Crea sito

Archives for Afghanistan Sguardi e Analisi

Intervista a C. Bertolotti. Afghanistan, i talebani vogliono negoziare: "inutile escluderli"

(Agenzia DIRE); Camera dei Deputati, ROMA – C. Bertolotti: "L’Afghanistan non e’ in grado di camminare con le proprie gambe, si trova quindi in una fase di grande pericolo per il futuro dei suoi abitanti e delle sue istituzioni. E i Talebani si stanno dimostrando favorevoli a sedersi al tavolo negoziale con Kabul, per avere la loro parte nella gestione del Paese. Lo ha spiegato

IL DOSSIER AFGHANISTAN. Intervista a Claudio Bertolotti

Il dossier #Afghanistan: intervista di Federica Fanuli dell'Institute for Global Studies per @AfricaMediOriente  "Una possibile via di uscita per il paese è il coinvolgimento dei Talebani nella governance, l’accesso alle risorse del paese e un sostanziale riconoscimento sul piano del diritto di ciò che i Talebani hanno di fatto conquistato". "Il Presidente degli Stati Uniti Donald Trump

Jihadi Fighters From Af-Pak To Syria (CeMiSS OSS 5/2016)

by Claudio Bertolotti @cbertolotti1 download the full volume "Osservatorio Strategico n. 5/2016" ISBN 978-88-99468-24-8 General overview on the Islamic State in AfghanistanArmed opposition groups stating loyalty to the Islamic State (IS) have tried to found a base in five Afghan provinces, but only in Nangarhar have they be successful. There, IS Khorasan Province (IS-Khorasan),

THE RENOVATION OF THE TALIBAN MOVEMENT (OSS 2/2016)

di Claudio Bertolotti @cbertolotti1 download the full volume "Osservatorio Strategico"  The death of Mullah Mansour e the appointment of the new Taliban leader On the insurrectional front, recent dynamics have changed the internal Taliban organization. The 22nd of May a U.S. drone attack in the Pakistani area of Baluchistan killed the Taliban leader mullah Aktar Mohamad

Obama e l’Afghanistan (TRECCANI)

di Claudio Bertolotti @cbertolotti1 in Atlante Geopolitico 2016 TRECCANI -  "Gli USA verso le presidenziali del 2016. Le eredità di Obama" La guerra in Afghanistan, ricevuta in eredità nel 2008 dall’amministrazione di George W. Bush, è da subito definita dal neo-eletto presidente degli Stati Uniti Barack Obama «guerra giusta e cruciale». E già nel gennaio del 2009, Obama aumenta di