Crea sito

Archives for febbraio, 2012

You are here: » »
Si ricomincia da Roma..

Si ricomincia da Roma..

Dopo ventidue giorni passati a Palermo, la ricerca della delegazione si sposta a Roma dove questa mattina hanno tentato invano di chiedere udienza all'ambasciatore della Tunisia Naser Mistiri.



Ambasciata della Tunisia a Roma
Il primo giorno di permanenza a Roma della delegazione delle famiglie dei scomparsi si è conclusa senza un nulla di fatto, invano questa mattina hanno chiesto udienza all'ambasciatore tunisino, Naser Mistiri, impegnato in dei incontri con alcuni ministri italiani. Inizio di giornata all'insegna del nervosismo e della confusione, dopo che Imed Soltani , portavoce e membro della delegazione ha ricevuto una telefonata da Adel Laied, direttore della ONG tunisina '' Front National De Concorde'', dove quest'ultimo gli comunicava l'annulamento del loro appuntamento con l'ambasciatore Mistiri per via del sit-in organizzato da Rebecca Kraiem. Nonostante le tensioni la delegazione è stata ricevuta da Chokri Ltaief, vice Ambasciatore. Durante l'incontro il vice ambasciatore ha più volte ribadito la buona volonta dell'ambasciata nella vicenda, affermando che il governo italiano ha chiesto più volte al governo tunisino l'invio delle impronte digitali, secondo alcune fonti nella giornata di oggi sono state inviate 17 impronte digitali appartenenti ad alcuni '' desaparecidos'' minorenni. La delegazione è riuscita a strappare un appuntamento con l'ambasciatore per martedi mattina, seguirà una conferenza stampa presso la sede della CGIL e un incontro per mezzogiorno al Viminale. In seguito all'incontro con il vice ambasciatore Chokri Ltaief ,le famiglie sono state intervistate dalla troupe di Rai 3 e presadiretta .Da segnalare anche la presenza di alcuni membri della comunità tunisina residente a Roma. Previsto un Sabato di riposo ed un sorta di sit-in a Piazza San Pietro Domenica mattina, il tutto deciso dalla Rebecca Kraiem dell'associazione G. Verdi


                                              Galleria d'immagini  18-02-2012












Si ricomincia da Roma..

Si ricomincia da Roma..

Dopo ventidue giorni passati a Palermo, la ricerca della delegazione si sposta a Roma dove questa mattina hanno tentato invano di chiedere udienza all'ambasciatore della Tunisia Naser Mistiri.



Ambasciata della Tunisia a Roma
Il primo giorno di permanenza a Roma della delegazione delle famiglie dei scomparsi si è conclusa senza un nulla di fatto, invano questa mattina hanno chiesto udienza all'ambasciatore tunisino, Naser Mistiri, impegnato in dei incontri con alcuni ministri italiani. Inizio di giornata all'insegna del nervosismo e della confusione, dopo che Imed Soltani , portavoce e membro della delegazione ha ricevuto una telefonata da Adel Laied, direttore della ONG tunisina '' Front National De Concorde'', dove quest'ultimo gli comunicava l'annulamento del loro appuntamento con l'ambasciatore Mistiri per via del sit-in organizzato da Rebecca Kraiem. Nonostante le tensioni la delegazione è stata ricevuta da Chokri Ltaief, vice Ambasciatore. Durante l'incontro il vice ambasciatore ha più volte ribadito la buona volonta dell'ambasciata nella vicenda, affermando che il governo italiano ha chiesto più volte al governo tunisino l'invio delle impronte digitali, secondo alcune fonti nella giornata di oggi sono state inviate 17 impronte digitali appartenenti ad alcuni '' desaparecidos'' minorenni. La delegazione è riuscita a strappare un appuntamento con l'ambasciatore per martedi mattina, seguirà una conferenza stampa presso la sede della CGIL e un incontro per mezzogiorno al Viminale. In seguito all'incontro con il vice ambasciatore Chokri Ltaief ,le famiglie sono state intervistate dalla troupe di Rai 3 e presadiretta .Da segnalare anche la presenza di alcuni membri della comunità tunisina residente a Roma. Previsto un Sabato di riposo ed un sorta di sit-in a Piazza San Pietro Domenica mattina, il tutto deciso dalla Rebecca Kraiem dell'associazione G. Verdi


                                              Galleria d'immagini  18-02-2012












Algeria: anche gli stragisti muiono

Si chiamava Mohamed Lamari. Negli anni 90' faceva parte del gruppetto di generali più potenti del paese. Quelli che hanno messo l'Algeria a ferro e a fuoco per una quindicina di anni. é morto questa settimana di un arresto cardiaco mentre si trovava nel...
La settimana: F.A.Q. sul Medio Oriente, dalle rivolte alle prospettive dei conflitti

La settimana: F.A.Q. sul Medio Oriente, dalle rivolte alle prospettive dei conflitti

Ci sono alcune domande ricorrenti in questo periodo storico di profondi cambiamenti geopolitici in Medio Oriente. Di seguito riporto una sorta di F.A.Q. delle domande più frequenti e più vaghe... Articoli correlati:
  1. Storia del declino di una superpotenza in Medio Oriente Si è consumato la scorsa settimana il confronto alle Nazioni Unite tra il presidente palestinese Abbas ed il primo ministro israeliano Netanyahu. Abbas ha sottoposto la sua richiesta di piena......
  2. “Primavera”: capire la storia di una invenzione terminologica Yemen, la primavera araba è finita. Il Fatto Quotidiano Egitto, è già finita la Primavera. la Stampa La primavera è già finita. il Sole 24 Ore Quello che accumuna questi articoli......
  3. Storiografia di al-Qā‘ida e prospettive – 6 In seguito agli attentati dell’11 settembre, la rete a maglie larghe che era stata il trampolino di lancio per l’invio dei quindici uomini che si erano uniti al commando di......