Crea sito

Archives for giugno, 2013

You are here: » »
Scuba-turismo  per la salvaguardia dell’ambiente

Scuba-turismo per la salvaguardia dell’ambiente

Scuba-turismo  per la salvaguardia dell’ambiente

Lo sviluppo del turismo sul Mar Rosso è strettamente legato all’esplorazione degli abissi. Per realizzare concretamente le politiche di salvaguardia ambientale è necessaria la partecipazione dei donatori internazionali e degli imprenditori.

Il Golfo di Aqaba, tra la penisola del Sinai e la penisola araba, è un ambiente unico al mondo per la sua varietà floreale e animale. Questo patrimonio ecologico si trova sommerso, sulla barriera corallina del Mar Rosso, che ospita il 30% della biodiversità marina mondiale conosciuta. Le barriere del Golfo di Aqaba, del parco nazionale di Ras Mohamed e della costa del Mar Rosso sono infatti la meta privilegiata dei sub a livello mondiale. Dopo i trattati dell’81 e la stabilità nel Sinai, il Governo egiziano ha avviato una politica di sviluppo del turismo costiero. La rapida crescita di grandi centri urbani attrezzati per accogliere oltre il 35% del turismo egiziano - stimato 12milioni di turisti annui prima della rivoluzione - non ha però tenuto conto dei costi in termini ambientali dell’improvvisa richiesta di risorse. Il passaggio da 560 a oltre 48mila stanze d’albergo nel golfo di Aqaba dal 1989 ad oggi ha causato la perdita, in alcune zone, di oltre il 55% dei coralli e la conseguente scomparsa di specie marine. Calcolando il valore del reef secondo i criteri della Banca Mondiale, la perdita ecologica arriva a 1800 milioni di dollari e di oltre 1400 tonnellate di pescato perso annualmente.

Sono i centri urbani minori, come la tradizionale Nweiba e la crescente Dahab, ad offrire un turismo di qualità, mantenendo legami con le tradizioni locali e nel pieno rispetto del mondo sottomarino.

 

Scuba: turismo responsabile

Quasi la totalità dei centri scuba nel Sinai ha sottoscritto un codice etico ISO per la salvaguarda ambientale, promuovendo iniziative per lo studio e la conservazione del patrimonio della barriera corallina. L’iniziativa Scuba Tourism for the Environment (STE), promossa dal Marine Science Group dell’università Alma Mater di Bologna è ad esempio un esperimento di studio e ricerca scientifica in collaborazione con migliaia di sub “scienziati per un giorno”, che volontariamente aiutano nella raccolta delle informazioni. La richiesta dei turisti in questa zona è strettamente legata alla conservazione della barriera corallina e gli operatori interessati operano già in questa direzione.

 

Programmi di salvaguardia ambientale

L’Egitto è consapevole del fatto che una corretta gestione del turismo sia fondamentale per la sua sopravvivenza economica. L’Autorità per lo Sviluppo Turistico sta ora lavorando su concetti di eco-turismo e di eco-lodge, in conformità con il regolamento regionale PERSGA, avviato a Gedda in Arabia Saudita per la salvaguardia della biodiversità nel Golfo di Aden e nel Sinai. Le iniziative a livello locale sono state supportate fino al 2010 dal programma europeo South Sinai Regional Development Program (SSRDP) che ha stanziato fondi per 54 milioni di euro per progetti di sviluppo economico legati al rispetto delle culture e del patrimonio biomarino locale. 

 

Project AWARE

Project AWARE (Aquatic World Awareness Responsibility, and Education) è un’organizzazione non-profit mondiale dedicata ad “ambienti sommersi, alla conservazione attraverso l’educazione, il patrocinio e l’azione.” L’organizzazione è stata fondata nel 1989 dalla Associazione Professionale di Istruttori Subacquei (PADI), in risposta alle crescenti preoccupazioni da parte di alcuni subacquei sui potenziali danni inflitti alle barriere coralline dalle attività acquatiche ricreative e commerciali. Attività umane e disastri naturali hanno portato ad una riduzione del nostro sistema di barriera naturale

Project AWARE ha promosso molti eventi, come la pulizia di spiagge e barriere, il controllo e la prevenzione. Essi continuano a monitorare e riferire sullo stato dell’ambiente marino ai governi che ospitano importanti reef marini per una maggiore azione sulla conservazione e gli sforzi di conservazione.

  • Egitto
  • Turismo
  • Ambiente
    Scuba-turismo  per la salvaguardia dell’ambiente

    Scuba-turismo per la salvaguardia dell’ambiente

    Scuba-turismo  per la salvaguardia dell’ambiente

    Lo sviluppo del turismo sul Mar Rosso è strettamente legato all’esplorazione degli abissi. Per realizzare concretamente le politiche di salvaguardia ambientale è necessaria la partecipazione dei donatori internazionali e degli imprenditori.

    Il Golfo di Aqaba, tra la penisola del Sinai e la penisola araba, è un ambiente unico al mondo per la sua varietà floreale e animale. Questo patrimonio ecologico si trova sommerso, sulla barriera corallina del Mar Rosso, che ospita il 30% della biodiversità marina mondiale conosciuta. Le barriere del Golfo di Aqaba, del parco nazionale di Ras Mohamed e della costa del Mar Rosso sono infatti la meta privilegiata dei sub a livello mondiale. Dopo i trattati dell’81 e la stabilità nel Sinai, il Governo egiziano ha avviato una politica di sviluppo del turismo costiero. La rapida crescita di grandi centri urbani attrezzati per accogliere oltre il 35% del turismo egiziano - stimato 12milioni di turisti annui prima della rivoluzione - non ha però tenuto conto dei costi in termini ambientali dell’improvvisa richiesta di risorse. Il passaggio da 560 a oltre 48mila stanze d’albergo nel golfo di Aqaba dal 1989 ad oggi ha causato la perdita, in alcune zone, di oltre il 55% dei coralli e la conseguente scomparsa di specie marine. Calcolando il valore del reef secondo i criteri della Banca Mondiale, la perdita ecologica arriva a 1800 milioni di dollari e di oltre 1400 tonnellate di pescato perso annualmente.

    Sono i centri urbani minori, come la tradizionale Nweiba e la crescente Dahab, ad offrire un turismo di qualità, mantenendo legami con le tradizioni locali e nel pieno rispetto del mondo sottomarino.

     

    Scuba: turismo responsabile

    Quasi la totalità dei centri scuba nel Sinai ha sottoscritto un codice etico ISO per la salvaguarda ambientale, promuovendo iniziative per lo studio e la conservazione del patrimonio della barriera corallina. L’iniziativa Scuba Tourism for the Environment (STE), promossa dal Marine Science Group dell’università Alma Mater di Bologna è ad esempio un esperimento di studio e ricerca scientifica in collaborazione con migliaia di sub “scienziati per un giorno”, che volontariamente aiutano nella raccolta delle informazioni. La richiesta dei turisti in questa zona è strettamente legata alla conservazione della barriera corallina e gli operatori interessati operano già in questa direzione.

     

    Programmi di salvaguardia ambientale

    L’Egitto è consapevole del fatto che una corretta gestione del turismo sia fondamentale per la sua sopravvivenza economica. L’Autorità per lo Sviluppo Turistico sta ora lavorando su concetti di eco-turismo e di eco-lodge, in conformità con il regolamento regionale PERSGA, avviato a Gedda in Arabia Saudita per la salvaguardia della biodiversità nel Golfo di Aden e nel Sinai. Le iniziative a livello locale sono state supportate fino al 2010 dal programma europeo South Sinai Regional Development Program (SSRDP) che ha stanziato fondi per 54 milioni di euro per progetti di sviluppo economico legati al rispetto delle culture e del patrimonio biomarino locale. 

     

    Project AWARE

    Project AWARE (Aquatic World Awareness Responsibility, and Education) è un’organizzazione non-profit mondiale dedicata ad “ambienti sommersi, alla conservazione attraverso l’educazione, il patrocinio e l’azione.” L’organizzazione è stata fondata nel 1989 dalla Associazione Professionale di Istruttori Subacquei (PADI), in risposta alle crescenti preoccupazioni da parte di alcuni subacquei sui potenziali danni inflitti alle barriere coralline dalle attività acquatiche ricreative e commerciali. Attività umane e disastri naturali hanno portato ad una riduzione del nostro sistema di barriera naturale

    Project AWARE ha promosso molti eventi, come la pulizia di spiagge e barriere, il controllo e la prevenzione. Essi continuano a monitorare e riferire sullo stato dell’ambiente marino ai governi che ospitano importanti reef marini per una maggiore azione sulla conservazione e gli sforzi di conservazione.

    • Egitto
    • Turismo
    • Ambiente
      Scuba-turismo  per la salvaguardia dell’ambiente

      Scuba-turismo per la salvaguardia dell’ambiente

      Scuba-turismo  per la salvaguardia dell’ambiente

      Lo sviluppo del turismo sul Mar Rosso è strettamente legato all’esplorazione degli abissi. Per realizzare concretamente le politiche di salvaguardia ambientale è necessaria la partecipazione dei donatori internazionali e degli imprenditori.

      Il Golfo di Aqaba, tra la penisola del Sinai e la penisola araba, è un ambiente unico al mondo per la sua varietà floreale e animale. Questo patrimonio ecologico si trova sommerso, sulla barriera corallina del Mar Rosso, che ospita il 30% della biodiversità marina mondiale conosciuta. Le barriere del Golfo di Aqaba, del parco nazionale di Ras Mohamed e della costa del Mar Rosso sono infatti la meta privilegiata dei sub a livello mondiale. Dopo i trattati dell’81 e la stabilità nel Sinai, il Governo egiziano ha avviato una politica di sviluppo del turismo costiero. La rapida crescita di grandi centri urbani attrezzati per accogliere oltre il 35% del turismo egiziano - stimato 12milioni di turisti annui prima della rivoluzione - non ha però tenuto conto dei costi in termini ambientali dell’improvvisa richiesta di risorse. Il passaggio da 560 a oltre 48mila stanze d’albergo nel golfo di Aqaba dal 1989 ad oggi ha causato la perdita, in alcune zone, di oltre il 55% dei coralli e la conseguente scomparsa di specie marine. Calcolando il valore del reef secondo i criteri della Banca Mondiale, la perdita ecologica arriva a 1800 milioni di dollari e di oltre 1400 tonnellate di pescato perso annualmente.

      Sono i centri urbani minori, come la tradizionale Nweiba e la crescente Dahab, ad offrire un turismo di qualità, mantenendo legami con le tradizioni locali e nel pieno rispetto del mondo sottomarino.

       

      Scuba: turismo responsabile

      Quasi la totalità dei centri scuba nel Sinai ha sottoscritto un codice etico ISO per la salvaguarda ambientale, promuovendo iniziative per lo studio e la conservazione del patrimonio della barriera corallina. L’iniziativa Scuba Tourism for the Environment (STE), promossa dal Marine Science Group dell’università Alma Mater di Bologna è ad esempio un esperimento di studio e ricerca scientifica in collaborazione con migliaia di sub “scienziati per un giorno”, che volontariamente aiutano nella raccolta delle informazioni. La richiesta dei turisti in questa zona è strettamente legata alla conservazione della barriera corallina e gli operatori interessati operano già in questa direzione.

       

      Programmi di salvaguardia ambientale

      L’Egitto è consapevole del fatto che una corretta gestione del turismo sia fondamentale per la sua sopravvivenza economica. L’Autorità per lo Sviluppo Turistico sta ora lavorando su concetti di eco-turismo e di eco-lodge, in conformità con il regolamento regionale PERSGA, avviato a Gedda in Arabia Saudita per la salvaguardia della biodiversità nel Golfo di Aden e nel Sinai. Le iniziative a livello locale sono state supportate fino al 2010 dal programma europeo South Sinai Regional Development Program (SSRDP) che ha stanziato fondi per 54 milioni di euro per progetti di sviluppo economico legati al rispetto delle culture e del patrimonio biomarino locale. 

       

      Project AWARE

      Project AWARE (Aquatic World Awareness Responsibility, and Education) è un’organizzazione non-profit mondiale dedicata ad “ambienti sommersi, alla conservazione attraverso l’educazione, il patrocinio e l’azione.” L’organizzazione è stata fondata nel 1989 dalla Associazione Professionale di Istruttori Subacquei (PADI), in risposta alle crescenti preoccupazioni da parte di alcuni subacquei sui potenziali danni inflitti alle barriere coralline dalle attività acquatiche ricreative e commerciali. Attività umane e disastri naturali hanno portato ad una riduzione del nostro sistema di barriera naturale

      Project AWARE ha promosso molti eventi, come la pulizia di spiagge e barriere, il controllo e la prevenzione. Essi continuano a monitorare e riferire sullo stato dell’ambiente marino ai governi che ospitano importanti reef marini per una maggiore azione sulla conservazione e gli sforzi di conservazione.

      • Egitto
      • Turismo
      • Ambiente
        Scuba-turismo  per la salvaguardia dell’ambiente

        Scuba-turismo per la salvaguardia dell’ambiente

        Scuba-turismo  per la salvaguardia dell’ambiente

        Lo sviluppo del turismo sul Mar Rosso è strettamente legato all’esplorazione degli abissi. Per realizzare concretamente le politiche di salvaguardia ambientale è necessaria la partecipazione dei donatori internazionali e degli imprenditori.

        Il Golfo di Aqaba, tra la penisola del Sinai e la penisola araba, è un ambiente unico al mondo per la sua varietà floreale e animale. Questo patrimonio ecologico si trova sommerso, sulla barriera corallina del Mar Rosso, che ospita il 30% della biodiversità marina mondiale conosciuta. Le barriere del Golfo di Aqaba, del parco nazionale di Ras Mohamed e della costa del Mar Rosso sono infatti la meta privilegiata dei sub a livello mondiale. Dopo i trattati dell’81 e la stabilità nel Sinai, il Governo egiziano ha avviato una politica di sviluppo del turismo costiero. La rapida crescita di grandi centri urbani attrezzati per accogliere oltre il 35% del turismo egiziano - stimato 12milioni di turisti annui prima della rivoluzione - non ha però tenuto conto dei costi in termini ambientali dell’improvvisa richiesta di risorse. Il passaggio da 560 a oltre 48mila stanze d’albergo nel golfo di Aqaba dal 1989 ad oggi ha causato la perdita, in alcune zone, di oltre il 55% dei coralli e la conseguente scomparsa di specie marine. Calcolando il valore del reef secondo i criteri della Banca Mondiale, la perdita ecologica arriva a 1800 milioni di dollari e di oltre 1400 tonnellate di pescato perso annualmente.

        Sono i centri urbani minori, come la tradizionale Nweiba e la crescente Dahab, ad offrire un turismo di qualità, mantenendo legami con le tradizioni locali e nel pieno rispetto del mondo sottomarino.

         

        Scuba: turismo responsabile

        Quasi la totalità dei centri scuba nel Sinai ha sottoscritto un codice etico ISO per la salvaguarda ambientale, promuovendo iniziative per lo studio e la conservazione del patrimonio della barriera corallina. L’iniziativa Scuba Tourism for the Environment (STE), promossa dal Marine Science Group dell’università Alma Mater di Bologna è ad esempio un esperimento di studio e ricerca scientifica in collaborazione con migliaia di sub “scienziati per un giorno”, che volontariamente aiutano nella raccolta delle informazioni. La richiesta dei turisti in questa zona è strettamente legata alla conservazione della barriera corallina e gli operatori interessati operano già in questa direzione.

         

        Programmi di salvaguardia ambientale

        L’Egitto è consapevole del fatto che una corretta gestione del turismo sia fondamentale per la sua sopravvivenza economica. L’Autorità per lo Sviluppo Turistico sta ora lavorando su concetti di eco-turismo e di eco-lodge, in conformità con il regolamento regionale PERSGA, avviato a Gedda in Arabia Saudita per la salvaguardia della biodiversità nel Golfo di Aden e nel Sinai. Le iniziative a livello locale sono state supportate fino al 2010 dal programma europeo South Sinai Regional Development Program (SSRDP) che ha stanziato fondi per 54 milioni di euro per progetti di sviluppo economico legati al rispetto delle culture e del patrimonio biomarino locale. 

         

        Project AWARE

        Project AWARE (Aquatic World Awareness Responsibility, and Education) è un’organizzazione non-profit mondiale dedicata ad “ambienti sommersi, alla conservazione attraverso l’educazione, il patrocinio e l’azione.” L’organizzazione è stata fondata nel 1989 dalla Associazione Professionale di Istruttori Subacquei (PADI), in risposta alle crescenti preoccupazioni da parte di alcuni subacquei sui potenziali danni inflitti alle barriere coralline dalle attività acquatiche ricreative e commerciali. Attività umane e disastri naturali hanno portato ad una riduzione del nostro sistema di barriera naturale

        Project AWARE ha promosso molti eventi, come la pulizia di spiagge e barriere, il controllo e la prevenzione. Essi continuano a monitorare e riferire sullo stato dell’ambiente marino ai governi che ospitano importanti reef marini per una maggiore azione sulla conservazione e gli sforzi di conservazione.

        • Egitto
        • Turismo
        • Ambiente

          MARCO ALLONI – Yemen, altri intellettuali minacciati di morte

          È ormai trascorso un mese da quando lo scrittore egiziano Ibrahim Farghali e il professore Elham Manea dell’università di Zurigo hanno lanciato una petizione in difesa di Ali Al-Muqri e Ahmad Al-Aramy. Eppure sembra che la questione non abbia ancora trovato eco in Occidente. Val quindi ribadire che o la campagna in difesa della libertà [...]

          MARCO ALLONI – Yemen, altri intellettuali minacciati di morte

          È ormai trascorso un mese da quando lo scrittore egiziano Ibrahim Farghali e il professore Elham Manea dell’università di Zurigo hanno lanciato una petizione in difesa di Ali Al-Muqri e Ahmad Al-Aramy. Eppure sembra che la questione non abbia ancora trovato eco in Occidente. Val quindi ribadire che o la campagna in difesa della libertà [...]

          MARCO ALLONI – Yemen, altri intellettuali minacciati di morte

          È ormai trascorso un mese da quando lo scrittore egiziano Ibrahim Farghali e il professore Elham Manea dell’università di Zurigo hanno lanciato una petizione in difesa di Ali Al-Muqri e Ahmad Al-Aramy. Eppure sembra che la questione non abbia ancora trovato eco in Occidente. Val quindi ribadire che o la campagna in difesa della libertà [...]

          MARCO ALLONI – Yemen, altri intellettuali minacciati di morte

          È ormai trascorso un mese da quando lo scrittore egiziano Ibrahim Farghali e il professore Elham Manea dell’università di Zurigo hanno lanciato una petizione in difesa di Ali Al-Muqri e Ahmad Al-Aramy. Eppure sembra che la questione non abbia ancora trovato eco in Occidente. Val quindi ribadire che o la campagna in difesa della libertà [...]
          Co-sviluppo: un percorso possibile nel Mediterraneo

          Co-sviluppo: un percorso possibile nel Mediterraneo

          Co-sviluppo: un percorso possibile nel Mediterraneo

          Si è conclusa martedì 25 giugno 2013 la due giorni di lavori della conferenza internazionale "MEDEA: MEDiterraneo, Expo e Agroalimentare" che ha visto riuniti a Milano i più autorevoli rappresentanti delle Istituzioni italiane e marocchine impegnati nello sviluppo socio economico dei due Paesi, coinvolgendo in tutto oltre 150 tra imprenditori, associazioni, istituzioni italiane milanesi e marocchine.

          Ospite dell'Unione degli Artigiani di Milano Monza e Brianza un partenariato composto da MEDInaTERRANEA, COSV, Ministero dei Marocchini Residenti all'Estero, Fondazione Creazione di Impresa, Centro Regionale per gli Investimenti della regione Tadla-Azilal, Halal Italia, il Consolato marocchino a Milano, l'Università Statale di Milano, ISMU, Société Général du Maroc, Extrabanca, all'interno di un programma co-finanziato da Comune di Milano, ha proposto un intenso programma di lavoro.   

          Con quattro panel tematici, incontri B2B, una tavola rotonda e una conferenza internazionale dal titolo "Co-sviluppo tra Milano e Marocco: opportunità e prospettive future" i promotori si sono concentrati sulla necessità di rafforzare politiche di sviluppo condivise tra i due paesi, di adeguare le esigenze del profit alle politiche di sviluppo regionale e sui vantaggi di un coordinamento con il no profit.   

          E' emerso in modo chiaro ed evidente che è possibile, volendolo, avviare dei percorsi di co-sviluppo per una reciproca crescita economica in una cooperazione non più diretta dal nord verso il sud ma considerata uno scambio di conoscenze e di politiche condivise a vantaggio di tutti gli attori coinvolti. Le imprese e le associazioni stanno in prima persona creando consorzi, reti formali e partnership, per offrire agli aderenti servizi di mediazione e offrendo opportunità di sviluppo d'impresa. Da parte loro, le istituzioni sono interessate a lavorare con questi gruppi di lavoro.

          L'internazionalizzazione verso il Marocco rappresenta una importante possibilità per le imprese, che oggi questa deve tenere conto del peso delle relazioni instaurate grazie alle comunità marocchine in Italia se vuole mantenere dei legami duraturi.

          Il co-sviluppo, inteso come rafforzamento e continuità delle relazioni tra imprenditori e associazioni italiane e marocchine, rappresenta un'opportunità di crescita per entrambi i paesi, nel rispetto di regole condivise in termini di politiche di sviluppo sostenibile.

          "Nell'attuale contesto dobbiamo far emergere gli effetti positivi della crisi: questa ci dà una opportunità straordinaria per riflettere insieme a instaurare nuove relazioni nel bacino del Mediterraneo", ha affermato il Console Mohammad Benali, evidenziando che "queste giornate rappresentano una occasione per individuare le opportunità di cooperazione interregionale tra Lombardia e Marocco, definire il quadro giuridico come documento di riferimento e individuare le principali aree della cooperazione precisando i temi prioritari, come il supporto al microcredito, lo sviluppo sostenibile, l'uso dell'acqua, i sistemi di irrigazione e promozione dei partenariati".   

           

          Tutti i documenti e gli interventi dei relatori verranno pubblicati su questa pagina nei prossimi giorni

           

           

           

          • Lombardia
          • Marocco
            Co-sviluppo: un percorso possibile nel Mediterraneo

            Co-sviluppo: un percorso possibile nel Mediterraneo

            Co-sviluppo: un percorso possibile nel Mediterraneo

            Si è conclusa martedì 25 giugno 2013 la due giorni di lavori della conferenza internazionale "MEDEA: MEDiterraneo, Expo e Agroalimentare" che ha visto riuniti a Milano i più autorevoli rappresentanti delle Istituzioni italiane e marocchine impegnati nello sviluppo socio economico dei due Paesi, coinvolgendo in tutto oltre 150 tra imprenditori, associazioni, istituzioni italiane milanesi e marocchine.

            Ospite dell'Unione degli Artigiani di Milano Monza e Brianza un partenariato composto da MEDInaTERRANEA, COSV, Ministero dei Marocchini Residenti all'Estero, Fondazione Creazione di Impresa, Centro Regionale per gli Investimenti della regione Tadla-Azilal, Halal Italia, il Consolato marocchino a Milano, l'Università Statale di Milano, ISMU, Société Général du Maroc, Extrabanca, all'interno di un programma co-finanziato da Comune di Milano, ha proposto un intenso programma di lavoro.   

            Con quattro panel tematici, incontri B2B, una tavola rotonda e una conferenza internazionale dal titolo "Co-sviluppo tra Milano e Marocco: opportunità e prospettive future" i promotori si sono concentrati sulla necessità di rafforzare politiche di sviluppo condivise tra i due paesi, di adeguare le esigenze del profit alle politiche di sviluppo regionale e sui vantaggi di un coordinamento con il no profit.   

            E' emerso in modo chiaro ed evidente che è possibile, volendolo, avviare dei percorsi di co-sviluppo per una reciproca crescita economica in una cooperazione non più diretta dal nord verso il sud ma considerata uno scambio di conoscenze e di politiche condivise a vantaggio di tutti gli attori coinvolti. Le imprese e le associazioni stanno in prima persona creando consorzi, reti formali e partnership, per offrire agli aderenti servizi di mediazione e offrendo opportunità di sviluppo d'impresa. Da parte loro, le istituzioni sono interessate a lavorare con questi gruppi di lavoro.

            L'internazionalizzazione verso il Marocco rappresenta una importante possibilità per le imprese, che oggi questa deve tenere conto del peso delle relazioni instaurate grazie alle comunità marocchine in Italia se vuole mantenere dei legami duraturi.

            Il co-sviluppo, inteso come rafforzamento e continuità delle relazioni tra imprenditori e associazioni italiane e marocchine, rappresenta un'opportunità di crescita per entrambi i paesi, nel rispetto di regole condivise in termini di politiche di sviluppo sostenibile.

            "Nell'attuale contesto dobbiamo far emergere gli effetti positivi della crisi: questa ci dà una opportunità straordinaria per riflettere insieme a instaurare nuove relazioni nel bacino del Mediterraneo", ha affermato il Console Mohammad Benali, evidenziando che "queste giornate rappresentano una occasione per individuare le opportunità di cooperazione interregionale tra Lombardia e Marocco, definire il quadro giuridico come documento di riferimento e individuare le principali aree della cooperazione precisando i temi prioritari, come il supporto al microcredito, lo sviluppo sostenibile, l'uso dell'acqua, i sistemi di irrigazione e promozione dei partenariati".   

             

            Tutti i documenti e gli interventi dei relatori verranno pubblicati su questa pagina nei prossimi giorni

             

             

             

            • Lombardia
            • Marocco
              Co-sviluppo: un percorso possibile nel Mediterraneo

              Co-sviluppo: un percorso possibile nel Mediterraneo

              Co-sviluppo: un percorso possibile nel Mediterraneo

              Si è conclusa martedì 25 giugno 2013 la due giorni di lavori della conferenza internazionale "MEDEA: MEDiterraneo, Expo e Agroalimentare" che ha visto riuniti a Milano i più autorevoli rappresentanti delle Istituzioni italiane e marocchine impegnati nello sviluppo socio economico dei due Paesi, coinvolgendo in tutto oltre 150 tra imprenditori, associazioni, istituzioni italiane milanesi e marocchine.

              Ospite dell'Unione degli Artigiani di Milano Monza e Brianza un partenariato composto da MEDInaTERRANEA, COSV, Ministero dei Marocchini Residenti all'Estero, Fondazione Creazione di Impresa, Centro Regionale per gli Investimenti della regione Tadla-Azilal, Halal Italia, il Consolato marocchino a Milano, l'Università Statale di Milano, ISMU, Société Général du Maroc, Extrabanca, all'interno di un programma co-finanziato da Comune di Milano, ha proposto un intenso programma di lavoro.   

              Con quattro panel tematici, incontri B2B, una tavola rotonda e una conferenza internazionale dal titolo "Co-sviluppo tra Milano e Marocco: opportunità e prospettive future" i promotori si sono concentrati sulla necessità di rafforzare politiche di sviluppo condivise tra i due paesi, di adeguare le esigenze del profit alle politiche di sviluppo regionale e sui vantaggi di un coordinamento con il no profit.   

              E' emerso in modo chiaro ed evidente che è possibile, volendolo, avviare dei percorsi di co-sviluppo per una reciproca crescita economica in una cooperazione non più diretta dal nord verso il sud ma considerata uno scambio di conoscenze e di politiche condivise a vantaggio di tutti gli attori coinvolti. Le imprese e le associazioni stanno in prima persona creando consorzi, reti formali e partnership, per offrire agli aderenti servizi di mediazione e offrendo opportunità di sviluppo d'impresa. Da parte loro, le istituzioni sono interessate a lavorare con questi gruppi di lavoro.

              L'internazionalizzazione verso il Marocco rappresenta una importante possibilità per le imprese, che oggi questa deve tenere conto del peso delle relazioni instaurate grazie alle comunità marocchine in Italia se vuole mantenere dei legami duraturi.

              Il co-sviluppo, inteso come rafforzamento e continuità delle relazioni tra imprenditori e associazioni italiane e marocchine, rappresenta un'opportunità di crescita per entrambi i paesi, nel rispetto di regole condivise in termini di politiche di sviluppo sostenibile.

              "Nell'attuale contesto dobbiamo far emergere gli effetti positivi della crisi: questa ci dà una opportunità straordinaria per riflettere insieme a instaurare nuove relazioni nel bacino del Mediterraneo", ha affermato il Console Mohammad Benali, evidenziando che "queste giornate rappresentano una occasione per individuare le opportunità di cooperazione interregionale tra Lombardia e Marocco, definire il quadro giuridico come documento di riferimento e individuare le principali aree della cooperazione precisando i temi prioritari, come il supporto al microcredito, lo sviluppo sostenibile, l'uso dell'acqua, i sistemi di irrigazione e promozione dei partenariati".   

               

              Tutti i documenti e gli interventi dei relatori verranno pubblicati su questa pagina nei prossimi giorni

               

               

               

              • Lombardia
              • Marocco
                Co-sviluppo: un percorso possibile nel Mediterraneo

                Co-sviluppo: un percorso possibile nel Mediterraneo

                Co-sviluppo: un percorso possibile nel Mediterraneo

                Si è conclusa martedì 25 giugno 2013 la due giorni di lavori della conferenza internazionale "MEDEA: MEDiterraneo, Expo e Agroalimentare" che ha visto riuniti a Milano i più autorevoli rappresentanti delle Istituzioni italiane e marocchine impegnati nello sviluppo socio economico dei due Paesi, coinvolgendo in tutto oltre 150 tra imprenditori, associazioni, istituzioni italiane milanesi e marocchine.

                Ospite dell'Unione degli Artigiani di Milano Monza e Brianza un partenariato composto da MEDInaTERRANEA, COSV, Ministero dei Marocchini Residenti all'Estero, Fondazione Creazione di Impresa, Centro Regionale per gli Investimenti della regione Tadla-Azilal, Halal Italia, il Consolato marocchino a Milano, l'Università Statale di Milano, ISMU, Société Général du Maroc, Extrabanca, all'interno di un programma co-finanziato da Comune di Milano, ha proposto un intenso programma di lavoro.   

                Con quattro panel tematici, incontri B2B, una tavola rotonda e una conferenza internazionale dal titolo "Co-sviluppo tra Milano e Marocco: opportunità e prospettive future" i promotori si sono concentrati sulla necessità di rafforzare politiche di sviluppo condivise tra i due paesi, di adeguare le esigenze del profit alle politiche di sviluppo regionale e sui vantaggi di un coordinamento con il no profit.   

                E' emerso in modo chiaro ed evidente che è possibile, volendolo, avviare dei percorsi di co-sviluppo per una reciproca crescita economica in una cooperazione non più diretta dal nord verso il sud ma considerata uno scambio di conoscenze e di politiche condivise a vantaggio di tutti gli attori coinvolti. Le imprese e le associazioni stanno in prima persona creando consorzi, reti formali e partnership, per offrire agli aderenti servizi di mediazione e offrendo opportunità di sviluppo d'impresa. Da parte loro, le istituzioni sono interessate a lavorare con questi gruppi di lavoro.

                L'internazionalizzazione verso il Marocco rappresenta una importante possibilità per le imprese, che oggi questa deve tenere conto del peso delle relazioni instaurate grazie alle comunità marocchine in Italia se vuole mantenere dei legami duraturi.

                Il co-sviluppo, inteso come rafforzamento e continuità delle relazioni tra imprenditori e associazioni italiane e marocchine, rappresenta un'opportunità di crescita per entrambi i paesi, nel rispetto di regole condivise in termini di politiche di sviluppo sostenibile.

                "Nell'attuale contesto dobbiamo far emergere gli effetti positivi della crisi: questa ci dà una opportunità straordinaria per riflettere insieme a instaurare nuove relazioni nel bacino del Mediterraneo", ha affermato il Console Mohammad Benali, evidenziando che "queste giornate rappresentano una occasione per individuare le opportunità di cooperazione interregionale tra Lombardia e Marocco, definire il quadro giuridico come documento di riferimento e individuare le principali aree della cooperazione precisando i temi prioritari, come il supporto al microcredito, lo sviluppo sostenibile, l'uso dell'acqua, i sistemi di irrigazione e promozione dei partenariati".   

                 

                Tutti i documenti e gli interventi dei relatori verranno pubblicati su questa pagina nei prossimi giorni

                 

                 

                 

                • Lombardia
                • Marocco
                  Rosario Crocetta e i fantasmi del ventennio Ben Ali

                  Rosario Crocetta e i fantasmi del ventennio Ben Ali

                  Zine Abidine Ben Ali. Ex dittatore tunisino

                  La '' rivoluzione siciliana'' targata Rosario Crocetta ha resuscitato e schierato nella propria scacchiera regionale nemici di un altra rivoluzione: quella tunisina. Ebbene si , pare che il presidente della regione siciliana Rosario Crocetta ha affidato un incarico regionale al quanto delicato ad un ex uomo del RCD ( raggruppamento costituzionale democratico) partito del dittatore deposto Zine Abidine Ben Ali. Anziano generale tunisino salito al potere grazie ad un colpo di stato '' medico '' ai danni dell'anziano Habib Bourguiba,allora presidente della repubblica e padre dell'indipendenza tunisina. A quel colpo di stato seguirono 23 anni di regime poliziesco che azzerò, con l'ausilio della tortura e della galera,qualsiasi critica e dissenso che provenisse da fuori i corridoi della sede del partito di regime Rcd (raggruppamento costituzionale democratico) sito a piazza Mohamed V a Tunisi. Ricordiamo che tra gli efferati crimini commessi dal dittatore nonchè allievo agente della C.I.A americana  spunta la feroce repressione poliziesca contro i moti del bacino della regione di Gafsa del 2008.Quando un concorso indetto da una grossa fabbrica locale,a cui vi parteciparono una buona parte dei giovani disoccupati della regione,risultò essere truccata .Fatto che ha spinto la popolazione locale,esasperata dall'ennesimo caso di corruzione e clientelismo, a scendere in strada sfidando la brutalità della polizia di Ben Ali. Movimenti di protesta che hanno scosso il regime  per ben otto mesi costringendo la polizia ad usare il pugno di ferro reprimendo nel sangue le pacifiche manifestazioni capeggiate dal carismatico sindacalista tunisino Adnane Haji.  ( per maggiori informazioni visitate il blog di Gabriele del Grande - Fortress Europe).


                  Sami Ben Abdelaali ( il primo a partire da destra)



                   L'attuale vice capo di Gabinetto dell'assessorato Agricoltura Sami Ben abdelaali,ai tempi della storica caduta del regime dispotico di Ben Ali,avvenuta il 14 Gennaio 2011, era il numero 348 della lunghissima lista del comitato centrale del Rcd ( raggruppamento costituzionale democratico) nonché funzionario del consolato tunisino di Palermo. La sua cacciata dal consolato tunisino avvenne dopo la salita al potere del partito islamista '' Ennahda'' e sopratutto dopo le visite in Sicilia,nei primi mesi del 2012, di Houcine el Jaziri prima e Touhami Abdouli dopo,rispettivamente segretari di stato presso il ministero dell'emigrazione tunisina e ministero degli esteri. Per tutto il 2012 e buona parte del 2013 dell'ex pedina siciliana di Ben Ali si perserò completamente le tracce sino al giorno in cui un articolo del settimanale ''l'Espresso'' denunciò la strana presenza dell'uomo d'affari tunisino all'interno degli uffici della regione siciliana.

                  A conferma del passato rcdista dell'ex funzionario tunisino,propongo un articolo redatto nel Maggio 2010 in occasione dell'incontro tra l'ex console tunisino di stanza in Sicilia , AbdRahman Ben Mansour e le comunità tunisine della Sicilia :


                  A Scoglitti la Comunità tunisina incontra il Console Generale

                  RISPETTO DEI DIRITTI UMANI ED APERTURA ALLE REALTA’ LOCALI




                  E intanto il settimanale '' L'Espresso '' si pone il seguente 

                  quesito : 


                  Come ha fatto ad ottenere quel posto da componente esterno in quella struttura amministrativa? 

                  Per Dario Cartabellotta, assessore all'Agricoltura in Sicilia che ha firmato il suo contratto, la nomina del dirigente tunisino è stata «una scelta collegiale del governo siciliano».  




                  Rosario Crocetta e i fantasmi del ventennio Ben Ali

                  Rosario Crocetta e i fantasmi del ventennio Ben Ali

                  Zine Abidine Ben Ali. Ex dittatore tunisino

                  La '' rivoluzione siciliana'' targata Rosario Crocetta ha resuscitato e schierato nella propria scacchiera regionale nemici di un altra rivoluzione: quella tunisina. Ebbene si , pare che il presidente della regione siciliana Rosario Crocetta ha affidato un incarico regionale al quanto delicato ad un ex uomo del RCD ( raggruppamento costituzionale democratico) partito del dittatore deposto Zine Abidine Ben Ali. Anziano generale tunisino salito al potere grazie ad un colpo di stato '' medico '' ai danni dell'anziano Habib Bourguiba,allora presidente della repubblica e padre dell'indipendenza tunisina. A quel colpo di stato seguirono 23 anni di regime poliziesco che azzerò, con l'ausilio della tortura e della galera,qualsiasi critica e dissenso che provenisse da fuori i corridoi della sede del partito di regime Rcd (raggruppamento costituzionale democratico) sito a piazza Mohamed V a Tunisi. Ricordiamo che tra gli efferati crimini commessi dal dittatore nonchè allievo agente della C.I.A americana  spunta la feroce repressione poliziesca contro i moti del bacino della regione di Gafsa del 2008.Quando un concorso indetto da una grossa fabbrica locale,a cui vi parteciparono una buona parte dei giovani disoccupati della regione,risultò essere truccata .Fatto che ha spinto la popolazione locale,esasperata dall'ennesimo caso di corruzione e clientelismo, a scendere in strada sfidando la brutalità della polizia di Ben Ali. Movimenti di protesta che hanno scosso il regime  per ben otto mesi costringendo la polizia ad usare il pugno di ferro reprimendo nel sangue le pacifiche manifestazioni capeggiate dal carismatico sindacalista tunisino Adnane Haji.  ( per maggiori informazioni visitate il blog di Gabriele del Grande - Fortress Europe).


                  Sami Ben Abdelaali ( il primo a partire da destra)



                   L'attuale vice capo di Gabinetto dell'assessorato Agricoltura Sami Ben abdelaali,ai tempi della storica caduta del regime dispotico di Ben Ali,avvenuta il 14 Gennaio 2011, era il numero 348 della lunghissima lista del comitato centrale del Rcd ( raggruppamento costituzionale democratico) nonché funzionario del consolato tunisino di Palermo. La sua cacciata dal consolato tunisino avvenne dopo la salita al potere del partito islamista '' Ennahda'' e sopratutto dopo le visite in Sicilia,nei primi mesi del 2012, di Houcine el Jaziri prima e Touhami Abdouli dopo,rispettivamente segretari di stato presso il ministero dell'emigrazione tunisina e ministero degli esteri. Per tutto il 2012 e buona parte del 2013 dell'ex pedina siciliana di Ben Ali si perserò completamente le tracce sino al giorno in cui un articolo del settimanale ''l'Espresso'' denunciò la strana presenza dell'uomo d'affari tunisino all'interno degli uffici della regione siciliana.

                  A conferma del passato rcdista dell'ex funzionario tunisino,propongo un articolo redatto nel Maggio 2010 in occasione dell'incontro tra l'ex console tunisino di stanza in Sicilia , AbdRahman Ben Mansour e le comunità tunisine della Sicilia :


                  A Scoglitti la Comunità tunisina incontra il Console Generale

                  RISPETTO DEI DIRITTI UMANI ED APERTURA ALLE REALTA’ LOCALI




                  E intanto il settimanale '' L'Espresso '' si pone il seguente 

                  quesito : 


                  Come ha fatto ad ottenere quel posto da componente esterno in quella struttura amministrativa? 

                  Per Dario Cartabellotta, assessore all'Agricoltura in Sicilia che ha firmato il suo contratto, la nomina del dirigente tunisino è stata «una scelta collegiale del governo siciliano».  




                  Rosario Crocetta e i fantasmi del ventennio Ben Ali

                  Rosario Crocetta e i fantasmi del ventennio Ben Ali

                  Zine Abidine Ben Ali. Ex dittatore tunisino

                  La '' rivoluzione siciliana'' targata Rosario Crocetta ha resuscitato e schierato nella propria scacchiera regionale nemici di un altra rivoluzione: quella tunisina. Ebbene si , pare che il presidente della regione siciliana Rosario Crocetta ha affidato un incarico regionale al quanto delicato ad un ex uomo del RCD ( raggruppamento costituzionale democratico) partito del dittatore deposto Zine Abidine Ben Ali. Anziano generale tunisino salito al potere grazie ad un colpo di stato '' medico '' ai danni dell'anziano Habib Bourguiba,allora presidente della repubblica e padre dell'indipendenza tunisina. A quel colpo di stato seguirono 23 anni di regime poliziesco che azzerò, con l'ausilio della tortura e della galera,qualsiasi critica e dissenso che provenisse da fuori i corridoi della sede del partito di regime Rcd (raggruppamento costituzionale democratico) sito a piazza Mohamed V a Tunisi. Ricordiamo che tra gli efferati crimini commessi dal dittatore nonchè allievo agente della C.I.A americana  spunta la feroce repressione poliziesca contro i moti del bacino della regione di Gafsa del 2008.Quando un concorso indetto da una grossa fabbrica locale,a cui vi parteciparono una buona parte dei giovani disoccupati della regione,risultò essere truccata .Fatto che ha spinto la popolazione locale,esasperata dall'ennesimo caso di corruzione e clientelismo, a scendere in strada sfidando la brutalità della polizia di Ben Ali. Movimenti di protesta che hanno scosso il regime  per ben otto mesi costringendo la polizia ad usare il pugno di ferro reprimendo nel sangue le pacifiche manifestazioni capeggiate dal carismatico sindacalista tunisino Adnane Haji.  ( per maggiori informazioni visitate il blog di Gabriele del Grande - Fortress Europe).


                  Sami Ben Abdelaali ( il primo a partire da destra)



                   L'attuale vice capo di Gabinetto dell'assessorato Agricoltura Sami Ben abdelaali,ai tempi della storica caduta del regime dispotico di Ben Ali,avvenuta il 14 Gennaio 2011, era il numero 348 della lunghissima lista del comitato centrale del Rcd ( raggruppamento costituzionale democratico) nonché funzionario del consolato tunisino di Palermo. La sua cacciata dal consolato tunisino avvenne dopo la salita al potere del partito islamista '' Ennahda'' e sopratutto dopo le visite in Sicilia,nei primi mesi del 2012, di Houcine el Jaziri prima e Touhami Abdouli dopo,rispettivamente segretari di stato presso il ministero dell'emigrazione tunisina e ministero degli esteri. Per tutto il 2012 e buona parte del 2013 dell'ex pedina siciliana di Ben Ali si perserò completamente le tracce sino al giorno in cui un articolo del settimanale ''l'Espresso'' denunciò la strana presenza dell'uomo d'affari tunisino all'interno degli uffici della regione siciliana.

                  A conferma del passato rcdista dell'ex funzionario tunisino,propongo un articolo redatto nel Maggio 2010 in occasione dell'incontro tra l'ex console tunisino di stanza in Sicilia , AbdRahman Ben Mansour e le comunità tunisine della Sicilia :


                  A Scoglitti la Comunità tunisina incontra il Console Generale

                  RISPETTO DEI DIRITTI UMANI ED APERTURA ALLE REALTA’ LOCALI




                  E intanto il settimanale '' L'Espresso '' si pone il seguente 

                  quesito : 


                  Come ha fatto ad ottenere quel posto da componente esterno in quella struttura amministrativa? 

                  Per Dario Cartabellotta, assessore all'Agricoltura in Sicilia che ha firmato il suo contratto, la nomina del dirigente tunisino è stata «una scelta collegiale del governo siciliano».  




                  Rosario Crocetta e i fantasmi del ventennio Ben Ali

                  Rosario Crocetta e i fantasmi del ventennio Ben Ali

                  Zine Abidine Ben Ali. Ex dittatore tunisino

                  La '' rivoluzione siciliana'' targata Rosario Crocetta ha resuscitato e schierato nella propria scacchiera regionale nemici di un altra rivoluzione: quella tunisina. Ebbene si , pare che il presidente della regione siciliana Rosario Crocetta ha affidato un incarico regionale al quanto delicato ad un ex uomo del RCD ( raggruppamento costituzionale democratico) partito del dittatore deposto Zine Abidine Ben Ali. Anziano generale tunisino salito al potere grazie ad un colpo di stato '' medico '' ai danni dell'anziano Habib Bourguiba,allora presidente della repubblica e padre dell'indipendenza tunisina. A quel colpo di stato seguirono 23 anni di regime poliziesco che azzerò, con l'ausilio della tortura e della galera,qualsiasi critica e dissenso che provenisse da fuori i corridoi della sede del partito di regime Rcd (raggruppamento costituzionale democratico) sito a piazza Mohamed V a Tunisi. Ricordiamo che tra gli efferati crimini commessi dal dittatore nonchè allievo agente della C.I.A americana  spunta la feroce repressione poliziesca contro i moti del bacino della regione di Gafsa del 2008.Quando un concorso indetto da una grossa fabbrica locale,a cui vi parteciparono una buona parte dei giovani disoccupati della regione,risultò essere truccata .Fatto che ha spinto la popolazione locale,esasperata dall'ennesimo caso di corruzione e clientelismo, a scendere in strada sfidando la brutalità della polizia di Ben Ali. Movimenti di protesta che hanno scosso il regime  per ben otto mesi costringendo la polizia ad usare il pugno di ferro reprimendo nel sangue le pacifiche manifestazioni capeggiate dal carismatico sindacalista tunisino Adnane Haji.  ( per maggiori informazioni visitate il blog di Gabriele del Grande - Fortress Europe).


                  Sami Ben Abdelaali ( il primo a partire da destra)



                   L'attuale vice capo di Gabinetto dell'assessorato Agricoltura Sami Ben abdelaali,ai tempi della storica caduta del regime dispotico di Ben Ali,avvenuta il 14 Gennaio 2011, era il numero 348 della lunghissima lista del comitato centrale del Rcd ( raggruppamento costituzionale democratico) nonché funzionario del consolato tunisino di Palermo. La sua cacciata dal consolato tunisino avvenne dopo la salita al potere del partito islamista '' Ennahda'' e sopratutto dopo le visite in Sicilia,nei primi mesi del 2012, di Houcine el Jaziri prima e Touhami Abdouli dopo,rispettivamente segretari di stato presso il ministero dell'emigrazione tunisina e ministero degli esteri. Per tutto il 2012 e buona parte del 2013 dell'ex pedina siciliana di Ben Ali si perserò completamente le tracce sino al giorno in cui un articolo del settimanale ''l'Espresso'' denunciò la strana presenza dell'uomo d'affari tunisino all'interno degli uffici della regione siciliana.

                  A conferma del passato rcdista dell'ex funzionario tunisino,propongo un articolo redatto nel Maggio 2010 in occasione dell'incontro tra l'ex console tunisino di stanza in Sicilia , AbdRahman Ben Mansour e le comunità tunisine della Sicilia :


                  A Scoglitti la Comunità tunisina incontra il Console Generale

                  RISPETTO DEI DIRITTI UMANI ED APERTURA ALLE REALTA’ LOCALI




                  E intanto il settimanale '' L'Espresso '' si pone il seguente 

                  quesito : 


                  Come ha fatto ad ottenere quel posto da componente esterno in quella struttura amministrativa? 

                  Per Dario Cartabellotta, assessore all'Agricoltura in Sicilia che ha firmato il suo contratto, la nomina del dirigente tunisino è stata «una scelta collegiale del governo siciliano».  




                  Rosario Crocetta e i fantasmi del ventennio Ben Ali

                  Rosario Crocetta e i fantasmi del ventennio Ben Ali

                  Zine Abidine Ben Ali. Ex dittatore tunisino

                  La '' rivoluzione siciliana'' targata Rosario Crocetta ha resuscitato e schierato nella propria scacchiera regionale nemici di un altra rivoluzione: quella tunisina. Ebbene si , pare che il presidente della regione siciliana Rosario Crocetta ha affidato un incarico regionale al quanto delicato ad un ex uomo del RCD ( raggruppamento costituzionale democratico) partito del dittatore deposto Zine Abidine Ben Ali. Anziano generale tunisino salito al potere grazie ad un colpo di stato '' medico '' ai danni dell'anziano Habib Bourguiba,allora presidente della repubblica e padre dell'indipendenza tunisina. A quel colpo di stato seguirono 23 anni di regime poliziesco che azzerò, con l'ausilio della tortura e della galera,qualsiasi critica e dissenso che provenisse da fuori i corridoi della sede del partito di regime Rcd (raggruppamento costituzionale democratico) sito a piazza Mohamed V a Tunisi. Ricordiamo che tra gli efferati crimini commessi dal dittatore nonchè allievo agente della C.I.A americana  spunta la feroce repressione poliziesca contro i moti del bacino della regione di Gafsa del 2008.Quando un concorso indetto da una grossa fabbrica locale,a cui vi parteciparono una buona parte dei giovani disoccupati della regione,risultò essere truccata .Fatto che ha spinto la popolazione locale,esasperata dall'ennesimo caso di corruzione e clientelismo, a scendere in strada sfidando la brutalità della polizia di Ben Ali. Movimenti di protesta che hanno scosso il regime  per ben otto mesi costringendo la polizia ad usare il pugno di ferro reprimendo nel sangue le pacifiche manifestazioni capeggiate dal carismatico sindacalista tunisino Adnane Haji.  ( per maggiori informazioni visitate il blog di Gabriele del Grande - Fortress Europe).


                  Sami Ben Abdelaali ( il primo a partire da destra)



                   L'attuale vice capo di Gabinetto dell'assessorato Agricoltura Sami Ben abdelaali,ai tempi della storica caduta del regime dispotico di Ben Ali,avvenuta il 14 Gennaio 2011, era il numero 348 della lunghissima lista del comitato centrale del Rcd ( raggruppamento costituzionale democratico) nonché funzionario del consolato tunisino di Palermo. La sua cacciata dal consolato tunisino avvenne dopo la salita al potere del partito islamista '' Ennahda'' e sopratutto dopo le visite in Sicilia,nei primi mesi del 2012, di Houcine el Jaziri prima e Touhami Abdouli dopo,rispettivamente segretari di stato presso il ministero dell'emigrazione tunisina e ministero degli esteri. Per tutto il 2012 e buona parte del 2013 dell'ex pedina siciliana di Ben Ali si perserò completamente le tracce sino al giorno in cui un articolo del settimanale ''l'Espresso'' denunciò la strana presenza dell'uomo d'affari tunisino all'interno degli uffici della regione siciliana.

                  A conferma del passato rcdista dell'ex funzionario tunisino,propongo un articolo redatto nel Maggio 2010 in occasione dell'incontro tra l'ex console tunisino di stanza in Sicilia , AbdRahman Ben Mansour e le comunità tunisine della Sicilia :


                  A Scoglitti la Comunità tunisina incontra il Console Generale

                  RISPETTO DEI DIRITTI UMANI ED APERTURA ALLE REALTA’ LOCALI




                  E intanto il settimanale '' L'Espresso '' si pone il seguente 

                  quesito : 


                  Come ha fatto ad ottenere quel posto da componente esterno in quella struttura amministrativa? 

                  Per Dario Cartabellotta, assessore all'Agricoltura in Sicilia che ha firmato il suo contratto, la nomina del dirigente tunisino è stata «una scelta collegiale del governo siciliano».  




                  Rosario Crocetta e i fantasmi del ventennio Ben Ali

                  Rosario Crocetta e i fantasmi del ventennio Ben Ali

                  Zine Abidine Ben Ali. Ex dittatore tunisino

                  La '' rivoluzione siciliana'' targata Rosario Crocetta ha resuscitato e schierato nella propria scacchiera regionale nemici di un altra rivoluzione: quella tunisina. Ebbene si , pare che il presidente della regione siciliana Rosario Crocetta ha affidato un incarico regionale al quanto delicato ad un ex uomo del RCD ( raggruppamento costituzionale democratico) partito del dittatore deposto Zine Abidine Ben Ali. Anziano generale tunisino salito al potere grazie ad un colpo di stato '' medico '' ai danni dell'anziano Habib Bourguiba,allora presidente della repubblica e padre dell'indipendenza tunisina. A quel colpo di stato seguirono 23 anni di regime poliziesco che azzerò, con l'ausilio della tortura e della galera,qualsiasi critica e dissenso che provenisse da fuori i corridoi della sede del partito di regime Rcd (raggruppamento costituzionale democratico) sito a piazza Mohamed V a Tunisi. Ricordiamo che tra gli efferati crimini commessi dal dittatore nonchè allievo agente della C.I.A americana  spunta la feroce repressione poliziesca contro i moti del bacino della regione di Gafsa del 2008.Quando un concorso indetto da una grossa fabbrica locale,a cui vi parteciparono una buona parte dei giovani disoccupati della regione,risultò essere truccata .Fatto che ha spinto la popolazione locale,esasperata dall'ennesimo caso di corruzione e clientelismo, a scendere in strada sfidando la brutalità della polizia di Ben Ali. Movimenti di protesta che hanno scosso il regime  per ben otto mesi costringendo la polizia ad usare il pugno di ferro reprimendo nel sangue le pacifiche manifestazioni capeggiate dal carismatico sindacalista tunisino Adnane Haji.  ( per maggiori informazioni visitate il blog di Gabriele del Grande - Fortress Europe).


                  Sami Ben Abdelaali ( il primo a partire da destra)



                   L'attuale vice capo di Gabinetto dell'assessorato Agricoltura Sami Ben abdelaali,ai tempi della storica caduta del regime dispotico di Ben Ali,avvenuta il 14 Gennaio 2011, era il numero 348 della lunghissima lista del comitato centrale del Rcd ( raggruppamento costituzionale democratico) nonché funzionario del consolato tunisino di Palermo. La sua cacciata dal consolato tunisino avvenne dopo la salita al potere del partito islamista '' Ennahda'' e sopratutto dopo le visite in Sicilia,nei primi mesi del 2012, di Houcine el Jaziri prima e Touhami Abdouli dopo,rispettivamente segretari di stato presso il ministero dell'emigrazione tunisina e ministero degli esteri. Per tutto il 2012 e buona parte del 2013 dell'ex pedina siciliana di Ben Ali si perserò completamente le tracce sino al giorno in cui un articolo del settimanale ''l'Espresso'' denunciò la strana presenza dell'uomo d'affari tunisino all'interno degli uffici della regione siciliana.

                  A conferma del passato rcdista dell'ex funzionario tunisino,propongo un articolo redatto nel Maggio 2010 in occasione dell'incontro tra l'ex console tunisino di stanza in Sicilia , AbdRahman Ben Mansour e le comunità tunisine della Sicilia :


                  A Scoglitti la Comunità tunisina incontra il Console Generale

                  RISPETTO DEI DIRITTI UMANI ED APERTURA ALLE REALTA’ LOCALI




                  E intanto il settimanale '' L'Espresso '' si pone il seguente 

                  quesito : 


                  Come ha fatto ad ottenere quel posto da componente esterno in quella struttura amministrativa? 

                  Per Dario Cartabellotta, assessore all'Agricoltura in Sicilia che ha firmato il suo contratto, la nomina del dirigente tunisino è stata «una scelta collegiale del governo siciliano».  




                  Rosario Crocetta e i fantasmi del ventennio Ben Ali

                  Rosario Crocetta e i fantasmi del ventennio Ben Ali

                  Zine Abidine Ben Ali. Ex dittatore tunisino

                  La '' rivoluzione siciliana'' targata Rosario Crocetta ha resuscitato e schierato nella propria scacchiera regionale nemici di un altra rivoluzione: quella tunisina. Ebbene si , pare che il presidente della regione siciliana Rosario Crocetta ha affidato un incarico regionale al quanto delicato ad un ex uomo del RCD ( raggruppamento costituzionale democratico) partito del dittatore deposto Zine Abidine Ben Ali. Anziano generale tunisino salito al potere grazie ad un colpo di stato '' medico '' ai danni dell'anziano Habib Bourguiba,allora presidente della repubblica e padre dell'indipendenza tunisina. A quel colpo di stato seguirono 23 anni di regime poliziesco che azzerò, con l'ausilio della tortura e della galera,qualsiasi critica e dissenso che provenisse da fuori i corridoi della sede del partito di regime Rcd (raggruppamento costituzionale democratico) sito a piazza Mohamed V a Tunisi. Ricordiamo che tra gli efferati crimini commessi dal dittatore nonchè allievo agente della C.I.A americana  spunta la feroce repressione poliziesca contro i moti del bacino della regione di Gafsa del 2008.Quando un concorso indetto da una grossa fabbrica locale,a cui vi parteciparono una buona parte dei giovani disoccupati della regione,risultò essere truccata .Fatto che ha spinto la popolazione locale,esasperata dall'ennesimo caso di corruzione e clientelismo, a scendere in strada sfidando la brutalità della polizia di Ben Ali. Movimenti di protesta che hanno scosso il regime  per ben otto mesi costringendo la polizia ad usare il pugno di ferro reprimendo nel sangue le pacifiche manifestazioni capeggiate dal carismatico sindacalista tunisino Adnane Haji.  ( per maggiori informazioni visitate il blog di Gabriele del Grande - Fortress Europe).


                  Sami Ben Abdelaali ( il primo a partire da destra)



                   L'attuale vice capo di Gabinetto dell'assessorato Agricoltura Sami Ben abdelaali,ai tempi della storica caduta del regime dispotico di Ben Ali,avvenuta il 14 Gennaio 2011, era il numero 348 della lunghissima lista del comitato centrale del Rcd ( raggruppamento costituzionale democratico) nonché funzionario del consolato tunisino di Palermo. La sua cacciata dal consolato tunisino avvenne dopo la salita al potere del partito islamista '' Ennahda'' e sopratutto dopo le visite in Sicilia,nei primi mesi del 2012, di Houcine el Jaziri prima e Touhami Abdouli dopo,rispettivamente segretari di stato presso il ministero dell'emigrazione tunisina e ministero degli esteri. Per tutto il 2012 e buona parte del 2013 dell'ex pedina siciliana di Ben Ali si perserò completamente le tracce sino al giorno in cui un articolo del settimanale ''l'Espresso'' denunciò la strana presenza dell'uomo d'affari tunisino all'interno degli uffici della regione siciliana.

                  A conferma del passato rcdista dell'ex funzionario tunisino,propongo un articolo redatto nel Maggio 2010 in occasione dell'incontro tra l'ex console tunisino di stanza in Sicilia , AbdRahman Ben Mansour e le comunità tunisine della Sicilia :


                  A Scoglitti la Comunità tunisina incontra il Console Generale

                  RISPETTO DEI DIRITTI UMANI ED APERTURA ALLE REALTA’ LOCALI




                  E intanto il settimanale '' L'Espresso '' si pone il seguente 

                  quesito : 


                  Come ha fatto ad ottenere quel posto da componente esterno in quella struttura amministrativa? 

                  Per Dario Cartabellotta, assessore all'Agricoltura in Sicilia che ha firmato il suo contratto, la nomina del dirigente tunisino è stata «una scelta collegiale del governo siciliano».  




                  Rosario Crocetta e i fantasmi del ventennio Ben Ali

                  Rosario Crocetta e i fantasmi del ventennio Ben Ali

                  Zine Abidine Ben Ali. Ex dittatore tunisino

                  La '' rivoluzione siciliana'' targata Rosario Crocetta ha resuscitato e schierato nella propria scacchiera regionale nemici di un altra rivoluzione: quella tunisina. Ebbene si , pare che il presidente della regione siciliana Rosario Crocetta ha affidato un incarico regionale al quanto delicato ad un ex uomo del RCD ( raggruppamento costituzionale democratico) partito del dittatore deposto Zine Abidine Ben Ali. Anziano generale tunisino salito al potere grazie ad un colpo di stato '' medico '' ai danni dell'anziano Habib Bourguiba,allora presidente della repubblica e padre dell'indipendenza tunisina. A quel colpo di stato seguirono 23 anni di regime poliziesco che azzerò, con l'ausilio della tortura e della galera,qualsiasi critica e dissenso che provenisse da fuori i corridoi della sede del partito di regime Rcd (raggruppamento costituzionale democratico) sito a piazza Mohamed V a Tunisi. Ricordiamo che tra gli efferati crimini commessi dal dittatore nonchè allievo agente della C.I.A americana  spunta la feroce repressione poliziesca contro i moti del bacino della regione di Gafsa del 2008.Quando un concorso indetto da una grossa fabbrica locale,a cui vi parteciparono una buona parte dei giovani disoccupati della regione,risultò essere truccata .Fatto che ha spinto la popolazione locale,esasperata dall'ennesimo caso di corruzione e clientelismo, a scendere in strada sfidando la brutalità della polizia di Ben Ali. Movimenti di protesta che hanno scosso il regime  per ben otto mesi costringendo la polizia ad usare il pugno di ferro reprimendo nel sangue le pacifiche manifestazioni capeggiate dal carismatico sindacalista tunisino Adnane Haji.  ( per maggiori informazioni visitate il blog di Gabriele del Grande - Fortress Europe).


                  Sami Ben Abdelaali ( il primo a partire da destra)



                   L'attuale vice capo di Gabinetto dell'assessorato Agricoltura Sami Ben abdelaali,ai tempi della storica caduta del regime dispotico di Ben Ali,avvenuta il 14 Gennaio 2011, era il numero 348 della lunghissima lista del comitato centrale del Rcd ( raggruppamento costituzionale democratico) nonché funzionario del consolato tunisino di Palermo. La sua cacciata dal consolato tunisino avvenne dopo la salita al potere del partito islamista '' Ennahda'' e sopratutto dopo le visite in Sicilia,nei primi mesi del 2012, di Houcine el Jaziri prima e Touhami Abdouli dopo,rispettivamente segretari di stato presso il ministero dell'emigrazione tunisina e ministero degli esteri. Per tutto il 2012 e buona parte del 2013 dell'ex pedina siciliana di Ben Ali si perserò completamente le tracce sino al giorno in cui un articolo del settimanale ''l'Espresso'' denunciò la strana presenza dell'uomo d'affari tunisino all'interno degli uffici della regione siciliana.

                  A conferma del passato rcdista dell'ex funzionario tunisino,propongo un articolo redatto nel Maggio 2010 in occasione dell'incontro tra l'ex console tunisino di stanza in Sicilia , AbdRahman Ben Mansour e le comunità tunisine della Sicilia :


                  A Scoglitti la Comunità tunisina incontra il Console Generale

                  RISPETTO DEI DIRITTI UMANI ED APERTURA ALLE REALTA’ LOCALI




                  E intanto il settimanale '' L'Espresso '' si pone il seguente 

                  quesito : 


                  Come ha fatto ad ottenere quel posto da componente esterno in quella struttura amministrativa? 

                  Per Dario Cartabellotta, assessore all'Agricoltura in Sicilia che ha firmato il suo contratto, la nomina del dirigente tunisino è stata «una scelta collegiale del governo siciliano».  




                  Rosario Crocetta e i fantasmi del ventennio Ben Ali

                  Rosario Crocetta e i fantasmi del ventennio Ben Ali

                  Zine Abidine Ben Ali. Ex dittatore tunisino

                  La '' rivoluzione siciliana'' targata Rosario Crocetta ha resuscitato e schierato nella propria scacchiera regionale nemici di un altra rivoluzione: quella tunisina. Ebbene si , pare che il presidente della regione siciliana Rosario Crocetta ha affidato un incarico regionale al quanto delicato ad un ex uomo del RCD ( raggruppamento costituzionale democratico) partito del dittatore deposto Zine Abidine Ben Ali. Anziano generale tunisino salito al potere grazie ad un colpo di stato '' medico '' ai danni dell'anziano Habib Bourguiba,allora presidente della repubblica e padre dell'indipendenza tunisina. A quel colpo di stato seguirono 23 anni di regime poliziesco che azzerò, con l'ausilio della tortura e della galera,qualsiasi critica e dissenso che provenisse da fuori i corridoi della sede del partito di regime Rcd (raggruppamento costituzionale democratico) sito a piazza Mohamed V a Tunisi. Ricordiamo che tra gli efferati crimini commessi dal dittatore nonchè allievo agente della C.I.A americana  spunta la feroce repressione poliziesca contro i moti del bacino della regione di Gafsa del 2008.Quando un concorso indetto da una grossa fabbrica locale,a cui vi parteciparono una buona parte dei giovani disoccupati della regione,risultò essere truccata .Fatto che ha spinto la popolazione locale,esasperata dall'ennesimo caso di corruzione e clientelismo, a scendere in strada sfidando la brutalità della polizia di Ben Ali. Movimenti di protesta che hanno scosso il regime  per ben otto mesi costringendo la polizia ad usare il pugno di ferro reprimendo nel sangue le pacifiche manifestazioni capeggiate dal carismatico sindacalista tunisino Adnane Haji.  ( per maggiori informazioni visitate il blog di Gabriele del Grande - Fortress Europe).


                  Sami Ben Abdelaali ( il primo a partire da destra)



                   L'attuale vice capo di Gabinetto dell'assessorato Agricoltura Sami Ben abdelaali,ai tempi della storica caduta del regime dispotico di Ben Ali,avvenuta il 14 Gennaio 2011, era il numero 348 della lunghissima lista del comitato centrale del Rcd ( raggruppamento costituzionale democratico) nonché funzionario del consolato tunisino di Palermo. La sua cacciata dal consolato tunisino avvenne dopo la salita al potere del partito islamista '' Ennahda'' e sopratutto dopo le visite in Sicilia,nei primi mesi del 2012, di Houcine el Jaziri prima e Touhami Abdouli dopo,rispettivamente segretari di stato presso il ministero dell'emigrazione tunisina e ministero degli esteri. Per tutto il 2012 e buona parte del 2013 dell'ex pedina siciliana di Ben Ali si perserò completamente le tracce sino al giorno in cui un articolo del settimanale ''l'Espresso'' denunciò la strana presenza dell'uomo d'affari tunisino all'interno degli uffici della regione siciliana.

                  A conferma del passato rcdista dell'ex funzionario tunisino,propongo un articolo redatto nel Maggio 2010 in occasione dell'incontro tra l'ex console tunisino di stanza in Sicilia , AbdRahman Ben Mansour e le comunità tunisine della Sicilia :


                  A Scoglitti la Comunità tunisina incontra il Console Generale

                  RISPETTO DEI DIRITTI UMANI ED APERTURA ALLE REALTA’ LOCALI




                  E intanto il settimanale '' L'Espresso '' si pone il seguente 

                  quesito : 


                  Come ha fatto ad ottenere quel posto da componente esterno in quella struttura amministrativa? 

                  Per Dario Cartabellotta, assessore all'Agricoltura in Sicilia che ha firmato il suo contratto, la nomina del dirigente tunisino è stata «una scelta collegiale del governo siciliano».  




                  Rosario Crocetta e i fantasmi del ventennio Ben Ali

                  Rosario Crocetta e i fantasmi del ventennio Ben Ali

                  Zine Abidine Ben Ali. Ex dittatore tunisino

                  La '' rivoluzione siciliana'' targata Rosario Crocetta ha resuscitato e schierato nella propria scacchiera regionale nemici di un altra rivoluzione: quella tunisina. Ebbene si , pare che il presidente della regione siciliana Rosario Crocetta ha affidato un incarico regionale al quanto delicato ad un ex uomo del RCD ( raggruppamento costituzionale democratico) partito del dittatore deposto Zine Abidine Ben Ali. Anziano generale tunisino salito al potere grazie ad un colpo di stato '' medico '' ai danni dell'anziano Habib Bourguiba,allora presidente della repubblica e padre dell'indipendenza tunisina. A quel colpo di stato seguirono 23 anni di regime poliziesco che azzerò, con l'ausilio della tortura e della galera,qualsiasi critica e dissenso che provenisse da fuori i corridoi della sede del partito di regime Rcd (raggruppamento costituzionale democratico) sito a piazza Mohamed V a Tunisi. Ricordiamo che tra gli efferati crimini commessi dal dittatore nonchè allievo agente della C.I.A americana  spunta la feroce repressione poliziesca contro i moti del bacino della regione di Gafsa del 2008.Quando un concorso indetto da una grossa fabbrica locale,a cui vi parteciparono una buona parte dei giovani disoccupati della regione,risultò essere truccata .Fatto che ha spinto la popolazione locale,esasperata dall'ennesimo caso di corruzione e clientelismo, a scendere in strada sfidando la brutalità della polizia di Ben Ali. Movimenti di protesta che hanno scosso il regime  per ben otto mesi costringendo la polizia ad usare il pugno di ferro reprimendo nel sangue le pacifiche manifestazioni capeggiate dal carismatico sindacalista tunisino Adnane Haji.  ( per maggiori informazioni visitate il blog di Gabriele del Grande - Fortress Europe).


                  Sami Ben Abdelaali ( il primo a partire da destra)



                   L'attuale vice capo di Gabinetto dell'assessorato Agricoltura Sami Ben abdelaali,ai tempi della storica caduta del regime dispotico di Ben Ali,avvenuta il 14 Gennaio 2011, era il numero 348 della lunghissima lista del comitato centrale del Rcd ( raggruppamento costituzionale democratico) nonché funzionario del consolato tunisino di Palermo. La sua cacciata dal consolato tunisino avvenne dopo la salita al potere del partito islamista '' Ennahda'' e sopratutto dopo le visite in Sicilia,nei primi mesi del 2012, di Houcine el Jaziri prima e Touhami Abdouli dopo,rispettivamente segretari di stato presso il ministero dell'emigrazione tunisina e ministero degli esteri. Per tutto il 2012 e buona parte del 2013 dell'ex pedina siciliana di Ben Ali si perserò completamente le tracce sino al giorno in cui un articolo del settimanale ''l'Espresso'' denunciò la strana presenza dell'uomo d'affari tunisino all'interno degli uffici della regione siciliana.

                  A conferma del passato rcdista dell'ex funzionario tunisino,propongo un articolo redatto nel Maggio 2010 in occasione dell'incontro tra l'ex console tunisino di stanza in Sicilia , AbdRahman Ben Mansour e le comunità tunisine della Sicilia :


                  A Scoglitti la Comunità tunisina incontra il Console Generale

                  RISPETTO DEI DIRITTI UMANI ED APERTURA ALLE REALTA’ LOCALI




                  E intanto il settimanale '' L'Espresso '' si pone il seguente 

                  quesito : 


                  Come ha fatto ad ottenere quel posto da componente esterno in quella struttura amministrativa? 

                  Per Dario Cartabellotta, assessore all'Agricoltura in Sicilia che ha firmato il suo contratto, la nomina del dirigente tunisino è stata «una scelta collegiale del governo siciliano».  




                  Rosario Crocetta e i fantasmi del ventennio Ben Ali

                  Rosario Crocetta e i fantasmi del ventennio Ben Ali

                  Zine Abidine Ben Ali. Ex dittatore tunisino

                  La '' rivoluzione siciliana'' targata Rosario Crocetta ha resuscitato e schierato nella propria scacchiera regionale nemici di un altra rivoluzione: quella tunisina. Ebbene si , pare che il presidente della regione siciliana Rosario Crocetta ha affidato un incarico regionale al quanto delicato ad un ex uomo del RCD ( raggruppamento costituzionale democratico) partito del dittatore deposto Zine Abidine Ben Ali. Anziano generale tunisino salito al potere grazie ad un colpo di stato '' medico '' ai danni dell'anziano Habib Bourguiba,allora presidente della repubblica e padre dell'indipendenza tunisina. A quel colpo di stato seguirono 23 anni di regime poliziesco che azzerò, con l'ausilio della tortura e della galera,qualsiasi critica e dissenso che provenisse da fuori i corridoi della sede del partito di regime Rcd (raggruppamento costituzionale democratico) sito a piazza Mohamed V a Tunisi. Ricordiamo che tra gli efferati crimini commessi dal dittatore nonchè allievo agente della C.I.A americana  spunta la feroce repressione poliziesca contro i moti del bacino della regione di Gafsa del 2008.Quando un concorso indetto da una grossa fabbrica locale,a cui vi parteciparono una buona parte dei giovani disoccupati della regione,risultò essere truccata .Fatto che ha spinto la popolazione locale,esasperata dall'ennesimo caso di corruzione e clientelismo, a scendere in strada sfidando la brutalità della polizia di Ben Ali. Movimenti di protesta che hanno scosso il regime  per ben otto mesi costringendo la polizia ad usare il pugno di ferro reprimendo nel sangue le pacifiche manifestazioni capeggiate dal carismatico sindacalista tunisino Adnane Haji.  ( per maggiori informazioni visitate il blog di Gabriele del Grande - Fortress Europe).


                  Sami Ben Abdelaali ( il primo a partire da destra)



                   L'attuale vice capo di Gabinetto dell'assessorato Agricoltura Sami Ben abdelaali,ai tempi della storica caduta del regime dispotico di Ben Ali,avvenuta il 14 Gennaio 2011, era il numero 348 della lunghissima lista del comitato centrale del Rcd ( raggruppamento costituzionale democratico) nonché funzionario del consolato tunisino di Palermo. La sua cacciata dal consolato tunisino avvenne dopo la salita al potere del partito islamista '' Ennahda'' e sopratutto dopo le visite in Sicilia,nei primi mesi del 2012, di Houcine el Jaziri prima e Touhami Abdouli dopo,rispettivamente segretari di stato presso il ministero dell'emigrazione tunisina e ministero degli esteri. Per tutto il 2012 e buona parte del 2013 dell'ex pedina siciliana di Ben Ali si perserò completamente le tracce sino al giorno in cui un articolo del settimanale ''l'Espresso'' denunciò la strana presenza dell'uomo d'affari tunisino all'interno degli uffici della regione siciliana.

                  A conferma del passato rcdista dell'ex funzionario tunisino,propongo un articolo redatto nel Maggio 2010 in occasione dell'incontro tra l'ex console tunisino di stanza in Sicilia , AbdRahman Ben Mansour e le comunità tunisine della Sicilia :


                  A Scoglitti la Comunità tunisina incontra il Console Generale

                  RISPETTO DEI DIRITTI UMANI ED APERTURA ALLE REALTA’ LOCALI




                  E intanto il settimanale '' L'Espresso '' si pone il seguente 

                  quesito : 


                  Come ha fatto ad ottenere quel posto da componente esterno in quella struttura amministrativa? 

                  Per Dario Cartabellotta, assessore all'Agricoltura in Sicilia che ha firmato il suo contratto, la nomina del dirigente tunisino è stata «una scelta collegiale del governo siciliano».  




                  Rosario Crocetta e i fantasmi del ventennio Ben Ali

                  Rosario Crocetta e i fantasmi del ventennio Ben Ali

                  Zine Abidine Ben Ali. Ex dittatore tunisino

                  La '' rivoluzione siciliana'' targata Rosario Crocetta ha resuscitato e schierato nella propria scacchiera regionale nemici di un altra rivoluzione: quella tunisina. Ebbene si , pare che il presidente della regione siciliana Rosario Crocetta ha affidato un incarico regionale al quanto delicato ad un ex uomo del RCD ( raggruppamento costituzionale democratico) partito del dittatore deposto Zine Abidine Ben Ali. Anziano generale tunisino salito al potere grazie ad un colpo di stato '' medico '' ai danni dell'anziano Habib Bourguiba,allora presidente della repubblica e padre dell'indipendenza tunisina. A quel colpo di stato seguirono 23 anni di regime poliziesco che azzerò, con l'ausilio della tortura e della galera,qualsiasi critica e dissenso che provenisse da fuori i corridoi della sede del partito di regime Rcd (raggruppamento costituzionale democratico) sito a piazza Mohamed V a Tunisi. Ricordiamo che tra gli efferati crimini commessi dal dittatore nonchè allievo agente della C.I.A americana  spunta la feroce repressione poliziesca contro i moti del bacino della regione di Gafsa del 2008.Quando un concorso indetto da una grossa fabbrica locale,a cui vi parteciparono una buona parte dei giovani disoccupati della regione,risultò essere truccata .Fatto che ha spinto la popolazione locale,esasperata dall'ennesimo caso di corruzione e clientelismo, a scendere in strada sfidando la brutalità della polizia di Ben Ali. Movimenti di protesta che hanno scosso il regime  per ben otto mesi costringendo la polizia ad usare il pugno di ferro reprimendo nel sangue le pacifiche manifestazioni capeggiate dal carismatico sindacalista tunisino Adnane Haji.  ( per maggiori informazioni visitate il blog di Gabriele del Grande - Fortress Europe).


                  Sami Ben Abdelaali ( il primo a partire da destra)



                   L'attuale vice capo di Gabinetto dell'assessorato Agricoltura Sami Ben abdelaali,ai tempi della storica caduta del regime dispotico di Ben Ali,avvenuta il 14 Gennaio 2011, era il numero 348 della lunghissima lista del comitato centrale del Rcd ( raggruppamento costituzionale democratico) nonché funzionario del consolato tunisino di Palermo. La sua cacciata dal consolato tunisino avvenne dopo la salita al potere del partito islamista '' Ennahda'' e sopratutto dopo le visite in Sicilia,nei primi mesi del 2012, di Houcine el Jaziri prima e Touhami Abdouli dopo,rispettivamente segretari di stato presso il ministero dell'emigrazione tunisina e ministero degli esteri. Per tutto il 2012 e buona parte del 2013 dell'ex pedina siciliana di Ben Ali si perserò completamente le tracce sino al giorno in cui un articolo del settimanale ''l'Espresso'' denunciò la strana presenza dell'uomo d'affari tunisino all'interno degli uffici della regione siciliana.

                  A conferma del passato rcdista dell'ex funzionario tunisino,propongo un articolo redatto nel Maggio 2010 in occasione dell'incontro tra l'ex console tunisino di stanza in Sicilia , AbdRahman Ben Mansour e le comunità tunisine della Sicilia :


                  A Scoglitti la Comunità tunisina incontra il Console Generale

                  RISPETTO DEI DIRITTI UMANI ED APERTURA ALLE REALTA’ LOCALI




                  E intanto il settimanale '' L'Espresso '' si pone il seguente 

                  quesito : 


                  Come ha fatto ad ottenere quel posto da componente esterno in quella struttura amministrativa? 

                  Per Dario Cartabellotta, assessore all'Agricoltura in Sicilia che ha firmato il suo contratto, la nomina del dirigente tunisino è stata «una scelta collegiale del governo siciliano».  




                  Rosario Crocetta e i fantasmi del ventennio Ben Ali

                  Rosario Crocetta e i fantasmi del ventennio Ben Ali

                  Zine Abidine Ben Ali. Ex dittatore tunisino

                  La '' rivoluzione siciliana'' targata Rosario Crocetta ha resuscitato e schierato nella propria scacchiera regionale nemici di un altra rivoluzione: quella tunisina. Ebbene si , pare che il presidente della regione siciliana Rosario Crocetta ha affidato un incarico regionale al quanto delicato ad un ex uomo del RCD ( raggruppamento costituzionale democratico) partito del dittatore deposto Zine Abidine Ben Ali. Anziano generale tunisino salito al potere grazie ad un colpo di stato '' medico '' ai danni dell'anziano Habib Bourguiba,allora presidente della repubblica e padre dell'indipendenza tunisina. A quel colpo di stato seguirono 23 anni di regime poliziesco che azzerò, con l'ausilio della tortura e della galera,qualsiasi critica e dissenso che provenisse da fuori i corridoi della sede del partito di regime Rcd (raggruppamento costituzionale democratico) sito a piazza Mohamed V a Tunisi. Ricordiamo che tra gli efferati crimini commessi dal dittatore nonchè allievo agente della C.I.A americana  spunta la feroce repressione poliziesca contro i moti del bacino della regione di Gafsa del 2008.Quando un concorso indetto da una grossa fabbrica locale,a cui vi parteciparono una buona parte dei giovani disoccupati della regione,risultò essere truccata .Fatto che ha spinto la popolazione locale,esasperata dall'ennesimo caso di corruzione e clientelismo, a scendere in strada sfidando la brutalità della polizia di Ben Ali. Movimenti di protesta che hanno scosso il regime  per ben otto mesi costringendo la polizia ad usare il pugno di ferro reprimendo nel sangue le pacifiche manifestazioni capeggiate dal carismatico sindacalista tunisino Adnane Haji.  ( per maggiori informazioni visitate il blog di Gabriele del Grande - Fortress Europe).


                  Sami Ben Abdelaali ( il primo a partire da destra)



                   L'attuale vice capo di Gabinetto dell'assessorato Agricoltura Sami Ben abdelaali,ai tempi della storica caduta del regime dispotico di Ben Ali,avvenuta il 14 Gennaio 2011, era il numero 348 della lunghissima lista del comitato centrale del Rcd ( raggruppamento costituzionale democratico) nonché funzionario del consolato tunisino di Palermo. La sua cacciata dal consolato tunisino avvenne dopo la salita al potere del partito islamista '' Ennahda'' e sopratutto dopo le visite in Sicilia,nei primi mesi del 2012, di Houcine el Jaziri prima e Touhami Abdouli dopo,rispettivamente segretari di stato presso il ministero dell'emigrazione tunisina e ministero degli esteri. Per tutto il 2012 e buona parte del 2013 dell'ex pedina siciliana di Ben Ali si perserò completamente le tracce sino al giorno in cui un articolo del settimanale ''l'Espresso'' denunciò la strana presenza dell'uomo d'affari tunisino all'interno degli uffici della regione siciliana.

                  A conferma del passato rcdista dell'ex funzionario tunisino,propongo un articolo redatto nel Maggio 2010 in occasione dell'incontro tra l'ex console tunisino di stanza in Sicilia , AbdRahman Ben Mansour e le comunità tunisine della Sicilia :


                  A Scoglitti la Comunità tunisina incontra il Console Generale

                  RISPETTO DEI DIRITTI UMANI ED APERTURA ALLE REALTA’ LOCALI




                  E intanto il settimanale '' L'Espresso '' si pone il seguente 

                  quesito : 


                  Come ha fatto ad ottenere quel posto da componente esterno in quella struttura amministrativa? 

                  Per Dario Cartabellotta, assessore all'Agricoltura in Sicilia che ha firmato il suo contratto, la nomina del dirigente tunisino è stata «una scelta collegiale del governo siciliano».  




                  Rosario Crocetta e i fantasmi del ventennio Ben Ali

                  Rosario Crocetta e i fantasmi del ventennio Ben Ali

                  Zine Abidine Ben Ali. Ex dittatore tunisino

                  La '' rivoluzione siciliana'' targata Rosario Crocetta ha resuscitato e schierato nella propria scacchiera regionale nemici di un altra rivoluzione: quella tunisina. Ebbene si , pare che il presidente della regione siciliana Rosario Crocetta ha affidato un incarico regionale al quanto delicato ad un ex uomo del RCD ( raggruppamento costituzionale democratico) partito del dittatore deposto Zine Abidine Ben Ali. Anziano generale tunisino salito al potere grazie ad un colpo di stato '' medico '' ai danni dell'anziano Habib Bourguiba,allora presidente della repubblica e padre dell'indipendenza tunisina. A quel colpo di stato seguirono 23 anni di regime poliziesco che azzerò, con l'ausilio della tortura e della galera,qualsiasi critica e dissenso che provenisse da fuori i corridoi della sede del partito di regime Rcd (raggruppamento costituzionale democratico) sito a piazza Mohamed V a Tunisi. Ricordiamo che tra gli efferati crimini commessi dal dittatore nonchè allievo agente della C.I.A americana  spunta la feroce repressione poliziesca contro i moti del bacino della regione di Gafsa del 2008.Quando un concorso indetto da una grossa fabbrica locale,a cui vi parteciparono una buona parte dei giovani disoccupati della regione,risultò essere truccata .Fatto che ha spinto la popolazione locale,esasperata dall'ennesimo caso di corruzione e clientelismo, a scendere in strada sfidando la brutalità della polizia di Ben Ali. Movimenti di protesta che hanno scosso il regime  per ben otto mesi costringendo la polizia ad usare il pugno di ferro reprimendo nel sangue le pacifiche manifestazioni capeggiate dal carismatico sindacalista tunisino Adnane Haji.  ( per maggiori informazioni visitate il blog di Gabriele del Grande - Fortress Europe).


                  Sami Ben Abdelaali ( il primo a partire da destra)



                   L'attuale vice capo di Gabinetto dell'assessorato Agricoltura Sami Ben abdelaali,ai tempi della storica caduta del regime dispotico di Ben Ali,avvenuta il 14 Gennaio 2011, era il numero 348 della lunghissima lista del comitato centrale del Rcd ( raggruppamento costituzionale democratico) nonché funzionario del consolato tunisino di Palermo. La sua cacciata dal consolato tunisino avvenne dopo la salita al potere del partito islamista '' Ennahda'' e sopratutto dopo le visite in Sicilia,nei primi mesi del 2012, di Houcine el Jaziri prima e Touhami Abdouli dopo,rispettivamente segretari di stato presso il ministero dell'emigrazione tunisina e ministero degli esteri. Per tutto il 2012 e buona parte del 2013 dell'ex pedina siciliana di Ben Ali si perserò completamente le tracce sino al giorno in cui un articolo del settimanale ''l'Espresso'' denunciò la strana presenza dell'uomo d'affari tunisino all'interno degli uffici della regione siciliana.

                  A conferma del passato rcdista dell'ex funzionario tunisino,propongo un articolo redatto nel Maggio 2010 in occasione dell'incontro tra l'ex console tunisino di stanza in Sicilia , AbdRahman Ben Mansour e le comunità tunisine della Sicilia :


                  A Scoglitti la Comunità tunisina incontra il Console Generale

                  RISPETTO DEI DIRITTI UMANI ED APERTURA ALLE REALTA’ LOCALI




                  E intanto il settimanale '' L'Espresso '' si pone il seguente 

                  quesito : 


                  Come ha fatto ad ottenere quel posto da componente esterno in quella struttura amministrativa? 

                  Per Dario Cartabellotta, assessore all'Agricoltura in Sicilia che ha firmato il suo contratto, la nomina del dirigente tunisino è stata «una scelta collegiale del governo siciliano».  




                  Rosario Crocetta e i fantasmi del ventennio Ben Ali

                  Rosario Crocetta e i fantasmi del ventennio Ben Ali

                  Zine Abidine Ben Ali. Ex dittatore tunisino

                  La '' rivoluzione siciliana'' targata Rosario Crocetta ha resuscitato e schierato nella propria scacchiera regionale nemici di un altra rivoluzione: quella tunisina. Ebbene si , pare che il presidente della regione siciliana Rosario Crocetta ha affidato un incarico regionale al quanto delicato ad un ex uomo del RCD ( raggruppamento costituzionale democratico) partito del dittatore deposto Zine Abidine Ben Ali. Anziano generale tunisino salito al potere grazie ad un colpo di stato '' medico '' ai danni dell'anziano Habib Bourguiba,allora presidente della repubblica e padre dell'indipendenza tunisina. A quel colpo di stato seguirono 23 anni di regime poliziesco che azzerò, con l'ausilio della tortura e della galera,qualsiasi critica e dissenso che provenisse da fuori i corridoi della sede del partito di regime Rcd (raggruppamento costituzionale democratico) sito a piazza Mohamed V a Tunisi. Ricordiamo che tra gli efferati crimini commessi dal dittatore nonchè allievo agente della C.I.A americana  spunta la feroce repressione poliziesca contro i moti del bacino della regione di Gafsa del 2008.Quando un concorso indetto da una grossa fabbrica locale,a cui vi parteciparono una buona parte dei giovani disoccupati della regione,risultò essere truccata .Fatto che ha spinto la popolazione locale,esasperata dall'ennesimo caso di corruzione e clientelismo, a scendere in strada sfidando la brutalità della polizia di Ben Ali. Movimenti di protesta che hanno scosso il regime  per ben otto mesi costringendo la polizia ad usare il pugno di ferro reprimendo nel sangue le pacifiche manifestazioni capeggiate dal carismatico sindacalista tunisino Adnane Haji.  ( per maggiori informazioni visitate il blog di Gabriele del Grande - Fortress Europe).


                  Sami Ben Abdelaali ( il primo a partire da destra)



                   L'attuale vice capo di Gabinetto dell'assessorato Agricoltura Sami Ben abdelaali,ai tempi della storica caduta del regime dispotico di Ben Ali,avvenuta il 14 Gennaio 2011, era il numero 348 della lunghissima lista del comitato centrale del Rcd ( raggruppamento costituzionale democratico) nonché funzionario del consolato tunisino di Palermo. La sua cacciata dal consolato tunisino avvenne dopo la salita al potere del partito islamista '' Ennahda'' e sopratutto dopo le visite in Sicilia,nei primi mesi del 2012, di Houcine el Jaziri prima e Touhami Abdouli dopo,rispettivamente segretari di stato presso il ministero dell'emigrazione tunisina e ministero degli esteri. Per tutto il 2012 e buona parte del 2013 dell'ex pedina siciliana di Ben Ali si perserò completamente le tracce sino al giorno in cui un articolo del settimanale ''l'Espresso'' denunciò la strana presenza dell'uomo d'affari tunisino all'interno degli uffici della regione siciliana.

                  A conferma del passato rcdista dell'ex funzionario tunisino,propongo un articolo redatto nel Maggio 2010 in occasione dell'incontro tra l'ex console tunisino di stanza in Sicilia , AbdRahman Ben Mansour e le comunità tunisine della Sicilia :


                  A Scoglitti la Comunità tunisina incontra il Console Generale

                  RISPETTO DEI DIRITTI UMANI ED APERTURA ALLE REALTA’ LOCALI




                  E intanto il settimanale '' L'Espresso '' si pone il seguente 

                  quesito : 


                  Come ha fatto ad ottenere quel posto da componente esterno in quella struttura amministrativa? 

                  Per Dario Cartabellotta, assessore all'Agricoltura in Sicilia che ha firmato il suo contratto, la nomina del dirigente tunisino è stata «una scelta collegiale del governo siciliano».  




                  Rosario Crocetta e i fantasmi del ventennio Ben Ali

                  Rosario Crocetta e i fantasmi del ventennio Ben Ali

                  Zine Abidine Ben Ali. Ex dittatore tunisino

                  La '' rivoluzione siciliana'' targata Rosario Crocetta ha resuscitato e schierato nella propria scacchiera regionale nemici di un altra rivoluzione: quella tunisina. Ebbene si , pare che il presidente della regione siciliana Rosario Crocetta ha affidato un incarico regionale al quanto delicato ad un ex uomo del RCD ( raggruppamento costituzionale democratico) partito del dittatore deposto Zine Abidine Ben Ali. Anziano generale tunisino salito al potere grazie ad un colpo di stato '' medico '' ai danni dell'anziano Habib Bourguiba,allora presidente della repubblica e padre dell'indipendenza tunisina. A quel colpo di stato seguirono 23 anni di regime poliziesco che azzerò, con l'ausilio della tortura e della galera,qualsiasi critica e dissenso che provenisse da fuori i corridoi della sede del partito di regime Rcd (raggruppamento costituzionale democratico) sito a piazza Mohamed V a Tunisi. Ricordiamo che tra gli efferati crimini commessi dal dittatore nonchè allievo agente della C.I.A americana  spunta la feroce repressione poliziesca contro i moti del bacino della regione di Gafsa del 2008.Quando un concorso indetto da una grossa fabbrica locale,a cui vi parteciparono una buona parte dei giovani disoccupati della regione,risultò essere truccata .Fatto che ha spinto la popolazione locale,esasperata dall'ennesimo caso di corruzione e clientelismo, a scendere in strada sfidando la brutalità della polizia di Ben Ali. Movimenti di protesta che hanno scosso il regime  per ben otto mesi costringendo la polizia ad usare il pugno di ferro reprimendo nel sangue le pacifiche manifestazioni capeggiate dal carismatico sindacalista tunisino Adnane Haji.  ( per maggiori informazioni visitate il blog di Gabriele del Grande - Fortress Europe).


                  Sami Ben Abdelaali ( il primo a partire da destra)



                   L'attuale vice capo di Gabinetto dell'assessorato Agricoltura Sami Ben abdelaali,ai tempi della storica caduta del regime dispotico di Ben Ali,avvenuta il 14 Gennaio 2011, era il numero 348 della lunghissima lista del comitato centrale del Rcd ( raggruppamento costituzionale democratico) nonché funzionario del consolato tunisino di Palermo. La sua cacciata dal consolato tunisino avvenne dopo la salita al potere del partito islamista '' Ennahda'' e sopratutto dopo le visite in Sicilia,nei primi mesi del 2012, di Houcine el Jaziri prima e Touhami Abdouli dopo,rispettivamente segretari di stato presso il ministero dell'emigrazione tunisina e ministero degli esteri. Per tutto il 2012 e buona parte del 2013 dell'ex pedina siciliana di Ben Ali si perserò completamente le tracce sino al giorno in cui un articolo del settimanale ''l'Espresso'' denunciò la strana presenza dell'uomo d'affari tunisino all'interno degli uffici della regione siciliana.

                  A conferma del passato rcdista dell'ex funzionario tunisino,propongo un articolo redatto nel Maggio 2010 in occasione dell'incontro tra l'ex console tunisino di stanza in Sicilia , AbdRahman Ben Mansour e le comunità tunisine della Sicilia :


                  A Scoglitti la Comunità tunisina incontra il Console Generale

                  RISPETTO DEI DIRITTI UMANI ED APERTURA ALLE REALTA’ LOCALI




                  E intanto il settimanale '' L'Espresso '' si pone il seguente 

                  quesito : 


                  Come ha fatto ad ottenere quel posto da componente esterno in quella struttura amministrativa? 

                  Per Dario Cartabellotta, assessore all'Agricoltura in Sicilia che ha firmato il suo contratto, la nomina del dirigente tunisino è stata «una scelta collegiale del governo siciliano».  




                  Rosario Crocetta e i fantasmi del ventennio Ben Ali

                  Rosario Crocetta e i fantasmi del ventennio Ben Ali

                  Zine Abidine Ben Ali. Ex dittatore tunisino

                  La '' rivoluzione siciliana'' targata Rosario Crocetta ha resuscitato e schierato nella propria scacchiera regionale nemici di un altra rivoluzione: quella tunisina. Ebbene si , pare che il presidente della regione siciliana Rosario Crocetta ha affidato un incarico regionale al quanto delicato ad un ex uomo del RCD ( raggruppamento costituzionale democratico) partito del dittatore deposto Zine Abidine Ben Ali. Anziano generale tunisino salito al potere grazie ad un colpo di stato '' medico '' ai danni dell'anziano Habib Bourguiba,allora presidente della repubblica e padre dell'indipendenza tunisina. A quel colpo di stato seguirono 23 anni di regime poliziesco che azzerò, con l'ausilio della tortura e della galera,qualsiasi critica e dissenso che provenisse da fuori i corridoi della sede del partito di regime Rcd (raggruppamento costituzionale democratico) sito a piazza Mohamed V a Tunisi. Ricordiamo che tra gli efferati crimini commessi dal dittatore nonchè allievo agente della C.I.A americana  spunta la feroce repressione poliziesca contro i moti del bacino della regione di Gafsa del 2008.Quando un concorso indetto da una grossa fabbrica locale,a cui vi parteciparono una buona parte dei giovani disoccupati della regione,risultò essere truccata .Fatto che ha spinto la popolazione locale,esasperata dall'ennesimo caso di corruzione e clientelismo, a scendere in strada sfidando la brutalità della polizia di Ben Ali. Movimenti di protesta che hanno scosso il regime  per ben otto mesi costringendo la polizia ad usare il pugno di ferro reprimendo nel sangue le pacifiche manifestazioni capeggiate dal carismatico sindacalista tunisino Adnane Haji.  ( per maggiori informazioni visitate il blog di Gabriele del Grande - Fortress Europe).


                  Sami Ben Abdelaali ( il primo a partire da destra)



                   L'attuale vice capo di Gabinetto dell'assessorato Agricoltura Sami Ben abdelaali,ai tempi della storica caduta del regime dispotico di Ben Ali,avvenuta il 14 Gennaio 2011, era il numero 348 della lunghissima lista del comitato centrale del Rcd ( raggruppamento costituzionale democratico) nonché funzionario del consolato tunisino di Palermo. La sua cacciata dal consolato tunisino avvenne dopo la salita al potere del partito islamista '' Ennahda'' e sopratutto dopo le visite in Sicilia,nei primi mesi del 2012, di Houcine el Jaziri prima e Touhami Abdouli dopo,rispettivamente segretari di stato presso il ministero dell'emigrazione tunisina e ministero degli esteri. Per tutto il 2012 e buona parte del 2013 dell'ex pedina siciliana di Ben Ali si perserò completamente le tracce sino al giorno in cui un articolo del settimanale ''l'Espresso'' denunciò la strana presenza dell'uomo d'affari tunisino all'interno degli uffici della regione siciliana.

                  A conferma del passato rcdista dell'ex funzionario tunisino,propongo un articolo redatto nel Maggio 2010 in occasione dell'incontro tra l'ex console tunisino di stanza in Sicilia , AbdRahman Ben Mansour e le comunità tunisine della Sicilia :


                  A Scoglitti la Comunità tunisina incontra il Console Generale

                  RISPETTO DEI DIRITTI UMANI ED APERTURA ALLE REALTA’ LOCALI




                  E intanto il settimanale '' L'Espresso '' si pone il seguente 

                  quesito : 


                  Come ha fatto ad ottenere quel posto da componente esterno in quella struttura amministrativa? 

                  Per Dario Cartabellotta, assessore all'Agricoltura in Sicilia che ha firmato il suo contratto, la nomina del dirigente tunisino è stata «una scelta collegiale del governo siciliano».  




                  MARCO ALLONI – Egitto, prove generali di un massacro

                  Poteva essere altrimenti? La gamaa islamiya, il gruppo radicale che negli anni novanta perpetrò alcuni fra i più efferati crimini in Egitto, ha minacciato di morte i cristiani che parteciperanno alla manifestazione anti-Morsi del 30 giugno. Il leader del gruppo Assem Abdel Maged, coordinatore del movimento “Tagarrud” in sostegno a Morsi, ha qualificato come “estremisti [...]

                  MARCO ALLONI – Egitto, prove generali di un massacro

                  Poteva essere altrimenti? La gamaa islamiya, il gruppo radicale che negli anni novanta perpetrò alcuni fra i più efferati crimini in Egitto, ha minacciato di morte i cristiani che parteciperanno alla manifestazione anti-Morsi del 30 giugno. Il leader del gruppo Assem Abdel Maged, coordinatore del movimento “Tagarrud” in sostegno a Morsi, ha qualificato come “estremisti [...]

                  MARCO ALLONI – Egitto, prove generali di un massacro

                  Poteva essere altrimenti? La gamaa islamiya, il gruppo radicale che negli anni novanta perpetrò alcuni fra i più efferati crimini in Egitto, ha minacciato di morte i cristiani che parteciperanno alla manifestazione anti-Morsi del 30 giugno. Il leader del gruppo Assem Abdel Maged, coordinatore del movimento “Tagarrud” in sostegno a Morsi, ha qualificato come “estremisti [...]

                  MARCO ALLONI – Egitto, prove generali di un massacro

                  Poteva essere altrimenti? La gamaa islamiya, il gruppo radicale che negli anni novanta perpetrò alcuni fra i più efferati crimini in Egitto, ha minacciato di morte i cristiani che parteciperanno alla manifestazione anti-Morsi del 30 giugno. Il leader del gruppo Assem Abdel Maged, coordinatore del movimento “Tagarrud” in sostegno a Morsi, ha qualificato come “estremisti [...]
                  Roma scende in piazza con Taksim: il 20 giugno ore 17.30

                  Roma scende in piazza con Taksim: il 20 giugno ore 17.30

                  SOLIDALI CON I/LE RIBELLI IN TURCHIA! Sono giorni di rivolta in Turchia, un popolo schiacciato dalle politiche repressive di Erdogan di sta riprendendo le strade e le piazze, e sta resistendo alla brutalità poliziesca. Questa rivolta nasce dalla difesa di una Piazza e di alcuni alberi ma guarda più lontano, così come guardano lontano le primavere arabe e […]
                  Roma scende in piazza con Taksim: il 20 giugno ore 17.30

                  Roma scende in piazza con Taksim: il 20 giugno ore 17.30

                  SOLIDALI CON I/LE RIBELLI IN TURCHIA! Sono giorni di rivolta in Turchia, un popolo schiacciato dalle politiche repressive di Erdogan di sta riprendendo le strade e le piazze, e sta resistendo alla brutalità poliziesca. Questa rivolta nasce dalla difesa di una Piazza e di alcuni alberi ma guarda più lontano, così come guardano lontano le primavere arabe e […]
                  Roma scende in piazza con Taksim: il 20 giugno ore 17.30

                  Roma scende in piazza con Taksim: il 20 giugno ore 17.30

                  SOLIDALI CON I/LE RIBELLI IN TURCHIA! Sono giorni di rivolta in Turchia, un popolo schiacciato dalle politiche repressive di Erdogan di sta riprendendo le strade e le piazze, e sta resistendo alla brutalità poliziesca. Questa rivolta nasce dalla difesa di una Piazza e di alcuni alberi ma guarda più lontano, così come guardano lontano le primavere arabe e […]
                  Roma scende in piazza con Taksim: il 20 giugno ore 17.30

                  Roma scende in piazza con Taksim: il 20 giugno ore 17.30

                  SOLIDALI CON I/LE RIBELLI IN TURCHIA! Sono giorni di rivolta in Turchia, un popolo schiacciato dalle politiche repressive di Erdogan di sta riprendendo le strade e le piazze, e sta resistendo alla brutalità poliziesca. Questa rivolta nasce dalla difesa di una Piazza e di alcuni alberi ma guarda più lontano, così come guardano lontano le primavere arabe e […]
                  Weld el 15  ” I poliziotti sono dei cani” .

                  Weld el 15 ” I poliziotti sono dei cani” .

                  In prigione il rapper tunisino '' Weld el 15'',all'anagrafe Alaa Yacoub,arrestato il marzo scorso per il contenuto troppo ''esplicito'' del suo ultimo testo rap '' boulicia kleb'' ( i poliziotti sono dei cani) . Il cantante adesso dovrà scontare due anni di carcere.


                  Weld el 15
                  Il testo rap,scritto qualche settimana dopo la scarcerazione del giovane rapper accusato di detenzione e spaccio di droga,attacca in maniera abbastanza esplicita e diretta la brutalità e la corruzione della polizia tunisina,colpevole,secondo''Weld el 15'',di spacciare droga alla gioventù tunisina per poi  divertirsi a trarla in arresto.

                    







                  Traduzione del testo '' Boulicia kleb '' 

                  ''I poliziotti sono dei cani''



                     
                  Mi hanno arrestato per aver consumato della marijuana.

                  Hanno fatto piangere mia madre arrestandomi con una falsa accusa.

                  Per un loro errore sono stato imprigionato in un buco.

                  Alla Tunisia dono una rosa e al governo  una '' katla '' ( gesto dell'ombrello).

                  Fammi fare una tirata.

                  Non avrei preso un anno di galera se fossi stato figlio di qualcuno.

                  Volevo cambiare
                  ho tolto la droga dalle tasche.

                  Non avrei mai visto la prigione se fossi stato figlio di Slim Chiboub ( genero di Ben Ali).

                  Presidente,avvocato e agente
                  come voi avete fatto piangere mio padre io darò fuoco al vostro.

                  Qui è il quartiere '' Kandahar''
                  il bicchiere è troppo pieno
                  nella mia sinistra ho il diavolo e nella destra Abu Ayadh.

                  Mi hanno lavorato per bene
                  mi hanno condotto al cimitero
                  ieri dormivo a casa e oggi a '' Zuzana ( nome di una prigione).

                  Mamma non piangere
                  non mi hanno indebolito
                  alla madre del poliziotto che mi ha arrestato gli farò mangiare l'erba.


                  I POLIZIOTTI SONO DEI CANI E IO CHE MI CHIEDEVO DA DOVE VENISSERO I LATRATI (RITORNELLO)

                  ABBAIA CANE ABBAIA ( RITORNELLO) .

                  Agente ricarica le tue armi e spara
                  siamo degi zombie e non sentiamo alcun dolore.

                  Vuoi la mia carta d'identità ma io non te la darò.

                  Nella Aid ( festa islamica) vorrei sgozzare un poliziotto al posto di un montone.

                  Ci hanno rincorso per i quartieri senza mai prenderci
                  di sera infestano i quartieri come dei serpenti
                  se cerchi della roba su di me non troverai nulla
                  intere generazioni hanno interrotto gli studi ma mai lo spaccio di droga
                  poliziotto e' cosi che viviamo non abbiamo nulla da nascondere.

                  Ci avete fatto odiare la civiltà,solo Dio sa come stiamo.

                  Vuoi arrestarmi e mettermi le manette, toglimi dalla tua testa e non rompere il cazzo.

                  Questo è il nostro quartiere e tu vuoi impaurirci con la prigione
                   vuoi apparire un duro ma in testa hai solo un paio di mutande .

                  In testa ho troppi demoni e roba sporca,avvicina il tuo orecchio ti dirò di che si tratta :
                  come prima mi avevi sodomizzato, adesso io sodomizzero te.

                  I POLIZIOTTI SONO DEI CANI ED IO CHE MI CHIEDEVO DA DOVE VENISSERO I LATRATI (RITORNELLO)ABBAIA CANE ABBAIA ( RITORNELLO).

                  Da Bouchoucha (prigione) alla doccia
                  abbiamo cuori di pietra.
                  Fotti quei serpenti, dammi una pistola che li uccido.

                  Mi arresti o non mi arresti a me non cambia nulla.
                  Sono sempre fuso e sotto l'effetto dell'erba
                  prova a farmi qualcosa !

                  I poliziotti sono dei cani
                  è cosa già nota. Il più '' pulito ''del ministero ( dell'interno) è uno stronzo corrotto.

                  Lo vedi sull'attenti di fronte ad un ufficiale, che segaiolo.

                  Una generazione drogata
                  una generazione peccatrice.
                  Cocaina,marijuana e la chetamina, da dove credete sia arrivata ?
                  Non siete voi che la importate?
                  Da dove credete che venga la droga ?

                  Siete voi che la spacciate siete voi i criminali, Ci avete distrutto fin dall'infanzia.

                  Non voglio più dilungarmi
                  ti racconterò di quello che mi frulla per la testa :

                  Credevo che il paese ha subito una rivoluzione ma invece è stata solo una fregatura.
                  Danza Governo visto che siamo noi quelli fottuti.

                  Una dedica ai ragazzi del quartiere e alla gioventù calpestata.


                  I POLIZIOTTI SONO DEI CANI E IO CHE MI CHIEDEVO DA DOVE VENISSERO I LATRATI (RITORNELLO)

                  ABBAIA CANE ABBAIA ( RITORNELLO)


                  Abu Ayadh *
                  capo carismatico dei salafiti in Tunisia

                  Slim Chiboub *
                  Genero del presidente deposto Zine Abidine Ben Ali.

                  Aid el idha ( abbreviato Aid) *
                  Festa musulmana dove vengono sacrificate ( quindi sgozzate) pecore e montoni.

                  Weld el 15  ” I poliziotti sono dei cani” .

                  Weld el 15 ” I poliziotti sono dei cani” .

                  In prigione il rapper tunisino '' Weld el 15'',all'anagrafe Alaa Yacoub,arrestato il marzo scorso per il contenuto troppo ''esplicito'' del suo ultimo testo rap '' boulicia kleb'' ( i poliziotti sono dei cani) . Il cantante adesso dovrà scontare due anni di carcere.


                  Weld el 15
                  Il testo rap,scritto qualche settimana dopo la scarcerazione del giovane rapper accusato di detenzione e spaccio di droga,attacca in maniera abbastanza esplicita e diretta la brutalità e la corruzione della polizia tunisina,colpevole,secondo''Weld el 15'',di spacciare droga alla gioventù tunisina per poi  divertirsi a trarla in arresto.

                    







                  Traduzione del testo '' Boulicia kleb '' 

                  ''I poliziotti sono dei cani''



                     
                  Mi hanno arrestato per aver consumato della marijuana.

                  Hanno fatto piangere mia madre arrestandomi con una falsa accusa.

                  Per un loro errore sono stato imprigionato in un buco.

                  Alla Tunisia dono una rosa e al governo  una '' katla '' ( gesto dell'ombrello).

                  Fammi fare una tirata.

                  Non avrei preso un anno di galera se fossi stato figlio di qualcuno.

                  Volevo cambiare
                  ho tolto la droga dalle tasche.

                  Non avrei mai visto la prigione se fossi stato figlio di Slim Chiboub ( genero di Ben Ali).

                  Presidente,avvocato e agente
                  come voi avete fatto piangere mio padre io darò fuoco al vostro.

                  Qui è il quartiere '' Kandahar''
                  il bicchiere è troppo pieno
                  nella mia sinistra ho il diavolo e nella destra Abu Ayadh.

                  Mi hanno lavorato per bene
                  mi hanno condotto al cimitero
                  ieri dormivo a casa e oggi a '' Zuzana ( nome di una prigione).

                  Mamma non piangere
                  non mi hanno indebolito
                  alla madre del poliziotto che mi ha arrestato gli farò mangiare l'erba.


                  I POLIZIOTTI SONO DEI CANI E IO CHE MI CHIEDEVO DA DOVE VENISSERO I LATRATI (RITORNELLO)

                  ABBAIA CANE ABBAIA ( RITORNELLO) .

                  Agente ricarica le tue armi e spara
                  siamo degi zombie e non sentiamo alcun dolore.

                  Vuoi la mia carta d'identità ma io non te la darò.

                  Nella Aid ( festa islamica) vorrei sgozzare un poliziotto al posto di un montone.

                  Ci hanno rincorso per i quartieri senza mai prenderci
                  di sera infestano i quartieri come dei serpenti
                  se cerchi della roba su di me non troverai nulla
                  intere generazioni hanno interrotto gli studi ma mai lo spaccio di droga
                  poliziotto e' cosi che viviamo non abbiamo nulla da nascondere.

                  Ci avete fatto odiare la civiltà,solo Dio sa come stiamo.

                  Vuoi arrestarmi e mettermi le manette, toglimi dalla tua testa e non rompere il cazzo.

                  Questo è il nostro quartiere e tu vuoi impaurirci con la prigione
                   vuoi apparire un duro ma in testa hai solo un paio di mutande .

                  In testa ho troppi demoni e roba sporca,avvicina il tuo orecchio ti dirò di che si tratta :
                  come prima mi avevi sodomizzato, adesso io sodomizzero te.

                  I POLIZIOTTI SONO DEI CANI ED IO CHE MI CHIEDEVO DA DOVE VENISSERO I LATRATI (RITORNELLO)ABBAIA CANE ABBAIA ( RITORNELLO).

                  Da Bouchoucha (prigione) alla doccia
                  abbiamo cuori di pietra.
                  Fotti quei serpenti, dammi una pistola che li uccido.

                  Mi arresti o non mi arresti a me non cambia nulla.
                  Sono sempre fuso e sotto l'effetto dell'erba
                  prova a farmi qualcosa !

                  I poliziotti sono dei cani
                  è cosa già nota. Il più '' pulito ''del ministero ( dell'interno) è uno stronzo corrotto.

                  Lo vedi sull'attenti di fronte ad un ufficiale, che segaiolo.

                  Una generazione drogata
                  una generazione peccatrice.
                  Cocaina,marijuana e la chetamina, da dove credete sia arrivata ?
                  Non siete voi che la importate?
                  Da dove credete che venga la droga ?

                  Siete voi che la spacciate siete voi i criminali, Ci avete distrutto fin dall'infanzia.

                  Non voglio più dilungarmi
                  ti racconterò di quello che mi frulla per la testa :

                  Credevo che il paese ha subito una rivoluzione ma invece è stata solo una fregatura.
                  Danza Governo visto che siamo noi quelli fottuti.

                  Una dedica ai ragazzi del quartiere e alla gioventù calpestata.


                  I POLIZIOTTI SONO DEI CANI E IO CHE MI CHIEDEVO DA DOVE VENISSERO I LATRATI (RITORNELLO)

                  ABBAIA CANE ABBAIA ( RITORNELLO)


                  Abu Ayadh *
                  capo carismatico dei salafiti in Tunisia

                  Slim Chiboub *
                  Genero del presidente deposto Zine Abidine Ben Ali.

                  Aid el idha ( abbreviato Aid) *
                  Festa musulmana dove vengono sacrificate ( quindi sgozzate) pecore e montoni.

                  Weld el 15  ” I poliziotti sono dei cani” .

                  Weld el 15 ” I poliziotti sono dei cani” .

                  In prigione il rapper tunisino '' Weld el 15'',all'anagrafe Alaa Yacoub,arrestato il marzo scorso per il contenuto troppo ''esplicito'' del suo ultimo testo rap '' boulicia kleb'' ( i poliziotti sono dei cani) . Il cantante adesso dovrà scontare due anni di carcere.


                  Weld el 15
                  Il testo rap,scritto qualche settimana dopo la scarcerazione del giovane rapper accusato di detenzione e spaccio di droga,attacca in maniera abbastanza esplicita e diretta la brutalità e la corruzione della polizia tunisina,colpevole,secondo''Weld el 15'',di spacciare droga alla gioventù tunisina per poi  divertirsi a trarla in arresto.

                    







                  Traduzione del testo '' Boulicia kleb '' 

                  ''I poliziotti sono dei cani''



                     
                  Mi hanno arrestato per aver consumato della marijuana.

                  Hanno fatto piangere mia madre arrestandomi con una falsa accusa.

                  Per un loro errore sono stato imprigionato in un buco.

                  Alla Tunisia dono una rosa e al governo  una '' katla '' ( gesto dell'ombrello).

                  Fammi fare una tirata.

                  Non avrei preso un anno di galera se fossi stato figlio di qualcuno.

                  Volevo cambiare
                  ho tolto la droga dalle tasche.

                  Non avrei mai visto la prigione se fossi stato figlio di Slim Chiboub ( genero di Ben Ali).

                  Presidente,avvocato e agente
                  come voi avete fatto piangere mio padre io darò fuoco al vostro.

                  Qui è il quartiere '' Kandahar''
                  il bicchiere è troppo pieno
                  nella mia sinistra ho il diavolo e nella destra Abu Ayadh.

                  Mi hanno lavorato per bene
                  mi hanno condotto al cimitero
                  ieri dormivo a casa e oggi a '' Zuzana ( nome di una prigione).

                  Mamma non piangere
                  non mi hanno indebolito
                  alla madre del poliziotto che mi ha arrestato gli farò mangiare l'erba.


                  I POLIZIOTTI SONO DEI CANI E IO CHE MI CHIEDEVO DA DOVE VENISSERO I LATRATI (RITORNELLO)

                  ABBAIA CANE ABBAIA ( RITORNELLO) .

                  Agente ricarica le tue armi e spara
                  siamo degi zombie e non sentiamo alcun dolore.

                  Vuoi la mia carta d'identità ma io non te la darò.

                  Nella Aid ( festa islamica) vorrei sgozzare un poliziotto al posto di un montone.

                  Ci hanno rincorso per i quartieri senza mai prenderci
                  di sera infestano i quartieri come dei serpenti
                  se cerchi della roba su di me non troverai nulla
                  intere generazioni hanno interrotto gli studi ma mai lo spaccio di droga
                  poliziotto e' cosi che viviamo non abbiamo nulla da nascondere.

                  Ci avete fatto odiare la civiltà,solo Dio sa come stiamo.

                  Vuoi arrestarmi e mettermi le manette, toglimi dalla tua testa e non rompere il cazzo.

                  Questo è il nostro quartiere e tu vuoi impaurirci con la prigione
                   vuoi apparire un duro ma in testa hai solo un paio di mutande .

                  In testa ho troppi demoni e roba sporca,avvicina il tuo orecchio ti dirò di che si tratta :
                  come prima mi avevi sodomizzato, adesso io sodomizzero te.

                  I POLIZIOTTI SONO DEI CANI ED IO CHE MI CHIEDEVO DA DOVE VENISSERO I LATRATI (RITORNELLO)ABBAIA CANE ABBAIA ( RITORNELLO).

                  Da Bouchoucha (prigione) alla doccia
                  abbiamo cuori di pietra.
                  Fotti quei serpenti, dammi una pistola che li uccido.

                  Mi arresti o non mi arresti a me non cambia nulla.
                  Sono sempre fuso e sotto l'effetto dell'erba
                  prova a farmi qualcosa !

                  I poliziotti sono dei cani
                  è cosa già nota. Il più '' pulito ''del ministero ( dell'interno) è uno stronzo corrotto.

                  Lo vedi sull'attenti di fronte ad un ufficiale, che segaiolo.

                  Una generazione drogata
                  una generazione peccatrice.
                  Cocaina,marijuana e la chetamina, da dove credete sia arrivata ?
                  Non siete voi che la importate?
                  Da dove credete che venga la droga ?

                  Siete voi che la spacciate siete voi i criminali, Ci avete distrutto fin dall'infanzia.

                  Non voglio più dilungarmi
                  ti racconterò di quello che mi frulla per la testa :

                  Credevo che il paese ha subito una rivoluzione ma invece è stata solo una fregatura.
                  Danza Governo visto che siamo noi quelli fottuti.

                  Una dedica ai ragazzi del quartiere e alla gioventù calpestata.


                  I POLIZIOTTI SONO DEI CANI E IO CHE MI CHIEDEVO DA DOVE VENISSERO I LATRATI (RITORNELLO)

                  ABBAIA CANE ABBAIA ( RITORNELLO)


                  Abu Ayadh *
                  capo carismatico dei salafiti in Tunisia

                  Slim Chiboub *
                  Genero del presidente deposto Zine Abidine Ben Ali.

                  Aid el idha ( abbreviato Aid) *
                  Festa musulmana dove vengono sacrificate ( quindi sgozzate) pecore e montoni.

                  Weld el 15  ” I poliziotti sono dei cani” .

                  Weld el 15 ” I poliziotti sono dei cani” .

                  In prigione il rapper tunisino '' Weld el 15'',all'anagrafe Alaa Yacoub,arrestato il marzo scorso per il contenuto troppo ''esplicito'' del suo ultimo testo rap '' boulicia kleb'' ( i poliziotti sono dei cani) . Il cantante adesso dovrà scontare due anni di carcere.


                  Weld el 15
                  Il testo rap,scritto qualche settimana dopo la scarcerazione del giovane rapper accusato di detenzione e spaccio di droga,attacca in maniera abbastanza esplicita e diretta la brutalità e la corruzione della polizia tunisina,colpevole,secondo''Weld el 15'',di spacciare droga alla gioventù tunisina per poi  divertirsi a trarla in arresto.

                    







                  Traduzione del testo '' Boulicia kleb '' 

                  ''I poliziotti sono dei cani''



                     
                  Mi hanno arrestato per aver consumato della marijuana.

                  Hanno fatto piangere mia madre arrestandomi con una falsa accusa.

                  Per un loro errore sono stato imprigionato in un buco.

                  Alla Tunisia dono una rosa e al governo  una '' katla '' ( gesto dell'ombrello).

                  Fammi fare una tirata.

                  Non avrei preso un anno di galera se fossi stato figlio di qualcuno.

                  Volevo cambiare
                  ho tolto la droga dalle tasche.

                  Non avrei mai visto la prigione se fossi stato figlio di Slim Chiboub ( genero di Ben Ali).

                  Presidente,avvocato e agente
                  come voi avete fatto piangere mio padre io darò fuoco al vostro.

                  Qui è il quartiere '' Kandahar''
                  il bicchiere è troppo pieno
                  nella mia sinistra ho il diavolo e nella destra Abu Ayadh.

                  Mi hanno lavorato per bene
                  mi hanno condotto al cimitero
                  ieri dormivo a casa e oggi a '' Zuzana ( nome di una prigione).

                  Mamma non piangere
                  non mi hanno indebolito
                  alla madre del poliziotto che mi ha arrestato gli farò mangiare l'erba.


                  I POLIZIOTTI SONO DEI CANI E IO CHE MI CHIEDEVO DA DOVE VENISSERO I LATRATI (RITORNELLO)

                  ABBAIA CANE ABBAIA ( RITORNELLO) .

                  Agente ricarica le tue armi e spara
                  siamo degi zombie e non sentiamo alcun dolore.

                  Vuoi la mia carta d'identità ma io non te la darò.

                  Nella Aid ( festa islamica) vorrei sgozzare un poliziotto al posto di un montone.

                  Ci hanno rincorso per i quartieri senza mai prenderci
                  di sera infestano i quartieri come dei serpenti
                  se cerchi della roba su di me non troverai nulla
                  intere generazioni hanno interrotto gli studi ma mai lo spaccio di droga
                  poliziotto e' cosi che viviamo non abbiamo nulla da nascondere.

                  Ci avete fatto odiare la civiltà,solo Dio sa come stiamo.

                  Vuoi arrestarmi e mettermi le manette, toglimi dalla tua testa e non rompere il cazzo.

                  Questo è il nostro quartiere e tu vuoi impaurirci con la prigione
                   vuoi apparire un duro ma in testa hai solo un paio di mutande .

                  In testa ho troppi demoni e roba sporca,avvicina il tuo orecchio ti dirò di che si tratta :
                  come prima mi avevi sodomizzato, adesso io sodomizzero te.

                  I POLIZIOTTI SONO DEI CANI ED IO CHE MI CHIEDEVO DA DOVE VENISSERO I LATRATI (RITORNELLO)ABBAIA CANE ABBAIA ( RITORNELLO).

                  Da Bouchoucha (prigione) alla doccia
                  abbiamo cuori di pietra.
                  Fotti quei serpenti, dammi una pistola che li uccido.

                  Mi arresti o non mi arresti a me non cambia nulla.
                  Sono sempre fuso e sotto l'effetto dell'erba
                  prova a farmi qualcosa !

                  I poliziotti sono dei cani
                  è cosa già nota. Il più '' pulito ''del ministero ( dell'interno) è uno stronzo corrotto.

                  Lo vedi sull'attenti di fronte ad un ufficiale, che segaiolo.

                  Una generazione drogata
                  una generazione peccatrice.
                  Cocaina,marijuana e la chetamina, da dove credete sia arrivata ?
                  Non siete voi che la importate?
                  Da dove credete che venga la droga ?

                  Siete voi che la spacciate siete voi i criminali, Ci avete distrutto fin dall'infanzia.

                  Non voglio più dilungarmi
                  ti racconterò di quello che mi frulla per la testa :

                  Credevo che il paese ha subito una rivoluzione ma invece è stata solo una fregatura.
                  Danza Governo visto che siamo noi quelli fottuti.

                  Una dedica ai ragazzi del quartiere e alla gioventù calpestata.


                  I POLIZIOTTI SONO DEI CANI E IO CHE MI CHIEDEVO DA DOVE VENISSERO I LATRATI (RITORNELLO)

                  ABBAIA CANE ABBAIA ( RITORNELLO)


                  Abu Ayadh *
                  capo carismatico dei salafiti in Tunisia

                  Slim Chiboub *
                  Genero del presidente deposto Zine Abidine Ben Ali.

                  Aid el idha ( abbreviato Aid) *
                  Festa musulmana dove vengono sacrificate ( quindi sgozzate) pecore e montoni.

                  Weld el 15  ” I poliziotti sono dei cani” .

                  Weld el 15 ” I poliziotti sono dei cani” .

                  In prigione il rapper tunisino '' Weld el 15'',all'anagrafe Alaa Yacoub,arrestato il marzo scorso per il contenuto troppo ''esplicito'' del suo ultimo testo rap '' boulicia kleb'' ( i poliziotti sono dei cani) . Il cantante adesso dovrà scontare due anni di carcere.


                  Weld el 15
                  Il testo rap,scritto qualche settimana dopo la scarcerazione del giovane rapper accusato di detenzione e spaccio di droga,attacca in maniera abbastanza esplicita e diretta la brutalità e la corruzione della polizia tunisina,colpevole,secondo''Weld el 15'',di spacciare droga alla gioventù tunisina per poi  divertirsi a trarla in arresto.

                    







                  Traduzione del testo '' Boulicia kleb '' 

                  ''I poliziotti sono dei cani''



                     
                  Mi hanno arrestato per aver consumato della marijuana.

                  Hanno fatto piangere mia madre arrestandomi con una falsa accusa.

                  Per un loro errore sono stato imprigionato in un buco.

                  Alla Tunisia dono una rosa e al governo  una '' katla '' ( gesto dell'ombrello).

                  Fammi fare una tirata.

                  Non avrei preso un anno di galera se fossi stato figlio di qualcuno.

                  Volevo cambiare
                  ho tolto la droga dalle tasche.

                  Non avrei mai visto la prigione se fossi stato figlio di Slim Chiboub ( genero di Ben Ali).

                  Presidente,avvocato e agente
                  come voi avete fatto piangere mio padre io darò fuoco al vostro.

                  Qui è il quartiere '' Kandahar''
                  il bicchiere è troppo pieno
                  nella mia sinistra ho il diavolo e nella destra Abu Ayadh.

                  Mi hanno lavorato per bene
                  mi hanno condotto al cimitero
                  ieri dormivo a casa e oggi a '' Zuzana ( nome di una prigione).

                  Mamma non piangere
                  non mi hanno indebolito
                  alla madre del poliziotto che mi ha arrestato gli farò mangiare l'erba.


                  I POLIZIOTTI SONO DEI CANI E IO CHE MI CHIEDEVO DA DOVE VENISSERO I LATRATI (RITORNELLO)

                  ABBAIA CANE ABBAIA ( RITORNELLO) .

                  Agente ricarica le tue armi e spara
                  siamo degi zombie e non sentiamo alcun dolore.

                  Vuoi la mia carta d'identità ma io non te la darò.

                  Nella Aid ( festa islamica) vorrei sgozzare un poliziotto al posto di un montone.

                  Ci hanno rincorso per i quartieri senza mai prenderci
                  di sera infestano i quartieri come dei serpenti
                  se cerchi della roba su di me non troverai nulla
                  intere generazioni hanno interrotto gli studi ma mai lo spaccio di droga
                  poliziotto e' cosi che viviamo non abbiamo nulla da nascondere.

                  Ci avete fatto odiare la civiltà,solo Dio sa come stiamo.

                  Vuoi arrestarmi e mettermi le manette, toglimi dalla tua testa e non rompere il cazzo.

                  Questo è il nostro quartiere e tu vuoi impaurirci con la prigione
                   vuoi apparire un duro ma in testa hai solo un paio di mutande .

                  In testa ho troppi demoni e roba sporca,avvicina il tuo orecchio ti dirò di che si tratta :
                  come prima mi avevi sodomizzato, adesso io sodomizzero te.

                  I POLIZIOTTI SONO DEI CANI ED IO CHE MI CHIEDEVO DA DOVE VENISSERO I LATRATI (RITORNELLO)ABBAIA CANE ABBAIA ( RITORNELLO).

                  Da Bouchoucha (prigione) alla doccia
                  abbiamo cuori di pietra.
                  Fotti quei serpenti, dammi una pistola che li uccido.

                  Mi arresti o non mi arresti a me non cambia nulla.
                  Sono sempre fuso e sotto l'effetto dell'erba
                  prova a farmi qualcosa !

                  I poliziotti sono dei cani
                  è cosa già nota. Il più '' pulito ''del ministero ( dell'interno) è uno stronzo corrotto.

                  Lo vedi sull'attenti di fronte ad un ufficiale, che segaiolo.

                  Una generazione drogata
                  una generazione peccatrice.
                  Cocaina,marijuana e la chetamina, da dove credete sia arrivata ?
                  Non siete voi che la importate?
                  Da dove credete che venga la droga ?

                  Siete voi che la spacciate siete voi i criminali, Ci avete distrutto fin dall'infanzia.

                  Non voglio più dilungarmi
                  ti racconterò di quello che mi frulla per la testa :

                  Credevo che il paese ha subito una rivoluzione ma invece è stata solo una fregatura.
                  Danza Governo visto che siamo noi quelli fottuti.

                  Una dedica ai ragazzi del quartiere e alla gioventù calpestata.


                  I POLIZIOTTI SONO DEI CANI E IO CHE MI CHIEDEVO DA DOVE VENISSERO I LATRATI (RITORNELLO)

                  ABBAIA CANE ABBAIA ( RITORNELLO)


                  Abu Ayadh *
                  capo carismatico dei salafiti in Tunisia

                  Slim Chiboub *
                  Genero del presidente deposto Zine Abidine Ben Ali.

                  Aid el idha ( abbreviato Aid) *
                  Festa musulmana dove vengono sacrificate ( quindi sgozzate) pecore e montoni.

                  Weld el 15  ” I poliziotti sono dei cani” .

                  Weld el 15 ” I poliziotti sono dei cani” .

                  In prigione il rapper tunisino '' Weld el 15'',all'anagrafe Alaa Yacoub,arrestato il marzo scorso per il contenuto troppo ''esplicito'' del suo ultimo testo rap '' boulicia kleb'' ( i poliziotti sono dei cani) . Il cantante adesso dovrà scontare due anni di carcere.


                  Weld el 15
                  Il testo rap,scritto qualche settimana dopo la scarcerazione del giovane rapper accusato di detenzione e spaccio di droga,attacca in maniera abbastanza esplicita e diretta la brutalità e la corruzione della polizia tunisina,colpevole,secondo''Weld el 15'',di spacciare droga alla gioventù tunisina per poi  divertirsi a trarla in arresto.

                    







                  Traduzione del testo '' Boulicia kleb '' 

                  ''I poliziotti sono dei cani''



                     
                  Mi hanno arrestato per aver consumato della marijuana.

                  Hanno fatto piangere mia madre arrestandomi con una falsa accusa.

                  Per un loro errore sono stato imprigionato in un buco.

                  Alla Tunisia dono una rosa e al governo  una '' katla '' ( gesto dell'ombrello).

                  Fammi fare una tirata.

                  Non avrei preso un anno di galera se fossi stato figlio di qualcuno.

                  Volevo cambiare
                  ho tolto la droga dalle tasche.

                  Non avrei mai visto la prigione se fossi stato figlio di Slim Chiboub ( genero di Ben Ali).

                  Presidente,avvocato e agente
                  come voi avete fatto piangere mio padre io darò fuoco al vostro.

                  Qui è il quartiere '' Kandahar''
                  il bicchiere è troppo pieno
                  nella mia sinistra ho il diavolo e nella destra Abu Ayadh.

                  Mi hanno lavorato per bene
                  mi hanno condotto al cimitero
                  ieri dormivo a casa e oggi a '' Zuzana ( nome di una prigione).

                  Mamma non piangere
                  non mi hanno indebolito
                  alla madre del poliziotto che mi ha arrestato gli farò mangiare l'erba.


                  I POLIZIOTTI SONO DEI CANI E IO CHE MI CHIEDEVO DA DOVE VENISSERO I LATRATI (RITORNELLO)

                  ABBAIA CANE ABBAIA ( RITORNELLO) .

                  Agente ricarica le tue armi e spara
                  siamo degi zombie e non sentiamo alcun dolore.

                  Vuoi la mia carta d'identità ma io non te la darò.

                  Nella Aid ( festa islamica) vorrei sgozzare un poliziotto al posto di un montone.

                  Ci hanno rincorso per i quartieri senza mai prenderci
                  di sera infestano i quartieri come dei serpenti
                  se cerchi della roba su di me non troverai nulla
                  intere generazioni hanno interrotto gli studi ma mai lo spaccio di droga
                  poliziotto e' cosi che viviamo non abbiamo nulla da nascondere.

                  Ci avete fatto odiare la civiltà,solo Dio sa come stiamo.

                  Vuoi arrestarmi e mettermi le manette, toglimi dalla tua testa e non rompere il cazzo.

                  Questo è il nostro quartiere e tu vuoi impaurirci con la prigione
                   vuoi apparire un duro ma in testa hai solo un paio di mutande .

                  In testa ho troppi demoni e roba sporca,avvicina il tuo orecchio ti dirò di che si tratta :
                  come prima mi avevi sodomizzato, adesso io sodomizzero te.

                  I POLIZIOTTI SONO DEI CANI ED IO CHE MI CHIEDEVO DA DOVE VENISSERO I LATRATI (RITORNELLO)ABBAIA CANE ABBAIA ( RITORNELLO).

                  Da Bouchoucha (prigione) alla doccia
                  abbiamo cuori di pietra.
                  Fotti quei serpenti, dammi una pistola che li uccido.

                  Mi arresti o non mi arresti a me non cambia nulla.
                  Sono sempre fuso e sotto l'effetto dell'erba
                  prova a farmi qualcosa !

                  I poliziotti sono dei cani
                  è cosa già nota. Il più '' pulito ''del ministero ( dell'interno) è uno stronzo corrotto.

                  Lo vedi sull'attenti di fronte ad un ufficiale, che segaiolo.

                  Una generazione drogata
                  una generazione peccatrice.
                  Cocaina,marijuana e la chetamina, da dove credete sia arrivata ?
                  Non siete voi che la importate?
                  Da dove credete che venga la droga ?

                  Siete voi che la spacciate siete voi i criminali, Ci avete distrutto fin dall'infanzia.

                  Non voglio più dilungarmi
                  ti racconterò di quello che mi frulla per la testa :

                  Credevo che il paese ha subito una rivoluzione ma invece è stata solo una fregatura.
                  Danza Governo visto che siamo noi quelli fottuti.

                  Una dedica ai ragazzi del quartiere e alla gioventù calpestata.


                  I POLIZIOTTI SONO DEI CANI E IO CHE MI CHIEDEVO DA DOVE VENISSERO I LATRATI (RITORNELLO)

                  ABBAIA CANE ABBAIA ( RITORNELLO)


                  Abu Ayadh *
                  capo carismatico dei salafiti in Tunisia

                  Slim Chiboub *
                  Genero del presidente deposto Zine Abidine Ben Ali.

                  Aid el idha ( abbreviato Aid) *
                  Festa musulmana dove vengono sacrificate ( quindi sgozzate) pecore e montoni.

                  Weld el 15  ” I poliziotti sono dei cani” .

                  Weld el 15 ” I poliziotti sono dei cani” .

                  In prigione il rapper tunisino '' Weld el 15'',all'anagrafe Alaa Yacoub,arrestato il marzo scorso per il contenuto troppo ''esplicito'' del suo ultimo testo rap '' boulicia kleb'' ( i poliziotti sono dei cani) . Il cantante adesso dovrà scontare due anni di carcere.


                  Weld el 15
                  Il testo rap,scritto qualche settimana dopo la scarcerazione del giovane rapper accusato di detenzione e spaccio di droga,attacca in maniera abbastanza esplicita e diretta la brutalità e la corruzione della polizia tunisina,colpevole,secondo''Weld el 15'',di spacciare droga alla gioventù tunisina per poi  divertirsi a trarla in arresto.

                    







                  Traduzione del testo '' Boulicia kleb '' 

                  ''I poliziotti sono dei cani''



                     
                  Mi hanno arrestato per aver consumato della marijuana.

                  Hanno fatto piangere mia madre arrestandomi con una falsa accusa.

                  Per un loro errore sono stato imprigionato in un buco.

                  Alla Tunisia dono una rosa e al governo  una '' katla '' ( gesto dell'ombrello).

                  Fammi fare una tirata.

                  Non avrei preso un anno di galera se fossi stato figlio di qualcuno.

                  Volevo cambiare
                  ho tolto la droga dalle tasche.

                  Non avrei mai visto la prigione se fossi stato figlio di Slim Chiboub ( genero di Ben Ali).

                  Presidente,avvocato e agente
                  come voi avete fatto piangere mio padre io darò fuoco al vostro.

                  Qui è il quartiere '' Kandahar''
                  il bicchiere è troppo pieno
                  nella mia sinistra ho il diavolo e nella destra Abu Ayadh.

                  Mi hanno lavorato per bene
                  mi hanno condotto al cimitero
                  ieri dormivo a casa e oggi a '' Zuzana ( nome di una prigione).

                  Mamma non piangere
                  non mi hanno indebolito
                  alla madre del poliziotto che mi ha arrestato gli farò mangiare l'erba.


                  I POLIZIOTTI SONO DEI CANI E IO CHE MI CHIEDEVO DA DOVE VENISSERO I LATRATI (RITORNELLO)

                  ABBAIA CANE ABBAIA ( RITORNELLO) .

                  Agente ricarica le tue armi e spara
                  siamo degi zombie e non sentiamo alcun dolore.

                  Vuoi la mia carta d'identità ma io non te la darò.

                  Nella Aid ( festa islamica) vorrei sgozzare un poliziotto al posto di un montone.

                  Ci hanno rincorso per i quartieri senza mai prenderci
                  di sera infestano i quartieri come dei serpenti
                  se cerchi della roba su di me non troverai nulla
                  intere generazioni hanno interrotto gli studi ma mai lo spaccio di droga
                  poliziotto e' cosi che viviamo non abbiamo nulla da nascondere.

                  Ci avete fatto odiare la civiltà,solo Dio sa come stiamo.

                  Vuoi arrestarmi e mettermi le manette, toglimi dalla tua testa e non rompere il cazzo.

                  Questo è il nostro quartiere e tu vuoi impaurirci con la prigione
                   vuoi apparire un duro ma in testa hai solo un paio di mutande .

                  In testa ho troppi demoni e roba sporca,avvicina il tuo orecchio ti dirò di che si tratta :
                  come prima mi avevi sodomizzato, adesso io sodomizzero te.

                  I POLIZIOTTI SONO DEI CANI ED IO CHE MI CHIEDEVO DA DOVE VENISSERO I LATRATI (RITORNELLO)ABBAIA CANE ABBAIA ( RITORNELLO).

                  Da Bouchoucha (prigione) alla doccia
                  abbiamo cuori di pietra.
                  Fotti quei serpenti, dammi una pistola che li uccido.

                  Mi arresti o non mi arresti a me non cambia nulla.
                  Sono sempre fuso e sotto l'effetto dell'erba
                  prova a farmi qualcosa !

                  I poliziotti sono dei cani
                  è cosa già nota. Il più '' pulito ''del ministero ( dell'interno) è uno stronzo corrotto.

                  Lo vedi sull'attenti di fronte ad un ufficiale, che segaiolo.

                  Una generazione drogata
                  una generazione peccatrice.
                  Cocaina,marijuana e la chetamina, da dove credete sia arrivata ?
                  Non siete voi che la importate?
                  Da dove credete che venga la droga ?

                  Siete voi che la spacciate siete voi i criminali, Ci avete distrutto fin dall'infanzia.

                  Non voglio più dilungarmi
                  ti racconterò di quello che mi frulla per la testa :

                  Credevo che il paese ha subito una rivoluzione ma invece è stata solo una fregatura.
                  Danza Governo visto che siamo noi quelli fottuti.

                  Una dedica ai ragazzi del quartiere e alla gioventù calpestata.


                  I POLIZIOTTI SONO DEI CANI E IO CHE MI CHIEDEVO DA DOVE VENISSERO I LATRATI (RITORNELLO)

                  ABBAIA CANE ABBAIA ( RITORNELLO)


                  Abu Ayadh *
                  capo carismatico dei salafiti in Tunisia

                  Slim Chiboub *
                  Genero del presidente deposto Zine Abidine Ben Ali.

                  Aid el idha ( abbreviato Aid) *
                  Festa musulmana dove vengono sacrificate ( quindi sgozzate) pecore e montoni.

                  Weld el 15  ” I poliziotti sono dei cani” .

                  Weld el 15 ” I poliziotti sono dei cani” .

                  In prigione il rapper tunisino '' Weld el 15'',all'anagrafe Alaa Yacoub,arrestato il marzo scorso per il contenuto troppo ''esplicito'' del suo ultimo testo rap '' boulicia kleb'' ( i poliziotti sono dei cani) . Il cantante adesso dovrà scontare due anni di carcere.


                  Weld el 15
                  Il testo rap,scritto qualche settimana dopo la scarcerazione del giovane rapper accusato di detenzione e spaccio di droga,attacca in maniera abbastanza esplicita e diretta la brutalità e la corruzione della polizia tunisina,colpevole,secondo''Weld el 15'',di spacciare droga alla gioventù tunisina per poi  divertirsi a trarla in arresto.

                    







                  Traduzione del testo '' Boulicia kleb '' 

                  ''I poliziotti sono dei cani''



                     
                  Mi hanno arrestato per aver consumato della marijuana.

                  Hanno fatto piangere mia madre arrestandomi con una falsa accusa.

                  Per un loro errore sono stato imprigionato in un buco.

                  Alla Tunisia dono una rosa e al governo  una '' katla '' ( gesto dell'ombrello).

                  Fammi fare una tirata.

                  Non avrei preso un anno di galera se fossi stato figlio di qualcuno.

                  Volevo cambiare
                  ho tolto la droga dalle tasche.

                  Non avrei mai visto la prigione se fossi stato figlio di Slim Chiboub ( genero di Ben Ali).

                  Presidente,avvocato e agente
                  come voi avete fatto piangere mio padre io darò fuoco al vostro.

                  Qui è il quartiere '' Kandahar''
                  il bicchiere è troppo pieno
                  nella mia sinistra ho il diavolo e nella destra Abu Ayadh.

                  Mi hanno lavorato per bene
                  mi hanno condotto al cimitero
                  ieri dormivo a casa e oggi a '' Zuzana ( nome di una prigione).

                  Mamma non piangere
                  non mi hanno indebolito
                  alla madre del poliziotto che mi ha arrestato gli farò mangiare l'erba.


                  I POLIZIOTTI SONO DEI CANI E IO CHE MI CHIEDEVO DA DOVE VENISSERO I LATRATI (RITORNELLO)

                  ABBAIA CANE ABBAIA ( RITORNELLO) .

                  Agente ricarica le tue armi e spara
                  siamo degi zombie e non sentiamo alcun dolore.

                  Vuoi la mia carta d'identità ma io non te la darò.

                  Nella Aid ( festa islamica) vorrei sgozzare un poliziotto al posto di un montone.

                  Ci hanno rincorso per i quartieri senza mai prenderci
                  di sera infestano i quartieri come dei serpenti
                  se cerchi della roba su di me non troverai nulla
                  intere generazioni hanno interrotto gli studi ma mai lo spaccio di droga
                  poliziotto e' cosi che viviamo non abbiamo nulla da nascondere.

                  Ci avete fatto odiare la civiltà,solo Dio sa come stiamo.

                  Vuoi arrestarmi e mettermi le manette, toglimi dalla tua testa e non rompere il cazzo.

                  Questo è il nostro quartiere e tu vuoi impaurirci con la prigione
                   vuoi apparire un duro ma in testa hai solo un paio di mutande .

                  In testa ho troppi demoni e roba sporca,avvicina il tuo orecchio ti dirò di che si tratta :
                  come prima mi avevi sodomizzato, adesso io sodomizzero te.

                  I POLIZIOTTI SONO DEI CANI ED IO CHE MI CHIEDEVO DA DOVE VENISSERO I LATRATI (RITORNELLO)ABBAIA CANE ABBAIA ( RITORNELLO).

                  Da Bouchoucha (prigione) alla doccia
                  abbiamo cuori di pietra.
                  Fotti quei serpenti, dammi una pistola che li uccido.

                  Mi arresti o non mi arresti a me non cambia nulla.
                  Sono sempre fuso e sotto l'effetto dell'erba
                  prova a farmi qualcosa !

                  I poliziotti sono dei cani
                  è cosa già nota. Il più '' pulito ''del ministero ( dell'interno) è uno stronzo corrotto.

                  Lo vedi sull'attenti di fronte ad un ufficiale, che segaiolo.

                  Una generazione drogata
                  una generazione peccatrice.
                  Cocaina,marijuana e la chetamina, da dove credete sia arrivata ?
                  Non siete voi che la importate?
                  Da dove credete che venga la droga ?

                  Siete voi che la spacciate siete voi i criminali, Ci avete distrutto fin dall'infanzia.

                  Non voglio più dilungarmi
                  ti racconterò di quello che mi frulla per la testa :

                  Credevo che il paese ha subito una rivoluzione ma invece è stata solo una fregatura.
                  Danza Governo visto che siamo noi quelli fottuti.

                  Una dedica ai ragazzi del quartiere e alla gioventù calpestata.


                  I POLIZIOTTI SONO DEI CANI E IO CHE MI CHIEDEVO DA DOVE VENISSERO I LATRATI (RITORNELLO)

                  ABBAIA CANE ABBAIA ( RITORNELLO)


                  Abu Ayadh *
                  capo carismatico dei salafiti in Tunisia

                  Slim Chiboub *
                  Genero del presidente deposto Zine Abidine Ben Ali.

                  Aid el idha ( abbreviato Aid) *
                  Festa musulmana dove vengono sacrificate ( quindi sgozzate) pecore e montoni.

                  Weld el 15  ” I poliziotti sono dei cani” .

                  Weld el 15 ” I poliziotti sono dei cani” .

                  In prigione il rapper tunisino '' Weld el 15'',all'anagrafe Alaa Yacoub,arrestato il marzo scorso per il contenuto troppo ''esplicito'' del suo ultimo testo rap '' boulicia kleb'' ( i poliziotti sono dei cani) . Il cantante adesso dovrà scontare due anni di carcere.


                  Weld el 15
                  Il testo rap,scritto qualche settimana dopo la scarcerazione del giovane rapper accusato di detenzione e spaccio di droga,attacca in maniera abbastanza esplicita e diretta la brutalità e la corruzione della polizia tunisina,colpevole,secondo''Weld el 15'',di spacciare droga alla gioventù tunisina per poi  divertirsi a trarla in arresto.

                    







                  Traduzione del testo '' Boulicia kleb '' 

                  ''I poliziotti sono dei cani''



                     
                  Mi hanno arrestato per aver consumato della marijuana.

                  Hanno fatto piangere mia madre arrestandomi con una falsa accusa.

                  Per un loro errore sono stato imprigionato in un buco.

                  Alla Tunisia dono una rosa e al governo  una '' katla '' ( gesto dell'ombrello).

                  Fammi fare una tirata.

                  Non avrei preso un anno di galera se fossi stato figlio di qualcuno.

                  Volevo cambiare
                  ho tolto la droga dalle tasche.

                  Non avrei mai visto la prigione se fossi stato figlio di Slim Chiboub ( genero di Ben Ali).

                  Presidente,avvocato e agente
                  come voi avete fatto piangere mio padre io darò fuoco al vostro.

                  Qui è il quartiere '' Kandahar''
                  il bicchiere è troppo pieno
                  nella mia sinistra ho il diavolo e nella destra Abu Ayadh.

                  Mi hanno lavorato per bene
                  mi hanno condotto al cimitero
                  ieri dormivo a casa e oggi a '' Zuzana ( nome di una prigione).

                  Mamma non piangere
                  non mi hanno indebolito
                  alla madre del poliziotto che mi ha arrestato gli farò mangiare l'erba.


                  I POLIZIOTTI SONO DEI CANI E IO CHE MI CHIEDEVO DA DOVE VENISSERO I LATRATI (RITORNELLO)

                  ABBAIA CANE ABBAIA ( RITORNELLO) .

                  Agente ricarica le tue armi e spara
                  siamo degi zombie e non sentiamo alcun dolore.

                  Vuoi la mia carta d'identità ma io non te la darò.

                  Nella Aid ( festa islamica) vorrei sgozzare un poliziotto al posto di un montone.

                  Ci hanno rincorso per i quartieri senza mai prenderci
                  di sera infestano i quartieri come dei serpenti
                  se cerchi della roba su di me non troverai nulla
                  intere generazioni hanno interrotto gli studi ma mai lo spaccio di droga
                  poliziotto e' cosi che viviamo non abbiamo nulla da nascondere.

                  Ci avete fatto odiare la civiltà,solo Dio sa come stiamo.

                  Vuoi arrestarmi e mettermi le manette, toglimi dalla tua testa e non rompere il cazzo.

                  Questo è il nostro quartiere e tu vuoi impaurirci con la prigione
                   vuoi apparire un duro ma in testa hai solo un paio di mutande .

                  In testa ho troppi demoni e roba sporca,avvicina il tuo orecchio ti dirò di che si tratta :
                  come prima mi avevi sodomizzato, adesso io sodomizzero te.

                  I POLIZIOTTI SONO DEI CANI ED IO CHE MI CHIEDEVO DA DOVE VENISSERO I LATRATI (RITORNELLO)ABBAIA CANE ABBAIA ( RITORNELLO).

                  Da Bouchoucha (prigione) alla doccia
                  abbiamo cuori di pietra.
                  Fotti quei serpenti, dammi una pistola che li uccido.

                  Mi arresti o non mi arresti a me non cambia nulla.
                  Sono sempre fuso e sotto l'effetto dell'erba
                  prova a farmi qualcosa !

                  I poliziotti sono dei cani
                  è cosa già nota. Il più '' pulito ''del ministero ( dell'interno) è uno stronzo corrotto.

                  Lo vedi sull'attenti di fronte ad un ufficiale, che segaiolo.

                  Una generazione drogata
                  una generazione peccatrice.
                  Cocaina,marijuana e la chetamina, da dove credete sia arrivata ?
                  Non siete voi che la importate?
                  Da dove credete che venga la droga ?

                  Siete voi che la spacciate siete voi i criminali, Ci avete distrutto fin dall'infanzia.

                  Non voglio più dilungarmi
                  ti racconterò di quello che mi frulla per la testa :

                  Credevo che il paese ha subito una rivoluzione ma invece è stata solo una fregatura.
                  Danza Governo visto che siamo noi quelli fottuti.

                  Una dedica ai ragazzi del quartiere e alla gioventù calpestata.


                  I POLIZIOTTI SONO DEI CANI E IO CHE MI CHIEDEVO DA DOVE VENISSERO I LATRATI (RITORNELLO)

                  ABBAIA CANE ABBAIA ( RITORNELLO)


                  Abu Ayadh *
                  capo carismatico dei salafiti in Tunisia

                  Slim Chiboub *
                  Genero del presidente deposto Zine Abidine Ben Ali.

                  Aid el idha ( abbreviato Aid) *
                  Festa musulmana dove vengono sacrificate ( quindi sgozzate) pecore e montoni.

                  Weld el 15  ” I poliziotti sono dei cani” .

                  Weld el 15 ” I poliziotti sono dei cani” .

                  In prigione il rapper tunisino '' Weld el 15'',all'anagrafe Alaa Yacoub,arrestato il marzo scorso per il contenuto troppo ''esplicito'' del suo ultimo testo rap '' boulicia kleb'' ( i poliziotti sono dei cani) . Il cantante adesso dovrà scontare due anni di carcere.


                  Weld el 15
                  Il testo rap,scritto qualche settimana dopo la scarcerazione del giovane rapper accusato di detenzione e spaccio di droga,attacca in maniera abbastanza esplicita e diretta la brutalità e la corruzione della polizia tunisina,colpevole,secondo''Weld el 15'',di spacciare droga alla gioventù tunisina per poi  divertirsi a trarla in arresto.

                    







                  Traduzione del testo '' Boulicia kleb '' 

                  ''I poliziotti sono dei cani''



                     
                  Mi hanno arrestato per aver consumato della marijuana.

                  Hanno fatto piangere mia madre arrestandomi con una falsa accusa.

                  Per un loro errore sono stato imprigionato in un buco.

                  Alla Tunisia dono una rosa e al governo  una '' katla '' ( gesto dell'ombrello).

                  Fammi fare una tirata.

                  Non avrei preso un anno di galera se fossi stato figlio di qualcuno.

                  Volevo cambiare
                  ho tolto la droga dalle tasche.

                  Non avrei mai visto la prigione se fossi stato figlio di Slim Chiboub ( genero di Ben Ali).

                  Presidente,avvocato e agente
                  come voi avete fatto piangere mio padre io darò fuoco al vostro.

                  Qui è il quartiere '' Kandahar''
                  il bicchiere è troppo pieno
                  nella mia sinistra ho il diavolo e nella destra Abu Ayadh.

                  Mi hanno lavorato per bene
                  mi hanno condotto al cimitero
                  ieri dormivo a casa e oggi a '' Zuzana ( nome di una prigione).

                  Mamma non piangere
                  non mi hanno indebolito
                  alla madre del poliziotto che mi ha arrestato gli farò mangiare l'erba.


                  I POLIZIOTTI SONO DEI CANI E IO CHE MI CHIEDEVO DA DOVE VENISSERO I LATRATI (RITORNELLO)

                  ABBAIA CANE ABBAIA ( RITORNELLO) .

                  Agente ricarica le tue armi e spara
                  siamo degi zombie e non sentiamo alcun dolore.

                  Vuoi la mia carta d'identità ma io non te la darò.

                  Nella Aid ( festa islamica) vorrei sgozzare un poliziotto al posto di un montone.

                  Ci hanno rincorso per i quartieri senza mai prenderci
                  di sera infestano i quartieri come dei serpenti
                  se cerchi della roba su di me non troverai nulla
                  intere generazioni hanno interrotto gli studi ma mai lo spaccio di droga
                  poliziotto e' cosi che viviamo non abbiamo nulla da nascondere.

                  Ci avete fatto odiare la civiltà,solo Dio sa come stiamo.

                  Vuoi arrestarmi e mettermi le manette, toglimi dalla tua testa e non rompere il cazzo.

                  Questo è il nostro quartiere e tu vuoi impaurirci con la prigione
                   vuoi apparire un duro ma in testa hai solo un paio di mutande .

                  In testa ho troppi demoni e roba sporca,avvicina il tuo orecchio ti dirò di che si tratta :
                  come prima mi avevi sodomizzato, adesso io sodomizzero te.

                  I POLIZIOTTI SONO DEI CANI ED IO CHE MI CHIEDEVO DA DOVE VENISSERO I LATRATI (RITORNELLO)ABBAIA CANE ABBAIA ( RITORNELLO).

                  Da Bouchoucha (prigione) alla doccia
                  abbiamo cuori di pietra.
                  Fotti quei serpenti, dammi una pistola che li uccido.

                  Mi arresti o non mi arresti a me non cambia nulla.
                  Sono sempre fuso e sotto l'effetto dell'erba
                  prova a farmi qualcosa !

                  I poliziotti sono dei cani
                  è cosa già nota. Il più '' pulito ''del ministero ( dell'interno) è uno stronzo corrotto.

                  Lo vedi sull'attenti di fronte ad un ufficiale, che segaiolo.

                  Una generazione drogata
                  una generazione peccatrice.
                  Cocaina,marijuana e la chetamina, da dove credete sia arrivata ?
                  Non siete voi che la importate?
                  Da dove credete che venga la droga ?

                  Siete voi che la spacciate siete voi i criminali, Ci avete distrutto fin dall'infanzia.

                  Non voglio più dilungarmi
                  ti racconterò di quello che mi frulla per la testa :

                  Credevo che il paese ha subito una rivoluzione ma invece è stata solo una fregatura.
                  Danza Governo visto che siamo noi quelli fottuti.

                  Una dedica ai ragazzi del quartiere e alla gioventù calpestata.


                  I POLIZIOTTI SONO DEI CANI E IO CHE MI CHIEDEVO DA DOVE VENISSERO I LATRATI (RITORNELLO)

                  ABBAIA CANE ABBAIA ( RITORNELLO)


                  Abu Ayadh *
                  capo carismatico dei salafiti in Tunisia

                  Slim Chiboub *
                  Genero del presidente deposto Zine Abidine Ben Ali.

                  Aid el idha ( abbreviato Aid) *
                  Festa musulmana dove vengono sacrificate ( quindi sgozzate) pecore e montoni.

                  Weld el 15  ” I poliziotti sono dei cani” .

                  Weld el 15 ” I poliziotti sono dei cani” .

                  In prigione il rapper tunisino '' Weld el 15'',all'anagrafe Alaa Yacoub,arrestato il marzo scorso per il contenuto troppo ''esplicito'' del suo ultimo testo rap '' boulicia kleb'' ( i poliziotti sono dei cani) . Il cantante adesso dovrà scontare due anni di carcere.


                  Weld el 15
                  Il testo rap,scritto qualche settimana dopo la scarcerazione del giovane rapper accusato di detenzione e spaccio di droga,attacca in maniera abbastanza esplicita e diretta la brutalità e la corruzione della polizia tunisina,colpevole,secondo''Weld el 15'',di spacciare droga alla gioventù tunisina per poi  divertirsi a trarla in arresto.

                    







                  Traduzione del testo '' Boulicia kleb '' 

                  ''I poliziotti sono dei cani''



                     
                  Mi hanno arrestato per aver consumato della marijuana.

                  Hanno fatto piangere mia madre arrestandomi con una falsa accusa.

                  Per un loro errore sono stato imprigionato in un buco.

                  Alla Tunisia dono una rosa e al governo  una '' katla '' ( gesto dell'ombrello).

                  Fammi fare una tirata.

                  Non avrei preso un anno di galera se fossi stato figlio di qualcuno.

                  Volevo cambiare
                  ho tolto la droga dalle tasche.

                  Non avrei mai visto la prigione se fossi stato figlio di Slim Chiboub ( genero di Ben Ali).

                  Presidente,avvocato e agente
                  come voi avete fatto piangere mio padre io darò fuoco al vostro.

                  Qui è il quartiere '' Kandahar''
                  il bicchiere è troppo pieno
                  nella mia sinistra ho il diavolo e nella destra Abu Ayadh.

                  Mi hanno lavorato per bene
                  mi hanno condotto al cimitero
                  ieri dormivo a casa e oggi a '' Zuzana ( nome di una prigione).

                  Mamma non piangere
                  non mi hanno indebolito
                  alla madre del poliziotto che mi ha arrestato gli farò mangiare l'erba.


                  I POLIZIOTTI SONO DEI CANI E IO CHE MI CHIEDEVO DA DOVE VENISSERO I LATRATI (RITORNELLO)

                  ABBAIA CANE ABBAIA ( RITORNELLO) .

                  Agente ricarica le tue armi e spara
                  siamo degi zombie e non sentiamo alcun dolore.

                  Vuoi la mia carta d'identità ma io non te la darò.

                  Nella Aid ( festa islamica) vorrei sgozzare un poliziotto al posto di un montone.

                  Ci hanno rincorso per i quartieri senza mai prenderci
                  di sera infestano i quartieri come dei serpenti
                  se cerchi della roba su di me non troverai nulla
                  intere generazioni hanno interrotto gli studi ma mai lo spaccio di droga
                  poliziotto e' cosi che viviamo non abbiamo nulla da nascondere.

                  Ci avete fatto odiare la civiltà,solo Dio sa come stiamo.

                  Vuoi arrestarmi e mettermi le manette, toglimi dalla tua testa e non rompere il cazzo.

                  Questo è il nostro quartiere e tu vuoi impaurirci con la prigione
                   vuoi apparire un duro ma in testa hai solo un paio di mutande .

                  In testa ho troppi demoni e roba sporca,avvicina il tuo orecchio ti dirò di che si tratta :
                  come prima mi avevi sodomizzato, adesso io sodomizzero te.

                  I POLIZIOTTI SONO DEI CANI ED IO CHE MI CHIEDEVO DA DOVE VENISSERO I LATRATI (RITORNELLO)ABBAIA CANE ABBAIA ( RITORNELLO).

                  Da Bouchoucha (prigione) alla doccia
                  abbiamo cuori di pietra.
                  Fotti quei serpenti, dammi una pistola che li uccido.

                  Mi arresti o non mi arresti a me non cambia nulla.
                  Sono sempre fuso e sotto l'effetto dell'erba
                  prova a farmi qualcosa !

                  I poliziotti sono dei cani
                  è cosa già nota. Il più '' pulito ''del ministero ( dell'interno) è uno stronzo corrotto.

                  Lo vedi sull'attenti di fronte ad un ufficiale, che segaiolo.

                  Una generazione drogata
                  una generazione peccatrice.
                  Cocaina,marijuana e la chetamina, da dove credete sia arrivata ?
                  Non siete voi che la importate?
                  Da dove credete che venga la droga ?

                  Siete voi che la spacciate siete voi i criminali, Ci avete distrutto fin dall'infanzia.

                  Non voglio più dilungarmi
                  ti racconterò di quello che mi frulla per la testa :

                  Credevo che il paese ha subito una rivoluzione ma invece è stata solo una fregatura.
                  Danza Governo visto che siamo noi quelli fottuti.

                  Una dedica ai ragazzi del quartiere e alla gioventù calpestata.


                  I POLIZIOTTI SONO DEI CANI E IO CHE MI CHIEDEVO DA DOVE VENISSERO I LATRATI (RITORNELLO)

                  ABBAIA CANE ABBAIA ( RITORNELLO)


                  Abu Ayadh *
                  capo carismatico dei salafiti in Tunisia

                  Slim Chiboub *
                  Genero del presidente deposto Zine Abidine Ben Ali.

                  Aid el idha ( abbreviato Aid) *
                  Festa musulmana dove vengono sacrificate ( quindi sgozzate) pecore e montoni.

                  Weld el 15  ” I poliziotti sono dei cani” .

                  Weld el 15 ” I poliziotti sono dei cani” .

                  In prigione il rapper tunisino '' Weld el 15'',all'anagrafe Alaa Yacoub,arrestato il marzo scorso per il contenuto troppo ''esplicito'' del suo ultimo testo rap '' boulicia kleb'' ( i poliziotti sono dei cani) . Il cantante adesso dovrà scontare due anni di carcere.


                  Weld el 15
                  Il testo rap,scritto qualche settimana dopo la scarcerazione del giovane rapper accusato di detenzione e spaccio di droga,attacca in maniera abbastanza esplicita e diretta la brutalità e la corruzione della polizia tunisina,colpevole,secondo''Weld el 15'',di spacciare droga alla gioventù tunisina per poi  divertirsi a trarla in arresto.

                    







                  Traduzione del testo '' Boulicia kleb '' 

                  ''I poliziotti sono dei cani''



                     
                  Mi hanno arrestato per aver consumato della marijuana.

                  Hanno fatto piangere mia madre arrestandomi con una falsa accusa.

                  Per un loro errore sono stato imprigionato in un buco.

                  Alla Tunisia dono una rosa e al governo  una '' katla '' ( gesto dell'ombrello).

                  Fammi fare una tirata.

                  Non avrei preso un anno di galera se fossi stato figlio di qualcuno.

                  Volevo cambiare
                  ho tolto la droga dalle tasche.

                  Non avrei mai visto la prigione se fossi stato figlio di Slim Chiboub ( genero di Ben Ali).

                  Presidente,avvocato e agente
                  come voi avete fatto piangere mio padre io darò fuoco al vostro.

                  Qui è il quartiere '' Kandahar''
                  il bicchiere è troppo pieno
                  nella mia sinistra ho il diavolo e nella destra Abu Ayadh.

                  Mi hanno lavorato per bene
                  mi hanno condotto al cimitero
                  ieri dormivo a casa e oggi a '' Zuzana ( nome di una prigione).

                  Mamma non piangere
                  non mi hanno indebolito
                  alla madre del poliziotto che mi ha arrestato gli farò mangiare l'erba.


                  I POLIZIOTTI SONO DEI CANI E IO CHE MI CHIEDEVO DA DOVE VENISSERO I LATRATI (RITORNELLO)

                  ABBAIA CANE ABBAIA ( RITORNELLO) .

                  Agente ricarica le tue armi e spara
                  siamo degi zombie e non sentiamo alcun dolore.

                  Vuoi la mia carta d'identità ma io non te la darò.

                  Nella Aid ( festa islamica) vorrei sgozzare un poliziotto al posto di un montone.

                  Ci hanno rincorso per i quartieri senza mai prenderci
                  di sera infestano i quartieri come dei serpenti
                  se cerchi della roba su di me non troverai nulla
                  intere generazioni hanno interrotto gli studi ma mai lo spaccio di droga
                  poliziotto e' cosi che viviamo non abbiamo nulla da nascondere.

                  Ci avete fatto odiare la civiltà,solo Dio sa come stiamo.

                  Vuoi arrestarmi e mettermi le manette, toglimi dalla tua testa e non rompere il cazzo.

                  Questo è il nostro quartiere e tu vuoi impaurirci con la prigione
                   vuoi apparire un duro ma in testa hai solo un paio di mutande .

                  In testa ho troppi demoni e roba sporca,avvicina il tuo orecchio ti dirò di che si tratta :
                  come prima mi avevi sodomizzato, adesso io sodomizzero te.

                  I POLIZIOTTI SONO DEI CANI ED IO CHE MI CHIEDEVO DA DOVE VENISSERO I LATRATI (RITORNELLO)ABBAIA CANE ABBAIA ( RITORNELLO).

                  Da Bouchoucha (prigione) alla doccia
                  abbiamo cuori di pietra.
                  Fotti quei serpenti, dammi una pistola che li uccido.

                  Mi arresti o non mi arresti a me non cambia nulla.
                  Sono sempre fuso e sotto l'effetto dell'erba
                  prova a farmi qualcosa !

                  I poliziotti sono dei cani
                  è cosa già nota. Il più '' pulito ''del ministero ( dell'interno) è uno stronzo corrotto.

                  Lo vedi sull'attenti di fronte ad un ufficiale, che segaiolo.

                  Una generazione drogata
                  una generazione peccatrice.
                  Cocaina,marijuana e la chetamina, da dove credete sia arrivata ?
                  Non siete voi che la importate?
                  Da dove credete che venga la droga ?

                  Siete voi che la spacciate siete voi i criminali, Ci avete distrutto fin dall'infanzia.

                  Non voglio più dilungarmi
                  ti racconterò di quello che mi frulla per la testa :

                  Credevo che il paese ha subito una rivoluzione ma invece è stata solo una fregatura.
                  Danza Governo visto che siamo noi quelli fottuti.

                  Una dedica ai ragazzi del quartiere e alla gioventù calpestata.


                  I POLIZIOTTI SONO DEI CANI E IO CHE MI CHIEDEVO DA DOVE VENISSERO I LATRATI (RITORNELLO)

                  ABBAIA CANE ABBAIA ( RITORNELLO)


                  Abu Ayadh *
                  capo carismatico dei salafiti in Tunisia

                  Slim Chiboub *
                  Genero del presidente deposto Zine Abidine Ben Ali.

                  Aid el idha ( abbreviato Aid) *
                  Festa musulmana dove vengono sacrificate ( quindi sgozzate) pecore e montoni.

                  Weld el 15  ” I poliziotti sono dei cani” .

                  Weld el 15 ” I poliziotti sono dei cani” .

                  In prigione il rapper tunisino '' Weld el 15'',all'anagrafe Alaa Yacoub,arrestato il marzo scorso per il contenuto troppo ''esplicito'' del suo ultimo testo rap '' boulicia kleb'' ( i poliziotti sono dei cani) . Il cantante adesso dovrà scontare due anni di carcere.


                  Weld el 15
                  Il testo rap,scritto qualche settimana dopo la scarcerazione del giovane rapper accusato di detenzione e spaccio di droga,attacca in maniera abbastanza esplicita e diretta la brutalità e la corruzione della polizia tunisina,colpevole,secondo''Weld el 15'',di spacciare droga alla gioventù tunisina per poi  divertirsi a trarla in arresto.

                    







                  Traduzione del testo '' Boulicia kleb '' 

                  ''I poliziotti sono dei cani''



                     
                  Mi hanno arrestato per aver consumato della marijuana.

                  Hanno fatto piangere mia madre arrestandomi con una falsa accusa.

                  Per un loro errore sono stato imprigionato in un buco.

                  Alla Tunisia dono una rosa e al governo  una '' katla '' ( gesto dell'ombrello).

                  Fammi fare una tirata.

                  Non avrei preso un anno di galera se fossi stato figlio di qualcuno.

                  Volevo cambiare
                  ho tolto la droga dalle tasche.

                  Non avrei mai visto la prigione se fossi stato figlio di Slim Chiboub ( genero di Ben Ali).

                  Presidente,avvocato e agente
                  come voi avete fatto piangere mio padre io darò fuoco al vostro.

                  Qui è il quartiere '' Kandahar''
                  il bicchiere è troppo pieno
                  nella mia sinistra ho il diavolo e nella destra Abu Ayadh.

                  Mi hanno lavorato per bene
                  mi hanno condotto al cimitero
                  ieri dormivo a casa e oggi a '' Zuzana ( nome di una prigione).

                  Mamma non piangere
                  non mi hanno indebolito
                  alla madre del poliziotto che mi ha arrestato gli farò mangiare l'erba.


                  I POLIZIOTTI SONO DEI CANI E IO CHE MI CHIEDEVO DA DOVE VENISSERO I LATRATI (RITORNELLO)

                  ABBAIA CANE ABBAIA ( RITORNELLO) .

                  Agente ricarica le tue armi e spara
                  siamo degi zombie e non sentiamo alcun dolore.

                  Vuoi la mia carta d'identità ma io non te la darò.

                  Nella Aid ( festa islamica) vorrei sgozzare un poliziotto al posto di un montone.

                  Ci hanno rincorso per i quartieri senza mai prenderci
                  di sera infestano i quartieri come dei serpenti
                  se cerchi della roba su di me non troverai nulla
                  intere generazioni hanno interrotto gli studi ma mai lo spaccio di droga
                  poliziotto e' cosi che viviamo non abbiamo nulla da nascondere.

                  Ci avete fatto odiare la civiltà,solo Dio sa come stiamo.

                  Vuoi arrestarmi e mettermi le manette, toglimi dalla tua testa e non rompere il cazzo.

                  Questo è il nostro quartiere e tu vuoi impaurirci con la prigione
                   vuoi apparire un duro ma in testa hai solo un paio di mutande .

                  In testa ho troppi demoni e roba sporca,avvicina il tuo orecchio ti dirò di che si tratta :
                  come prima mi avevi sodomizzato, adesso io sodomizzero te.

                  I POLIZIOTTI SONO DEI CANI ED IO CHE MI CHIEDEVO DA DOVE VENISSERO I LATRATI (RITORNELLO)ABBAIA CANE ABBAIA ( RITORNELLO).

                  Da Bouchoucha (prigione) alla doccia
                  abbiamo cuori di pietra.
                  Fotti quei serpenti, dammi una pistola che li uccido.

                  Mi arresti o non mi arresti a me non cambia nulla.
                  Sono sempre fuso e sotto l'effetto dell'erba
                  prova a farmi qualcosa !

                  I poliziotti sono dei cani
                  è cosa già nota. Il più '' pulito ''del ministero ( dell'interno) è uno stronzo corrotto.

                  Lo vedi sull'attenti di fronte ad un ufficiale, che segaiolo.

                  Una generazione drogata
                  una generazione peccatrice.
                  Cocaina,marijuana e la chetamina, da dove credete sia arrivata ?
                  Non siete voi che la importate?
                  Da dove credete che venga la droga ?

                  Siete voi che la spacciate siete voi i criminali, Ci avete distrutto fin dall'infanzia.

                  Non voglio più dilungarmi
                  ti racconterò di quello che mi frulla per la testa :

                  Credevo che il paese ha subito una rivoluzione ma invece è stata solo una fregatura.
                  Danza Governo visto che siamo noi quelli fottuti.

                  Una dedica ai ragazzi del quartiere e alla gioventù calpestata.


                  I POLIZIOTTI SONO DEI CANI E IO CHE MI CHIEDEVO DA DOVE VENISSERO I LATRATI (RITORNELLO)

                  ABBAIA CANE ABBAIA ( RITORNELLO)


                  Abu Ayadh *
                  capo carismatico dei salafiti in Tunisia

                  Slim Chiboub *
                  Genero del presidente deposto Zine Abidine Ben Ali.

                  Aid el idha ( abbreviato Aid) *
                  Festa musulmana dove vengono sacrificate ( quindi sgozzate) pecore e montoni.

                  Weld el 15  ” I poliziotti sono dei cani” .

                  Weld el 15 ” I poliziotti sono dei cani” .

                  In prigione il rapper tunisino '' Weld el 15'',all'anagrafe Alaa Yacoub,arrestato il marzo scorso per il contenuto troppo ''esplicito'' del suo ultimo testo rap '' boulicia kleb'' ( i poliziotti sono dei cani) . Il cantante adesso dovrà scontare due anni di carcere.


                  Weld el 15
                  Il testo rap,scritto qualche settimana dopo la scarcerazione del giovane rapper accusato di detenzione e spaccio di droga,attacca in maniera abbastanza esplicita e diretta la brutalità e la corruzione della polizia tunisina,colpevole,secondo''Weld el 15'',di spacciare droga alla gioventù tunisina per poi  divertirsi a trarla in arresto.

                    







                  Traduzione del testo '' Boulicia kleb '' 

                  ''I poliziotti sono dei cani''



                     
                  Mi hanno arrestato per aver consumato della marijuana.

                  Hanno fatto piangere mia madre arrestandomi con una falsa accusa.

                  Per un loro errore sono stato imprigionato in un buco.

                  Alla Tunisia dono una rosa e al governo  una '' katla '' ( gesto dell'ombrello).

                  Fammi fare una tirata.

                  Non avrei preso un anno di galera se fossi stato figlio di qualcuno.

                  Volevo cambiare
                  ho tolto la droga dalle tasche.

                  Non avrei mai visto la prigione se fossi stato figlio di Slim Chiboub ( genero di Ben Ali).

                  Presidente,avvocato e agente
                  come voi avete fatto piangere mio padre io darò fuoco al vostro.

                  Qui è il quartiere '' Kandahar''
                  il bicchiere è troppo pieno
                  nella mia sinistra ho il diavolo e nella destra Abu Ayadh.

                  Mi hanno lavorato per bene
                  mi hanno condotto al cimitero
                  ieri dormivo a casa e oggi a '' Zuzana ( nome di una prigione).

                  Mamma non piangere
                  non mi hanno indebolito
                  alla madre del poliziotto che mi ha arrestato gli farò mangiare l'erba.


                  I POLIZIOTTI SONO DEI CANI E IO CHE MI CHIEDEVO DA DOVE VENISSERO I LATRATI (RITORNELLO)

                  ABBAIA CANE ABBAIA ( RITORNELLO) .

                  Agente ricarica le tue armi e spara
                  siamo degi zombie e non sentiamo alcun dolore.

                  Vuoi la mia carta d'identità ma io non te la darò.

                  Nella Aid ( festa islamica) vorrei sgozzare un poliziotto al posto di un montone.

                  Ci hanno rincorso per i quartieri senza mai prenderci
                  di sera infestano i quartieri come dei serpenti
                  se cerchi della roba su di me non troverai nulla
                  intere generazioni hanno interrotto gli studi ma mai lo spaccio di droga
                  poliziotto e' cosi che viviamo non abbiamo nulla da nascondere.

                  Ci avete fatto odiare la civiltà,solo Dio sa come stiamo.

                  Vuoi arrestarmi e mettermi le manette, toglimi dalla tua testa e non rompere il cazzo.

                  Questo è il nostro quartiere e tu vuoi impaurirci con la prigione
                   vuoi apparire un duro ma in testa hai solo un paio di mutande .

                  In testa ho troppi demoni e roba sporca,avvicina il tuo orecchio ti dirò di che si tratta :
                  come prima mi avevi sodomizzato, adesso io sodomizzero te.

                  I POLIZIOTTI SONO DEI CANI ED IO CHE MI CHIEDEVO DA DOVE VENISSERO I LATRATI (RITORNELLO)ABBAIA CANE ABBAIA ( RITORNELLO).

                  Da Bouchoucha (prigione) alla doccia
                  abbiamo cuori di pietra.
                  Fotti quei serpenti, dammi una pistola che li uccido.

                  Mi arresti o non mi arresti a me non cambia nulla.
                  Sono sempre fuso e sotto l'effetto dell'erba
                  prova a farmi qualcosa !

                  I poliziotti sono dei cani
                  è cosa già nota. Il più '' pulito ''del ministero ( dell'interno) è uno stronzo corrotto.

                  Lo vedi sull'attenti di fronte ad un ufficiale, che segaiolo.

                  Una generazione drogata
                  una generazione peccatrice.
                  Cocaina,marijuana e la chetamina, da dove credete sia arrivata ?
                  Non siete voi che la importate?
                  Da dove credete che venga la droga ?

                  Siete voi che la spacciate siete voi i criminali, Ci avete distrutto fin dall'infanzia.

                  Non voglio più dilungarmi
                  ti racconterò di quello che mi frulla per la testa :

                  Credevo che il paese ha subito una rivoluzione ma invece è stata solo una fregatura.
                  Danza Governo visto che siamo noi quelli fottuti.

                  Una dedica ai ragazzi del quartiere e alla gioventù calpestata.


                  I POLIZIOTTI SONO DEI CANI E IO CHE MI CHIEDEVO DA DOVE VENISSERO I LATRATI (RITORNELLO)

                  ABBAIA CANE ABBAIA ( RITORNELLO)


                  Abu Ayadh *
                  capo carismatico dei salafiti in Tunisia

                  Slim Chiboub *
                  Genero del presidente deposto Zine Abidine Ben Ali.

                  Aid el idha ( abbreviato Aid) *
                  Festa musulmana dove vengono sacrificate ( quindi sgozzate) pecore e montoni.

                  Weld el 15  ” I poliziotti sono dei cani” .

                  Weld el 15 ” I poliziotti sono dei cani” .

                  In prigione il rapper tunisino '' Weld el 15'',all'anagrafe Alaa Yacoub,arrestato il marzo scorso per il contenuto troppo ''esplicito'' del suo ultimo testo rap '' boulicia kleb'' ( i poliziotti sono dei cani) . Il cantante adesso dovrà scontare due anni di carcere.


                  Weld el 15
                  Il testo rap,scritto qualche settimana dopo la scarcerazione del giovane rapper accusato di detenzione e spaccio di droga,attacca in maniera abbastanza esplicita e diretta la brutalità e la corruzione della polizia tunisina,colpevole,secondo''Weld el 15'',di spacciare droga alla gioventù tunisina per poi  divertirsi a trarla in arresto.

                    







                  Traduzione del testo '' Boulicia kleb '' 

                  ''I poliziotti sono dei cani''



                     
                  Mi hanno arrestato per aver consumato della marijuana.

                  Hanno fatto piangere mia madre arrestandomi con una falsa accusa.

                  Per un loro errore sono stato imprigionato in un buco.

                  Alla Tunisia dono una rosa e al governo  una '' katla '' ( gesto dell'ombrello).

                  Fammi fare una tirata.

                  Non avrei preso un anno di galera se fossi stato figlio di qualcuno.

                  Volevo cambiare
                  ho tolto la droga dalle tasche.

                  Non avrei mai visto la prigione se fossi stato figlio di Slim Chiboub ( genero di Ben Ali).

                  Presidente,avvocato e agente
                  come voi avete fatto piangere mio padre io darò fuoco al vostro.

                  Qui è il quartiere '' Kandahar''
                  il bicchiere è troppo pieno
                  nella mia sinistra ho il diavolo e nella destra Abu Ayadh.

                  Mi hanno lavorato per bene
                  mi hanno condotto al cimitero
                  ieri dormivo a casa e oggi a '' Zuzana ( nome di una prigione).

                  Mamma non piangere
                  non mi hanno indebolito
                  alla madre del poliziotto che mi ha arrestato gli farò mangiare l'erba.


                  I POLIZIOTTI SONO DEI CANI E IO CHE MI CHIEDEVO DA DOVE VENISSERO I LATRATI (RITORNELLO)

                  ABBAIA CANE ABBAIA ( RITORNELLO) .

                  Agente ricarica le tue armi e spara
                  siamo degi zombie e non sentiamo alcun dolore.

                  Vuoi la mia carta d'identità ma io non te la darò.

                  Nella Aid ( festa islamica) vorrei sgozzare un poliziotto al posto di un montone.

                  Ci hanno rincorso per i quartieri senza mai prenderci
                  di sera infestano i quartieri come dei serpenti
                  se cerchi della roba su di me non troverai nulla
                  intere generazioni hanno interrotto gli studi ma mai lo spaccio di droga
                  poliziotto e' cosi che viviamo non abbiamo nulla da nascondere.

                  Ci avete fatto odiare la civiltà,solo Dio sa come stiamo.

                  Vuoi arrestarmi e mettermi le manette, toglimi dalla tua testa e non rompere il cazzo.

                  Questo è il nostro quartiere e tu vuoi impaurirci con la prigione
                   vuoi apparire un duro ma in testa hai solo un paio di mutande .

                  In testa ho troppi demoni e roba sporca,avvicina il tuo orecchio ti dirò di che si tratta :
                  come prima mi avevi sodomizzato, adesso io sodomizzero te.

                  I POLIZIOTTI SONO DEI CANI ED IO CHE MI CHIEDEVO DA DOVE VENISSERO I LATRATI (RITORNELLO)ABBAIA CANE ABBAIA ( RITORNELLO).

                  Da Bouchoucha (prigione) alla doccia
                  abbiamo cuori di pietra.
                  Fotti quei serpenti, dammi una pistola che li uccido.

                  Mi arresti o non mi arresti a me non cambia nulla.
                  Sono sempre fuso e sotto l'effetto dell'erba
                  prova a farmi qualcosa !

                  I poliziotti sono dei cani
                  è cosa già nota. Il più '' pulito ''del ministero ( dell'interno) è uno stronzo corrotto.

                  Lo vedi sull'attenti di fronte ad un ufficiale, che segaiolo.

                  Una generazione drogata
                  una generazione peccatrice.
                  Cocaina,marijuana e la chetamina, da dove credete sia arrivata ?
                  Non siete voi che la importate?
                  Da dove credete che venga la droga ?

                  Siete voi che la spacciate siete voi i criminali, Ci avete distrutto fin dall'infanzia.

                  Non voglio più dilungarmi
                  ti racconterò di quello che mi frulla per la testa :

                  Credevo che il paese ha subito una rivoluzione ma invece è stata solo una fregatura.
                  Danza Governo visto che siamo noi quelli fottuti.

                  Una dedica ai ragazzi del quartiere e alla gioventù calpestata.


                  I POLIZIOTTI SONO DEI CANI E IO CHE MI CHIEDEVO DA DOVE VENISSERO I LATRATI (RITORNELLO)

                  ABBAIA CANE ABBAIA ( RITORNELLO)


                  Abu Ayadh *
                  capo carismatico dei salafiti in Tunisia

                  Slim Chiboub *
                  Genero del presidente deposto Zine Abidine Ben Ali.

                  Aid el idha ( abbreviato Aid) *
                  Festa musulmana dove vengono sacrificate ( quindi sgozzate) pecore e montoni.

                  Weld el 15  ” I poliziotti sono dei cani” .

                  Weld el 15 ” I poliziotti sono dei cani” .

                  In prigione il rapper tunisino '' Weld el 15'',all'anagrafe Alaa Yacoub,arrestato il marzo scorso per il contenuto troppo ''esplicito'' del suo ultimo testo rap '' boulicia kleb'' ( i poliziotti sono dei cani) . Il cantante adesso dovrà scontare due anni di carcere.


                  Weld el 15
                  Il testo rap,scritto qualche settimana dopo la scarcerazione del giovane rapper accusato di detenzione e spaccio di droga,attacca in maniera abbastanza esplicita e diretta la brutalità e la corruzione della polizia tunisina,colpevole,secondo''Weld el 15'',di spacciare droga alla gioventù tunisina per poi  divertirsi a trarla in arresto.

                    







                  Traduzione del testo '' Boulicia kleb '' 

                  ''I poliziotti sono dei cani''



                     
                  Mi hanno arrestato per aver consumato della marijuana.

                  Hanno fatto piangere mia madre arrestandomi con una falsa accusa.

                  Per un loro errore sono stato imprigionato in un buco.

                  Alla Tunisia dono una rosa e al governo  una '' katla '' ( gesto dell'ombrello).

                  Fammi fare una tirata.

                  Non avrei preso un anno di galera se fossi stato figlio di qualcuno.

                  Volevo cambiare
                  ho tolto la droga dalle tasche.

                  Non avrei mai visto la prigione se fossi stato figlio di Slim Chiboub ( genero di Ben Ali).

                  Presidente,avvocato e agente
                  come voi avete fatto piangere mio padre io darò fuoco al vostro.

                  Qui è il quartiere '' Kandahar''
                  il bicchiere è troppo pieno
                  nella mia sinistra ho il diavolo e nella destra Abu Ayadh.

                  Mi hanno lavorato per bene
                  mi hanno condotto al cimitero
                  ieri dormivo a casa e oggi a '' Zuzana ( nome di una prigione).

                  Mamma non piangere
                  non mi hanno indebolito
                  alla madre del poliziotto che mi ha arrestato gli farò mangiare l'erba.


                  I POLIZIOTTI SONO DEI CANI E IO CHE MI CHIEDEVO DA DOVE VENISSERO I LATRATI (RITORNELLO)

                  ABBAIA CANE ABBAIA ( RITORNELLO) .

                  Agente ricarica le tue armi e spara
                  siamo degi zombie e non sentiamo alcun dolore.

                  Vuoi la mia carta d'identità ma io non te la darò.

                  Nella Aid ( festa islamica) vorrei sgozzare un poliziotto al posto di un montone.

                  Ci hanno rincorso per i quartieri senza mai prenderci
                  di sera infestano i quartieri come dei serpenti
                  se cerchi della roba su di me non troverai nulla
                  intere generazioni hanno interrotto gli studi ma mai lo spaccio di droga
                  poliziotto e' cosi che viviamo non abbiamo nulla da nascondere.

                  Ci avete fatto odiare la civiltà,solo Dio sa come stiamo.

                  Vuoi arrestarmi e mettermi le manette, toglimi dalla tua testa e non rompere il cazzo.

                  Questo è il nostro quartiere e tu vuoi impaurirci con la prigione
                   vuoi apparire un duro ma in testa hai solo un paio di mutande .

                  In testa ho troppi demoni e roba sporca,avvicina il tuo orecchio ti dirò di che si tratta :
                  come prima mi avevi sodomizzato, adesso io sodomizzero te.

                  I POLIZIOTTI SONO DEI CANI ED IO CHE MI CHIEDEVO DA DOVE VENISSERO I LATRATI (RITORNELLO)ABBAIA CANE ABBAIA ( RITORNELLO).

                  Da Bouchoucha (prigione) alla doccia
                  abbiamo cuori di pietra.
                  Fotti quei serpenti, dammi una pistola che li uccido.

                  Mi arresti o non mi arresti a me non cambia nulla.
                  Sono sempre fuso e sotto l'effetto dell'erba
                  prova a farmi qualcosa !

                  I poliziotti sono dei cani
                  è cosa già nota. Il più '' pulito ''del ministero ( dell'interno) è uno stronzo corrotto.

                  Lo vedi sull'attenti di fronte ad un ufficiale, che segaiolo.

                  Una generazione drogata
                  una generazione peccatrice.
                  Cocaina,marijuana e la chetamina, da dove credete sia arrivata ?
                  Non siete voi che la importate?
                  Da dove credete che venga la droga ?

                  Siete voi che la spacciate siete voi i criminali, Ci avete distrutto fin dall'infanzia.

                  Non voglio più dilungarmi
                  ti racconterò di quello che mi frulla per la testa :

                  Credevo che il paese ha subito una rivoluzione ma invece è stata solo una fregatura.
                  Danza Governo visto che siamo noi quelli fottuti.

                  Una dedica ai ragazzi del quartiere e alla gioventù calpestata.


                  I POLIZIOTTI SONO DEI CANI E IO CHE MI CHIEDEVO DA DOVE VENISSERO I LATRATI (RITORNELLO)

                  ABBAIA CANE ABBAIA ( RITORNELLO)


                  Abu Ayadh *
                  capo carismatico dei salafiti in Tunisia

                  Slim Chiboub *
                  Genero del presidente deposto Zine Abidine Ben Ali.

                  Aid el idha ( abbreviato Aid) *
                  Festa musulmana dove vengono sacrificate ( quindi sgozzate) pecore e montoni.

                  Weld el 15  ” I poliziotti sono dei cani” .

                  Weld el 15 ” I poliziotti sono dei cani” .

                  In prigione il rapper tunisino '' Weld el 15'',all'anagrafe Alaa Yacoub,arrestato il marzo scorso per il contenuto troppo ''esplicito'' del suo ultimo testo rap '' boulicia kleb'' ( i poliziotti sono dei cani) . Il cantante adesso dovrà scontare due anni di carcere.


                  Weld el 15
                  Il testo rap,scritto qualche settimana dopo la scarcerazione del giovane rapper accusato di detenzione e spaccio di droga,attacca in maniera abbastanza esplicita e diretta la brutalità e la corruzione della polizia tunisina,colpevole,secondo''Weld el 15'',di spacciare droga alla gioventù tunisina per poi  divertirsi a trarla in arresto.

                    







                  Traduzione del testo '' Boulicia kleb '' 

                  ''I poliziotti sono dei cani''



                     
                  Mi hanno arrestato per aver consumato della marijuana.

                  Hanno fatto piangere mia madre arrestandomi con una falsa accusa.

                  Per un loro errore sono stato imprigionato in un buco.

                  Alla Tunisia dono una rosa e al governo  una '' katla '' ( gesto dell'ombrello).

                  Fammi fare una tirata.

                  Non avrei preso un anno di galera se fossi stato figlio di qualcuno.

                  Volevo cambiare
                  ho tolto la droga dalle tasche.

                  Non avrei mai visto la prigione se fossi stato figlio di Slim Chiboub ( genero di Ben Ali).

                  Presidente,avvocato e agente
                  come voi avete fatto piangere mio padre io darò fuoco al vostro.

                  Qui è il quartiere '' Kandahar''
                  il bicchiere è troppo pieno
                  nella mia sinistra ho il diavolo e nella destra Abu Ayadh.

                  Mi hanno lavorato per bene
                  mi hanno condotto al cimitero
                  ieri dormivo a casa e oggi a '' Zuzana ( nome di una prigione).

                  Mamma non piangere
                  non mi hanno indebolito
                  alla madre del poliziotto che mi ha arrestato gli farò mangiare l'erba.


                  I POLIZIOTTI SONO DEI CANI E IO CHE MI CHIEDEVO DA DOVE VENISSERO I LATRATI (RITORNELLO)

                  ABBAIA CANE ABBAIA ( RITORNELLO) .

                  Agente ricarica le tue armi e spara
                  siamo degi zombie e non sentiamo alcun dolore.

                  Vuoi la mia carta d'identità ma io non te la darò.

                  Nella Aid ( festa islamica) vorrei sgozzare un poliziotto al posto di un montone.

                  Ci hanno rincorso per i quartieri senza mai prenderci
                  di sera infestano i quartieri come dei serpenti
                  se cerchi della roba su di me non troverai nulla
                  intere generazioni hanno interrotto gli studi ma mai lo spaccio di droga
                  poliziotto e' cosi che viviamo non abbiamo nulla da nascondere.

                  Ci avete fatto odiare la civiltà,solo Dio sa come stiamo.

                  Vuoi arrestarmi e mettermi le manette, toglimi dalla tua testa e non rompere il cazzo.

                  Questo è il nostro quartiere e tu vuoi impaurirci con la prigione
                   vuoi apparire un duro ma in testa hai solo un paio di mutande .

                  In testa ho troppi demoni e roba sporca,avvicina il tuo orecchio ti dirò di che si tratta :
                  come prima mi avevi sodomizzato, adesso io sodomizzero te.

                  I POLIZIOTTI SONO DEI CANI ED IO CHE MI CHIEDEVO DA DOVE VENISSERO I LATRATI (RITORNELLO)ABBAIA CANE ABBAIA ( RITORNELLO).

                  Da Bouchoucha (prigione) alla doccia
                  abbiamo cuori di pietra.
                  Fotti quei serpenti, dammi una pistola che li uccido.

                  Mi arresti o non mi arresti a me non cambia nulla.
                  Sono sempre fuso e sotto l'effetto dell'erba
                  prova a farmi qualcosa !

                  I poliziotti sono dei cani
                  è cosa già nota. Il più '' pulito ''del ministero ( dell'interno) è uno stronzo corrotto.

                  Lo vedi sull'attenti di fronte ad un ufficiale, che segaiolo.

                  Una generazione drogata
                  una generazione peccatrice.
                  Cocaina,marijuana e la chetamina, da dove credete sia arrivata ?
                  Non siete voi che la importate?
                  Da dove credete che venga la droga ?

                  Siete voi che la spacciate siete voi i criminali, Ci avete distrutto fin dall'infanzia.

                  Non voglio più dilungarmi
                  ti racconterò di quello che mi frulla per la testa :

                  Credevo che il paese ha subito una rivoluzione ma invece è stata solo una fregatura.
                  Danza Governo visto che siamo noi quelli fottuti.

                  Una dedica ai ragazzi del quartiere e alla gioventù calpestata.


                  I POLIZIOTTI SONO DEI CANI E IO CHE MI CHIEDEVO DA DOVE VENISSERO I LATRATI (RITORNELLO)

                  ABBAIA CANE ABBAIA ( RITORNELLO)


                  Abu Ayadh *
                  capo carismatico dei salafiti in Tunisia

                  Slim Chiboub *
                  Genero del presidente deposto Zine Abidine Ben Ali.

                  Aid el idha ( abbreviato Aid) *
                  Festa musulmana dove vengono sacrificate ( quindi sgozzate) pecore e montoni.

                  Quella inaspettata primavera di Istanbul che ci ha scombussolato i conti

                  Quella inaspettata primavera di Istanbul che ci ha scombussolato i conti

                  Da quando è iniziata la protesta Occupy Taksim e Occupy Gesi, a Istanbul, tutto il modo in cui si è fatto informazione sul vicino oriente negli ultimi 3 anni è entrato in profonda crisi.

                  Finora era tutto semplice. Per la maggioranza dei media, schierati dalla parte che chiamerei gli “Export”, perché predicano l'esportazione della democrazia a colpi di bombe e altre dolcezze di questo tipo, nei paesi del mondo musulmano vigono due tipi di dittatori, quelli buoni e quelli cattivi. La differenza? Se le forze dell'ordine di un dittatore buono sparano sulla folla, si chiama "gestione di una situazione delicata". Se lo fanno le forze di uno cattivo è subito crimine contro l'umanità. Se i ragazzi di un paese amico si alzano, sono piccoli disordini, ma la maggioranza della popolazione resta attaccata al suo leader benamato. Se sono quelli dei paesi non amici che si alzano allora è tutta la popolazione che si solleva contro la tirannia. E se qualcuno esce in sostegno del regime in posto è per forza un poliziotto, una spia, un collaborazionista pagato dal regime. Se un dittatore “amico” è ormai irrecuperabile e sta per cadere, allora come per un colpo di magia tutti cambiano discorso e tifano rivolta. Il tempo di trovare nelle opposizioni di prima o ultima ora qualche nuovo amico da sostenere.

                  Dall'altra parte ci sono gli “Antimp”, cioè tutto un pezzo di contro-informazione che si vuole “anti-imperialista” che considera tutto quello che succede in quelle zone farina del sacco della Cia & Co. I dittatori dei paesi sotto attacco (quelli che per gli altri sono cattivi), per loro sono gli ultimi baluardi dell'anti-imperialismo, ultimi eroi solitari che difendono la vedova e l'orfano contro la voracità delle multinazionali. Che asseriscono che Tizio è stato ucciso perché voleva unificare l'Africa, mentre Caio è sotto attacco semplicemente perché è l'ultimo leader socialista ancora in piedi. Semplice, no?

                  Che Tizio si sia specializzato per decenni nella schiavizzazione e il massacro dei suoi fratelli africani o che Caio sia il maggiore capitalista del suo paese ancora ufficialmente socialista conta poco.

                  In fin dei conti, alla gente piace la semplicità. Due squadre, due bandiere, due campi, uno di fronte all'altro. Gli “Export” e gli “Antimp” sono due gruppi di ultras opposti.

                  Una volta almeno gli "Export erano grassamente pagati. Oggi invece sono per lo più un esercito di poverissimi aspiranti giornalisti pagati a cottimo, poco meno dei braccianti di Rosarno, ma tenuti in riga con la carota del "Forse un giorno, se fai il bravo..."

                  Dalla parte degli "Antimp" ci sono alcune star che si fanno pagare e anche bene da qualche "stato Canaglia", ma sono pochissimi. La maggior parte invece lo fa per passione e a spese proprie. Tifosi di una volta che vanno con la propria squadra fino in inferno se ci vuole.

                  Ma su una cosa i due campi sono d'accordo: o tifi per uno o per l'altro. Non puoi scegliere di stare in mezzo a guardare, perché va a finire che prendi botte da una parte e dall'altra. E trovata questa specie di Equilibrio, per un certo momento si è creata una specie di armonia. Sapevi cosa avrebbe detto il tg o il giornale. E poi sui blog potevi indovinare il contrattacco dei siti alternativi. Fino a quando...

                  A un certo punto, ecco che qualche ragazzo sfaccendato di Istanbul si mette in testa di mettersi contro i piani del premier Erdogan e del suo potente partito di mercanti neo-ottomani. Come ovunque tutto inizia come una piccola protesta su una cosa piccola. La gente scende per proteggere una piazza e un parco pubblico dalla cementificazione. Una cosa che succede in molti paesi del mondo. Ma quella che poteva essere gestita con un processo di logoramento lento fu aggredita subito dalle forze dell'ordine turche. Quello di cui i giovani volevano impedire la realizzazione non erano due opere semplici ma due simboli forti. Due templi alle due divinità protettrici dell'impero passato e di quello futuro. Il bazar (nella sua forma moderna di centro commerciale) e la caserma. Il denaro e la guerra. Ed ecco che il nostro caro Erdogan non ci vede più e comincia a usare la forza come uno dei suoi colleghi dell'altra parte del Bosforo.

                  Ed è qui che le cose si complicano. Il campo degli “Export” è rimasto un po' spiazzato e ha cercato di minimizzare le cose presentandole come una “occupy-qualcosa” qualunque per proteggere due alberi chiamati comunque a morire a causa dello smog. Il campo degli “Antimp” invece non ha detto niente, aspettando (o forse sperando che passasse in fretta la burrasca). Invece la burrasca non passa. E si continua a non capire nulla.

                  Dico proprio nulla, perché per il campo degli “Export” Erdogan era finora il campione dei campioni. Il barbaro addomesticato che poi va a insegnare agli altri le buone maniere. Che poi lo faccia armando orde di sgozzatori fanatici e irsuti questo tiene del fatto che, si sa, in politica, il fine ha sempre giustificato il mezzo. Invece per gli “Antimp”, Erdogan era il luogotenente del grande Satana, il Lucifero della politica internazionale, addetto ai lavori sporchi dei signori della Nato e delle multinazionali.

                  Gli amici delle “grandi nazioni” del mondo fanno finta di alzare un po' la voce. «No non si fa così. Il diritto alla manifestazione del dissenso va comunque garantito.»” Forse per ricordare all'amico e alleato che la licenza a massacrare in tutta impunità riguardava solo i montanari Kurdi, puzzolenti, testardi e per di più filocomunisti, e non è applicabile ai ragazzi della capitale che come ogni cucciolo di popolo civilizzato portano i jeans a vita bassa e i tatuaggi “etnici” poco sopra le chiappe.

                  Nelle redazioni “open-space” di mezzo mondo, lo sguardo dei giornalisti si rivolge carico di interrogazioni verso i capiredattori degli “esteri”, e qualcuno osa persino chiedere: «Non è che adesso ci toccherà raccontare che è un tiranno, dopo che l'abbiamo per anni descritto come l'esempio da seguire nel mondo musulmano?» Domanda alla quale il capo redattore, più anziano e più “blasé”, risponde tranquillo: «E allora? É quello che abbiamo fatto con Mubarak e Benali e non è mica cascato il mondo.»

                  Nello stesso momento, negli scantinati della contro-informazione, il compagno più anziano e più agguerrito lancia: «Pronti ragazzi. Appena la stampa di regime lo comincia a descrivere come tiranno noi cominciamo a dire che è tutto un complotto contro la Turchia, che con il suo attivismo nella regione ha portato ombra sugli interessi delle vecchie potenze coloniali.»

                  Quella inaspettata primavera di Istanbul che ci ha scombussolato i conti

                  Quella inaspettata primavera di Istanbul che ci ha scombussolato i conti

                  Da quando è iniziata la protesta Occupy Taksim e Occupy Gesi, a Istanbul, tutto il modo in cui si è fatto informazione sul vicino oriente negli ultimi 3 anni è entrato in profonda crisi.

                  Finora era tutto semplice. Per la maggioranza dei media, schierati dalla parte che chiamerei gli “Export”, perché predicano l'esportazione della democrazia a colpi di bombe e altre dolcezze di questo tipo, nei paesi del mondo musulmano vigono due tipi di dittatori, quelli buoni e quelli cattivi. La differenza? Se le forze dell'ordine di un dittatore buono sparano sulla folla, si chiama "gestione di una situazione delicata". Se lo fanno le forze di uno cattivo è subito crimine contro l'umanità. Se i ragazzi di un paese amico si alzano, sono piccoli disordini, ma la maggioranza della popolazione resta attaccata al suo leader benamato. Se sono quelli dei paesi non amici che si alzano allora è tutta la popolazione che si solleva contro la tirannia. E se qualcuno esce in sostegno del regime in posto è per forza un poliziotto, una spia, un collaborazionista pagato dal regime. Se un dittatore “amico” è ormai irrecuperabile e sta per cadere, allora come per un colpo di magia tutti cambiano discorso e tifano rivolta. Il tempo di trovare nelle opposizioni di prima o ultima ora qualche nuovo amico da sostenere.

                  Dall'altra parte ci sono gli “Antimp”, cioè tutto un pezzo di contro-informazione che si vuole “anti-imperialista” che considera tutto quello che succede in quelle zone farina del sacco della Cia & Co. I dittatori dei paesi sotto attacco (quelli che per gli altri sono cattivi), per loro sono gli ultimi baluardi dell'anti-imperialismo, ultimi eroi solitari che difendono la vedova e l'orfano contro la voracità delle multinazionali. Che asseriscono che Tizio è stato ucciso perché voleva unificare l'Africa, mentre Caio è sotto attacco semplicemente perché è l'ultimo leader socialista ancora in piedi. Semplice, no?

                  Che Tizio si sia specializzato per decenni nella schiavizzazione e il massacro dei suoi fratelli africani o che Caio sia il maggiore capitalista del suo paese ancora ufficialmente socialista conta poco.

                  In fin dei conti, alla gente piace la semplicità. Due squadre, due bandiere, due campi, uno di fronte all'altro. Gli “Export” e gli “Antimp” sono due gruppi di ultras opposti.

                  Una volta almeno gli "Export erano grassamente pagati. Oggi invece sono per lo più un esercito di poverissimi aspiranti giornalisti pagati a cottimo, poco meno dei braccianti di Rosarno, ma tenuti in riga con la carota del "Forse un giorno, se fai il bravo..."

                  Dalla parte degli "Antimp" ci sono alcune star che si fanno pagare e anche bene da qualche "stato Canaglia", ma sono pochissimi. La maggior parte invece lo fa per passione e a spese proprie. Tifosi di una volta che vanno con la propria squadra fino in inferno se ci vuole.

                  Ma su una cosa i due campi sono d'accordo: o tifi per uno o per l'altro. Non puoi scegliere di stare in mezzo a guardare, perché va a finire che prendi botte da una parte e dall'altra. E trovata questa specie di Equilibrio, per un certo momento si è creata una specie di armonia. Sapevi cosa avrebbe detto il tg o il giornale. E poi sui blog potevi indovinare il contrattacco dei siti alternativi. Fino a quando...

                  A un certo punto, ecco che qualche ragazzo sfaccendato di Istanbul si mette in testa di mettersi contro i piani del premier Erdogan e del suo potente partito di mercanti neo-ottomani. Come ovunque tutto inizia come una piccola protesta su una cosa piccola. La gente scende per proteggere una piazza e un parco pubblico dalla cementificazione. Una cosa che succede in molti paesi del mondo. Ma quella che poteva essere gestita con un processo di logoramento lento fu aggredita subito dalle forze dell'ordine turche. Quello di cui i giovani volevano impedire la realizzazione non erano due opere semplici ma due simboli forti. Due templi alle due divinità protettrici dell'impero passato e di quello futuro. Il bazar (nella sua forma moderna di centro commerciale) e la caserma. Il denaro e la guerra. Ed ecco che il nostro caro Erdogan non ci vede più e comincia a usare la forza come uno dei suoi colleghi dell'altra parte del Bosforo.

                  Ed è qui che le cose si complicano. Il campo degli “Export” è rimasto un po' spiazzato e ha cercato di minimizzare le cose presentandole come una “occupy-qualcosa” qualunque per proteggere due alberi chiamati comunque a morire a causa dello smog. Il campo degli “Antimp” invece non ha detto niente, aspettando (o forse sperando che passasse in fretta la burrasca). Invece la burrasca non passa. E si continua a non capire nulla.

                  Dico proprio nulla, perché per il campo degli “Export” Erdogan era finora il campione dei campioni. Il barbaro addomesticato che poi va a insegnare agli altri le buone maniere. Che poi lo faccia armando orde di sgozzatori fanatici e irsuti questo tiene del fatto che, si sa, in politica, il fine ha sempre giustificato il mezzo. Invece per gli “Antimp”, Erdogan era il luogotenente del grande Satana, il Lucifero della politica internazionale, addetto ai lavori sporchi dei signori della Nato e delle multinazionali.

                  Gli amici delle “grandi nazioni” del mondo fanno finta di alzare un po' la voce. «No non si fa così. Il diritto alla manifestazione del dissenso va comunque garantito.»” Forse per ricordare all'amico e alleato che la licenza a massacrare in tutta impunità riguardava solo i montanari Kurdi, puzzolenti, testardi e per di più filocomunisti, e non è applicabile ai ragazzi della capitale che come ogni cucciolo di popolo civilizzato portano i jeans a vita bassa e i tatuaggi “etnici” poco sopra le chiappe.

                  Nelle redazioni “open-space” di mezzo mondo, lo sguardo dei giornalisti si rivolge carico di interrogazioni verso i capiredattori degli “esteri”, e qualcuno osa persino chiedere: «Non è che adesso ci toccherà raccontare che è un tiranno, dopo che l'abbiamo per anni descritto come l'esempio da seguire nel mondo musulmano?» Domanda alla quale il capo redattore, più anziano e più “blasé”, risponde tranquillo: «E allora? É quello che abbiamo fatto con Mubarak e Benali e non è mica cascato il mondo.»

                  Nello stesso momento, negli scantinati della contro-informazione, il compagno più anziano e più agguerrito lancia: «Pronti ragazzi. Appena la stampa di regime lo comincia a descrivere come tiranno noi cominciamo a dire che è tutto un complotto contro la Turchia, che con il suo attivismo nella regione ha portato ombra sugli interessi delle vecchie potenze coloniali.»

                  Il cedro del Libano

                  Il cedro del Libano

                  Il cedro del Libano

                  Il Cedro del Libano: un legame profondo e ancestrale con il Popolo libanese e una storia diventata leggenda. Scriveva Alphonse de Lamartine “I cedri del Libano sono reliquie di secoli e natura, sono i monumenti naturali più celebri dell’universo. Raccontano la storia della terra, più che lo storia stessa”.

                  In passato i monti della Penisola Anatolica, della Siria e del Libano erano ricoperti da un’unica immensa antichissima foresta di rami orizzontali, il legname profumato gli regalano un aspetto solenne e maestoso che, insieme alla sua longevità, lo resero per le tre principali religioni monoteiste albero preziosissimo, degno di onorare gli Dei.

                  Per i libanesi rappresenta ancora oggi speranza, libertà e memoria. “Un cedro sempre verde è come un popolo sempre giovane a dispetto del suo passato crudele. E’ il simbolo della mobilitazione di un Paese occupato ma mai conquistato” proclama l’atto di costituzione del Gran Liban, l’antico Libano. Elevato a vessillo nazionale, la sua presenza entro i confini del Paese è diminuita drasticamente nei secoli a causa della deforestazione e dei cambiamenti climatici: dei 500.000 ettari di boschi che si trovavano nel solo Libano, ora ne rimangono 2.000. Per la tutela di tali maestosi alberi, divenuti nel 1998 Patrimonio UNESCO dell’Umanità, il Governo libanese ha istituito delle aree naturali protette: la Riserva dei Cedri dello Shuf, laRiserva di Horsh Edene laRiserva delle foreste di Tannourine.

                  Situata nella zona montagnosa tra Baruk e Niha, nella parte meridionale dei Monti Libano ad un’altitudine tra i 1200 a i 1980 metri, la Riserva dei Cedri dello Shuf è la più estesa riserva naturale libanese e copre il 5% del territorio nazionale. Comprende sei foreste di cedri, con alberi di più di 2.000 anni: oltre a quelli, la Riserva ospita oggi una grande varietà di piante e alberi, più di 200 specie uccelli e 26 specie di mammiferi selvatici.

                  Come arrivarci

                  La Riserva si trova a sud est di Beirut e si estende parallelamente alla costa. Si può raggiungere sia dalla strada che da Beiteddine porta a Sofar, sia dalla statale Beirut-Bekaa. Il parco ha tre ingressi vicini ai villaggi di Baruk, ‘Ayn Zhalta e da Ma‘aser al-Shuf: qui si trova un piccolo centro visitatori con vendita di prodotti locali. I villaggi sono raggiungibili con un mezzo proprio o con un taxi collettivo dalla città di Beiteddine, a 10 kilometri. Si consiglia di contattare la Riserva per avere informazioni e verificare l’agibilità dei percorsi:

                  http://www.shoufcedar.org/

                  e-mail [email protected] [email protected]

                  telefono  +961 5 350250/150

                  • Mediterraneo
                  • Ambiente
                  • Turismo
                  • Libano
                    Il cedro del Libano

                    Il cedro del Libano

                    Il cedro del Libano

                    Il Cedro del Libano: un legame profondo e ancestrale con il Popolo libanese e una storia diventata leggenda. Scriveva Alphonse de Lamartine “I cedri del Libano sono reliquie di secoli e natura, sono i monumenti naturali più celebri dell’universo. Raccontano la storia della terra, più che lo storia stessa”.

                    In passato i monti della Penisola Anatolica, della Siria e del Libano erano ricoperti da un’unica immensa antichissima foresta di rami orizzontali, il legname profumato gli regalano un aspetto solenne e maestoso che, insieme alla sua longevità, lo resero per le tre principali religioni monoteiste albero preziosissimo, degno di onorare gli Dei.

                    Per i libanesi rappresenta ancora oggi speranza, libertà e memoria. “Un cedro sempre verde è come un popolo sempre giovane a dispetto del suo passato crudele. E’ il simbolo della mobilitazione di un Paese occupato ma mai conquistato” proclama l’atto di costituzione del Gran Liban, l’antico Libano. Elevato a vessillo nazionale, la sua presenza entro i confini del Paese è diminuita drasticamente nei secoli a causa della deforestazione e dei cambiamenti climatici: dei 500.000 ettari di boschi che si trovavano nel solo Libano, ora ne rimangono 2.000. Per la tutela di tali maestosi alberi, divenuti nel 1998 Patrimonio UNESCO dell’Umanità, il Governo libanese ha istituito delle aree naturali protette: la Riserva dei Cedri dello Shuf, laRiserva di Horsh Edene laRiserva delle foreste di Tannourine.

                    Situata nella zona montagnosa tra Baruk e Niha, nella parte meridionale dei Monti Libano ad un’altitudine tra i 1200 a i 1980 metri, la Riserva dei Cedri dello Shuf è la più estesa riserva naturale libanese e copre il 5% del territorio nazionale. Comprende sei foreste di cedri, con alberi di più di 2.000 anni: oltre a quelli, la Riserva ospita oggi una grande varietà di piante e alberi, più di 200 specie uccelli e 26 specie di mammiferi selvatici.

                    Come arrivarci

                    La Riserva si trova a sud est di Beirut e si estende parallelamente alla costa. Si può raggiungere sia dalla strada che da Beiteddine porta a Sofar, sia dalla statale Beirut-Bekaa. Il parco ha tre ingressi vicini ai villaggi di Baruk, ‘Ayn Zhalta e da Ma‘aser al-Shuf: qui si trova un piccolo centro visitatori con vendita di prodotti locali. I villaggi sono raggiungibili con un mezzo proprio o con un taxi collettivo dalla città di Beiteddine, a 10 kilometri. Si consiglia di contattare la Riserva per avere informazioni e verificare l’agibilità dei percorsi:

                    http://www.shoufcedar.org/

                    e-mail [email protected] [email protected]

                    telefono  +961 5 350250/150

                    • Mediterraneo
                    • Ambiente
                    • Turismo
                    • Libano
                      Il cedro del Libano

                      Il cedro del Libano

                      Il cedro del Libano

                      Il Cedro del Libano: un legame profondo e ancestrale con il Popolo libanese e una storia diventata leggenda. Scriveva Alphonse de Lamartine “I cedri del Libano sono reliquie di secoli e natura, sono i monumenti naturali più celebri dell’universo. Raccontano la storia della terra, più che lo storia stessa”.

                      In passato i monti della Penisola Anatolica, della Siria e del Libano erano ricoperti da un’unica immensa antichissima foresta di rami orizzontali, il legname profumato gli regalano un aspetto solenne e maestoso che, insieme alla sua longevità, lo resero per le tre principali religioni monoteiste albero preziosissimo, degno di onorare gli Dei.

                      Per i libanesi rappresenta ancora oggi speranza, libertà e memoria. “Un cedro sempre verde è come un popolo sempre giovane a dispetto del suo passato crudele. E’ il simbolo della mobilitazione di un Paese occupato ma mai conquistato” proclama l’atto di costituzione del Gran Liban, l’antico Libano. Elevato a vessillo nazionale, la sua presenza entro i confini del Paese è diminuita drasticamente nei secoli a causa della deforestazione e dei cambiamenti climatici: dei 500.000 ettari di boschi che si trovavano nel solo Libano, ora ne rimangono 2.000. Per la tutela di tali maestosi alberi, divenuti nel 1998 Patrimonio UNESCO dell’Umanità, il Governo libanese ha istituito delle aree naturali protette: la Riserva dei Cedri dello Shuf, laRiserva di Horsh Edene laRiserva delle foreste di Tannourine.

                      Situata nella zona montagnosa tra Baruk e Niha, nella parte meridionale dei Monti Libano ad un’altitudine tra i 1200 a i 1980 metri, la Riserva dei Cedri dello Shuf è la più estesa riserva naturale libanese e copre il 5% del territorio nazionale. Comprende sei foreste di cedri, con alberi di più di 2.000 anni: oltre a quelli, la Riserva ospita oggi una grande varietà di piante e alberi, più di 200 specie uccelli e 26 specie di mammiferi selvatici.

                      Come arrivarci

                      La Riserva si trova a sud est di Beirut e si estende parallelamente alla costa. Si può raggiungere sia dalla strada che da Beiteddine porta a Sofar, sia dalla statale Beirut-Bekaa. Il parco ha tre ingressi vicini ai villaggi di Baruk, ‘Ayn Zhalta e da Ma‘aser al-Shuf: qui si trova un piccolo centro visitatori con vendita di prodotti locali. I villaggi sono raggiungibili con un mezzo proprio o con un taxi collettivo dalla città di Beiteddine, a 10 kilometri. Si consiglia di contattare la Riserva per avere informazioni e verificare l’agibilità dei percorsi:

                      http://www.shoufcedar.org/

                      e-mail [email protected] [email protected]

                      telefono  +961 5 350250/150

                      • Mediterraneo
                      • Ambiente
                      • Turismo
                      • Libano
                        Il cedro del Libano

                        Il cedro del Libano

                        Il cedro del Libano

                        Il Cedro del Libano: un legame profondo e ancestrale con il Popolo libanese e una storia diventata leggenda. Scriveva Alphonse de Lamartine “I cedri del Libano sono reliquie di secoli e natura, sono i monumenti naturali più celebri dell’universo. Raccontano la storia della terra, più che lo storia stessa”.

                        In passato i monti della Penisola Anatolica, della Siria e del Libano erano ricoperti da un’unica immensa antichissima foresta di rami orizzontali, il legname profumato gli regalano un aspetto solenne e maestoso che, insieme alla sua longevità, lo resero per le tre principali religioni monoteiste albero preziosissimo, degno di onorare gli Dei.

                        Per i libanesi rappresenta ancora oggi speranza, libertà e memoria. “Un cedro sempre verde è come un popolo sempre giovane a dispetto del suo passato crudele. E’ il simbolo della mobilitazione di un Paese occupato ma mai conquistato” proclama l’atto di costituzione del Gran Liban, l’antico Libano. Elevato a vessillo nazionale, la sua presenza entro i confini del Paese è diminuita drasticamente nei secoli a causa della deforestazione e dei cambiamenti climatici: dei 500.000 ettari di boschi che si trovavano nel solo Libano, ora ne rimangono 2.000. Per la tutela di tali maestosi alberi, divenuti nel 1998 Patrimonio UNESCO dell’Umanità, il Governo libanese ha istituito delle aree naturali protette: la Riserva dei Cedri dello Shuf, laRiserva di Horsh Edene laRiserva delle foreste di Tannourine.

                        Situata nella zona montagnosa tra Baruk e Niha, nella parte meridionale dei Monti Libano ad un’altitudine tra i 1200 a i 1980 metri, la Riserva dei Cedri dello Shuf è la più estesa riserva naturale libanese e copre il 5% del territorio nazionale. Comprende sei foreste di cedri, con alberi di più di 2.000 anni: oltre a quelli, la Riserva ospita oggi una grande varietà di piante e alberi, più di 200 specie uccelli e 26 specie di mammiferi selvatici.

                        Come arrivarci

                        La Riserva si trova a sud est di Beirut e si estende parallelamente alla costa. Si può raggiungere sia dalla strada che da Beiteddine porta a Sofar, sia dalla statale Beirut-Bekaa. Il parco ha tre ingressi vicini ai villaggi di Baruk, ‘Ayn Zhalta e da Ma‘aser al-Shuf: qui si trova un piccolo centro visitatori con vendita di prodotti locali. I villaggi sono raggiungibili con un mezzo proprio o con un taxi collettivo dalla città di Beiteddine, a 10 kilometri. Si consiglia di contattare la Riserva per avere informazioni e verificare l’agibilità dei percorsi:

                        http://www.shoufcedar.org/

                        e-mail [email protected] [email protected]

                        telefono  +961 5 350250/150

                        • Mediterraneo
                        • Ambiente
                        • Turismo
                        • Libano
                          Sostenibilità: una condizione per lo sviluppo turistico nel Mediterraneo

                          Sostenibilità: una condizione per lo sviluppo turistico nel Mediterraneo

                          Sostenibilità: una condizione per lo sviluppo turistico nel Mediterraneo

                          Il turismo nel Mediterraneo rappresenta il 30% del segmento del mercato del turismo mondiale.

                          Una gestione attenta delle risorse necessarie per soddisfare questo mercato porterebbe certamente enormi benefici economici, sociali e ambientali a lungo termine.

                          E’ ormai un dato di fatto: il turismo sostenibile è la sola strada percorribile per soddisfare le richieste del mercato, destinato a raddoppiare nei prossimi 15 anni, passando da 300 a 600 milioni di spostamenti annui verso i paesi del Mediterraneo. Molte sono le iniziative private volte a favorire un tipo di turismo non invasivo, che tenga conto del fabbisogno idrico ed energetico necessario alle strutture e che valorizzi il rispetto delle culture e degli ecosistemi locali. L’iniziativa privata, però, non basta: a queste iniziative va affiancato un percorso educativo e politico affinché il turismo sostenibile non rimanga solo una mera tipologia di turismo, ma diventi la condizione necessaria per poter operare in questo ambito. Secondo il Global Footprint Network, dal 1960 ad oggi, i paesi mediterranei in cui l’impronta ecologica (differenza tra energie richieste e capacità di rigenerazione) è sotto i valori minimi, sono passati da 9 a 23 ovvero tutti tranne il Montenegro. Le politiche internazionali per quanto riguarda il turismo sono volte in particolar modo verso la promozione degli investimenti “verdi”, la creazione di meccanismi di collaborazione verso business eco-sostenibili tra pubblico e privato e agevolazioni fiscali per chi agisce in questo senso. La sostenibilità economica, sociale e ambientale del settore turistico quindi non può oggi non tenere conto dello sviluppo rurale, dell’occupazione, dello sviluppo delle MPMI e del rispetto del patrimonio artistico e naturale dell’area. The Global Partnership for Sustainable Tourism è una rete promossa da UNEP (United Nations Environment Programme) con oltre 90 membri tra Istituzioni Internazionali, aziende, ong e autorità locali e tra i paesi di nostro interesse, solo tre enti hanno per ora aderito: ministeri del turismo di Marocco e Oman e l’Università Cà Foscari di Venezia.

                          Alla luce della situazione economica instabile degli ultimi tempo, serve uno sforzo congiunto tra istituzioni e privati per mantenere il primato in questo settore, garantendo un indotto diretto e indiretto ai paesi meta di turismo per sopperire alle gravi carenze degli altri settori.

                          • Mediterraneo
                          • Turismo
                            Sostenibilità: una condizione per lo sviluppo turistico nel Mediterraneo

                            Sostenibilità: una condizione per lo sviluppo turistico nel Mediterraneo

                            Sostenibilità: una condizione per lo sviluppo turistico nel Mediterraneo

                            Il turismo nel Mediterraneo rappresenta il 30% del segmento del mercato del turismo mondiale.

                            Una gestione attenta delle risorse necessarie per soddisfare questo mercato porterebbe certamente enormi benefici economici, sociali e ambientali a lungo termine.

                            E’ ormai un dato di fatto: il turismo sostenibile è la sola strada percorribile per soddisfare le richieste del mercato, destinato a raddoppiare nei prossimi 15 anni, passando da 300 a 600 milioni di spostamenti annui verso i paesi del Mediterraneo. Molte sono le iniziative private volte a favorire un tipo di turismo non invasivo, che tenga conto del fabbisogno idrico ed energetico necessario alle strutture e che valorizzi il rispetto delle culture e degli ecosistemi locali. L’iniziativa privata, però, non basta: a queste iniziative va affiancato un percorso educativo e politico affinché il turismo sostenibile non rimanga solo una mera tipologia di turismo, ma diventi la condizione necessaria per poter operare in questo ambito. Secondo il Global Footprint Network, dal 1960 ad oggi, i paesi mediterranei in cui l’impronta ecologica (differenza tra energie richieste e capacità di rigenerazione) è sotto i valori minimi, sono passati da 9 a 23 ovvero tutti tranne il Montenegro. Le politiche internazionali per quanto riguarda il turismo sono volte in particolar modo verso la promozione degli investimenti “verdi”, la creazione di meccanismi di collaborazione verso business eco-sostenibili tra pubblico e privato e agevolazioni fiscali per chi agisce in questo senso. La sostenibilità economica, sociale e ambientale del settore turistico quindi non può oggi non tenere conto dello sviluppo rurale, dell’occupazione, dello sviluppo delle MPMI e del rispetto del patrimonio artistico e naturale dell’area. The Global Partnership for Sustainable Tourism è una rete promossa da UNEP (United Nations Environment Programme) con oltre 90 membri tra Istituzioni Internazionali, aziende, ong e autorità locali e tra i paesi di nostro interesse, solo tre enti hanno per ora aderito: ministeri del turismo di Marocco e Oman e l’Università Cà Foscari di Venezia.

                            Alla luce della situazione economica instabile degli ultimi tempo, serve uno sforzo congiunto tra istituzioni e privati per mantenere il primato in questo settore, garantendo un indotto diretto e indiretto ai paesi meta di turismo per sopperire alle gravi carenze degli altri settori.

                            • Mediterraneo
                            • Turismo
                              Sostenibilità: una condizione per lo sviluppo turistico nel Mediterraneo

                              Sostenibilità: una condizione per lo sviluppo turistico nel Mediterraneo

                              Sostenibilità: una condizione per lo sviluppo turistico nel Mediterraneo

                              Il turismo nel Mediterraneo rappresenta il 30% del segmento del mercato del turismo mondiale.

                              Una gestione attenta delle risorse necessarie per soddisfare questo mercato porterebbe certamente enormi benefici economici, sociali e ambientali a lungo termine.

                              E’ ormai un dato di fatto: il turismo sostenibile è la sola strada percorribile per soddisfare le richieste del mercato, destinato a raddoppiare nei prossimi 15 anni, passando da 300 a 600 milioni di spostamenti annui verso i paesi del Mediterraneo. Molte sono le iniziative private volte a favorire un tipo di turismo non invasivo, che tenga conto del fabbisogno idrico ed energetico necessario alle strutture e che valorizzi il rispetto delle culture e degli ecosistemi locali. L’iniziativa privata, però, non basta: a queste iniziative va affiancato un percorso educativo e politico affinché il turismo sostenibile non rimanga solo una mera tipologia di turismo, ma diventi la condizione necessaria per poter operare in questo ambito. Secondo il Global Footprint Network, dal 1960 ad oggi, i paesi mediterranei in cui l’impronta ecologica (differenza tra energie richieste e capacità di rigenerazione) è sotto i valori minimi, sono passati da 9 a 23 ovvero tutti tranne il Montenegro. Le politiche internazionali per quanto riguarda il turismo sono volte in particolar modo verso la promozione degli investimenti “verdi”, la creazione di meccanismi di collaborazione verso business eco-sostenibili tra pubblico e privato e agevolazioni fiscali per chi agisce in questo senso. La sostenibilità economica, sociale e ambientale del settore turistico quindi non può oggi non tenere conto dello sviluppo rurale, dell’occupazione, dello sviluppo delle MPMI e del rispetto del patrimonio artistico e naturale dell’area. The Global Partnership for Sustainable Tourism è una rete promossa da UNEP (United Nations Environment Programme) con oltre 90 membri tra Istituzioni Internazionali, aziende, ong e autorità locali e tra i paesi di nostro interesse, solo tre enti hanno per ora aderito: ministeri del turismo di Marocco e Oman e l’Università Cà Foscari di Venezia.

                              Alla luce della situazione economica instabile degli ultimi tempo, serve uno sforzo congiunto tra istituzioni e privati per mantenere il primato in questo settore, garantendo un indotto diretto e indiretto ai paesi meta di turismo per sopperire alle gravi carenze degli altri settori.

                              • Mediterraneo
                              • Turismo
                                Co-sviluppo tra Milano e Marocco: opportunità e prospettive future – Milano 25 giugno 2013

                                Co-sviluppo tra Milano e Marocco: opportunità e prospettive future – Milano 25 giugno 2013

                                Co-sviluppo tra Milano e Marocco: opportunità e prospettive future - Milano 25 giugno 2013

                                Un’occasione unica di incontro e scambio tra i diversi attori economici e istituzionali impegnati nello sviluppo economico, sociale e culturale nel Mediterraneo. Con un focus concreto sulle Regioni Lombardia e Tadla Azilal. Martedì 25 giugno 2013 - ore 09.00 - Unione Artigiani, via Doberdò 16, Milano.

                                La relazione tra imprese di Paesi diversi e tra Profit e non Profit ha assunto, negli ultimi anni in particolare, grande rilevanza strategica, soprattutto quando la collaborazione riesce a coniugare sviluppo economico con sviluppo sociale e rispetto delle regole. 

                                La potenzialità delle relazioni tra “provenienze diverse” si estende al contributo che queste possono dare nell'affrontare l’attuale crisi economica, sia per le imprese italiane che per gli imprenditori provenienti da altri Paesi, dal Mediterraneo in particolare.
                                Elementi fondamentali per una relazione efficace e seria tra i diversi ambiti sono sicuramente la conoscenza delle opportunità offerte e dei relativi limiti, e la chiarezza dei reciproci obiettivi. 
                                Le organizzazioni del non-profit, a loro volta possono favorire percorsi di internazionalizzazione delle imprese, consapevoli che coniugare business e sviluppo sostenibile è l'obiettivo da perseguire su entrambe le sponde del Mediterraneo. 
                                In quest’ottica tutti gli attori coinvolti (imprenditori italiani, imprenditori provenienti da altri Paesi e organizzazioni non profit) possono essere alleati nel costruire regole comuni in cui si possano trovare non solo limiti, ma anche tutele e garanzie di un mercato aperto e corretto nel rispetto delle direttive internazionali in ambito di Responsabilità Sociale di Impresa. 
                                Il favorire e potenziare queste relazioni diventa, allora, non solo funzionale ad uno sviluppo sostenibile ma diventa anche un'opzione virtuosa che partecipa alle possibili soluzioni della crisi economica che riguarda i Paesi Europei. 

                                Un esempio concreto è rappresentato dal progetto “Dall'idea all'impresa” che costituisce la prosecuzione di un percorso iniziato nel 2011. Percorso che ha visto come punto di partenza indispensabile il coinvolgimento delle comunità di Marocchini residenti in Lombardia, attraverso lo sviluppo di iniziative produttrici/generatrici di reddito tra il territorio milanese e il loro Paese di origine e il consolidamento di un sistema che sappia offrire opportunità concrete di supporto alla creazione d’impresa nella Regione Tadla Azilal e di investimento in Lombardia. 

                                EXPO2015 riveste una particolare importanza, e con il suo tema “Nutrire il Pianeta, Energia per la Vita” potrà essere una straordinaria opportunità per imprenditori italiani e marocchini, visto l’importante impulso che il Governo del Marocco ha avviato nella Regione Tadla Azilal proprio nel settore agroalimentare. 

                                 
                                • Italia
                                • Marocco
                                • Formazione professionale
                                • Consulenza
                                • Cooperazione
                                • Alimentare
                                • Arbitrato e conciliazione
                                • Lombardia
                                  Co-sviluppo tra Milano e Marocco: opportunità e prospettive future – Milano 25 giugno 2013

                                  Co-sviluppo tra Milano e Marocco: opportunità e prospettive future – Milano 25 giugno 2013

                                  Co-sviluppo tra Milano e Marocco: opportunità e prospettive future - Milano 25 giugno 2013

                                  Un’occasione unica di incontro e scambio tra i diversi attori economici e istituzionali impegnati nello sviluppo economico, sociale e culturale nel Mediterraneo. Con un focus concreto sulle Regioni Lombardia e Tadla Azilal. Martedì 25 giugno 2013 - ore 09.00 - Unione Artigiani, via Doberdò 16, Milano.

                                  La relazione tra imprese di Paesi diversi e tra Profit e non Profit ha assunto, negli ultimi anni in particolare, grande rilevanza strategica, soprattutto quando la collaborazione riesce a coniugare sviluppo economico con sviluppo sociale e rispetto delle regole. 

                                  La potenzialità delle relazioni tra “provenienze diverse” si estende al contributo che queste possono dare nell'affrontare l’attuale crisi economica, sia per le imprese italiane che per gli imprenditori provenienti da altri Paesi, dal Mediterraneo in particolare.
                                  Elementi fondamentali per una relazione efficace e seria tra i diversi ambiti sono sicuramente la conoscenza delle opportunità offerte e dei relativi limiti, e la chiarezza dei reciproci obiettivi. 
                                  Le organizzazioni del non-profit, a loro volta possono favorire percorsi di internazionalizzazione delle imprese, consapevoli che coniugare business e sviluppo sostenibile è l'obiettivo da perseguire su entrambe le sponde del Mediterraneo. 
                                  In quest’ottica tutti gli attori coinvolti (imprenditori italiani, imprenditori provenienti da altri Paesi e organizzazioni non profit) possono essere alleati nel costruire regole comuni in cui si possano trovare non solo limiti, ma anche tutele e garanzie di un mercato aperto e corretto nel rispetto delle direttive internazionali in ambito di Responsabilità Sociale di Impresa. 
                                  Il favorire e potenziare queste relazioni diventa, allora, non solo funzionale ad uno sviluppo sostenibile ma diventa anche un'opzione virtuosa che partecipa alle possibili soluzioni della crisi economica che riguarda i Paesi Europei. 

                                  Un esempio concreto è rappresentato dal progetto “Dall'idea all'impresa” che costituisce la prosecuzione di un percorso iniziato nel 2011. Percorso che ha visto come punto di partenza indispensabile il coinvolgimento delle comunità di Marocchini residenti in Lombardia, attraverso lo sviluppo di iniziative produttrici/generatrici di reddito tra il territorio milanese e il loro Paese di origine e il consolidamento di un sistema che sappia offrire opportunità concrete di supporto alla creazione d’impresa nella Regione Tadla Azilal e di investimento in Lombardia. 

                                  EXPO2015 riveste una particolare importanza, e con il suo tema “Nutrire il Pianeta, Energia per la Vita” potrà essere una straordinaria opportunità per imprenditori italiani e marocchini, visto l’importante impulso che il Governo del Marocco ha avviato nella Regione Tadla Azilal proprio nel settore agroalimentare. 

                                   
                                  • Italia
                                  • Marocco
                                  • Formazione professionale
                                  • Consulenza
                                  • Cooperazione
                                  • Alimentare
                                  • Arbitrato e conciliazione
                                  • Lombardia
                                    Co-sviluppo tra Milano e Marocco: opportunità e prospettive future – Milano 25 giugno 2013

                                    Co-sviluppo tra Milano e Marocco: opportunità e prospettive future – Milano 25 giugno 2013

                                    Co-sviluppo tra Milano e Marocco: opportunità e prospettive future - Milano 25 giugno 2013

                                    Un’occasione unica di incontro e scambio tra i diversi attori economici e istituzionali impegnati nello sviluppo economico, sociale e culturale nel Mediterraneo. Con un focus concreto sulle Regioni Lombardia e Tadla Azilal. Martedì 25 giugno 2013 - ore 09.00 - Unione Artigiani, via Doberdò 16, Milano.

                                    La relazione tra imprese di Paesi diversi e tra Profit e non Profit ha assunto, negli ultimi anni in particolare, grande rilevanza strategica, soprattutto quando la collaborazione riesce a coniugare sviluppo economico con sviluppo sociale e rispetto delle regole. 

                                    La potenzialità delle relazioni tra “provenienze diverse” si estende al contributo che queste possono dare nell'affrontare l’attuale crisi economica, sia per le imprese italiane che per gli imprenditori provenienti da altri Paesi, dal Mediterraneo in particolare.
                                    Elementi fondamentali per una relazione efficace e seria tra i diversi ambiti sono sicuramente la conoscenza delle opportunità offerte e dei relativi limiti, e la chiarezza dei reciproci obiettivi. 
                                    Le organizzazioni del non-profit, a loro volta possono favorire percorsi di internazionalizzazione delle imprese, consapevoli che coniugare business e sviluppo sostenibile è l'obiettivo da perseguire su entrambe le sponde del Mediterraneo. 
                                    In quest’ottica tutti gli attori coinvolti (imprenditori italiani, imprenditori provenienti da altri Paesi e organizzazioni non profit) possono essere alleati nel costruire regole comuni in cui si possano trovare non solo limiti, ma anche tutele e garanzie di un mercato aperto e corretto nel rispetto delle direttive internazionali in ambito di Responsabilità Sociale di Impresa. 
                                    Il favorire e potenziare queste relazioni diventa, allora, non solo funzionale ad uno sviluppo sostenibile ma diventa anche un'opzione virtuosa che partecipa alle possibili soluzioni della crisi economica che riguarda i Paesi Europei. 

                                    Un esempio concreto è rappresentato dal progetto “Dall'idea all'impresa” che costituisce la prosecuzione di un percorso iniziato nel 2011. Percorso che ha visto come punto di partenza indispensabile il coinvolgimento delle comunità di Marocchini residenti in Lombardia, attraverso lo sviluppo di iniziative produttrici/generatrici di reddito tra il territorio milanese e il loro Paese di origine e il consolidamento di un sistema che sappia offrire opportunità concrete di supporto alla creazione d’impresa nella Regione Tadla Azilal e di investimento in Lombardia. 

                                    EXPO2015 riveste una particolare importanza, e con il suo tema “Nutrire il Pianeta, Energia per la Vita” potrà essere una straordinaria opportunità per imprenditori italiani e marocchini, visto l’importante impulso che il Governo del Marocco ha avviato nella Regione Tadla Azilal proprio nel settore agroalimentare. 

                                     
                                    • Italia
                                    • Marocco
                                    • Formazione professionale
                                    • Consulenza
                                    • Cooperazione
                                    • Alimentare
                                    • Arbitrato e conciliazione
                                    • Lombardia
                                      Ultimo caffè a Casablanca.

                                      Ultimo caffè a Casablanca.

                                      I Cafés in Marocco devono essere dichiarati  patrimonio dell’umanità. Sono delle istituzioni fondamentali per la società, salvano l’umanità dei marocchini e danno loro un luogo dove esistere. Quello che è il Bar in Italia, in Marocco viene chiamato قہوہ‎ , Kahwah, Café, invece il bar  è la “brasserie”, dove si consuma esclusivamente alcolici. Il fatto … Continua a leggere
                                      Ultimo caffè a Casablanca.

                                      Ultimo caffè a Casablanca.

                                      I Cafés in Marocco devono essere dichiarati  patrimonio dell’umanità. Sono delle istituzioni fondamentali per la società, salvano l’umanità dei marocchini e danno loro un luogo dove esistere. Quello che è il Bar in Italia, in Marocco viene chiamato قہوہ‎ , Kahwah, Café, invece il bar  è la “brasserie”, dove si consuma esclusivamente alcolici. Il fatto … Continua a leggere
                                      Ultimo caffè a Casablanca.

                                      Ultimo caffè a Casablanca.

                                      I Cafés in Marocco devono essere dichiarati  patrimonio dell’umanità. Sono delle istituzioni fondamentali per la società, salvano l’umanità dei marocchini e danno loro un luogo dove esistere. Quello che è il Bar in Italia, in Marocco viene chiamato قہوہ‎ , Kahwah, Café, invece il bar  è la “brasserie”, dove si consuma esclusivamente alcolici. Il fatto … Continua a leggere
                                      Ultimo caffè a Casablanca.

                                      Ultimo caffè a Casablanca.

                                      I Cafés in Marocco devono essere dichiarati  patrimonio dell’umanità. Sono delle istituzioni fondamentali per la società, salvano l’umanità dei marocchini e danno loro un luogo dove esistere. Quello che è il Bar in Italia, in Marocco viene chiamato قہوہ‎ , Kahwah, Café, invece il bar  è la “brasserie”, dove si consuma esclusivamente alcolici. Il fatto … Continua a leggere
                                      Ultimo caffè a Casablanca.

                                      Ultimo caffè a Casablanca.

                                      I Cafés in Marocco devono essere dichiarati  patrimonio dell’umanità. Sono delle istituzioni fondamentali per la società, salvano l’umanità dei marocchini e danno loro un luogo dove esistere. Quello che è il Bar in Italia, in Marocco viene chiamato قہوہ‎ , Kahwah, Café, invece il bar  è la “brasserie”, dove si consuma esclusivamente alcolici. Il fatto … Continua a leggere
                                      Ultimo caffè a Casablanca.

                                      Ultimo caffè a Casablanca.

                                      I Cafés in Marocco devono essere dichiarati  patrimonio dell’umanità. Sono delle istituzioni fondamentali per la società, salvano l’umanità dei marocchini e danno loro un luogo dove esistere. Quello che è il Bar in Italia, in Marocco viene chiamato قہوہ‎ , Kahwah, Café, invece il bar  è la “brasserie”, dove si consuma esclusivamente alcolici. Il fatto … Continua a leggere
                                      Ultimo caffè a Casablanca.

                                      Ultimo caffè a Casablanca.

                                      I Cafés in Marocco devono essere dichiarati  patrimonio dell’umanità. Sono delle istituzioni fondamentali per la società, salvano l’umanità dei marocchini e danno loro un luogo dove esistere. Quello che è il Bar in Italia, in Marocco viene chiamato قہوہ‎ , Kahwah, Café, invece il bar  è la “brasserie”, dove si consuma esclusivamente alcolici. Il fatto … Continua a leggere
                                      Ultimo caffè a Casablanca.

                                      Ultimo caffè a Casablanca.

                                      I Cafés in Marocco devono essere dichiarati  patrimonio dell’umanità. Sono delle istituzioni fondamentali per la società, salvano l’umanità dei marocchini e danno loro un luogo dove esistere. Quello che è il Bar in Italia, in Marocco viene chiamato قہوہ‎ , Kahwah, Café, invece il bar  è la “brasserie”, dove si consuma esclusivamente alcolici. Il fatto … Continua a leggere
                                      Ultimo caffè a Casablanca.

                                      Ultimo caffè a Casablanca.

                                      I Cafés in Marocco devono essere dichiarati  patrimonio dell’umanità. Sono delle istituzioni fondamentali per la società, salvano l’umanità dei marocchini e danno loro un luogo dove esistere. Quello che è il Bar in Italia, in Marocco viene chiamato قہوہ‎ , Kahwah, Café, invece il bar  è la “brasserie”, dove si consuma esclusivamente alcolici. Il fatto … Continua a leggere
                                      Ultimo caffè a Casablanca.

                                      Ultimo caffè a Casablanca.

                                      I Cafés in Marocco devono essere dichiarati  patrimonio dell’umanità. Sono delle istituzioni fondamentali per la società, salvano l’umanità dei marocchini e danno loro un luogo dove esistere. Quello che è il Bar in Italia, in Marocco viene chiamato قہوہ‎ , Kahwah, Café, invece il bar  è la “brasserie”, dove si consuma esclusivamente alcolici. Il fatto … Continua a leggere
                                      Ultimo caffè a Casablanca.

                                      Ultimo caffè a Casablanca.

                                      I Cafés in Marocco devono essere dichiarati  patrimonio dell’umanità. Sono delle istituzioni fondamentali per la società, salvano l’umanità dei marocchini e danno loro un luogo dove esistere. Quello che è il Bar in Italia, in Marocco viene chiamato قہوہ‎ , Kahwah, Café, invece il bar  è la “brasserie”, dove si consuma esclusivamente alcolici. Il fatto … Continua a leggere
                                      Ultimo caffè a Casablanca.

                                      Ultimo caffè a Casablanca.

                                      I Cafés in Marocco devono essere dichiarati  patrimonio dell’umanità. Sono delle istituzioni fondamentali per la società, salvano l’umanità dei marocchini e danno loro un luogo dove esistere. Quello che è il Bar in Italia, in Marocco viene chiamato قہوہ‎ , Kahwah, Café, invece il bar  è la “brasserie”, dove si consuma esclusivamente alcolici. Il fatto … Continua a leggere

                                      Parla e muori: omaggio a Tahar Djaout

                                      Oggi 2 giugno 2013 è il ventesimo anniversario dell'uccisione dello scrittore algerino Tahar Djaout (Oulkhou, 11 gennaio 1954 – Algeri, 2 giugno 1993). Giornalista, scrittore e poeta algerino, era un intellettuale che non ha mai avuto paura di prende...

                                      Parla e muori: omaggio a Tahar Djaout

                                      Oggi 2 giugno 2013 è il ventesimo anniversario dell'uccisione dello scrittore algerino Tahar Djaout (Oulkhou, 11 gennaio 1954 – Algeri, 2 giugno 1993). Giornalista, scrittore e poeta algerino, era un intellettuale che non ha mai avuto paura di prende...

                                      Parla e muori: omaggio a Tahar Djaout

                                      Oggi 2 giugno 2013 è il ventesimo anniversario dell'uccisione dello scrittore algerino Tahar Djaout (Oulkhou, 11 gennaio 1954 – Algeri, 2 giugno 1993). Giornalista, scrittore e poeta algerino, era un intellettuale che non ha mai avuto paura di prende...

                                      Parla e muori: omaggio a Tahar Djaout

                                      Oggi 2 giugno 2013 è il ventesimo anniversario dell'uccisione dello scrittore algerino Tahar Djaout (Oulkhou, 11 gennaio 1954 – Algeri, 2 giugno 1993). Giornalista, scrittore e poeta algerino, era un intellettuale che non ha mai avuto paura di prende...

                                      Parla e muori: omaggio a Tahar Djaout

                                      Oggi 2 giugno 2013 è il ventesimo anniversario dell'uccisione dello scrittore algerino Tahar Djaout (Oulkhou, 11 gennaio 1954 – Algeri, 2 giugno 1993). Giornalista, scrittore e poeta algerino, era un intellettuale che non ha mai avuto paura di prende...

                                      Parla e muori: omaggio a Tahar Djaout

                                      Oggi 2 giugno 2013 è il ventesimo anniversario dell'uccisione dello scrittore algerino Tahar Djaout (Oulkhou, 11 gennaio 1954 – Algeri, 2 giugno 1993). Giornalista, scrittore e poeta algerino, era un intellettuale che non ha mai avuto paura di prende...

                                      Parla e muori: omaggio a Tahar Djaout

                                      Oggi 2 giugno 2013 è il ventesimo anniversario dell'uccisione dello scrittore algerino Tahar Djaout (Oulkhou, 11 gennaio 1954 – Algeri, 2 giugno 1993). Giornalista, scrittore e poeta algerino, era un intellettuale che non ha mai avuto paura di prende...

                                      Parla e muori: omaggio a Tahar Djaout

                                      Oggi 2 giugno 2013 è il ventesimo anniversario dell'uccisione dello scrittore algerino Tahar Djaout (Oulkhou, 11 gennaio 1954 – Algeri, 2 giugno 1993). Giornalista, scrittore e poeta algerino, era un intellettuale che non ha mai avuto paura di prende...

                                      Parla e muori: omaggio a Tahar Djaout

                                      Oggi 2 giugno 2013 è il ventesimo anniversario dell'uccisione dello scrittore algerino Tahar Djaout (Oulkhou, 11 gennaio 1954 – Algeri, 2 giugno 1993). Giornalista, scrittore e poeta algerino, era un intellettuale che non ha mai avuto paura di prende...

                                      Parla e muori: omaggio a Tahar Djaout

                                      Parla e muori: omaggio a Tahar Djaout

                                      Oggi 2 giugno 2013 è il ventesimo anniversario dell'uccisione dello scrittore algerino Tahar Djaout (Oulkhou, 11 gennaio 1954 – Algeri, 2 giugno 1993). Giornalista, scrittore e poeta algerino, era un intellettuale che non ha mai avuto paura di prende posizione quando ce n'era bisogno. E per questo l'ha pagato con la propria vita.

                                      Tahar aveva studiato matematica. Era anche titolare di un dottorato di stato preso a Parigi(1985). Ma inaspettatamente invece di iniziare una carriera universitaria, decide di dedicarsi a quello che è stato finora il suo violino di Ingres: Il giornalismo culturale.

                                      Dal 1977 aveva iniziato a scrivere sul supplemento culturale del principale quotidiano nazionale, El Moudjahid. Poi passò alla direzione della rubrica culturale del settimanale Algérie Actualité. Nella sua rubrica, sin dall'inizio hanno posto artisti, intellettuali e scrittori che erano marginalizzati dal potere.

                                      Il 5 ottobre 1988, l'Algeria conobbe delle proteste che assomigliano molto alle attuali "primavere arabe". Il popolo uscì per le strade chiedendo più libertà. Ne risultò la fine del sistema a partito unico e l'apertura del campo politico alle formazioni dell'opposizione. Anche il mondo dell'informazione ne fu travolto. Finora tutti i mass media erano proprietà dello stato. Dopo la riforma della costituzione nel 1989, giornalisti, uomini d'affari, politici fondarono nuove testate. Il paese era in una specie di euforia. Si mangiava libertà di espressione a tutti i pasti. Ma la festa non sarebbe durata molto.

                                      Nel 1992, insieme a un gruppo di giornalisti e intellettuali, fondò una nuova testata, Ruptures. Come lo indica il suo nome il settimanale si voleva giornale portatore di idee di rottura con il regime in posto dall'indipendenza da una parte e con l'Islamismo politico che stava guadagnando terreno.

                                      Il 26 maggio 1993, davanti a casa sua, mentre usciva per andare al lavoro, due persone gli sparano due colpì alla testa. Morì 8 giorni dopo. Al suo funerale eravamo centinaia di Migliaia. Il suo piccolo villaggio natale, Oulkhou, su quelle alte colline che guardano verso la costa di Azefoun, in Cabilia, è sommerso dalla folla che viene a rendere un ultimo omaggio al poeta e all'uomo.

                                      Il suo assassinio aprirà una lunga serie di uccisioni di intellettuali, artisti, giornalisti e militanti progressisti. Sia l'esercito regolare sia i gruppi islamici armati avevano deciso di dare la caccia alla materia grigia del paese.

                                      IL suo ultimo articolo, in cui denunciava i giochi pericolosi del potere algerino con il fuoco integralista, finiva con questa massima profetica di Lao Tseu: "Il silenzio è morte; se taci sei morto e se parli muori. Allora di' e muori". E lui disse e morì la coscienza in pace.

                                      Nel luglio del 2012, il più grande poeta contemporaneo arabo, il siriano Adonis, rende omaggio a Tahar Djaout.

                                      Vi lascio con queste parole offerte da un poeta coraggioso a un altro poeta altrettanto coraggioso. da un paese lacerato a un altro paese lacerato. Oltre ogni frontiera, oltre ogni barriera linguistica.

                                      Parla e muori: omaggio a Tahar Djaout

                                      Vicino a te, per non perderti (Lettera a Tahar Djaout)

                                      O poeta amico

                                      Continuiamo a vivere in quello stesso mondo

                                      che ti ha ucciso.

                                      Di notte, ci rifuggiamo nelle lacrime.

                                      Il giorno guardiamo morti.

                                      Ieri, la luna non ha desiderato guardarci, allora

                                      abbiamo assunto un manto di nebbia.

                                      E apparirà vicino a te, per non perdere noi.

                                      La morte, drago che squarcia la sua strada

                                      Nella foresta dei libri sacri.

                                      Che dire a coloro che vivono in questi libri?

                                      Les credenze continuano ad accumularsi

                                      Nei crani, come oggetti, e gli imam sono custodi severi.

                                      Compagni e seguaci continuano a esprimere

                                      le loro opinioni e idee, con le parole che sono solo chiodi e schegge

                                      Il nostro mondo arabo e musulmano continua ad essere il carnefice e la vittima

                                      et tra loro l'Occidente, è amico dell'uno e dell'altra.

                                      E' così che l'Occidente sembra una finestra Nera del nostro Oriente, e quindi il nostro Oriente sembra una macchia di sangue. Una testa gallo, che appartiene a questo mondo. Un gallo che non si vede che nella veste dello sgozzatore o dello sgozzato, e gli altri lo vedono come un tavolo o una festa. Un gallo che mangia e beve attraverso piccoli fori nelle pareti del cielo.

                                      Un gallo: la terra nel suo grido, un nido, e il cielo, una gallina rossa.

                                      O poeta amico

                                      Abbiamo cercato, in tutte le direzioni, donne in conversazione con l'urto nascosto sotto i loro piedi lisci. Uomini che provano le morti sedute sulle loro spalle. Spalle che accumulano il loro peso sulle nostre spalle.

                                      Sì, il cielo continua ad impedire le costruzioni terreni.

                                      Noi rimarremo vicini a te. Noi continueremo a liberarci dalle nostre catene. Celesti e terrene. E continueremo a ripetere:

                                      Ogni profezia è crepuscolo. E l'uomo, l'alba perenne.

                                      Adonis. Parigi, Luglio 2012

                                      Traduzione dal francese mia . Tradotto dall'arabo al francese da Amin Khan. Il testo originale appare nel libro Presenza Tahar jaout, [barzakh, 2013]

                                      Parla e muori: omaggio a Tahar Djaout

                                      Parla e muori: omaggio a Tahar Djaout

                                      Oggi 2 giugno 2013 è il ventesimo anniversario dell'uccisione dello scrittore algerino Tahar Djaout (Oulkhou, 11 gennaio 1954 – Algeri, 2 giugno 1993). Giornalista, scrittore e poeta algerino, era un intellettuale che non ha mai avuto paura di prende posizione quando ce n'era bisogno. E per questo l'ha pagato con la propria vita.

                                      Tahar aveva studiato matematica. Era anche titolare di un dottorato di stato preso a Parigi(1985). Ma inaspettatamente invece di iniziare una carriera universitaria, decide di dedicarsi a quello che è stato finora il suo violino di Ingres: Il giornalismo culturale.

                                      Dal 1977 aveva iniziato a scrivere sul supplemento culturale del principale quotidiano nazionale, El Moudjahid. Poi passò alla direzione della rubrica culturale del settimanale Algérie Actualité. Nella sua rubrica, sin dall'inizio hanno posto artisti, intellettuali e scrittori che erano marginalizzati dal potere.

                                      Il 5 ottobre 1988, l'Algeria conobbe delle proteste che assomigliano molto alle attuali "primavere arabe". Il popolo uscì per le strade chiedendo più libertà. Ne risultò la fine del sistema a partito unico e l'apertura del campo politico alle formazioni dell'opposizione. Anche il mondo dell'informazione ne fu travolto. Finora tutti i mass media erano proprietà dello stato. Dopo la riforma della costituzione nel 1989, giornalisti, uomini d'affari, politici fondarono nuove testate. Il paese era in una specie di euforia. Si mangiava libertà di espressione a tutti i pasti. Ma la festa non sarebbe durata molto.

                                      Nel 1992, insieme a un gruppo di giornalisti e intellettuali, fondò una nuova testata, Ruptures. Come lo indica il suo nome il settimanale si voleva giornale portatore di idee di rottura con il regime in posto dall'indipendenza da una parte e con l'Islamismo politico che stava guadagnando terreno.

                                      Il 26 maggio 1993, davanti a casa sua, mentre usciva per andare al lavoro, due persone gli sparano due colpì alla testa. Morì 8 giorni dopo. Al suo funerale eravamo centinaia di Migliaia. Il suo piccolo villaggio natale, Oulkhou, su quelle alte colline che guardano verso la costa di Azefoun, in Cabilia, è sommerso dalla folla che viene a rendere un ultimo omaggio al poeta e all'uomo.

                                      Il suo assassinio aprirà una lunga serie di uccisioni di intellettuali, artisti, giornalisti e militanti progressisti. Sia l'esercito regolare sia i gruppi islamici armati avevano deciso di dare la caccia alla materia grigia del paese.

                                      IL suo ultimo articolo, in cui denunciava i giochi pericolosi del potere algerino con il fuoco integralista, finiva con questa massima profetica di Lao Tseu: "Il silenzio è morte; se taci sei morto e se parli muori. Allora di' e muori". E lui disse e morì la coscienza in pace.

                                      Nel luglio del 2012, il più grande poeta contemporaneo arabo, il siriano Adonis, rende omaggio a Tahar Djaout.

                                      Vi lascio con queste parole offerte da un poeta coraggioso a un altro poeta altrettanto coraggioso. da un paese lacerato a un altro paese lacerato. Oltre ogni frontiera, oltre ogni barriera linguistica.

                                      Parla e muori: omaggio a Tahar Djaout

                                      Vicino a te, per non perderti (Lettera a Tahar Djaout)

                                      O poeta amico

                                      Continuiamo a vivere in quello stesso mondo

                                      che ti ha ucciso.

                                      Di notte, ci rifuggiamo nelle lacrime.

                                      Il giorno guardiamo morti.

                                      Ieri, la luna non ha desiderato guardarci, allora

                                      abbiamo assunto un manto di nebbia.

                                      E apparirà vicino a te, per non perdere noi.

                                      La morte, drago che squarcia la sua strada

                                      Nella foresta dei libri sacri.

                                      Che dire a coloro che vivono in questi libri?

                                      Les credenze continuano ad accumularsi

                                      Nei crani, come oggetti, e gli imam sono custodi severi.

                                      Compagni e seguaci continuano a esprimere

                                      le loro opinioni e idee, con le parole che sono solo chiodi e schegge

                                      Il nostro mondo arabo e musulmano continua ad essere il carnefice e la vittima

                                      et tra loro l'Occidente, è amico dell'uno e dell'altra.

                                      E' così che l'Occidente sembra una finestra Nera del nostro Oriente, e quindi il nostro Oriente sembra una macchia di sangue. Una testa gallo, che appartiene a questo mondo. Un gallo che non si vede che nella veste dello sgozzatore o dello sgozzato, e gli altri lo vedono come un tavolo o una festa. Un gallo che mangia e beve attraverso piccoli fori nelle pareti del cielo.

                                      Un gallo: la terra nel suo grido, un nido, e il cielo, una gallina rossa.

                                      O poeta amico

                                      Abbiamo cercato, in tutte le direzioni, donne in conversazione con l'urto nascosto sotto i loro piedi lisci. Uomini che provano le morti sedute sulle loro spalle. Spalle che accumulano il loro peso sulle nostre spalle.

                                      Sì, il cielo continua ad impedire le costruzioni terreni.

                                      Noi rimarremo vicini a te. Noi continueremo a liberarci dalle nostre catene. Celesti e terrene. E continueremo a ripetere:

                                      Ogni profezia è crepuscolo. E l'uomo, l'alba perenne.

                                      Adonis. Parigi, Luglio 2012

                                      Traduzione dal francese mia . Tradotto dall'arabo al francese da Amin Khan. Il testo originale appare nel libro Presenza Tahar jaout, [barzakh, 2013]

                                      Intervista al Ministro dell’artigianato marocchino Abdessamad Kayouh

                                      Intervista al Ministro dell’artigianato marocchino Abdessamad Kayouh

                                      Intervista al Ministro dell’artigianato marocchino Abdessamad Kayouh

                                      .med ha incontrato il Ministro dell’artigianato marocchino per parlare delle potenzialità del settore riguardo agli investimenti

                                       

                                      Il ministero dell’artigianato marocchino come pensa di promuovere gli investimenti nel settore? Può approfondire le linee programmatiche della Visione 2015 ?

                                      Per realizzare gli obiettivi della Visione 2015 per lo sviluppo del settore dell’artigianato, questo dipartimento ha lanciato un piano ambizioso che mobilita attori pubblici e privati.

                                      Gli obiettivi sono promuovere gli investimenti, aumentare il volume di affari e migliorare le condizioni di lavoro degli artigiani, moltiplicare gli spazi commerciali, migliorare quelli già esistenti, aumentare la clientela, migliorare la qualità dei prodotti, creare un sistema di assistenza sanitaria obbligatoria, promuovere nuovi meccanismi di finanziamento per le attività artigianali, creare eccellenze, puntando al marchio e alla formazione professionale.

                                       

                                      La rivista .med si rivolge in particolare ai marocchini che risiedono all’estero e che vogliono investire nel loro paese di origine, quali sono i consigli che può dare a potenziali investitori ?

                                      Al fine di monitorare l’applicazione della strategia della Visione 2015, il ministero dell’artigianato pubblica annualmente un numero di indicatori strategici che costituiscono il barometro dello stato di salute del settore.

                                      Inoltre, il Ministero ha costituito un organo per ofirire assistenza tecnica agli investitori che potranno rivolgersi alle rappresentanze territoriali per poter ottenere la documentazione utile sulle potenzialità economiche a livello locale.

                                       

                                      Che tipo di opportunità offre il Governo marocchino agli investitori nel settore? Quali sono i servizi esistenti ?

                                      Per poter promuovere gli investimenti, il governo ha implementato una serie di meccanismi sia a livello nazionale che regionale.

                                      Citiamo l’Agenzia marocchina di sviluppo degli investimenti (AMDI) che dispone di una rete internazionale, che unisce pubblico e privato e che propone una vasta gamma di servizi per gli investitori e li aiuta ad ottimizzare i loro risultati.

                                      Esistono anche i Centri regionali per gli investimenti (CRI), dotati di sportelli informativi che mettono a disposizione dati e informazioni rispetto alle potenzialità economiche del mercato nella regione.

                                      Abbiamo poi l’Agenzia nazionale per la promozione della piccola e media impresa (ANPME) che fornisce assistenza tecnica alle imprese, aiutandole ad accedere facilmente ai terreni e ai locali a costi agevolati.

                                      Quanto all’occupazione, esiste l’ANAPEC e in materia di formazione l’OFPPT. Vanno menzionati poi i servizi di accompagnamento del nostro dipartimento attraverso le Direzioni territoriali, le Camere dell'artigianato e la Casa dell’artigiano.

                                       

                                      In che misura il settore dell’artigianato alimenta il mercato del lavoro ?

                                      Secondo, dopo quello agricolo, il settore dell’artigianato è considerato uno dei settori vitali del tessuto sociale ed economico del paese, con l’impiego di circa 2,3 milioni di artigiani, ovvero il 20% della popolazione attiva del Marocco.

                                      L’occupazione è una tematica cruciale della Visione 2015, con un tasso di crescita annuale del 2.5% tra il 2007 e il 2011. Si prevede di creare 115 000 posti di lavoro in più, entro il 2015. Dato che il settore dell’artigianato impiega soprattutto giovani minori di 40 anni, circa il 59 %, il ministero ha puntato molto sulla formazione professionale attraverso il miglioramento dell’offerta formativa e la creazione di centri di formazione professionale con materiali didattici adeguati ai nuovi standard e attrezzature più moderne. 

                                      • Investimenti
                                      • Mediterraneo
                                      • Marocco
                                      • Artigianato
                                        Intervista al Ministro dell’artigianato marocchino Abdessamad Kayouh

                                        Intervista al Ministro dell’artigianato marocchino Abdessamad Kayouh

                                        Intervista al Ministro dell’artigianato marocchino Abdessamad Kayouh

                                        .med ha incontrato il Ministro dell’artigianato marocchino per parlare delle potenzialità del settore riguardo agli investimenti

                                         

                                        Il ministero dell’artigianato marocchino come pensa di promuovere gli investimenti nel settore? Può approfondire le linee programmatiche della Visione 2015 ?

                                        Per realizzare gli obiettivi della Visione 2015 per lo sviluppo del settore dell’artigianato, questo dipartimento ha lanciato un piano ambizioso che mobilita attori pubblici e privati.

                                        Gli obiettivi sono promuovere gli investimenti, aumentare il volume di affari e migliorare le condizioni di lavoro degli artigiani, moltiplicare gli spazi commerciali, migliorare quelli già esistenti, aumentare la clientela, migliorare la qualità dei prodotti, creare un sistema di assistenza sanitaria obbligatoria, promuovere nuovi meccanismi di finanziamento per le attività artigianali, creare eccellenze, puntando al marchio e alla formazione professionale.

                                         

                                        La rivista .med si rivolge in particolare ai marocchini che risiedono all’estero e che vogliono investire nel loro paese di origine, quali sono i consigli che può dare a potenziali investitori ?

                                        Al fine di monitorare l’applicazione della strategia della Visione 2015, il ministero dell’artigianato pubblica annualmente un numero di indicatori strategici che costituiscono il barometro dello stato di salute del settore.

                                        Inoltre, il Ministero ha costituito un organo per ofirire assistenza tecnica agli investitori che potranno rivolgersi alle rappresentanze territoriali per poter ottenere la documentazione utile sulle potenzialità economiche a livello locale.

                                         

                                        Che tipo di opportunità offre il Governo marocchino agli investitori nel settore? Quali sono i servizi esistenti ?

                                        Per poter promuovere gli investimenti, il governo ha implementato una serie di meccanismi sia a livello nazionale che regionale.

                                        Citiamo l’Agenzia marocchina di sviluppo degli investimenti (AMDI) che dispone di una rete internazionale, che unisce pubblico e privato e che propone una vasta gamma di servizi per gli investitori e li aiuta ad ottimizzare i loro risultati.

                                        Esistono anche i Centri regionali per gli investimenti (CRI), dotati di sportelli informativi che mettono a disposizione dati e informazioni rispetto alle potenzialità economiche del mercato nella regione.

                                        Abbiamo poi l’Agenzia nazionale per la promozione della piccola e media impresa (ANPME) che fornisce assistenza tecnica alle imprese, aiutandole ad accedere facilmente ai terreni e ai locali a costi agevolati.

                                        Quanto all’occupazione, esiste l’ANAPEC e in materia di formazione l’OFPPT. Vanno menzionati poi i servizi di accompagnamento del nostro dipartimento attraverso le Direzioni territoriali, le Camere dell'artigianato e la Casa dell’artigiano.

                                         

                                        In che misura il settore dell’artigianato alimenta il mercato del lavoro ?

                                        Secondo, dopo quello agricolo, il settore dell’artigianato è considerato uno dei settori vitali del tessuto sociale ed economico del paese, con l’impiego di circa 2,3 milioni di artigiani, ovvero il 20% della popolazione attiva del Marocco.

                                        L’occupazione è una tematica cruciale della Visione 2015, con un tasso di crescita annuale del 2.5% tra il 2007 e il 2011. Si prevede di creare 115 000 posti di lavoro in più, entro il 2015. Dato che il settore dell’artigianato impiega soprattutto giovani minori di 40 anni, circa il 59 %, il ministero ha puntato molto sulla formazione professionale attraverso il miglioramento dell’offerta formativa e la creazione di centri di formazione professionale con materiali didattici adeguati ai nuovi standard e attrezzature più moderne. 

                                        • Investimenti
                                        • Mediterraneo
                                        • Marocco
                                        • Artigianato