui lo ricordo. E poi, certo, anche quella capacità di viaggiare, di perdersi via nel vento delle cose e delle passioni che fanno deviare dalla strada maestra. Infine era fotografo, storico della fotografia, interprete curioso dei cambiamenti («sono un partigiano dell'analogico ma sono affascinato dalle nuove possibilità del video...»). Ma non mi mancheranno le sue foto. Mancherà lui, una persona la cui cifra umana mi sembra irraggiungibile e un modello cui attenersi.

Mario d'Oltralpe

Qui da Franceinter  un articolo dedicato a lui e a una piece teatrale in Francia costruita a partire da una sua famosissima fotografia. Ci sono anche diverse sue immagini

Questo video anche: Mario Dondero, tentative d'interview par Michel Puech



Qui un'intervista a Mario registrata il 23 settembre 2014, a Bologna a presentare Lo scatto umano.  Mario fa un riassunto perfetto del libro. Un bel regalo di Radio Città del Capo e di  Piero Santi (il conduttore).  C'è tutto: gli esordi, gli ungheresi e, naturalmente, Robert Capa. Era il suo  mito. Il mio, ca va sans dire, è Mario Dondero

Domani su Pagina99 il ricordo  di Monika e mio di Mario
Mario Dondero, il mio ricordo e la fotografia

Mario Dondero, il mio ricordo e la fotografia

No, non era la fotografia e la capacità di scatto, la qualità più grande di Mario Dondero. Non so se sia il più grande fotografo italiano del secolo, se sia un maestro dell'arte fotografica europea. Non lo so perché di fotografia (questo l'ho imparato stando vicino a Mario e a Monika Bulaj) non capisco nulla: è un 'arte complessa e piena di sfaccettature. E dunque non era per le sue foto che ho amato Mario. La qualità principale era la sua umanità che, come tutti han detto, si rifletteva nelle sue immagini. Ma cos'è l'umanità al di là della simpatia, del fascino, del saper stare in mezzo alla gente? Mario era certo un gran corteggiatore, un uomo raffinato ed educato nei rapporti con le persone. Uno capace di attaccar bottone con tutti perché di tutti era curioso. Ma la sua altra grande qualità era avere la schiena dritta. Esser simpatico e affabile non basta se non c'è dietro anche un'elaborazione intellettuale della tua umanità che, per Mario, era impegno sociale e politico. Al contempo quest'uomo di saldi, saldissimi principi, era molto libertario. Perdonava ad altri ciò che a lui non si sarebbe mai perdonato. Non faceva compromessi. Capperi, questo coniugare umanità e schiena dritta mi pare la sua qualità essenziale, quella per cui lo ricordo. E poi, certo, anche quella capacità di viaggiare, di perdersi via nel vento delle cose e delle passioni che fanno deviare dalla strada maestra. Infine era fotografo, storico della fotografia, interprete curioso dei cambiamenti («sono un partigiano dell'analogico ma sono affascinato dalle nuove possibilità del video...»). Ma non mi mancheranno le sue foto. Mancherà lui, una persona la cui cifra umana mi sembra irraggiungibile e un modello cui attenersi.

Mario d'Oltralpe

Qui da Franceinter  un articolo dedicato a lui e a una piece teatrale in Francia costruita a partire da una sua famosissima fotografia. Ci sono anche diverse sue immagini

Questo video anche: Mario Dondero, tentative d'interview par Michel Puech



Qui un'intervista a Mario registrata il 23 settembre 2014, a Bologna a presentare Lo scatto umano.  Mario fa un riassunto perfetto del libro. Un bel regalo di Radio Città del Capo e di  Piero Santi (il conduttore).  C'è tutto: gli esordi, gli ungheresi e, naturalmente, Robert Capa. Era il suo  mito. Il mio, ca va sans dire, è Mario Dondero

Domani su Pagina99 il ricordo  di Monika e mio di Mario
Consiglio di lettura: “I sassi di Bubillo” di Edwar al-Kharrat

Consiglio di lettura: “I sassi di Bubillo” di Edwar al-Kharrat

Con questo Consiglio di lettura vorrei proporvi di leggere “I sassi di Bubillo” dello scrittore  egiziano Edwar al-Kharrat, recentemente scomparso all’età di 89 anni. Quest’anno la letteratura araba ha perso molti dei suoi più alti esponenti, purtroppo. Fortunatamente si lasciano dietro tanti libri, che ci resteranno in eterno. Il romanzo di cui vi parlo oggi […]

L'articolo Consiglio di lettura: “I sassi di Bubillo” di Edwar al-Kharrat sembra essere il primo su Arabpress.

Occasioni mancate nella storia della Siria

Di Muhammad al-Haj Saleh. Al-Araby al-Jadeed (15/12/2015). Traduzione e sintesi di Irene Capiferri. Nel 1980 nella casa di una famiglia benestante di Aleppo si riunivano alcuni leader della Fratellanza Islamica Siriana e del Partito Comunista Siriano-Ufficio Politico. L’iniziativa d’incontri tra le due parti per discutere un’azione contro il regime era straordinaria per la politica siriana del […]

L'articolo Occasioni mancate nella storia della Siria sembra essere il primo su Arabpress.

Libia: firmato accordo per governo di unità nazionale

(Agenzie). I delegati delle fazioni in guerra in Libia hanno firmato un accordo mediato dall’ONU per formare un governo di unità nazionale, accordo che le potenze occidentali sperano possa portare stabilità e aiutare a combattere la crescente presenza di Daesh nel territorio libico. Quattro anni dopo la caduta di Muammar Gheddafi, la Libia è profondamente frattura con due governi […]

L'articolo Libia: firmato accordo per governo di unità nazionale sembra essere il primo su Arabpress.

Turchia: UE si appoggia a Erdogan per crisi migrazione, nonostante le critiche

(Agenzie). Il funzionario dell’Unione europea che ha condotto i colloqui con la Turchia sulla crisi dei migranti si è detto “fortemente incoraggiata” dall’incontro con il Primo Ministro Ahmet Davutoglu in cui le due parti hanno discusso un programma di reinsediamento volontario per i rifugiati siriani. All’incontro, tenutosi presso l’ambasciata austriaca a Bruxelles prima di un […]

L'articolo Turchia: UE si appoggia a Erdogan per crisi migrazione, nonostante le critiche sembra essere il primo su Arabpress.

I livelli di degenerazione morale in Egitto

Di Khalil Al-Anani. Al-Araby Al-Jadeed (15/12/2015). Traduzione e sintesi di Cristina Gulfi Il declino morale e la spirale verso il basso, in Egitto, non hanno fine. Leggendo le notizie dalla “madre del mondo” (Il Cairo ndr), siamo amareggiati e frustrati per la situazione che si è venuta a creare sotto il governo militare. Per un […]

L'articolo I livelli di degenerazione morale in Egitto sembra essere il primo su Arabpress.

Zarb- e-Azb: a che punto siamo (aggiornato)

Zarb- e-Azb: a che punto siamo (aggiornato)

Raheel Sharif comandante in campo
 delle FF AA pachistane. Uomo forte
Qualche giorno fa, l'esercito pachistano ha dato i risultati dell'operativo Zarb-e-Azb che, da un anno e mezzo, tempesta le postazioni talebane in Waziristan del Nord. Viene definito un grande successo. Con circa 30mila soldati impegnati sul terreno e il sostegno dell'aviazione, l'operazione compie adesso 18 mesi di attività.

3,400 terroristi sarebbero stati uccisi in 837 nascondigli ora distrutti con  13,200 Ibo's (operativi militari).  I morti tra i militari sono 488  (Pakistan Army, Frontier Corps (FC) e Sindh Rangers)  1,914 i feriti. Sono in funzione 11 corti militari che hanno in mano 142 casi di cui 55 risolti. 31 i terroristi giudicati colpevoli dalle corti militari (sono state autorizzate dopo l'inizio dell'operativo e possono condannare a morte perché Islamabad ha sospeso la moratoria). Alcuni sono già stati impiccati

Gli effetti sui civili

In giugno l'esercito ha sostenuto che in Waziristan non ci sono state vittime civili. Purtroppo non ci sono né dati né stime indipendenti anche perché la zona è off limits per giornalisti e ricercatori. Gli sfollati possono però dare un'idea. Secondo la stampa pachistana gli sfollati erano - nel luglio del 2014 a un anno cioè dall'inizio dell'operazione -   circa un milione ( 929,859Idp's - internally displaced persons - da  80,302 famiglie registrate). Tenuto conto che la popolazione stimata del Nord Wazirista è tra i 4-500mila....Entro dicembre (adesso) l'esercito contava di rimpatriare nei luoghi d'origine tutti gli sfollati. Secondo fonti militari (che hanno reso nota la cifra il 19 dicembre), il totale delle famiglie sfollate assommava a 291.827; ma solo il 40% di queste  (108.503) avrebbe fatto ritorno a casa. Aggiungo qualche piccola nota a margine.

Terrorismo e politica estera: i rapporti con Riad

Islamabad ha intanto aderito alla coalizione di 34 Paesi musulmani (la stragrande maggioranza anche se con parecchi distinguo: Giacarta ha espresso sostegno ma non ha aderito) messa in piedi da Riad. Ha messo però qualche paletto sull'estensione della sua partecipazione. Il Pakistan è un Paese nucleare e quindi la sua presenza è rilevante. Ma è anche una nazione non araba e che confina col vicino Iran, escluso a priori dalla coalizione con Siria e Irak.  In marzo, Islamabad si era rifiutata invece di aderire alla coalizione armata contro lo Yemen, cosa che aveva molto irritato Riad. Possibile che Islamabad tenga conto dell'appoggio che il Golfo ha garantito, almeno all'inizio, a Desh che sta crescendo e aumentando i problemi interni.

La radio di Daesh in Afghanistan

Si è infatti aggiunta la minaccia di Daesh che sta rafforzando le sue posizioni in Pakistan e Afghanistan. In questi giorni una Radio del Califfato trasmette nella provincia di confine del Nangarhar, dove è nota la presenza di Daesh. Ma non è chiaro se l'emittente ha i suoi studi nell'area di Jalalabad (capoluogo) o oltre confine



Ultimo aggiornamento 19/12/2015
Zarb- e-Azb: a che punto siamo (aggiornato)

Zarb- e-Azb: a che punto siamo (aggiornato)

Raheel Sharif comandante in campo
 delle FF AA pachistane. Uomo forte
Qualche giorno fa, l'esercito pachistano ha dato i risultati dell'operativo Zarb-e-Azb che, da un anno e mezzo, tempesta le postazioni talebane in Waziristan del Nord. Viene definito un grande successo. Con circa 30mila soldati impegnati sul terreno e il sostegno dell'aviazione, l'operazione compie adesso 18 mesi di attività.

3,400 terroristi sarebbero stati uccisi in 837 nascondigli ora distrutti con  13,200 Ibo's (operativi militari).  I morti tra i militari sono 488  (Pakistan Army, Frontier Corps (FC) e Sindh Rangers)  1,914 i feriti. Sono in funzione 11 corti militari che hanno in mano 142 casi di cui 55 risolti. 31 i terroristi giudicati colpevoli dalle corti militari (sono state autorizzate dopo l'inizio dell'operativo e possono condannare a morte perché Islamabad ha sospeso la moratoria). Alcuni sono già stati impiccati

Gli effetti sui civili

In giugno l'esercito ha sostenuto che in Waziristan non ci sono state vittime civili. Purtroppo non ci sono né dati né stime indipendenti anche perché la zona è off limits per giornalisti e ricercatori. Gli sfollati possono però dare un'idea. Secondo la stampa pachistana gli sfollati erano - nel luglio del 2014 a un anno cioè dall'inizio dell'operazione -   circa un milione ( 929,859Idp's - internally displaced persons - da  80,302 famiglie registrate). Tenuto conto che la popolazione stimata del Nord Wazirista è tra i 4-500mila....Entro dicembre (adesso) l'esercito contava di rimpatriare nei luoghi d'origine tutti gli sfollati. Secondo fonti militari (che hanno reso nota la cifra il 19 dicembre), il totale delle famiglie sfollate assommava a 291.827; ma solo il 40% di queste  (108.503) avrebbe fatto ritorno a casa. Aggiungo qualche piccola nota a margine.

Terrorismo e politica estera: i rapporti con Riad

Islamabad ha intanto aderito alla coalizione di 34 Paesi musulmani (la stragrande maggioranza anche se con parecchi distinguo: Giacarta ha espresso sostegno ma non ha aderito) messa in piedi da Riad. Ha messo però qualche paletto sull'estensione della sua partecipazione. Il Pakistan è un Paese nucleare e quindi la sua presenza è rilevante. Ma è anche una nazione non araba e che confina col vicino Iran, escluso a priori dalla coalizione con Siria e Irak.  In marzo, Islamabad si era rifiutata invece di aderire alla coalizione armata contro lo Yemen, cosa che aveva molto irritato Riad. Possibile che Islamabad tenga conto dell'appoggio che il Golfo ha garantito, almeno all'inizio, a Desh che sta crescendo e aumentando i problemi interni.

La radio di Daesh in Afghanistan

Si è infatti aggiunta la minaccia di Daesh che sta rafforzando le sue posizioni in Pakistan e Afghanistan. In questi giorni una Radio del Califfato trasmette nella provincia di confine del Nangarhar, dove è nota la presenza di Daesh. Ma non è chiaro se l'emittente ha i suoi studi nell'area di Jalalabad (capoluogo) o oltre confine



Ultimo aggiornamento 19/12/2015

Iraq: i curdi respingono Daesh

(Agenzie). Le forze peshmerga curde in Irqa hanno respinto un’offensiva su più fronti da parte di Daesh (ISIS) nella provincia settentrionale di Ninive. Una delle aree che ospita soldati turchi è stata al centro di un’aspra contesa tra Baghdad e Ankara. Le forze peshmerga hanno respinto attacchi coordinati da Daesh a Nawaran, Bashiqa, Tal Aswad, Khazr e […]

L'articolo Iraq: i curdi respingono Daesh sembra essere il primo su Arabpress.

Anno record per le notizie sugli immigrati

Anno record per le notizie sugli immigrati

carta 110Rapporto “Notizie di confine”, il terzo dell’associazione Carta di Roma. Analisi, da parte dell'Osservatorio di Pavia, nel 2015, delle prime pagine di cinque quotidiani nazionali e i notiziari di prima serata di Rai, Mediaset, La7. Crescono dell’80% le notizie sui giornali, con 1452 titoli in prima pagina negli ultimi dieci mesi. Aumento del 25% di notizie per le televisioni. Toni allarmistici.

Anno record per le notizie sugli immigrati

Anno record per le notizie sugli immigrati

carta 110Rapporto “Notizie di confine”, il terzo dell’associazione Carta di Roma. Analisi, da parte dell'Osservatorio di Pavia, nel 2015, delle prime pagine di cinque quotidiani nazionali e i notiziari di prima serata di Rai, Mediaset, La7. Crescono dell’80% le notizie sui giornali, con 1452 titoli in prima pagina negli ultimi dieci mesi. Aumento del 25% di notizie per le televisioni. Toni allarmistici.

Libia: verso un accordo di pace in Marocco?

(Agenzie). Il presidente del parlamento libico che non è riconosciuto dalla comunità internazionale, ha detto che i legislatori che si preparano a firmare un accordo di governo di unità nazionale sponsorizzato dall’ONU in Marocco, non ha alcuna legittimità. Quattro anni dopo la caduta del dittatore Muammar Gheddafi, le potenze mondiali stanno facendo pressione sulle due amministrazioni rivali […]

L'articolo Libia: verso un accordo di pace in Marocco? sembra essere il primo su Arabpress.

MUZZIKA ! Dicembre 2015

MUZZIKA ! Dicembre 2015

MUZZIKA ! Décembre 2015 | babelmed | culture méditerranéenneIl colpo di fulmine di questo mese è per Taxidi, gruppo di musicisti viaggiatori provenienti dal Belgio. Ancora dal Belgio, Vardan Hovanissian e Emre Gültekin ci regalano un duo che riconcilia le musiche armene e turche, un tempo una cosa sola in molte città dell'Asia Minore. Philippe Petrucciani e Nathalie Blanc propongono un jazz francese swing e romantico, un jazz con quel french touch che conquista il mondo intero. Arifa riunisce musicisti e voci parlate o cantate della Cina e della Germania, per una creazione dallo spirito estremamente contemporaneo. Buika riprende le proprie radici africane e la musica della sua generazione, regalandoci del reggae, dell'hip-hop e testi in inglese. Matthieu Saglio accompagna la voce di Nesrine Belmokh con il suo violoncello, che non si smentisce mai. Buone feste di fine anno... in musica!

Tunisia: a Sidi Bouzid, cinque anni dopo la rivoluzione, la disillusione è radicata

(Al Huffington Post Maghreb). Un gigante ritratto di Mohamed Bouazizi si affaccia sul centro di Sidi Bouzid, dove l’icona della rivoluzione tunisina si era ucciso il 17 dicembre 2010. Ma cinque anni dopo, l’orgoglio ha lasciato il posto al risentimento, alimentato dalla povertà sociale e dalla minaccia terroristica.Il 17 Dic 2010, Mohamed Bouazizi, un venditore ambulante […]

L'articolo Tunisia: a Sidi Bouzid, cinque anni dopo la rivoluzione, la disillusione è radicata sembra essere il primo su Arabpress.

Dal diario di un migrante

Di Hussein Sino. Elaph (15/12/2015). Traduzione e sintesi di Laura Giacobbo. Gestisco uno dei campi profughi di Berlino dove, ogni giorno, riceviamo centinaia di immigrati di varie nazionalità. La maggior parte di loro sono siriani, soprattutto di Aleppo e Damasco, e ognuno di questi fugge dalla propria patria con destinazione l’Europa. Lasciano i loro paesi […]

L'articolo Dal diario di un migrante sembra essere il primo su Arabpress.

L’omofobia che fa emergere la schizofrenia tunisina

Di Farhat Othman. Al Huffington Post Maghreb (12/12/2015) Traduzione e sintesi di Chiara Cartia. La Tunisia non merita ancora gli elogi che le sono stati presentati al momento dell’attribuzione del premio Nobel. Questo perché c’è una chiara discordanza tra l’immagine che vuole dare e la miseria psicologica omofoba di cui è capace. Non solo il popolo […]

L'articolo L’omofobia che fa emergere la schizofrenia tunisina sembra essere il primo su Arabpress.

Libia, ONU: firma accordo rimandata per “problemi logistici”

(Agenzie). La firma del tanto atteso accordo di pace tra le fazioni rivali in Libia è stata rimandata a causa di “problemi logistici”, secondo quanto riferito da un portavoce delle Nazioni Unite. Il portavoce ha aggiunto che la firma verrà rimandata “fino a domani”. Rappresentanti dei due governi rivali del Paese dovevano firmare oggi, mercoledì […]

L'articolo Libia, ONU: firma accordo rimandata per “problemi logistici” sembra essere il primo su Arabpress.

Yemen: raid sauditi nonostante il cessate-il-fuoco

(Agenzie). Raid aerei sauditi hanno colpito diverse posizioni appartenenti al gruppo dei ribelli Houthi in Yemen, nonostante un cessate-il-fuoco di sette giorni è in vigore dalla mezzanotte di lunedì. “Aerei della coalizione hanno condotto attacchi aerei sulle posizioni delle forze di Saleh e degli Houthi nelle aree di Najd e Sirwah in seguito a continue […]

L'articolo Yemen: raid sauditi nonostante il cessate-il-fuoco sembra essere il primo su Arabpress.

Una previsione sul futuro della ‘umma per il 2016

Di Shamsan bin Abdallah al-Mana’i. Asharq al-Awsat (14/12/2015). Traduzione e sintesi di Annamaria Bertani Non sono uno di quelli che leggono i fondi di caffè e nemmeno ci credo, tuttavia prevedo che il 2016 sarà un anno di conquiste per la comunità araba. Forse non realizzeremo ogni cosa, ma ne realizzeremo almeno alcune. Queste idee […]

L'articolo Una previsione sul futuro della ‘umma per il 2016 sembra essere il primo su Arabpress.

HaLOL! Comici musulmani terranno una commedia la notte di Natale

HaLOL! Comici musulmani terranno una commedia la notte di Natale

(Agenzie). Gli spettacoli di cabaret HaLOL, che stanno diventando rapidamente tra le più popolari commedie dei musulmani a Londra, hanno in programma il loro primo spettacolo di Natale questa settimana. Attivi da febbraio scorso, tra gli artisti che porteranno sulla scena uno spettacolo comico che unisce razza, religione e identità britannica, ci sono Omar Hamdi, Sajeela Kershi, Bilal Zafar, Prince Abdi e Brendon Burns. […]

L'articolo HaLOL! Comici musulmani terranno una commedia la notte di Natale sembra essere il primo su Arabpress.

Iraq: Arabia Saudita riapre ambasciata a Baghdad dopo 25 anni

(Agenzie). L’Arabia Saudita ha riaperto la sua ambasciata a Baghdad, dopo ben 25 anni che i rapporti diplomatici erano stati interrotti, dopo l’invasione irachena del Kuwait. “Il personale dell’ambasciata saudita, composto da 35 persone, è arrivato oggi a Baghdad”, ha detto un funzionario alla AFP. “Ed è stato accolto all’aeroporto da rappresentanti del ministero degli Esteri“, ha aggiunto. L’arrivo dell’ambasciatore è previsto per domani, giovedì […]

L'articolo Iraq: Arabia Saudita riapre ambasciata a Baghdad dopo 25 anni sembra essere il primo su Arabpress.

Ashraf Fayadh e il Festival Internazionale di Berlino

Ashraf Fayadh e il Festival Internazionale di Berlino

              Il 14 gennaio 2016 è la giornata dedicata a un reding internazionale in sostegno ad Ashraf Fayadh, poeta palestinese condannato a morte in Arabia Saudita. Il reading fa parte di una campagna internazionale … Continua a leggere

Ashraf Fayadh e il Festival Internazionale di Berlino
letturearabe di Jolanda Guardi
letturearabe di Jolanda Guardi - Ho sempre immaginato che il paradiso fosse una sorta di biblioteca (J. L. Borges)

Cosa significa la vittoria di 20 donne in Arabia Saudita?

Di Tareq al-Humaid. Asharq al-Awsat (15/12/2015). Traduzione e sintesi di Mariacarmela Minniti. La vittoria di venti candidate alle elezioni municipali in Arabia Saudita rappresenta senza dubbio un evento storico per le donne di questo Paese e per gli sforzi di riforma e sviluppo. Non è strano, dunque, che la vittoria di venti donne alle elezioni […]

L'articolo Cosa significa la vittoria di 20 donne in Arabia Saudita? sembra essere il primo su Arabpress.

Ricordando Mario Dondero

Ricordando Mario Dondero

Il dolore è profondo e temo, per certi versi, inconsolabile. Soprattutto per chi Mario lo ha conosciuto e ne ha tratto non pochi insegnamenti così che ora quel vuoto è maledettamente profondo e incolmabile.

 Tant'è: è bello come Mario viene ricordato. Tra le tante cose uscite (le tre pagine sul manifesto ad esempio coi bei pezzi, tra gli altri, di Tommaso di Francesco, Angelo Ferrracuti, Mastrandrea e Boccia ma anche Gnoli e Smargiassi su Repubblica), segnalo un po' di cosette: il delicato e completo ricordo  dedicatogli da Valentina Redaelli su radiopopolare.it; il video montato da pagina99 (che sabato esce con delle foto inedite scattategli da Monika Bulaj due anni fa) e che riproduco qui sotto*:




Infine alcuni sonori di Mario con Goffredo Fofi (erano molto amici) che trovate qui sul sito de Lo Straniero (da cui è tratta l'immagine in alto a destra).

Qui sotto invece una delle "preferite" di Mario: Le deserteur di Boris Vian, cantata da Marcel Mouloudji



E ancora questa versione jazz di "Odio l'estate" (che Mario adorava anche nell'originale di Bruno Martino). Si passavan ore su Youtube a trovare colonne sonore per cucinare al meglio il risotto



Un forte abbraccio a Laura che lo ha accompagnato sino alla fine e ai suoi tre figli

Le immagini con cui è stato realizzato questo video sono tratte dal documentario Calma e gesso, di Marco Cruciani
Ricordando Mario Dondero

Ricordando Mario Dondero

Il dolore è profondo e temo, per certi versi, inconsolabile. Soprattutto per chi Mario lo ha conosciuto e ne ha tratto non pochi insegnamenti così che ora quel vuoto è maledettamente profondo e incolmabile.

 Tant'è: è bello come Mario viene ricordato. Tra le tante cose uscite (le tre pagine sul manifesto ad esempio coi bei pezzi, tra gli altri, di Tommaso di Francesco, Angelo Ferrracuti, Mastrandrea e Boccia ma anche Gnoli e Smargiassi su Repubblica), segnalo un po' di cosette: il delicato e completo ricordo  dedicatogli da Valentina Redaelli su radiopopolare.it; il video montato da pagina99 (che sabato esce con delle foto inedite scattategli da Monika Bulaj due anni fa) e che riproduco qui sotto*:




Infine alcuni sonori di Mario con Goffredo Fofi (erano molto amici) che trovate qui sul sito de Lo Straniero (da cui è tratta l'immagine in alto a destra).

Qui sotto invece una delle "preferite" di Mario: Le deserteur di Boris Vian, cantata da Marcel Mouloudji



E ancora questa versione jazz di "Odio l'estate" (che Mario adorava anche nell'originale di Bruno Martino). Si passavan ore su Youtube a trovare colonne sonore per cucinare al meglio il risotto



Un forte abbraccio a Laura che lo ha accompagnato sino alla fine e ai suoi tre figli

Le immagini con cui è stato realizzato questo video sono tratte dal documentario Calma e gesso, di Marco Cruciani
Ricordando Mario Dondero

Ricordando Mario Dondero

Il dolore è profondo e temo, per certi versi, inconsolabile. Soprattutto per chi Mario lo ha conosciuto e ne ha tratto non pochi insegnamenti così che ora quel vuoto è maledettamente profondo e incolmabile.

 Tant'è: è bello come Mario viene ricordato. Tra le tante cose uscite (le tre pagine sul manifesto ad esempio coi bei pezzi, tra gli altri, di Tommaso di Francesco, Angelo Ferrracuti, Mastrandrea e Boccia ma anche Gnoli e Smargiassi su Repubblica), segnalo un po' di cosette: il delicato e completo ricordo  dedicatogli da Valentina Redaelli su radiopopolare.it; il video montato da pagina99 (che sabato esce con delle foto inedite scattategli da Monika Bulaj due anni fa) e che riproduco qui sotto*:




Infine alcuni sonori di Mario con Goffredo Fofi (erano molto amici) che trovate qui sul sito de Lo Straniero (da cui è tratta l'immagine in alto a destra).

Qui sotto invece una delle "preferite" di Mario: Le deserteur di Boris Vian, cantata da Marcel Mouloudji



E ancora questa versione jazz di "Odio l'estate" (che Mario adorava anche nell'originale di Bruno Martino). Si passavan ore su Youtube a trovare colonne sonore per cucinare al meglio il risotto



Un forte abbraccio a Laura che lo ha accompagnato sino alla fine e ai suoi tre figli

Le immagini con cui è stato realizzato questo video sono tratte dal documentario Calma e gesso, di Marco Cruciani

Iran: sequestrate migliaia di automobili di donne alla guida senza velo

(Agenzie). L’Iran ha sequestrato decine di migliaia di automobili da marzo 2015 perché le donne che guidavano i veicoli non avevano coperto correttamente i capelli con un foulard. Lo ha dichiarato la polizia stradale di Teheran oggi, martedì 15 dicembre. Il generale Teymour Hosseini ha detto all’agenzia di stampa Isna che negli ultimi 8 mesi si […]

L'articolo Iran: sequestrate migliaia di automobili di donne alla guida senza velo sembra essere il primo su Arabpress.

Arabia Saudita: alleanza militare di 34 paesi anti-terrorismo

(Agenzie). L’Arabia Saudita ha formato una coalizione militare composta da 34 paesi per combattere il terrorismo. La dichiarazione congiunta è stata pubblicata sull’agenzia di stampa statale SPA. Si legge: “34 paesi  hanno deciso di costituire un’alleanza militare guidata dall’Arabia Saudita per combattere il terrorismo, con un centro operativo congiunto con sede a Riyadh per coordinare e sostenere le operazioni militari”. […]

L'articolo Arabia Saudita: alleanza militare di 34 paesi anti-terrorismo sembra essere il primo su Arabpress.

RSF: più giornalisti presi in ostaggio, meno imprigionati nel 2015

(Agenzie). Secondo il rapporto annuale di Reporter Senza Frontiere (RSF), il numero dei giornalisti imprigionati quest’anno è sceso rispetto al precedente. Ciononostante è salito il numero di quelli presi in ostaggio, soprattutto nelle zone di conflitto.  Tra i paesi in cima alla lista per incarcerazioni di giornalisti compare anche un paese arabo, l’Egitto, al secondo posto […]

L'articolo RSF: più giornalisti presi in ostaggio, meno imprigionati nel 2015 sembra essere il primo su Arabpress.

Il nobile successo della Tunisia, là dove molti hanno fallito

Di Abdulrahman al-Rashed. Al-Arabiya (14/12/2015). Traduzione e sintesi di Angela Ilaria Antoniello. Ciò che il popolo della Tunisia ha fatto parla da sé, Premio Nobel a parte. Basta guardare a cosa sta accadendo nei paesi vicini, come la Libia, per esempio. La Tunisia ha percorso lo stesso cammino, ma senza cadere nel baratro. Il paese […]

L'articolo Il nobile successo della Tunisia, là dove molti hanno fallito sembra essere il primo su Arabpress.

Israele: università contro il boicottaggio accademico

(Agenzie). I presidi di otto università di ricerca israeliane chiedono a un’organizzazione americana di non andare avanti con i piani di boicottaggio contro gli accademici israeliani. L’Associazione Antropologica Americana (AAA) ha sostenuto la mozione il mese scorso nella sua riunione annuale,  diventando con il suo voto la più grande organizzazione ad adottare un boicottaggio accademico di […]

L'articolo Israele: università contro il boicottaggio accademico sembra essere il primo su Arabpress.

Siria: esercito siriano libero nega appoggio della Russia

(Agenzie). L’esercito siriano libero ha negato di ricevere alcun tipo di appoggio dalle forze russe. L’ESL, che combatte contro le forze del regime di Bashar al Assad nella zona occidentale della Siria, ha dichiarato che contrariamente ha quanto viene detto, la Russia con i suoi raid aerei continua a bombardare le postazione dell’Esercito siriano libero. La dichiarazione […]

L'articolo Siria: esercito siriano libero nega appoggio della Russia sembra essere il primo su Arabpress.

Turchia blocca la pagina di famoso vignettista brasiliano

Turchia blocca la pagina di famoso vignettista brasiliano

(Agenzie). Le autorità hanno bloccato le pagine web del famoso vignettista brasiliano Latuff, colpevole di aver pubblicato delle vignette satiriche contro il presidente turco Erdogan. Latuff ha attirato le attenzioni della  Turchia con le sue caricature raffiguranti la brutalità della polizia nelle proteste di Gezi Park del 2013. In seguito il vignettista brasiliano fece molto parlare […]

L'articolo Turchia blocca la pagina di famoso vignettista brasiliano sembra essere il primo su Arabpress.

Yemen: al via la treguacon inizio dialoghi di pace

(Agenzie). Inizierà a mezzogiorno di martedì 15 dicembre un cessate il fuoco  in Yemen, in coincidenza con l’inizio dei colloqui di pace sostenuti dalle Nazioni Unite in Svizzera, ha dichiarato la coalizione guidata dall’Arabia Saudita. “Il comando delle forze della coalizione ha annunciato un cessate il fuoco a partire dalle 12:00 ora di Sanaa … pur mantenendo […]

L'articolo Yemen: al via la treguacon inizio dialoghi di pace sembra essere il primo su Arabpress.

Libia: tra guerra e pace

Di Ahmad Maliki. Arabi21 (14/12/2015). Traduzione e sintesi di Marianna Barberio. I giovani della rivoluzione uniti in piazza il 17 febbraio 2011 dal grido di libertà di certo non si sarebbero aspettati un Paese invaso da milizie armate e diviso al suo interno, pronto a tutto meno che a garantire pace e sicurezza ad una nazione […]

L'articolo Libia: tra guerra e pace sembra essere il primo su Arabpress.

Arriva il Natale… e le testimonianze di pace: il Libano insegna

Arriva il Natale… e le testimonianze di pace: il Libano insegna

Cari amici di Arabpress, con l’avvicinarsi del Natale sento il dovere morale di evidenziare fatti che testimoniano la possibilità concreta di vivere in pace fra cristiani e musulmani. La pace esiste, viene vissuta quotidianamente ma pochi lo sanno, pochi rispetto ai tanti che ascoltano e credono solo alle cronache nere, quelle che raccontano di estremismi […]

L'articolo Arriva il Natale… e le testimonianze di pace: il Libano insegna sembra essere il primo su Arabpress.

Da una città a una città

“Vola alto e vola lontano”. Il commento di monsignor Loris Capovilla, ora centenario, è di quelli che hanno il sapore di un cammino e di una bella sfida. Monsignor Capovilla, segretario particolare di papa Giovanni, lo ha detto a don Matteo. Don Matteo Zuppi, ora arcivescovo di Bologna. Lontano, don Matteo è volato: lontano dallaRead more
Il nostri senatori parlano di “teodispotismo coranico”!

Il nostri senatori parlano di “teodispotismo coranico”!

Stavo cercando dei dati sulla violenza domestica e guardate in che cosa mi sono imbattuta: http://www.senato.it/japp/bgt/showdoc/showText?tipodoc=Sindisp&leg=17&id=904213 un gruppo di nostri baldi senatori che, fingendo di parlare di violenza contro le donne, inscenato il solito teatrino islamofobico nel quale le musulmane sono definite come vittime del “teodispotismo coranico”! Vale proprio la pena che li paghiamo profumatamente….
Il nostri senatori parlano di “teodispotismo coranico”!

Il nostri senatori parlano di “teodispotismo coranico”!

Stavo cercando dei dati sulla violenza domestica e guardate in che cosa mi sono imbattuta: http://www.senato.it/japp/bgt/showdoc/showText?tipodoc=Sindisp&leg=17&id=904213 un gruppo di nostri baldi senatori che, fingendo di parlare di violenza contro le donne, inscenato il solito teatrino islamofobico nel quale le musulmane sono definite come vittime del “teodispotismo coranico”! Vale proprio la pena che li paghiamo profumatamente….
Il nostri senatori parlano di “teodispotismo coranico”!

Il nostri senatori parlano di “teodispotismo coranico”!

Stavo cercando dei dati sulla violenza domestica e guardate in che cosa mi sono imbattuta: http://www.senato.it/japp/bgt/showdoc/showText?tipodoc=Sindisp&leg=17&id=904213 un gruppo di nostri baldi senatori che, fingendo di parlare di violenza contro le donne, inscenato il solito teatrino islamofobico nel quale le musulmane sono definite come vittime del “teodispotismo coranico”! Vale proprio la pena che li paghiamo profumatamente….
Tra Gaza e il mondo c’è Rafah. Parte prima: I costi umani

Tra Gaza e il mondo c’è Rafah. Parte prima: I costi umani

mcc43 Il confine fra la Striscia di Gaza e l’Egitto spacca la città di Rafah, un tempo tutta palestinese. Chiuso da più di cento giorni, il valico è stato riaperto il 4 e 5 dicembre. Nell’urgente necessità di uscire: 25 mila persone. Titolari, in teoria, del diritto: stranieri, studenti, malati in espatrio per cure mediche. […]
Tra Gaza e il mondo c’è Rafah. Parte prima: I costi umani

Tra Gaza e il mondo c’è Rafah. Parte prima: I costi umani

mcc43 Il confine fra la Striscia di Gaza e l’Egitto spacca la città di Rafah, un tempo tutta palestinese. Chiuso da più di cento giorni, il valico è stato riaperto il 4 e 5 dicembre. Nell’urgente necessità di uscire: 25 mila persone. Titolari, in teoria, del diritto: stranieri, studenti, malati in espatrio per cure mediche. […]

Arabia Saudita: elette 20 candidate donne per la prima volta

(Agenzie). Gli elettori sauditi hanno eletto ben 20 donne per seggi municipali, secondo i risultati pubblicati da The Associated Press il giorno dopo che anche le donne in Arabia Saudita hanno votato per la prima volta nella storia del Paese.  Le donne che hanno vinto provengono da zone molto diverse dell’Arabia Saudita, che vanno dalle più grandi città ai piccoli […]

L'articolo Arabia Saudita: elette 20 candidate donne per la prima volta sembra essere il primo su Arabpress.

Delegazione della CPI in Palestina a febbraio

(Agenzie). Una delegazione della Corte Penale Internazionale andrà in Palestina nel mese di febbraio 2016 per visitare i territori occupati. Lo ha dichiarato un ufficiale dell’Autorità Palestinese. Un membro di un comitato nazionale in contatto con la CPI, Wasel Abu Yusif, ha detto a Ma’an che la visita riguarderà anche indagini in corso su casi sollevati alla CPI dalla leadership […]

L'articolo Delegazione della CPI in Palestina a febbraio sembra essere il primo su Arabpress.

Yemen: cessate il fuoco alla mezzanotte di lunedì

(Agenzie). Alla mezzanotte di oggi, lunedì 14 dicembre, dovrebbe partire un cessate il fuoco nello Yemen, proprio alla vigilia dei colloqui di pace mediati dall’ONU in Svizzera. Lo ha dichiarato un delegato del governo yemenita alla AFP. Mueen AbdulMalek, un membro della delegazione del governo, ha detto: “ci auguriamo che le milizie si impegnino per il […]

L'articolo Yemen: cessate il fuoco alla mezzanotte di lunedì sembra essere il primo su Arabpress.

Turchia e Iran rivivono un conflitto del XVI secolo?

Di Cengiz Candar. Al-Monitor (10/12/2015). Traduzione e sintesi di Alice Bondì. La Turchia è ampiamente coinvolta in una crisi con la Russia che rischia di aggravarsi pericolosamente. Secondo molti, l’apertura di una nuova controversia – questa volta con Baghdad – non rappresenta una mossa saggia, ma bisogna fare delle valutazioni all’interno un contesto regionale più ampio. […]

L'articolo Turchia e Iran rivivono un conflitto del XVI secolo? sembra essere il primo su Arabpress.

Lo scrittore libanese Hassan Daoud vince il premio Nagib Mahfouz per la letteratura 2015

Lo scrittore libanese Hassan Daoud vince il premio Nagib Mahfouz per la letteratura 2015

Sabato 11 dicembre, lo scrittore e giornalista libanese Hassan Daoud ha ricevuto al Cairo il Premio letterario “Nagib Mahfouz” per il suo romanzo Nessuna strada per il Paradiso (La tariq ila al-Janna). Il premio, intitolato al grande scrittore egiziano Nagib Mahfouz, Nobel per la letteratura nel 1988, e che viene consegnato il giorno in cui … Continua a leggere Lo scrittore libanese Hassan Daoud vince il premio Nagib Mahfouz per la letteratura 2015
Ciao Mario

Ciao Mario

Se n'è andato stasera Mario Dondero, grande  fotografo e ancor più grande amico, per ignota destinazione. Confido che, lungo la strada, si sia fermato "in quella trattoriola" dove fanno una zuppa particolare di fagioli dal sapore genovese. Mancherà a tanti

A Ca' delle mosche, con Monika Bulaj (che mi prestò la macchina) mentre preparavamo
Lo scatto umano  nell'autunno del 2013
Ciao Mario

Ciao Mario

Se n'è andato stasera Mario Dondero, grande  fotografo e ancor più grande amico, per ignota destinazione. Confido che, lungo la strada, si sia fermato "in quella trattoriola" dove fanno una zuppa particolare di fagioli dal sapore genovese. Mancherà a tanti

A Ca' delle mosche, con Monika Bulaj (che mi prestò la macchina) mentre preparavamo
Lo scatto umano  nell'autunno del 2013

Daaafish: Fumettisti iracheni prendono di mira l’ISIS

Di Oriol Andrés Gallart. Middle East Eye. (9/12/2015). Traduzione e sintesi di Ismahan Hassen. Nella loro vita di ogni giorno svolgono delle professioni assolutamente normali ma oltre a ciò e al di fuori di queste, operano come cyberattivisti senza che nessuno sappia chi sono. Daaafish è un collettivo di 15 persone che attraverso delle vignette […]

L'articolo Daaafish: Fumettisti iracheni prendono di mira l’ISIS sembra essere il primo su Arabpress.

“Women in Between”: donne e amore nel Mediterraneo

(Agenzie). “Women in between” è un web-documentario interattivo, un viaggio virtuale nella regione del Mediterraneo per esplorare storie di donne che sono state vittime di violenza e di esclusione sociale. Il progetto nasce all’interno del collettivo Maboula, nato nel 2014 da un gruppo di giornalisti, fotografi, videomaker, grafic designer e web developper di diverse nazionalità, tra Tunisi, […]

L'articolo “Women in Between”: donne e amore nel Mediterraneo sembra essere il primo su Arabpress.

Turchia: Twitter multata per mancata rimozione “propaganda terroristica”

(Agenzie).  L’autorità per le tecnologie di comunicazione della Turchia, la BTK, ha multato il social network Twitter per 150.000 lire (51.000 $) per non aver rimosso il contenuto definito di “propaganda terroristica”, ha dichiarato un funzionario BTK a Reuters. Questa è la prima volta che il governo turco multa il popolare sito. Già in passato le autorità […]

L'articolo Turchia: Twitter multata per mancata rimozione “propaganda terroristica” sembra essere il primo su Arabpress.

Arabia Saudita: una candidata donna vince alle elezioni comunali

(Agenzie). Una donna saudita ha vinto un seggio nel consiglio comunale alle prima elezione del paese aperte alle elettrici e alle candidate di sesso femminile. Salma bint Hizab al-Oteibi è stata eletta al consiglio di Madrakah, nella città santa della Mecca, secondo quanto dichiarato dall’agenzia di stampa ufficiale. Correva contro sette uomini e due donne. L’Arabia […]

L'articolo Arabia Saudita: una candidata donna vince alle elezioni comunali sembra essere il primo su Arabpress.

Libia: Conferenza di Roma, si cerca l’accordo

(Agenzie). Sul modello della conferenza di Vienna sulla crisi siriana, si svolgerà il 13 dicembre a Roma una conferenza internazionale sulla Libia, che avrà come obiettivo quello di condurre i partiti rivali alla firma dell’accordo per la creazione di un governo di unità nazionale. Prenderanno parte alla conferenza promossa dal Ministro degli Esteri italiano Paolo Gentiloni, […]

L'articolo Libia: Conferenza di Roma, si cerca l’accordo sembra essere il primo su Arabpress.

Stato d’emergenza: né diritto, né legge

A cura della Redazione di Inkyfada Nuovamente instaurato lo stato d’emergenza, si moltiplicano gli attacchi ai diritti in nome della lotta al terrorismo. Ancora una volta lo stato di emergenza e il coprifuoco hanno imposto a Tunisi un clima ansiogeno. Rinforzati i posti di blocco sulle vie, alcuni edifici pubblici di nuovo imprigionati dietro barriere, si moltiplicano i controlli nei […]

Stato d’emergenza: né diritto, né legge

A cura della Redazione di Inkyfada Nuovamente instaurato lo stato d’emergenza, si moltiplicano gli attacchi ai diritti in nome della lotta al terrorismo. Ancora una volta lo stato di emergenza e il coprifuoco hanno imposto a Tunisi un clima ansiogeno. Rinforzati i posti di blocco sulle vie, alcuni edifici pubblici di nuovo imprigionati dietro barriere, si moltiplicano i controlli nei […]

Vertice clima a Parigi: pronta una bozza di accordo

(Agenzie). I negoziatori al vertice ONU sul clima sponsorizzato a Parigi hanno redatto una bozza di accordo che sarà presentata ai ministri nella mattinata di oggi, sabato 12 dicembre 2015. Lo ha dichiarato una fonte del governo francese. Secondo alcuni funzionari, il progetto, completato dopo trattative durate fino a tarda notte, è in corso di traduzione dall’inglese […]

L'articolo Vertice clima a Parigi: pronta una bozza di accordo sembra essere il primo su Arabpress.

Tunisia: nasce Yalla Read, nuova piattaforma di scambio di libri

Tunisia: nasce Yalla Read, nuova piattaforma di scambio di libri

(Agenzie). Yalla Read è la nuova piattaforma creata in Tunisia che permette di dare un’occhiata alla biblioteca personale di amici, vicini o perfetti sconosciuti in modo totalmente gratuito. La piattaforma, infatti, è una rete che permette di scambiare libri per un periodo preciso di tempo, o semplicemente di prestarli. Ahmed Hadhri, co-fondatore del progetto, racconta com’è […]

L'articolo Tunisia: nasce Yalla Read, nuova piattaforma di scambio di libri sembra essere il primo su Arabpress.

Donne saudite alle urne per la prima volta nella storia

Di Natasha Noman Fonte. World.Mic (10/12/2015). Traduzione e sintesi Maddalena Goi. Oggi, sabato 12 dicembre, è una giornata storica per l’ultra-conservatore regno saudita. Durante le odierne elezioni municipali anche le donne saudite potranno votare e, in alcuni casi, avranno la possibilità di votare per altre donne candidate nelle liste dei consigli municipali. È la prima volta nella […]

L'articolo Donne saudite alle urne per la prima volta nella storia sembra essere il primo su Arabpress.

IL VIDEO DELL’INCONTRO FRA IL COMITATO “KHALED BAKRAWI” E L’ON.LE MANLIO DI STEFANO

IL VIDEO DELL’INCONTRO FRA IL COMITATO “KHALED BAKRAWI” E L’ON.LE MANLIO DI STEFANO

Dopo diciassette giorni dall’incontro, nella giornata di mercoledì 9 dicembre, l’Onorevole Manlio Di Stefano ha pubblicato il video relativo all’incontro stesso. La pubblicazione è stata accompagnata da un commento stizzito nei confronti del Comitato “Khaled Bakrawi”, che avrebbe promosso una “campagna diffamatoria” (addirittura!) verso lo stesso Di Stefano. Non sembra una polemica interessante, meglio concentrarsi […]
IL VIDEO DELL’INCONTRO FRA IL COMITATO “KHALED BAKRAWI” E L’ON.LE MANLIO DI STEFANO

IL VIDEO DELL’INCONTRO FRA IL COMITATO “KHALED BAKRAWI” E L’ON.LE MANLIO DI STEFANO

Dopo diciassette giorni dall’incontro, nella giornata di mercoledì 9 dicembre, l’Onorevole Manlio Di Stefano ha pubblicato il video relativo all’incontro stesso. La pubblicazione è stata accompagnata da un commento stizzito nei confronti del Comitato “Khaled Bakrawi”, che avrebbe promosso una “campagna diffamatoria” (addirittura!) verso lo stesso Di Stefano. Non sembra una polemica interessante, meglio concentrarsi […]
IL VIDEO DELL’INCONTRO FRA IL COMITATO “KHALED BAKRAWI” E L’ON.LE MANLIO DI STEFANO

IL VIDEO DELL’INCONTRO FRA IL COMITATO “KHALED BAKRAWI” E L’ON.LE MANLIO DI STEFANO

Dopo diciassette giorni dall’incontro, nella giornata di mercoledì 9 dicembre, l’Onorevole Manlio Di Stefano ha pubblicato il video relativo all’incontro stesso. La pubblicazione è stata accompagnata da un commento stizzito nei confronti del Comitato “Khaled Bakrawi”, che avrebbe promosso una “campagna diffamatoria” (addirittura!) verso lo stesso Di Stefano. Non sembra una polemica interessante, meglio concentrarsi […]
IL VIDEO DELL’INCONTRO FRA IL COMITATO “KHALED BAKRAWI” E L’ON.LE MANLIO DI STEFANO

IL VIDEO DELL’INCONTRO FRA IL COMITATO “KHALED BAKRAWI” E L’ON.LE MANLIO DI STEFANO

Dopo diciassette giorni dall’incontro, nella giornata di mercoledì 9 dicembre, l’Onorevole Manlio Di Stefano ha pubblicato il video relativo all’incontro stesso. La pubblicazione è stata accompagnata da un commento stizzito nei confronti del Comitato “Khaled Bakrawi”, che avrebbe promosso una “campagna diffamatoria” (addirittura!) verso lo stesso Di Stefano. Non sembra una polemica interessante, meglio concentrarsi […]
IL VIDEO DELL’INCONTRO FRA IL COMITATO “KHALED BAKRAWI” E L’ON.LE MANLIO DI STEFANO

IL VIDEO DELL’INCONTRO FRA IL COMITATO “KHALED BAKRAWI” E L’ON.LE MANLIO DI STEFANO

Dopo diciassette giorni dall’incontro, nella giornata di mercoledì 9 dicembre, l’Onorevole Manlio Di Stefano ha pubblicato il video relativo all’incontro stesso. La pubblicazione è stata accompagnata da un commento stizzito nei confronti del Comitato “Khaled Bakrawi”, che avrebbe promosso una “campagna diffamatoria” (addirittura!) verso lo stesso Di Stefano. Non sembra una polemica interessante, meglio concentrarsi […]
IL VIDEO DELL’INCONTRO FRA IL COMITATO “KHALED BAKRAWI” E L’ON.LE MANLIO DI STEFANO

IL VIDEO DELL’INCONTRO FRA IL COMITATO “KHALED BAKRAWI” E L’ON.LE MANLIO DI STEFANO

Dopo diciassette giorni dall’incontro, nella giornata di mercoledì 9 dicembre, l’Onorevole Manlio Di Stefano ha pubblicato il video relativo all’incontro stesso. La pubblicazione è stata accompagnata da un commento stizzito nei confronti del Comitato “Khaled Bakrawi”, che avrebbe promosso una “campagna diffamatoria” (addirittura!) verso lo stesso Di Stefano. Non sembra una polemica interessante, meglio concentrarsi […]
IL VIDEO DELL’INCONTRO FRA IL COMITATO “KHALED BAKRAWI” E L’ON.LE MANLIO DI STEFANO

IL VIDEO DELL’INCONTRO FRA IL COMITATO “KHALED BAKRAWI” E L’ON.LE MANLIO DI STEFANO

Dopo diciassette giorni dall’incontro, nella giornata di mercoledì 9 dicembre, l’Onorevole Manlio Di Stefano ha pubblicato il video relativo all’incontro stesso. La pubblicazione è stata accompagnata da un commento stizzito nei confronti del Comitato “Khaled Bakrawi”, che avrebbe promosso una “campagna diffamatoria” (addirittura!) verso lo stesso Di Stefano. Non sembra una polemica interessante, meglio concentrarsi […]
IL VIDEO DELL’INCONTRO FRA IL COMITATO “KHALED BAKRAWI” E L’ON.LE MANLIO DI STEFANO

IL VIDEO DELL’INCONTRO FRA IL COMITATO “KHALED BAKRAWI” E L’ON.LE MANLIO DI STEFANO

Dopo diciassette giorni dall’incontro, nella giornata di mercoledì 9 dicembre, l’Onorevole Manlio Di Stefano ha pubblicato il video relativo all’incontro stesso. La pubblicazione è stata accompagnata da un commento stizzito nei confronti del Comitato “Khaled Bakrawi”, che avrebbe promosso una “campagna diffamatoria” (addirittura!) verso lo stesso Di Stefano. Non sembra una polemica interessante, meglio concentrarsi […]

Yemen: Houthi nominano delegati per negoziati ONU

(Agenzie). Mohammed Abdulsalam, portavoce del partito Ansarullah del movimento dei ribelli Houthi in Yemen, ha dichiarato che una lista di nominativi è stata predisposta per la delegazione ai negoziati delle Nazioni Unite che si terranno la prossima settimana in Svizzera. Adbulsalam sarà alla guida di una delegazione di sette membri, tra cui anche un “consulente […]

L'articolo Yemen: Houthi nominano delegati per negoziati ONU sembra essere il primo su Arabpress.

Cucina marocchina: chermoula, salsa speziata per pesce e carne

Con la ricetta di oggi andiamo in Marocco alla scoperta di una salsa/marinata molto diffusa come condimento: la chermoula! Ingredienti: 1 mazzetto grande di prezzemolo 1 mazzetto grande di coriandolo 2/4 spicchi d0aglio 1 cucchiaino di cumino 1 cucchiaino di paprika un pizzico di pepe nero succo di 1 limone olio di oliva sale peperoncino (facoltativo) […]

L'articolo Cucina marocchina: chermoula, salsa speziata per pesce e carne sembra essere il primo su Arabpress.

Libia: fissata data per la firma di un accordo tra parti rivali

(Agenzie). Le fazioni rivali in Libia hanno concordato la data del 16 dicembre come scadenza per la firma di un accordo per la formazione di un governo di unità nazionale promosso dalle Nazioni Unite, secondo quanto riferito dall’inviato speciale Martin Kobler dopo un incontro in Tunisia. La firma costituirebbe il coronamento di un anno di […]

L'articolo Libia: fissata data per la firma di un accordo tra parti rivali sembra essere il primo su Arabpress.

Germania: “rifugiato” scelta come parola dell’anno

(Agenzie). Con circa un milione di migranti che arrivati in Germania quest’anno, la Società per la lingua tedesca ha scelto Fluechtlinge,  “rifugiati”, come Parola dell’anno 2015. Al secondo posto Je suis Charlie, una frase che è diventata uno slogan diffuso dopo l’attacco di gennaio al giornale satirico francese Charlie Hebdo a Parigi. Terza classificata la parola “Grexit”, il termine […]

L'articolo Germania: “rifugiato” scelta come parola dell’anno sembra essere il primo su Arabpress.

Iraq: premier chiede di sporgere reclamo contro Turchia all’ONU

(Agenzie). Il primo ministro iracheno Haidar al-Abadi ha dato istruzioni al ministero degli Esteri affinché sporga un reclamo ufficiale contro la Turchia presso il Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite. Il reclamo riguarda la presenza e l’incursione di soldati turchi nel nord dell’Iraq. Il premier Abadi ha dichiarato di aver chiesto al Consiglio di Sicurezza […]

L'articolo Iraq: premier chiede di sporgere reclamo contro Turchia all’ONU sembra essere il primo su Arabpress.

Passaggi: “Veli di Passione” di Nada El Hage

Un po’ di poesia ogni tanto fa bene all’anima. Ora ve ne propongo una dell’autrice libanese Nada El Hage, che nonostante descriva una natura serena, ricca di elementi pacifici, comunica lo stesso un senso di incertezza e solitudine attraverso l’eterna presenza del silenzio. Si intitola “Oceano”.   Sulla collinetta più alta di tutte Ho tracciato l’urlo del […]

L'articolo Passaggi: “Veli di Passione” di Nada El Hage sembra essere il primo su Arabpress.

Conferenza dell’European Labour History Network (ELHN)

Conferenza dell’European Labour History Network (ELHN)

elhn 110A Torino dal 14-16 dicembre oltre 200 studiosi da tutta Europa. Organizzata dalla Società Italiana di Storia del Lavoro (SISLav) e dall’Istituto per la Memoria e la Cultura del Lavoro e dei Diritti Sociali (ISMEL). Gruppi di discussione su: migrazioni, lavoro delle donne, lavoro agricolo e industriale, relazioni sindacali.

Russia: Putin ordina attacchi duri in Siria

(Agenzie). Il presidente russo Vladimir Putin ha ordinato alle sue truppe di agire in modo estremamente duro in Siria. “Gli eventuali obiettivi che minacciano il nostro esercito o le  infrastrutture del Paese devono essere immediatamente distrutti”, ha detto Putin, parlando ad un evento del ministero della Difesa. Da oltre due mesi la Russia sta bombardando […]

L'articolo Russia: Putin ordina attacchi duri in Siria sembra essere il primo su Arabpress.

La Siria raccontata dagli anelli di Heba Barazi

La Siria raccontata dagli anelli di Heba Barazi

(Barakabits). L’arte è potente, e così è la poesia. Ispirata dai versi delle poesie di Nizar Qabbani, che idealizzavano la bellezza della Siria, Heba Barazi, una biologa molecolare e scienziato di genetica, ha sviluppato il suo progetto Syria..Told Through Rings. Il talento artistico di Barazi e l’amore per la Siria hanno generato una nuova narrazione della cultura siriana. Ricordando […]

L'articolo La Siria raccontata dagli anelli di Heba Barazi sembra essere il primo su Arabpress.

USA, Russia e ONU discutono di Siria a Ginevra

(Agenzie). Gli Stati Uniti, la Russia, e l’ONU stanno discutendo di Siria ai colloqui che si svolgono oggi, venerdì 11 dicembre, a Ginevra. “I colloqui sono preparatori alla prossima riunione del Gruppo Internazionale di Supporto alla Siria”, ha dichiarato l’ONU in un comunicato. I colloqui riguardano principalmente l’organizzazione delle future riunioni a Vienna sulla Siria. Già nel mese di ottobre scorso, […]

L'articolo USA, Russia e ONU discutono di Siria a Ginevra sembra essere il primo su Arabpress.

Tempesta di critiche per Donald Trump, l’”Hitler d’America”

Di Joyce Karam. Al-Hayat (09/12/2015). Traduzione e sintesi di Paola Conti. In seguito al suo invito di vietare l’ingresso negli USA a tutti i musulmani, Donald Trump, candidato repubblicano alle presidenziali statunitensi, è stato accostato alla figura del leader nazista Adolf Hitler. Per la Casa Bianca la proposta di Trump lo rende ineleggibile per la presidenza, […]

L'articolo Tempesta di critiche per Donald Trump, l'”Hitler d’America” sembra essere il primo su Arabpress.

Un piano per escludere la Turchia dalla lotta per il potere in Medio Oriente

Di Abdulrahman al-Rashed. Asharq al-Awsat (09/12/2015). Traduzione e sintesi di Claudia Negrini. Chiunque ritenga che l’esasperazione del governo di Baghdad sia esclusivamente dovuta alla presenza turca sul suolo iracheno, si sbaglia. Il numero totale delle forze turche dispiegate è di 150 militari, tutte nelle vicinanze di Mosul, zona occupata da Daesh (ISISI) da ormai un anno […]

L'articolo Un piano per escludere la Turchia dalla lotta per il potere in Medio Oriente sembra essere il primo su Arabpress.

Turchia: Erdogan, le truppe turche non lasciano l’Iraq

(Agenzie). Il Presidente turco Tayyip Erdogan ha detto che “per il momento è fuori questione” il ritiro delle truppe turche dall’Iraq, dopo che Baghdad ha accusato Ankara di averle mandate senza autorizzazione. L’ambasciatore turco in Iraq è stato convocato per domani, sabato 12 dicembre, per chiedere il ritiro immediato delle centinaia di truppe turche schierate nei giorni scorsi nel nord dell’Iraq, vicino […]

L'articolo Turchia: Erdogan, le truppe turche non lasciano l’Iraq sembra essere il primo su Arabpress.

Le rose di Persia. Nove racconti di donne iraniane

Le rose di Persia. Nove racconti di donne iraniane

Questa antologia offre una panoramica sulla produzione di alcune delle maggiori Autrici iraniane contemporanee espressa attraverso il genere del racconto breve – il più congeniale alla letterate a cavallo della Rivoluzione, in quanto strumento duttile, adatto sia a rendere spaccati di vita familiare e quotidiana, sia a descrivere – e perlopiù a criticare – le condizioni […]
Le rose di Persia. Nove racconti di donne iraniane

Le rose di Persia. Nove racconti di donne iraniane

Questa antologia offre una panoramica sulla produzione di alcune delle maggiori Autrici iraniane contemporanee espressa attraverso il genere del racconto breve – il più congeniale alla letterate a cavallo della Rivoluzione, in quanto strumento duttile, adatto sia a rendere spaccati di vita familiare e quotidiana, sia a descrivere – e perlopiù a criticare – le condizioni […]

Come onorare i diritti umani in Tunisia?

Di Farhat Othman. Al Huffington Post Maghreb (10/12/2015). Traduzione e sintesi di Roberta Papaleo. Come tutti i Paesi del mondo, anche la Tunisia celebra oggi, 10 dicembre, la giornata mondiale dei diritti dell’uomo. Tuttavia, invece di farlo in tutta franchezza, ci si crogiola nell’ipocrisia e nella simulazione. In effetti, come celebrare in modo onesto i diritti umani, […]

L'articolo Come onorare i diritti umani in Tunisia? sembra essere il primo su Arabpress.

Libri pericolosi

Dai, faccio coming out pure io. Per non lasciar sola Igiaba Scego, che in un delizioso (e malinconico) articolo su Internazionale  ci ha fatto conoscere la sua personale biblioteca, soprattutto nella sezione “studi islamici” e “mondo arabo” (così ho scoperto che Igiaba sugli scaffali ha tutti i miei libri… 😉 grazie, lusingata). Pericolosa biblioteca, quella diRead more

Tunisia: oggi il Quartetto riceve ufficialmente il Premio Nobel per la pace

(Agenzie). È prevista per oggi, a Oslo, la premiazione ufficiale del Quartetto tunisino che è stato insignito del Premio Nobel per la pace 2015 per il suo impegno durante la transizione politica in Tunisia alla luce della primavera araba. Il Quartetto, dal sindacato generale tunisino (UGTT, Union Générale Tunisienne du Travail), dalla confederazione industriale e […]

L'articolo Tunisia: oggi il Quartetto riceve ufficialmente il Premio Nobel per la pace sembra essere il primo su Arabpress.

Turchia: Erdogan incontra Barzani per azione comune contro Daesh in Iraq

(Agenzie). Il presidente turco Recep Tayyip Erdogan ha incontrato il presidente del Kurdistan iracheno, Massoud Barzani, ad Ankara per discutere della lotta contro la minaccia terrorista di Daesh (ISIS) in Iraq. I due leader hanno sottolineato l’importanza della cooperazione bilaterale per assicurare la stabilità della regione. In occasione dell’incontro, le due parti hanno inoltre discusso […]

L'articolo Turchia: Erdogan incontra Barzani per azione comune contro Daesh in Iraq sembra essere il primo su Arabpress.

Siria: continua il dialogo di opposizione e ribelli a Riyad

(Agenzie). I rappresentanti dell’opposizione e dei gruppi ribelli siriani, riuniti a Riyad, discuteranno oggi, giovedì, la formazione di una delegazione per i prossimi negoziati di pace. “Oggi sceglieremo una delegazione di 42 persone”, ha detto uno dei partecipanti. Nella giornata di ieri, alla conferenza nella capitale saudita è stato abbozzato un accordo di principio, il […]

L'articolo Siria: continua il dialogo di opposizione e ribelli a Riyad sembra essere il primo su Arabpress.

USA: Muhammed Ali critica dichiarazioni Trump su musulmani

(Agenzie). Muhammad Ali, legenda della boxe, ha criticato le dichiarazioni del candidato alla presidenza USA repubblicano, Donald Trump, il quale ha proposto di vietare l’accesso ai musulmani negli Stati Uniti. Ali ha fatto appello a tutti i musulmani di “ribellarsi a colo che usano l’islam per proporre la loro agenda politica personale”. Nella sua dichiarazione, […]

L'articolo USA: Muhammed Ali critica dichiarazioni Trump su musulmani sembra essere il primo su Arabpress.

Matrimonio di un trio sconsacrato in Iraq

Di Haifa Zangana. Al-Quds al-Arabi (07/12/2015). Traduzione e sintesi di Laura Giacobbo. Il ministro della Difesa statunitense Ashton Carter ha annunciato, finalmente, che gli Stati Uniti invieranno forze speciali in Iraq  per raccogliere informazioni di intelligence, lanciare raid, liberare gli ostaggi e catturare i capi di Daesh (ISIS).  È una decisione che è stata presa […]

L'articolo Matrimonio di un trio sconsacrato in Iraq sembra essere il primo su Arabpress.

Lamentarsi a qualcosa serve

Lamentarsi a qualcosa serve

Il 18 novembre 2015 ho pubblicato un post (qui) nel quale, con tanto di fotografie, lamentavo che alla libreria Feltrinelli i libri relativi a ISIS e simili venivano indicizzati con: ideologia, religione, fanatismo, terrore. Oggi la fotografia è la seguente: … Continua a leggere

Lamentarsi a qualcosa serve
letturearabe di Jolanda Guardi
letturearabe di Jolanda Guardi - Ho sempre immaginato che il paradiso fosse una sorta di biblioteca (J. L. Borges)

Turchia: Primo ministro “pronto a lavorare” con la Russia

(Agenzie).  Il primo ministro turco Ahmet Davutoglu si è detto “pronto a lavorare” con la Russia per evitare il ripetersi di episodi come l’abbattimento dell’aereo russo avvenuto lo scorso mese per mano dei militari turchi al confine siriano. “Siamo pronti a lavorare con la Russia per evitare il ripetersi di incidenti simili in futuro”, ha detto Davutoglu ai […]

L'articolo Turchia: Primo ministro “pronto a lavorare” con la Russia sembra essere il primo su Arabpress.

Prove tecniche di dittatura?

Patrizia Mancini Nella Grand Tunis è ancora in vigore il coprifuoco, dalla mezzanotte alle cinque del mattino, senza alcuna previsione per la sua sospensione. “L’état d’urgence” dovrebbe scadere il 24 dicembre, sempre che il governo non decida di prolungarlo ulteriormente. Dal giorno dell’attentato il Ministero degli Interni fa bella mostra di solerzia ed efficacia, come mai era successo in precedenza. […]

Tunisia: il fumettista Jabeur Mejri è stato liberato

(Agenzie). Jabeur Mejri, fumettista tunisino, ha ricevuto la grazia ed è stato liberato dopo due anni di carcere a causa di alcuni disegni considerati blasfemi. Lo ha confermato alla AFP il suo avvocato Bassem Trifi oggi, mercoledì 9 dicembre: “Sotto la grazia presidenziale, Jabeur Mejri è stato rilasciato nella notte tra martedì e mercoledì”. Nel 2012, le ONG […]

L'articolo Tunisia: il fumettista Jabeur Mejri è stato liberato sembra essere il primo su Arabpress.

La Apple rilascia la prima versione di Siri in Arabo

(Agenzie). La Apple ha rilasciato una prima versione del suo assistente personale virtuale Siri in lingua araba negli Emirati Arabi Uniti e in Arabia Saudita, rendendo i suoi iPhone potenzialmente più attraenti ad un mercato di oltre 30 milioni di persone, in gran parte benestante. Grazie a questa mossa commerciale, che fa parte dei più recenti aggiornamenti software di Apple, […]

L'articolo La Apple rilascia la prima versione di Siri in Arabo sembra essere il primo su Arabpress.

Siria: al via colloqui con opposizione in Arabia Saudita

(Agenzie). I gruppi di opposizione siriani hanno iniziato i colloqui senza precedenti in Arabia Saudita oggi, mercoledì 9 dicembre 2015. Lo hanno riferito i media ufficiali, sottolineando la prospettiva di eventuali colloqui futuri con il regime del presidente siriano Bashar al-Assad. “L’incontro ha visto un’ampia partecipazione di gruppi di opposizione siriani sia dentro che fuori […]

L'articolo Siria: al via colloqui con opposizione in Arabia Saudita sembra essere il primo su Arabpress.

“Lascia che accada” di Paul Bowles

“Lascia che accada” di Paul Bowles

Pubblicato nel 1952, “Lascia che accada” può essere definito un’autobiografia romanzata dell’autore, Paul Bowles, che visse a Tangeri dalla seconda metà degli anni Quaranta fino alla morte, avvenuta nel 1999. A chi gli chiedeva perché avesse deciso di vivere a Tangeri rispondeva perché era affascinato dai musicisti jilala che cadevano in trance e perché a […]

L'articolo “Lascia che accada” di Paul Bowles sembra essere il primo su Arabpress.

Russa, Israele e Siria: una verità scomoda

Di Sharif Nashashibi. Middle East Eye (08/12/2015). Traduzione e sintesi di Roberta Papaleo. Durante il conflitto siriano, il regime e i suoi sostenitori hanno cercato di associare l’opposizione alla rivoluzione come opposizione a Israele. Lo scopo di questa propaganda è quello di guadagnarsi supporto, minare le rivolte, ostacolare il disgusto contro la brutalità del regime diffuso nella […]

L'articolo Russa, Israele e Siria: una verità scomoda sembra essere il primo su Arabpress.

Iraq. Sinjar, quale liberazione?

Iraq. Sinjar, quale liberazione?

(di Joseph Zarlingo, per Osservatorio Iraq) La liberazione della città è più complessa di come è stata raccontata. La realtà sul campo, i timori della gente, gli interessi delle parti coinvolte e […]

Opposizione siriana in Arabia saudita: sfide e ostacoli

Di Hazem Nahar. Al-Araby al-Jadeed (06/12/2015). Traduzione e sintesi di Marianna Barberio. Vi sono oggi alcuni elementi che fanno pensare alla Conferenza tra i gruppi di opposizione siriana a Riyad come un’occasione positiva e diversa da tutte le altre. Innanzitutto, il raggiungimento di un accordo di non avversione tra Arabia Saudita, Turchia e Qatar fa sperare […]

L'articolo Opposizione siriana in Arabia saudita: sfide e ostacoli sembra essere il primo su Arabpress.