Le donne yazide vittime della violenza dello Stato Islamico rischiano di restare senza supporto medico e psicologico. La denuncia arriva da Murad Ismael, direttore di Yazda, charity con base nella città curdo irachena di Dohuk. Il centro, che ha anche documentato gli omicidi di massa commessi dall’Isis ed è l’unica tra le strutture di assistenza nella regione […]

L'articolo Iraq, curdi chiudono ong: “Donne yazide stuprate dall’Isis restano senza tutela” proviene da Il Fatto Quotidiano.