Ero seduta a scrivere, al mio bar preferito di Gerusalemme, quando mia madre stranamente mi telefona: stai bene? Tutto ok? Sei a casa? Sei al sicuro? Un attentato, mi dice, a Gerusalemme. Ci mancava. Mia mamma anticipa addirittura la... Continue Reading →